Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  PIACENZA A COLORI  :.  Forum Piacenza  :. Riqualificare Piacenza per svilupparla.
sottocategorie di PIACENZA A COLORI
 :. Colori piacentini.
 :. Eventi.
 :. Forum Piacenza
 :. Ritratti.
 :. Piacenza vista dagli altri




domenica
8
dicembre
2019
Immacolata Concezione



Babele moda - abbigliamento on line
Babele Arte - galleria di artisti da tutto il mondo
BabeleCase - database di annunci immobiliari
itinerari turistici
Babele Info  - motore di ricerca d'arte


Riqualificare Piacenza per svilupparla.

di Carlo Merli

La nostra città ha bisogno di ridefinire un progetto complessivo e una strategia di sviluppo per i prossimi dieci-quindici anni.
Per individuare i temi cruciali attorno ai quali costruire questo progetto, può essere utile quello che, nei testi di pianificazione, viene definito come "benchmarking", cioè il confronto con esempi virtuosi e pertinenti di altri territori.
In questo senso, vorrei citare l'esperienza di Trento, città che, per dimensione (centodiecimila abitanti) e storia recente di declino industriale, è abbastanza vicina a Piacenza.
L'amministrazione comunale ulivista di Trento, retta da un Sindaco relativamente giovane e molto concreto (altra analogia con la nostra realtà), ha varato un programma ambizioso di ridisegno del tessuto urbano cittadino, sfruttando la disponibilità di aree industriali dismesse attigue al centro storico. La progettazione degli interventi architettonici e urbanistici è stata affidata a tecnici di fama mondiale, come Renzo Piano, Mario Botta, Vittorio Gregotti e il catalano Joan Busquets, l'architetto che ha riprogettato quindici anni fa la città di Barcellona: questo naturalmente garantirà, oltre alla qualità estetica e funzionale degli interventi, anche un grande ritorno di immagine alla città.
La realizzazione delle opere sarà coordinata da una società di sviluppo pubblico-privata, partecipata dal Comune di Trento, con l'obiettivo della creazione di nuovi contenitori per "il rilancio del turismo, della cultura e dell'economia terziaria ad alto valore aggiunto" (citazione da "L'Espresso" del 26 Dicembre 2004) nella città.

Rispetto a Trento, il nostro contesto cittadino si presta in modo ancor più favorevole ad una politica ambiziosa di riqualificazione urbana, per diversi motivi:
- Piacenza dispone di un Piano Regolatore Generale (PRG), di recente adozione, i cui indirizzi strategici prevedono il recupero delle aree dismesse per l'insediamento di attività "ad alto valore aggiunto", come università, centri di ricerca e centri direzionali.
- Piacenza ha una straordinaria dotazione di aree dismesse o riconvertibili: le aree militari, che si estendono per oltre 90 ettari e sono collocate in punti nevralgici del territorio urbano (pensiamo alle Caserme Cantore e Niccolai, all'Ospedale Militare, all'Arsenale, al Laboratorio Pontieri); l'area attualmente occupata dal Consorzio Agrario in Via Colombo, le aree adiacenti alla ferrovia nella zona nord della città.
La disponibilità effettiva di queste aree si concretizzerà, in vari casi, sul medio-lungo periodo, ma una strategia di recupero e utilizzo può, anzi deve essere impostata adesso.
Piacenza ha un patrimonio importante di competenze tecnico-scientifiche (penso alla sede locale del Politecnico di Milano, con la facoltà di Architettura) e di risorse industriali di settore (penso alle nostre aziende leader nel mercato dei materiali da costruzione, come PAVER ,RDB e Cementirossi), indispensabili per sostenere le attività di riqualificazione urbana.
Ci sono quindi le pre-condizioni perché tale politica possa concretizzarsi a Piacenza, facendone una città-laboratorio per la qualità urbana e, al tempo stesso, una centro di attrazione di attività innovative e risorse umane qualificate.
Serviranno tuttavia:
- un soggetto che inquadri gli interventi possibili sulle aree di riqualificazione in un progetto unitario e integrato, e che faccia la regia urbanistica di tali interventi; tale soggetto non può che essere il Comune di Piacenza;
- il coinvolgimento di soggetti privati, interessati allo sviluppo immobiliare e commerciale dei nuovi contenitori urbani e in grado di sollecitare l'interesse di una platea vasta, nazionale e internazionale, di potenziali utilizzatori; in questo senso, il precedente del polo logistico, con l'arrivo a Piacenza di Generali Properties (il braccio immobiliare del Leone di Trieste) è istruttivo;
- l'individuazione di uno strumento operativo per la promozione del progetto complessivo e per la ricerca delle risorse finanziarie indispensabili alla realizzazione degli interventi;
a quanto mi risulta, il Comune aveva pensato alla costituzione di una Società di Trasformazione Urbana (STU), affidandone la valutazione preliminare al Prof. Vaciago e a un valido urbanista come l'Architetto Edoardo Pregher: a che punto siamo?

A monte di tutto ciò, come ci insegna Trento, deve esserci la voglia di pensare in grande per il futuro di Piacenza.
Qualcuno potrebbe obiettare che i grandi progetti (così come i grandi progettisti, alla Renzo Piano) costano, mentre le risorse pubbliche scarseggiano: io credo che, anche in questo ambito, Piacenza possa avere margini significativi di recupero.
Un esempio per tutti: costruendo e facendo svolgere una gara seria e trasparente per l'affidamento del servizio di Trasporto Pubblico Locale (così come, peraltro, prescrive la legge regionale), gli Enti locali piacentini potrebbero arrivare a risparmiare un paio di milioni di Euro all'anno.
Una discreta dotazione economica per rinnovare la nostra città.

-------------------------------------
Commento di Filiberto Putzu :

Merli dimentica un piccolo particolare : Piacenza non è come Trento in una Regione a Statuto Autonomo coi relativi annessi e connessi economici....





pubblicazione: 19/01/2005
aggiornamento: 30/05/2005

Trento 5027
Trento

Categoria
 :.  PIACENZA A COLORI
 :..  Forum Piacenza



visite totali: 2.928
visite oggi: 1
visite ieri: 0
media visite giorno: 0,53
[c]




 
Schede più visitate in Forum Piacenza

  1. Gaetano Rizzuto e Libertà.
  2. Fabbriche della Felicità : Piacenza città futura : quali le scelte ?
  3. Il FUTURO di Piacenza
  4. Il "dream team" per far decollare Piacenza
  5. Intervista a GIACOMO VACIAGO.
  6. Fabbriche della Felicità : Discussione a piu' voci e affondo di Vaciago
  7. Buon 2006.
  8. Cambiamo pelle, ma restano certe debolezze storiche
  9. Le nostre libertà dipendono dalle tasse.
  10. Una società sempre più coi capelli bianchi
  11. Buon 2003 : parla Giorgio Lambri
  12. Un piano per valorizzare la Marca Piacentina
  13. La popolazione di Piacenza al 31/12/2004.
  14. Piacenza e la Via Francigena
  15. Banca d'Italia Piacenza : commento alla relazione di Fazio
  16. I ragazzi chiedono più verde
  17. Ecco i piacentini, contenti ma scortesi
  18. Qualità della vita e ambiente «Ecco dove siamo peggiorati»
  19. La meccanica avanzata traino per l'economia piacentina.
  20. “Comunicare” Piacenza
  21. Montezemolo presidente di Confindustria
  22. Ecco i segni del risveglio di Piacenza
  23. Una scossa per Piacenza per evitare il declino
  24. Riqualificare Piacenza per svilupparla.
  25. Perché serve un nuovo umanesimo a Piacenza
  26. C'è chi sparge storielle.
  27. Buon 2003 : parla Gaetano Rizzuto
  28. Quale città costruiamo per i nostri figli?
  29. Il benessere per Piacenza : prima bisogna costruirlo.
  30. Buon 2007 : Per Piacenza più idee e progetti innovativi.
  31. PIACENTINITA'
  32. Tre regole per guardare avanti
  33. Il gioco di squadra a Piacenza secondo Mazzocchi
  34. Piacenza e la "squadra" per il salto di qualità.
  35. Buon 2005 dal Presidente della Regione Emilia-Romagna Vasco Errani

An error occurred on the server when processing the URL. Please contact the system administrator.

If you are the system administrator please click here to find out more about this error.