Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  COMUNE di PIACENZA  :.  Rimpasto 2004  :. SURROGHE : IL PARERE DEL MINISTERO
sottocategorie di COMUNE di PIACENZA
 :. Comune di Piacenza
 :. Consiglio Comunale
 :. Sindaco
 :. Rimpasto 2004
 :. Programma
 :. Bilancio
 :. Tasse e balzelli




sabato
11
luglio
2020
San Benedetto, abate patrono d'Europa



SURROGHE : IL PARERE DEL MINISTERO

MINISTERO DELL'INTERNO
Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali.
Sportello delle Autonomie.

Il Comune di Piacenza ha posto alcune problematiche in ordine alla normativa applicabile
in tema di validità delle sedute del consiglio comunale.
In particolare, viene chiesto quale sia il numero di consiglieri necessario per la validità delle
sedute consiliari di seconda convocazione e se si possa fare riferimento
al rinvio operato dall'art.273, comma 6, del T.U.E.L. n.267/2000
alla disciplina prevista dall'art.127 del T.U. n.148/1915.

Appare utile preliminarmente, effettuare una analitica ricognizione del contesto normativo
(legislativo, statutario e regolamentare) nel quale si inquadra la questione rappresentata.

In primo luogo si ricorda che ai sensi dell'art.38 comma 2 del T.U.E.L. n.267/2000
"Il funzionamento del consiglio, nel quadro dei principi stabiliti dallo statuto, è disciplinato
dal regolamento... Il regolamento indica altresì il numero di consiglieri necessario
per la validità delle sedute, prevedendo che in ogni caso debba esservi la presenza
di almeno un terzo dei consiglieri assegnanti per legge all'ente, senza computare a tale fine
il sindaco e il presidente della provincia".

La normativa richiamata, oltre ad attribuire alla fonte regolamentare la competenza
a dettare la disciplina in tema di quorum strutturale, stabilisce che in ogni caso e quindi,
tanto per la prima che per la seconda convocazione, debbano essere presenti in aula almeno
un terzo dei consiglieri assegnati all'ente, ponendo in tal modo un limite inderogabile alla
autonomia normativa dei singoli consigli comunali e provinciali.

Ai sensi dell'art.273 del T.U.E.L. n.267/2000 citato, recante norme transitorie, le disposizioni
previste dall'art.127 del T.U. n.148/1915 si applicano "fino alla adozione delle modifiche
statutarie e regolamentari previste dal presente testo unico".

L'art.127 del T.U. n.148/1915 richiamato in via transitoria, dispone che le deliberazioni
adottate in corso di seduta di seconda convocazione sono valide "purchè intervengano
almeno 4 membri".

Lo statuto del Comune di Piacenza, adottato con deliberazione consiliare
n.122 del 12.6.2001, prevede all'art.33, comma 1, che "il consiglio si riunisce in prima
o in seconda convocazione" e, al successivo comma 3, rinvia al regolamento del
consiglio comunale la disciplina concernente il numero dei consiglieri necessario
per la validità delle sedute".

A sua volta l'art.45 del regolamento sul funzionamento del consiglio comunale
dello stesso comune di Piacenza, recante "numero legale per la validità della seduta",
prevede la presenza necessaria della metà dei componenti il collegio, non operando
alcun discrimine tra il numero delle presenze richieste per la prima,
ovvero per la seconda convocazione.

Dal complesso quadro normativo delineato appare evidente che il rinvio disposto
in via transitoria dall'art.273 del T.U.E.L. n.267/2000 all'art.127 del T.U. n.148/1915
non può essere considerato tuttora operante, atteso che la relativa disciplina
è stata compiutamente dettata tanto dalle norme statutarie che regolamentari
adottate dal Comune di Piacenza successivamente all'entrata in vigore
del T.U.E.L. n.267/2000.

Per quanto concerne infine il significato da attribuire all'espressione "componenti"
del consiglio comunale, adottati nel citato art.45 del regolamento comunale,
la medesima deve intendersi come equivalente ad"assegnati" e sta ad indicare
il numero dei consiglieri di cui si compone l'organo assembleare
in base all'art.37 del T.U.E.L. n.267/2000.
Laddove infatti l'ordinamento ha voluto fare riferimento al numero dei consiglieri che,
al momento della seduta, era nel pieno esercizio del proprio mandato, ha impiegato
la diversa espressione di consiglieri "in carica" (cfr.ad esempio, il quorum funzionale
richiesto per deliberare l'assunzione diretta di pubblici servizi).

Roma, 30 settembre 2004

Il Direttore Centrale, Balsamo


pubblicazione: 30/09/2004
aggiornamento: 20/11/2004

Categoria
 :.  COMUNE di PIACENZA
 :..  Rimpasto 2004



visite totali: 1.959
visite oggi: 1
visite ieri: 0
media visite giorno: 0,33
[c]




 
Schede più visitate in Rimpasto 2004

  1. Giorgio Cisini
  2. La Cdl non desiste dalla linea dura.
  3. La paternale di Carlo Berra
  4. RIMPASTO in giunta, la rivoluzione di Reggi
  5. Ricorso della Cdl, Antelmi è il legale che difende al Tar l'amministrazione.
  6. Il rebus-consiglio in mano ai legali.
  7. RIMPASTO ? Comune, il sindaco apre la verifica.
  8. Il rimpasto scuote la maggioranza.
  9. I Ds di traverso sul RIMPASTO proposto da Reggi
  10. Consiglio, via d'uscita dall'impasse ?
  11. Il RIMPASTO di Reggi.
  12. Parla l'ex-sindaco ed ex-assessore Stefano Pareti.
  13. Le reazioni al Reggi-bis
  14. ARRIVA IL REGGI-BIS ? Azzerate le deleghe agli Assessori.
  15. REGGI-BIS
  16. Ballerini : E' dovere della minoranza vigilare sulla maggioranza.
  17. NASCE IL REGGI-BIS
  18. Piacenza : il rimpasto senza ingredienti.
  19. Ricorso bocciato dal Consiglio di Stato.
  20. Ricorso sul Consiglio : primo round per Reggi.
  21. Reggi riscrive la giunta daccapo.
  22. PERICOLO PER LA CITTA'.
  23. Consiglio contestato, la Cdl presenta il suo ricorso.
  24. SURROGHE : IL PARERE DEL MINISTERO
  25. PIACENZA : CASUS BELLI IN CONSIGLIO COMUNALE.
  26. Piacenza : il rimpasto venuto male.

esecuzione in 0,125 sec.