Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  COMUNE di PIACENZA  :.  Rimpasto 2004  :. RIMPASTO in giunta, la rivoluzione di Reggi
sottocategorie di COMUNE di PIACENZA
 :. Comune di Piacenza
 :. Consiglio Comunale
 :. Sindaco
 :. Rimpasto 2004
 :. Programma
 :. Bilancio
 :. Tasse e balzelli




sabato
11
luglio
2020
San Benedetto, abate patrono d'Europa



RIMPASTO in giunta, la rivoluzione di Reggi

Un rimpasto di giunta molto spinto, ben al di là delle aspettative.
Al rientro dalle vacanze Roberto Reggi si è presentato alle forze della coalizione con una proposta di riassetto di assessori e deleghe in qualche modo rivoluzionaria.
Se lo scorso giugno, archiviate le elezioni provinciali, sembrava che il rimpasto di metà mandato si sarebbe limitato alla sola sostituzione di Pietro Tansini, l'assessore dell'Italia dei Valori (Idv) chiamato a lasciare il Comune dopo la nomina nella giunta di via Garbaldi, ecco che ora il sindaco spiazza l'uditorio parlando non di una ma di due sostituzioni, e di un corposo ricambio di deleghe all'interno della squadra di governo (10 assessori più Reggi).
Oltre a Tansini (servizi al cittadino), lascerebbe Marco Elefanti (sviluppo economico), dei Piacentini con Reggi, per fare posto, rispettivamente, a un altro esponente dell'Idv e a uno della Margherita.

La carambola delle deleghe vedrebbe, ad esempio, l'urbanistica che si sposta da Pierangelo Carbone (Ds) a Stefano Pareti (Sdi) e infanzia, istruzione e formazione in traferimento da Giovanna Calciati (Ds) al nuovo entrante della Margherita.
Il condizionale è d'obbligo per due motivi.
Primo, perché la consegna del silenzio che le forze della coalizione si sono date ieri dopo il vertice con il sindaco ha impedito l'acquisizione di informazioni ufficiali.
Secondo, perché la proposta che Reggi ieri pomeriggio ha illustrato a segretari e capigruppo consiliari del centrosinistra al momento resta tale, ossia una proposta: se avesse incontrato subito l'entusiastica adesione degli alleati, avrebbe potuto diventare cosa fatta.
Ma non risulta che sia andata così.
Forti resistenze soprattutto dal settore di sinistra della coalizione, Rifondazione comunista (Prc) e Ds; ma anche i Piacentini con Reggi avrebbero storto il naso e la stessa Margherita, che pure vedrebbe soddisfatte le sue richieste di un irrobustimento della presenza in giunta, non sarebbe andata al di là di una tiepida accoglienza.
Chi entra, chi esce.
Ma vediamo nel dettaglio come, da quanto si è appreso, si articola il rimpasto pensato dal sindaco.
Dei due assessori uscenti si è detto: Tansini, che si è sempre detto disponibile a lasciare il Comune purché venga rimpiazzato da un esponente dello stesso partito (Idv), vedrebbe accolta la sua richiesta (spalleggiata da altre componenti della coalizione). Il nome del sostituto dovrebbe uscire da una rosa che i “dipietristi” presenteranno a Reggi (ne dovrebbe far parte anche Enrico Zoino) e sarebbe chiamato a occuparsi di commercio (oggi in capo a Pareti) e della nuova delega ai rapporti con l'Europa.
Elefanti vicepresidente di nNwco
Quanto a Elefanti, la sua disponibilità a uscire di scena si spiega con la volontà del sindaco di nominarlo al vertice di Newco Emilia, la costituenda società frutto della fusione tra le multiutility di Piacenza, Parma e Reggio, e il cui vicepresidente è in quota alla nostra città.
Al suo posto subentrerebbe un esponente della Margherita.
nche in questo caso il sindaco aspetta una rosa di nomi.
Nei mesi scorsi si è parlato di Paolo Dosi e Alberto Squeri, il primo sembra il più accreditato all'assessorato oggi della Calciati (infanzia, formazione, diritto allo studio), mentre il secondo potrebbe trovare più calzanti le deleghe (sviluppo economico, università, aziende partecipate) lasciate in eredità da Elefanti.
Nella prima ipotesi, quella che il sindaco sembra preferire, lo sviluppo economico passerebbe in carico al vicesindaco Anna Maria Fellegara (Piacentini con Reggi), in aggiunta a personale e organizzazione, mentre i rapporti con le aziende partecipate andrebbero ad allungare le deleghe di Francesco Cacciatore (Ds), oggi assessore a bilancio, sport e demanio.
Urbanistica da Carbone a Pareti.
Si diceva dell'urbanistica che Carbone lascerebbe a Pareti.
Il primo si concentrerebbe su ambiente e mobilità con l'innesto di sicurezza e polizia municipale sin qui in capo a Reggi. Il secondo consegnerebbe invece una delle sue attuali deleghe, la cultura, a Giovanna Calciati, cui in più andrebbero le politiche giovanili, oggi di Manuela Bruschini (Pdci), e (in supporto al sindaco) la sanità.
Alleggerita dei servizi ai giovani, Bruschini conserverebbe pari opportunità e politica degli orari con l'aggiunta dei servizi al cittadino oggi di Tansini.
Brambati e Mazzoli non si toccano.
Due soltanto gli assessorati che non verrebbero toccati, quello (lavori pubblici, decentramento, frazioni, lavoro) di Ignazio Brambati (Prc) e quello (servizi sociali e abitazioni) di Leonardo Mazzoli (Verdi).
Questa, dunque, la proposta di Reggi.

Che l'ha spiegata così: «Ho cercato di fare la sintesi di tutte le cose che sono emerse negli incontri bilaterali di inizio agosto con le forze politiche. Il mio obiettivo è di rafforzare la giunta per arrivare a completare al meglio le linee di mandato, tenendo bene presenti gli interessi politici della maggioranza secondo un equilibrio complessivo che va salvaguardato».

Gli equilibri politici
In soldoni: all'Italia dei Valori resterebbe il posto in giunta; la Margherita, sin qui forte solo del sindaco, conquisterebbe un assessore; lo perderebbero i Piacentini con Reggi, per piantare però la loro bandiera sulla vetta di Newco e acquisire lo sviluppo economico; i Ds verrebbero alleggeriti di urbanistica, formazione e istruzione, ma potendo contare sui rinforzi di cultura, sanità, giovani, vigilanza e aziende partecipate.

Certo, considera Reggi, «modificando gli assetti è normale che qualcuno si senta penalizzato, ma tutte le modifiche sono state fatte ragionando sulle caratteristiche personali dei soggetti e sulle potenzialità per sviluppare al meglio queste deleghe e alla fine tutti acquistano maggiore rilevanza o politica o amministrativa.
Io stesso metto in gioco tutte le mie deleghe, le cedo per dedicarmi più a un lavoro di coordinamento e rappresentanza.
Anche gli assessori hanno dimostrato uno sforzo collegiale, rendendosi disponibili con spirito di servizio a spostamenti magari non graditi in partenza e assumendosi nuove responsabilità in posti chiave».

Confronto aperto nella coalizione
Una proposta che «sta in piedi», dunque secondo il sindaco, che peraltro riconosce come «possono essercene di migliori e aspetto che arrivino per cercare la maggiore condivisione possibile».
La coalizione è ora chiamata a ragionare sull'ipotesi di rimpasto di Reggi, formulando eventuali modifiche o integrazioni.
Venerdì prossimo un nuovo vertice per tirare le fila della verifica di maggioranza.
Gustavo Roccella


pubblicazione: 03/09/2004
aggiornamento: 22/09/2004

Rimpasto ..... 3608
Rimpasto .....

Categoria
 :.  COMUNE di PIACENZA
 :..  Rimpasto 2004



visite totali: 3.502
visite oggi: 1
visite ieri: 0
media visite giorno: 0,60
[c]




 
Schede più visitate in Rimpasto 2004

  1. Giorgio Cisini
  2. La Cdl non desiste dalla linea dura.
  3. La paternale di Carlo Berra
  4. RIMPASTO in giunta, la rivoluzione di Reggi
  5. Ricorso della Cdl, Antelmi è il legale che difende al Tar l'amministrazione.
  6. Il rebus-consiglio in mano ai legali.
  7. RIMPASTO ? Comune, il sindaco apre la verifica.
  8. Il rimpasto scuote la maggioranza.
  9. I Ds di traverso sul RIMPASTO proposto da Reggi
  10. Consiglio, via d'uscita dall'impasse ?
  11. Il RIMPASTO di Reggi.
  12. Parla l'ex-sindaco ed ex-assessore Stefano Pareti.
  13. Le reazioni al Reggi-bis
  14. ARRIVA IL REGGI-BIS ? Azzerate le deleghe agli Assessori.
  15. REGGI-BIS
  16. Ballerini : E' dovere della minoranza vigilare sulla maggioranza.
  17. NASCE IL REGGI-BIS
  18. Piacenza : il rimpasto senza ingredienti.
  19. Ricorso bocciato dal Consiglio di Stato.
  20. Ricorso sul Consiglio : primo round per Reggi.
  21. Reggi riscrive la giunta daccapo.
  22. PERICOLO PER LA CITTA'.
  23. Consiglio contestato, la Cdl presenta il suo ricorso.
  24. SURROGHE : IL PARERE DEL MINISTERO
  25. PIACENZA : CASUS BELLI IN CONSIGLIO COMUNALE.
  26. Piacenza : il rimpasto venuto male.

esecuzione in 0,093 sec.