Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  FILIBERTO PUTZU, politica  :.  Vita cittadina  :. Telecamere a Pittolo per la sicurezza, respinta la richiesta
sottocategorie di FILIBERTO PUTZU, politica
 :. Consiglio Comunale
 :. Inquinamento
 :. Traffico
 :. Sanità
 :. Vita cittadina
 :. Politichese




domenica
7
marzo
2021
Sante Perpetua e Felicita



Telecamere a Pittolo per la sicurezza, respinta la richiesta

Al momento non verranno installate telecamere nella frazione di Pittolo: ci sono altre priorità.

È quanto emerso dal dibattito in consiglio comunale.

Filiberto Putzu, consigliere di Forza Italia, aveva avanzato la proposta, facendosi portavoce di un gruppo di residenti che ha avviato una raccolta firme con l’obiettivo di richiamare l’attenzione del Comune.

«È stata realizzata – ha risposto a Putzu il sindaco Paolo Dosi - una mappatura delle possibili postazioni utili per installare sistemi di telecamere rilevino le targhe dei veicoli circolanti. Si tratta di telecamere intelligenti, in grado di individuare le targhe di auto rubate o di veicoli di proprietà o in possesso di malviventi. La mappatura è stata realizzata con la collaborazione dei carabinieri».

Tre sono le postazioni individuate inizialmente: l’uscita autostradale a21, l’a1 e piazzale Milano (vicino al ponte di Po).

«Dai sopralluoghi svolti – ha spiegato il sindaco – è stato deciso di installare nel corso degli ultimi tempi nuove postazioni (con due telecamere) a Sant’Antonio, strada Agazzana, strada Valnure, strada Bobbiese, la Verza, Strada Caorsana, Mucinasso, via Emilia, Montale».
Queste sono le priorità, per coprire i flussi viari di quasi tutto il territorio comunale.

«Ci sono già – ha poi aggiunto Dosi - anche altre zone individuate con la prefettura per cui si è alla ricerca di coperture finanziarie per poter procedere: Borgotrebbia, la zona dell'autostazione-percorso pedonale, Besurica, viale Dante, via IV Novembre».

E Pittolo ha ribattuto Putzu ?
«Non siamo in grado di saper individuare una previsione per il futuro, al momento non è possibile» ha replicato il primo cittadino.


da www.ilpiacenza.it del 17 marzo 2017

ECCO LA RISPOSTA DEL SINDACO DOSI ALL'INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE PUTZU :
SINDACO DOSI

 
A seguito dell’adozione del protocollo d’intesa in materia di videosorveglianza finalizzato al contrasto di reati predatori tra i comuni della provincia, Prefettura, Amministrazione provinciale e forze di Polizia dello Stato, è stata realizzata una mappatura delle possibili postazioni all’interno del territori comunale dove collocare e attivare le telecamere.
 
Questa mappatura è stata realizzata con la collaborazione del Comando Provinciale dei Carabinieri dal quale è pervenuta l’iniziale sollecitazione e della Questura, per realizzare un sistema di telecamere che rilevi le targhe dei veicoli circolanti e che, attraverso uno specifico software, consenta di individuare i veicoli di provenienza furtiva e la loro direzione.
Alle tre iniziali postazioni già individuate, ovvero quelle in prossimità dell’uscita autostradale A21 e A1 e quella in Piazzale Milano (praticamente in prossimità del ponte sul fiume Po), dai sopraluoghi effettuati e incrociando le linee di flusso veicolare che si è ritenuto opportuno aggiungerne ulteriori, per creare una efficace rete di controllo, alcune con due telecamere per meglio monitorare le direzioni; tali nuove postazioni sono: a Sant’Antonio ponte Trebbia, due telecamere; Strada Agazzana, La Verza, Strada Bobbiese, Strada Valnure, località Mucinasso- Strada Farnesiana, località Montale e Via Emilia, con due telecamere, e Strada Caorsana, sempre con due telecamere.
 
Le ulteriori collocazioni potranno essere valutate una volta realizzate le sopraindicate priorità che comunque andranno a coprire i flussi veicolari di quasi tutto il territorio comunale.
 
Si precisa, però, che le istanze dei cittadini relative alla installazione di telecamera come quella in discussione, utili per mappare le esigenze e tenute comunque presenti nell’approntamento del piano di sviluppo della videosorveglianza, non sono state riscontrate formalmente, ma sono state affrontate direttamente nei vari incontri svolti sul territorio con i cittadini interessati e negli incontri ristretti convocati in Questura con i gruppi di vicinato, per far comprendere la complessità e le finalità del progetto non legate a singole località, ma a tutto il territorio.
 
In merito a una richiesta di previsione di eventuali installazioni di tempistica relativa per la sorveglianza cittadina in determinati quartieri, non siamo in grado di stabilire previsioni per la frazione di Pittolo, anche perché altre zone della città già individuate con la Questura sono prioritarie e per le quali si è già attivata la procedura di sopraluogo e previsione dei lavori e dei costi. Non sono ancora partiti perché si è alla ricerca delle coperture finanziarie o di accordi con aziende come Citelum, Expo e Seta, per poter procedere e quindi per poter essere avviate.
 
Le zone da tempo individuate sono: Borgotrebbia, autostazione e percorso pedonale di collegamento con la stazione ferroviaria, parcheggio di via Sant’Ambrogio, Besurica, e, in relazione anche a progetti che sono partiti alcuni anni fa, viale Dante, via IV Novembre, l’implementazione del quartiere Roma sui giardini Margherita e altre vie sempre del quartiere.
 
Questa è la risposta articolata che parte da motivazioni lontane per giungere poi anche a una risposta di merito per quanto riguarda le eventuali telecamere da posizionare nella frazione di Pittolo.

CONSIGLIERE PUTZU (FORZA ITALIA)
Quindi la risposta è no!
Nel senso che le telecamere non sono state installate, non se ne prevede il posizionamento salvo nebulose ipotesi di mappature ad altri delegate -come al solito-, come se Pittolo fosse un paese di un’altra nazione o di un altro stato...

* * * * *


pubblicazione: 18/03/2017
aggiornamento: 30/03/2017

Categoria
 :.  FILIBERTO PUTZU, politica
 :..  Vita cittadina



visite totali: 686
visite oggi: 1
visite ieri: 1
media visite giorno: 0,47
[c]




 
Schede più visitate in Vita cittadina

  1. Degrado nell'area Borgo Faxall.
  2. Il sottopassaggio della zona ex Club 68 è inagibile, ogni volta che piove si allaga.
  3. Nostalgia....
  4. Il giardinetto di via Goitre
  5. L'isola che non c'è.
  6. LA MOSCHEA A PIACENZA
  7. Asilo "Arcobaleno" di via Ottolenghi.
  8. Il taglio del Governo e il taglio degli alberi.
  9. Ma che razza di città è Piacenza ????
  10. Degrado in via Montebello
  11. Perchè chiudere l'Ufficio Postale di via Calciati ?
  12. Usucapione, orti e giardini
  13. La nuova TARSU per le utenze non domestiche.
  14. Quale destino per il mercato ortofrutticolo di Piacenza ?
  15. Canile, com'è la situazione odierna?
  16. I VALORI e LA PASSIONE, L'IMPEGNO e la CONCRETEZZA
  17. Balzer, bocciodromo del Facsal, bar del Teatro
  18. Come è la situazione gestionale del canile municipale ?
  19. NUOVO CALL-CENTER IN PIAZZA CAVALLI
  20. A rischio le decorazioni della Basilica di Santa Maria di Campagna
  21. Tarasconi, venerdì piacentini e centro storico
  22. Piacenza : Piazza S.Antonino.
  23. BUONI E BRAVI, MA PINOCCHIO INSEGNA CHE….
  24. Azione di responsabilità, i distinguo di Putzu e Tassi
  25. Sede precaria per il Gruppo Sportivo Non Vedenti
  26. Scuola "Mazzini" : senza aula di informatica e con la mensa a triplo servizio.
  27. Sto con chi "tifa Piacenza" al di là delle appartenenze e delle casacche.
  28. La gestione del canile municipale ad Iren e alla Coop Geocart
  29. Punti di distribuzione d'acqua gratuita : quali i costi, quale la gestione.
  30. L'amministrazione che taglia gli alberi.
  31. Restauro dell'ex carcere per il suo riutilizzo a favore del Tribunale
  32. Ramadan al Mazzini, Putzu polemico: che garanzie di igiene per gli scolari?
  33. La mangiada in si sass e la politica
  34. Info-points per far conoscere Piacenza
  35. Banca Etica : interrogazione al sindaco di Piacenza

esecuzione in 0,136 sec.