Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  COMUNE di PIACENZA  :.  Consiglio Comunale  :. RIFLESSIONE PER LA RIPRESA DEI LAVORI : Piacenza eco-vivibile, acqua a parte
sottocategorie di COMUNE di PIACENZA
 :. Comune di Piacenza
 :. Consiglio Comunale
 :. Sindaco
 :. Rimpasto 2004
 :. Programma
 :. Bilancio
 :. Tasse e balzelli




lunedì
18
marzo
2019
San Cirillo di Gerusalemme



viaggi vvs
Babele moda - abbigliamento on line
tropicana viaggi
Babele Arte - galleria di artisti da tutto il mondo
BabeleCase - database di annunci immobiliari
itinerari turistici
Babele Info  - motore di ricerca d'arte
jdt gioelli - negozio on line di Valeria Civardi
Babele Web - testi letterari liberi da diritti
tutto piacenza


RIFLESSIONE PER LA RIPRESA DEI LAVORI : Piacenza eco-vivibile, acqua a parte

Siamo 43esimi in classifica, ma sempre ultimi per i nitrati

da Libertà del 17/10/2003

Acqua potabile a parte (siamo primi nella sinistra hit parade della presenza di nitrati) Piacenza è una città discretamente eco-vivibile.
Certo non come la vicina Cremona, “regina” dell'ambiente urbano. Ma comunque in buona posizione.
Lo conferma la la fotografia scattata dal dossier «Ecosistema urbano 2004» di Legambiente, presentato ieri proprio a Cremona.
Dieci anni di monitoraggio sulla qualità dei 103 capoluoghi di provincia. Una ricognizione che attraverso questionari e interviste ha raccolto informazioni e dati su circa settanta parametri ambientali.
Si va dalla qualità di aria e acqua all'inquinamento acustico; dai consumi (di acqua ed energia) alla produzione e smaltimento dei rifiuti; dalla gestione e congestione del traffico fino alla presenza di aree pedonalizzate, giardini pubblici, piste ciclabili. In generale le città italiane vengono bocciate in salute urbana. Solo tre, Cremona, Sondrio e Verbania, hanno ottenuto la corona di regine dell'ambiente cittadino. Per il resto, trovare città sostenibili è una battaglia quasi persa. Contro l'inquinamento dell'aria urbana e il traffico sono state attivate - secondo gli ambientalisti - solo azioni di contenimento mentre si allarga la forbice Nord-Sud.

Piacenza 43esima - Piacenza è 43esima (con una percentuale del 53,4 per cento di eco-sostenibilità), aggregata alla fascia dei capoluoghi di provincia a cui è stato attribuito il giudizio “discreto” e comunque con una percentuale di ecovivibilità superiore alla media italiana (50,7%), lontanissima dalla coda di questa graduatoria dove si concentrano centri urbani per lo più siciliani: Agrigento (30,5%, Enna (31,6%), Reggio Calabria (32,1%), Messina (32,2%), Catania (32,7%), Ragusa (34,5%). Lo scorso anno eravamo tre posizioni più in basso, 46esimi, ma inclusi nella stessa fascia.

Cosa non va - La nostra città non ottiene “menzioni speciali” come Ferrara e Roma (per le Ztl), Bolzano (per la bioarchitettura), Siena (per città digitale) e Mantova (per lo screening ambientale), ma evidenzia comunque ottimi primati. Poco abusivismo edilizio, molta raccolta differenziata dei rifiuti, una discreta qualità dell'aria (quantomeno se rapportata alla media nazionale). E il “solito” problema dell'acqua potabile. Per il resto, sempre stando alle valutazione degli ambientalisti, all'ombra del Gotico si consumano troppo carburante e troppa energia elettrica, si spreca troppa acqua. Mancano isole pedonali vere e proprie, verde urbano e piste ciclabili. Ma ecco, sui principali parametri disponibili, qual'è la situazione della nostra città.

Abusivismo edilizio- 12ª - Piacenza è in ottima posizione, 12esima con 0,41 case abusive ogni mille famiglie. Prima è Trieste (0,13) e ultima Caserta (5,99).

Consumo di benzina - 91ª - Altro primato negativo, consumiamo troppo carburante (benzina e gasolio): un consumo medio di 920 chili di petrolio per abitante, che ci colloca al 91esimo posto della graduatoria nazionale.

Consumo di elettricità - 83ª - Secondo Legambiente consumiamo troppa elettricità ed infatti in questa classifica siamo 83esimi (prima è Potenza, ultima Aosta). Ogni piacentino consuma 1149 kWh all'anno per uso domestico (a Potenza sono 779 kWh e ad Aosta 1545 kWh).

Qualità dell'acqua potabile - 102ª - Resta la nostra “croce”, questa graduatoria. Siamo ultimi in Italia - secondo Legambiente - con una concentrazione di 35,4 milligrammi per litro. Al primo posto troviamo Vibo Valentia (totale assenza di nitrati nell'acqua) e Sassari (0,1 microgrammi per litro).

Consumo acqua potabile - 58ª - Ogni giorno il, sistema idrico urbano eroga 288 litri d'acqua potabile per abitante. Una quantità che ci colloca al 58esimo posto nell'eco-classifica del risparmio d'acqua. Prima è Taranto (probabilmente più per penuria che per scelta) con 140 litri; ultima Reggio Calabria con 612 litri.

Produzione rifiuti solidi urbani - 89ª - Produciamo troppi rifiuti: esattamente 679 chili all'anno per abitante di rifiuti solidi urbani al lordo delle raccolte differenziate. A Isernia (prima in classifica) 264 chili; a Rimini (ultima) 858 chili.

Raccolta differenziata - 12ª - Piacenza è messa bene. Dodicesima con il 32,4 per cento rispetto al totale dei rifiuti prodotti. La città più “riciclona” è Verbania con 52,1 per cento e la meno attenta a questo tipo di iniziative Catanzaro con lo 0,7 per cento.

Monitoraggio aria - 1ª - Piacenza è tra le città (oltre una cinquantina) il cui sistema di monitoraggio viene giudicato adeguato (anche se non comprende un rilevamento costante del benzene).

Qualità dell'aria - polveri 16ª - La città in cui si respira l'aria migliore è Arezzo con la minor concentrazione media (20 microgrammi per metro cubo) di polveri sottili nell'aria. Quelle che stanno peggio: Torino (77), Taranto (67), Milano (66) e Genova (66). Anche tenendo conto del fatto che il limite per la protezione umana previsto dalla direttiva comunitaria è di 44,8 microgrammi per metro cubo, Piacenza - che in questa classifica è 16esima - non è messa male, “solo” 35 microgrammi per metrocubo.

Qualità dell'aria - biossido 41ª - Le concentrazioni di biossido di azoto nell'aria ci vedono al 41esimo posto della graduatoria nazionale.

Isole pedonali - 84ª - Il dato relativo alla superficie stradale pedonalizzata in modo permanente ci penalizza poichè - secondo gli ambientalisti - Piacenza non ha una vera e propria “isola pedonale” (neanche corso Vittorio Emanuele, via XX Settembre e via Calzolai vengono considerate tali) ed è per questo in ultima posizione nella graduatoria nazionale (peraltro in ottima compagnia).

Zone a traffico limitato - 25ª - La nostra città ha una media di 4,29 metri quadrati di “isola pedonale” per abitante. Un risultato che ci colloca al 25esimo posto di una graduatoria che vede super-virtuosa Siena (31,68 metri quadrati per abitante) ed ultime ben nove città che non hanno una zona a traffico limitato.

Piste ciclabili - 25ª - Ogni abitante di Piacenza ha una media di 0,22 metri di pista ciclabile. Un risultato - così a occhio e croce - non proprio lusinghiero, ma che comunque ci colloca al 25esimo posto di una graduatoria che vede davanti Sondrio con più di mezzo metro (0,69) per abitante e in coda un lungo elenco di capoluoghi di provincia che ancora non hanno piste ciclabili.

Verde urbano - 22ª - Anche qui le cose vanno meglio che nella maggior parte delle città italiane. Ognuno abitante di Piacenza ha 13,5 metri di verde urbano; pochi se paragonati ai 35,6 metri di un abitante di Pesaro (prima in questa hit parade); tanti se rapportati 0,3 metri di un abitante di Catanzaro (fanalino di coda).

Capacità di depurazione - 1ª - Piacenza è prima ex-aequo con gli altri ventitrè capoluoghi di provincia italiani che hanno il 100 per cento di abitanti allacciati alla rete fognaria.

Trasporto pubblico - 21ª - La graduatoria sull'uso del trasporto pubblico è divisa in tre fasce e calcolata con i viaggi annui effettuati in media da ogni abitante. Nelle grandi città Roma è prima (481 viaggi) e Bari ultima (70 viaggi); nelle piccole città Rieti è prima (96) e Vibo Valentia ultima (1). Piacenza (76 viaggi per abitante all'anno) è inserita nella classifica delle città di medie dimensioni, che vede prima Trieste (329) e ultima Siracusa (3).

Motorizzazione - 62ª - La classifica considera ovviamente “virtuose” le città come meno auto private circolanti. Venezia (ovviamente!) è prima con 43 auto ogni 100 abitanti; Aosta ultima con 96 auto. E Piacenza? Siamo in 62esima posizione con 64 auto private circolanti ogni 100 abitanti.

Certificazione iso 14001 - 4ª - Questa certificazione costituisce un indicatore del grado di innovazione e attenzione all'ambiente da parte delle imprese. E Piacenza è quarta, ottimo risultato, dietro a Isernia, Chieti e Trapani.

Eco management - 40ª - L'eco-management è la capacità di risposta delle pubbliche amministrazioni e fa riferimento a cinque parametri di valutazione (con indice sintetico in base 100). Piacenza è 40esima con 45 in una classifica che vede prima Lecce (100) ed ultime Isernia, Avellino, Messina, Viterbo, Siracusa, Ragusa (0). il commento - «Mentre si va definitivamente consolidando il proficuo rapporto fra i sindaci e il territorio - ha detto il presidente di Legambiente, Ermete Realacci commentando i dati - arrivano segnali che rischiano di annacquarne la sostanza: lo Stato centrale, ad onta del federalismo, vuole tornare protagonista indiscusso quando si parli di opere pubbliche. Comuni e province vengono poi costretti a tirare la cinghia. Tagli che, se li sommiamo all'assenza di efficaci e sistematiche politiche nazionali per la lotta al traffico, ai consumi insostenibili, e all'inquinamento, indeboliranno l'opera avviata dai sindaci in questi anni».
Giorgio Lambri


pubblicazione: 17/08/2004
aggiornamento: 19/08/2004

 3384

Categoria
 :.  COMUNE di PIACENZA
 :..  Consiglio Comunale



visite totali: 2.606
visite oggi: 2
visite ieri: 0
media visite giorno: 0,48
[c]




 
Schede più visitate in Consiglio Comunale

  1. Diavolesse, Bruschini, bruscolini e bruschette.
  2. Assessorati, ecco la nuova "mappa"
  3. Compensi ai consiglieri, l'onorevole Foti è per l'austerity, ma i suoi lo bacchettano
  4. Giacomo Vaciago si dimette.
  5. Indennità o gettone, facoltà di scelta a palazzo Mercanti
  6. Cisini, Silva, Boiocchi e Bulla sostituiscono i “colleghi” nominati in Giunta
  7. Tutti i 40 eletti a Palazzo dei Mercanti: 24 alla maggioranza e 16 alla minoranza
  8. Il Consiglio si aumenta lo stipendio.
  9. Crocefisso nelle aule scolastiche
  10. Consiglio, già nove cambi di "maglia"
  11. Incarichi esterni, è muro contro muro.
  12. Stipendi alleggeriti in Comune
  13. Consiglio Comunale del 17/1/2005
  14. Ostruzionismo, tattica sbagliata e inutile ?
  15. E' NATO IL REGGI BIS 2007
  16. «Reggi? Cerca la rissa, è lui a dividere il Pd"
  17. PIACENZA NOSTRA - UDC
  18. «Non si sprechi suolo per l'Acna»
  19. Edoardo "Edo" Piazza capogruppo di Per Piacenza con Reggi
  20. CONSIGLIO COMUNALE
  21. Caso Ricciardi, il Polo non dà tregua.
  22. Difendiamo i crocefissi in aula.
  23. «Muti quanto vuole per venire qui?»
  24. Alberto Squeri si è dimesso da Assessore
  25. Un consiglio che costa e perde tempo.
  26. Reggi contro Marazzi
  27. Bruschini: «Non ho fatto nulla che richieda perdono»
  28. Il parere di Luigi Salice
  29. Gianni D'Amo
  30. Giugno 2002/dicembre 2004: il sindaco a metà mandato.
  31. Maggioranza spaccata sulle linee urbanistiche.
  32. RIFLESSIONE PER LA RIPRESA DEI LAVORI : Piacenza eco-vivibile, acqua a parte
  33. Timpano e Polledri i "paperoni" del Consiglio Comunale
  34. Prg, il nodo-Acna soffoca la maggioranza
  35. ELEZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE di PIACENZA

An error occurred on the server when processing the URL. Please contact the system administrator.

If you are the system administrator please click here to find out more about this error.