Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  VARIE Piacenza  :.  SOCIALE  :.  Scuola  :. Salmonellosi, ai carabinieri prime denunce di genitori
sottocategorie di SOCIALE
 :. Scuola
 :. Famiglia
 :. Disabilità
 :. Quartieri
 :. Sicurezza
 :. Immigrazione
 :. Animali




lunedì
29
novembre
2021
San Saturnino



Salmonellosi, ai carabinieri prime denunce di genitori

da LIBERTA' del 17 marzo 2010

«Come genitori ci sentiamo presi in giro, vogliamo che siano accertate le responsabilità e da buoni cittadini vogliamo evitare che il contagio si diffonda».

I casi di salmonella a scuola sono approdati davanti ai carabinieri di viale Beverora.

Ieri pomeriggio Milena Venturati, con il marito Gert Peens, ha firmato una denuncia contro ignoti per il contagio di salmonella di cui è stato vittima il figlio di sette anni, alunno della scuola Caduti sul Lavoro. Denuncia firmata anche da Enza Iozzìa e Pietro Assenza, genitori di un altro scolaro:
«Speriamo che altri si facciano avanti - auspica la signora Enza che aggiunge - mio marito lavora in una mensa aziendale, dobbiamo sapere se il contagio si è diffuso anche a noi».
Conferma poi «finalmente siamo monitorati dall'Ufficio di Igiene pubblica attraverso le analisi».

E chiamano in causa anche la scuola «per non averci avvertiti tempestivamente ed evitare l'eventuale diffusione del contagio».
«Mio marito lavora in una mensa aziendale privata, quindi fortemente a rischio» fa presente Enza Iozzìa.

Da parte sua Graziano Sartori, dirigente scolastico del IV° Circolo, dichiara di non aver avuto «nessuna comunicazione scritta di casi, né certificati medici attestanti la diagnosi di salmonella presentati dai genitori».
Il dirigente fa presenta che «Il servizio mensa dipende dal Comune che ci deve dire se vi sono indagini in corso ed al quale competono le decisioni su eventuali provvedimenti - e sempre la legge individua - nell'Igiene pubblica l'organismo che deve provvedere alle indagini».

Alle proteste dei genitori risponde, rassicurandoli, che «ci siamo immediatamente mossi per rafforzare le misure di igiene e sicurezza personale per gli alunni e nei locali.
Il dirigente attende «i risultati sulla "gravità" del fenomeno da cui dipenderanno le eventuali misure da parte dell'igiene pubblica - e ribadisce che al momento - la scuola non è deputata ad agire».

I casi di salmonella, notizia diffusa proprio da Libertà il 27 febbraio scorso, si erano verificati subito dopo carnevale, quando circa dieci alunni erano finiti al pronto soccorso pediatrico con forti sintomi di intossicazione alimentare.
Per sette era stata riconosciuta una correlazione tra alimento ingerito a scuola e sintomi mostrati.

Il servizio dell'Ausl, fatto intervenire dal Comune, avrebbe rinvenuto un alimento contaminato dalla salmonella.
A quel punto il Comune, in seguito a proprie indagini aveva comunicato che «erano state accertate tracce di salmonella su alcuni campioni di salumi serviti nelle refezioni il 16 febbraio scorso».
Erano scattati rilievi e analisi comparative e in attesa dei risultati, chiariva la nota comunale «per precauzione sono stati subito ritirati i prodotti in questione, e sino al completamento delle indagini non verranno serviti, nelle mense scolastiche, alimenti di origine animale non cotti».

Intanto le due famiglie che hanno presentato la denuncia hanno ritirato i figli dalla mensa scolastica.

Maria Vittoria Gazzola
Libertà del 17/03/2010


COS'E' LA SALMONELLA
Le salmonelle sono bacilli Gram-negativi, asporigeni, anaerobi facoltativi.
Le salmonelle sono presenti nell'ambiente e possono essere sia commensali sia patogeni per uomini e per vari animali; alcuni sierotipi lo sono esclusivamente per l'uomo (es. S.Typhi e S.Paratyphi), altri si adattano anche ad altri animali (es. S.Typhimurium).
Nell'uomo sono causa di due patologie infettive:
la febbre tifoide
le salmonellosi minori

L'infezione da salmonelle è trasmessa per via oro-fecale attraverso l'ingestione di cibi o bevande contaminate.
Il periodo di incubazione è molto breve, infatti i sintomi della malattia possono manifestarsi anche solo dopo 12 ore dall'ingestione del batterio.
I sintomi interessano il tratto gastrointestinale e sono rappresentati da:
Dolore addominale
Nausea e vomito
Febbre e diarrea.
Tale patologia ha generalmente decorso breve e termina con la guarigione, ma non è da sottovalutare in soggetti più a rischio come bambini e anziani.



Il sindaco: «Sostegno alle famiglie dei bimbi colpiti»
Reggi scrive ai genitori.
L'Asl spiega l'intervento.
Più scuole coinvolte. A Piacenza 80 casi l'anno.

«Assicureremo ogni sostegno a quelle famiglie i cui bambini siano stati colpiti dall'infezione.
Accertati i casi di correlazione le famiglie interessate potranno rivolgersi ai Servizi scolastici per presentare l'istanza per il risarcimento danno».
Lo scrive il sindaco di Piacenza Roberto Reggi in una lettera ai genitori.
Reggi dichiara inoltre che «sarà impegno prioritario del Comune intraprendere ogni azione legale per ottenere il risarcimento del danno subito, anche come grave danno all'immagine delle nostre mense».
Nella lettera viene confermato il giorno esatto del contagio, il 16 febbraio, ed emerge che vi sono più scuole coinvolte dai casi di salmonellosi, come risulta anche dall'intervento della dottoressa Anita Capra, responsabile dell'Unità operativa profilassi di malattie infettive del dipartimento di Sanità pubblica dell'Azienda sanitaria locale.
Ma è ancora silenzio sul numero dei contagiati.
La Capra chiarisce procedure, normative e modalità di azione del servizio messo in campo dal sistema di sorveglianza delle malattie infettive:
«Si attiva sempre e comunque a partire da una segnalazione (tecnicamente definita notifica) che deve essere redatta dal medico di famiglia o da un medico ospedaliero.
In merito all'attività degli operatori la responsabile spiega:
«E' consistita nell'acquisire le necessarie informazioni sull'insorgenza e sul decorso della malattia e, contemporaneamente, fornire agli interessati istruzioni sulle procedure da adottare.
Sono stati forniti i contenitori per gli esami delle feci di controllo per bambino e convivente».
In specifici casi è emerso che alcune famiglie hanno provveduto, a una prima fase di automedicazione dei bambini (anche con l'assunzione di antibiotici) prima di rivolgersi al pediatra di riferimento. Ciò ha comportato un ritardo nella diagnosi e della relativa segnalazione».
Nei casi di salmonellosi afferma la responsabile del servizio Asl: «le linee guida internazionali e l'evidenza scientifica non prevedono alcuna misura di profilassi collettiva.
Nel caso in esame, nelle comunità scolastiche interessate non era necessario eseguire nessun tipo di intervento».
Il protocollo prevede che «quando il bambino ha raggiunto la guarigione clinica, questa viene certificata dal pediatra di famiglia che consente pertanto la riammissione in comunità. Nel caso di bambini in età prescolare, è obbligatorio documentare l'avvenuta guarigione con esami di laboratorio (delle feci). Il rispetto di questi criteri garantisce la cessazione di rischio infettivo».
In quanto all'importanza della patologia Anita Capra ricorda che:
«La salmonellosi è una malattia diffusa, con evoluzione clinica benigna; nella nostra provincia sono mediamente segnalati circa ottanta casi l'anno. La precoce identificazione della fonte di contaminazione e la rimozione della stessa, come avvenuto in questo caso, garantiscono il contenimento del focolaio della malattia».
(da Libertà del 17 marzo 2010)






pubblicazione: 17/03/2010
aggiornamento: 21/03/2010

 15974

Categoria
 :.  VARIE Piacenza
 :..  SOCIALE
 :...  Scuola



visite totali: 2.547
visite oggi: 1
visite ieri: 0
media visite giorno: 0,59
[c]




 
Schede più visitate in Scuola

  1. Il “Gioia” star del Costanzo Show
  2. " Asili nido, più equità negli accessi "
  3. "Taverna, multietnica e discriminata"
  4. Crocefisso in aula, tutti d'accordo
  5. Asili nido, più equità negli accessi
  6. Mense self-service per i bambini ???
  7. «Meno casi difficili nelle nostre classi». E fu polemica
  8. "Una nuova palazzina per il liceo Respighi"
  9. Edilizia scolastica bocciata in ecologia
  10. Salmonellosi, ai carabinieri prime denunce di genitori
  11. Salmonella, sono trenta i bambini contagiati
  12. In aula i figli degli immigrati.
  13. La scuola deve andare nel palazzo Enel
  14. Errore di comunicazione a Legambiente
  15. Trasloco in vista per la media Nicolini
  16. Asili, orario prolungato fino alle 18 garantito dai dipendenti comunali
  17. Il Nicolini? Vada al San Vincenzo.
  18. Scuola elementare Taverna, a rischio la prima classe
  19. Salmonella a Piacenza, ritirati i salumi sotto accusa
  20. Materne, fuori dalla porta 350 bimbi
  21. La scuola di Mucinasso chiede risposte.
  22. «Siamo una scuola con una proposta educativa autentica»
  23. Sgridata dalla maestra minaccia: "Mio padre nell'Isis, fa saltare la scuola"

esecuzione in 0,078 sec.