Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  VARIE Piacenza  :.  SOCIALE  :. Sos povertà: a Piacenza è allarme
sottocategorie di SOCIALE
 :. Scuola
 :. Famiglia
 :. Disabilità
 :. Quartieri
 :. Sicurezza
 :. Immigrazione
 :. Animali




sabato
4
dicembre
2021
San Saba



Sos povertà: a Piacenza è allarme

Sempre più richieste di aiuto alla Caritas ed alle istituzioni

In aumento le richieste di aiuto alla Caritas di Piacenza e le domande per ottenere l'assegnazione delle case popolari.
La realtà piacentina non è dissimile da quella dipinta a livello nazionale dallo studio di Ires - Cgil, che mostra come sei milioni di lavoratori in Italia siano vicini alla soglia di povertà.
A fare le spese della perdita del potere d'acquisto dei redditi delle famiglie soprattutto le fasce più deboli, come «i pensionati e i lavoratori con contratti atipici o a termine» ha osservato il segretario provinciale della Cgil, Cesare Mori.
«E' una politica voluta dal governo per abbattere i costi - ha sottolineato - e che non ha fatto altro che contrarre la nostra economia».
E incidere pesantemente sui bilanci familiari, rendendo difficile far quadrare i conti alla fine del mese.
«Le famiglie fanno fatica ad affrontare il costo della vita» ha aggiunto il segretario provinciale di Uil Massimiliano Borotti.
Un primo effetto di questa situazione si ha con «l'aumento di richieste di alloggi popolari».
«Ma anche con una maggiore richiesta di assistenza da parte delle istituzioni, e con il ricorso all'ISEE, indicatore della Situazione Economica Equivalente del reddito familiare».
Analisi confermata e condivisa dall'assessore ai Servizi Sociali del Comune di Piacenza, Leonardo Mazzoli: circa mille le domande di richiesta di assegnazione delle case popolari («anche se è il primo bando da tre anni a questa parte») giunte nel 2003.
Altrettante richieste sono pervenute agli uffici di compenza per ottenere i contributi per pagare l'affitto.

Dati che fanno riflettere, in una città come Piacenza dove circa l'80% delle abitazioni è di proprietà.
«Il tema della casa è "caldo" - sottolinea Mazzoli - ma occorre aggiungere che il disagio sociale si sta estendendo a Piacenza.
Aumentano i contributi economici che però fanno fatica a sostenere i costi della vita di oggi».

Un altro fenomeno che purtroppo si sta affermando è la disgregazione della famiglia.
Aumentano le separazioni e di conseguenza i casi di nuclei familiari monogenitoriali in difficoltà economiche.

Ma le famiglie che quest'anno "hanno fatto fatica", per usare le parole del presidente Ciampi durante il tradizionale messaggio di fine anno, sono anche quelle di pensionati, e cittadini stranieri.

Lo scorso dicembre sono state ben 180 le "borse viveri" distribuite dalla Caritas Diocesana, contro le 120 di novembre.
Scorte di viveri di prima necessità (zucchero, pasta e olio) consegnate mensilmente a «famiglie sia piacentine che straniere», come ha raccontato il direttore della Caritas don Giampiero Franceschini, «ma anche a anziani che devono vivere con la sola pensione, e famiglie monoreddito».
Tutte le realtà che riescono con fatica a far quadrare il bilancio, e si rivolgono alla Caritas per avere un aiuto per pagare anche bollette della luce, acqua e gas.
Tutto questo testimonia come pur nella ricca Piacenza le realtà in difficoltà siano in aumento: come ha rilevato uno studio promosso proprio da Caritas, e presentato a metà dicembre durante i lavori della seconda conferenza provinciale sul Welfare.

Il rapporto Caritas ha preso in considerazione un campione di 15 parrocchie, (9 in città e 6 in provincia) nell'anno 2002.
Le persone in difficoltà contattate sono state 3.428, il 38% delle quali anziani, il 21% malati e il 18% immigrati.
A prova della crescita del disagio sul nostro territorio, il numero di persone che si sono rivolte al centro diocesano di servizio sociale (che offre vari servizi: mensa, docce, guardaroba, accoglienza notturna, centro diurno) aumentato nel corso degli anni.
I 410 poveri del 1985 sono diventati 1418 nel 2002, con un incremento del 246%.


pubblicazione: 04/01/2004
aggiornamento: 20/08/2004

 3416

Categoria
 :.  VARIE Piacenza
 :..  SOCIALE



visite totali: 3.720
visite oggi: 1
visite ieri: 1
media visite giorno: 0,56
[c]




 
Schede più visitate in SOCIALE

  1. Aiuti per gli affitti, più soldi alle famiglie
  2. Il chador
  3. I volontari del gattile di Piacenza
  4. «Non è con i divieti che si costruisce l'integrazione»
  5. Case popolari, nuovo bando
  6. Alunni stranieri, Piacenza è terza in Italia
  7. Nuovo centro-anziani per la Farnesiana
  8. Il “Gioia” star del Costanzo Show
  9. " Asili nido, più equità negli accessi "
  10. Besurica, la parrocchia diventa olimpionica
  11. Nuovo baricentro per la Besurica.
  12. Sulla Caorsana nascerà la "cittadella" islamica
  13. «Reati in calo e cittadini più vicini»
  14. «In piscina col chador? Una legge imbecille»
  15. "Taverna, multietnica e discriminata"
  16. Crocefisso in aula, tutti d'accordo
  17. Asili nido, più equità negli accessi
  18. "Ma le aree verdi vanno lasciate così"
  19. Mense self-service per i bambini ???
  20. Il “Gruppo sportivo non vedenti” in cerca di una sede adeguata
  21. Apre il rifugio per donne senza tetto
  22. Sos povertà: a Piacenza è allarme
  23. Rette al Vittorio Emanuele, è rottura.
  24. Besurica dimenticata: questa politica non è per i cittadini
  25. Comuni amici degli animali, Piacenza giù
  26. Interventi entro l'estate nelle frazioni.
  27. La famiglia è insostituibile, mettiamola al centro della politica.
  28. Cura degli anziani a domicilio: aumentano i fondi alle famiglie.
  29. «Meno casi difficili nelle nostre classi». E fu polemica
  30. Riflettori sulla famiglia, cellula vitale per la società.
  31. «La funzione sociale di Acer è garantire il diritto alla casa»
  32. Affitti, un “taglio” sui contributi.
  33. Sorgente piacentina
  34. Più attenzione per anziani, minori e persone disabili
  35. Lavori al canile, sì della Provincia

esecuzione in 0,156 sec.