Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  TRACCE  :. Ricordo di Giuseppe Bacchi
categorie
 :. FILIBERTO PUTZU, politica
 :. COMUNE di PIACENZA
 :. POLITICA Piacenza
 :. ECONOMIA Piacenza
 :. AMBIENTE Piacenza
 :. VARIE Piacenza
 :. SANITA' Piacenza
 :. PIACENZA A COLORI
 :. PIACENZA TIPICA
 :. RITRATTI
 :. DIOCESI di PIACENZA
 :. PRIMO PIANO
 :. ITALIA Politica
 :. ITALIA Società
 :. ITALIANI
 :. TRACCE
 :. SALUTE
 :. DR.PUTZU, medicina generale
 :. DR.PUTZU, Estetica Medico-Chirurgica
 :. BEAUTY
 :. ARTE
 :. STORIA
 :. SPORT
 :. MUSICA
 :. Max Altomonte DJ
 :. CINEMA-TV
 :. MODA
 :. TENDENZE
 :. GLAMOUR
 :. GOSSIP & C.
 :. Bacco,Tabacco & Venere
 :. MONDO
 :. UNIVERSO
 :. VIAGGIARE
 :. CUCINA
 :. E-COMMERCE
 :. Les Charlatans
 :. Monitor




venerdì
1
luglio
2022
Sant'Aronne



Ricordo di Giuseppe Bacchi

da Lettere al Direttore, quotidiano Libertà del 30 aprile 2011 :

Caro direttore, a volte ci sono persone che percepiamo in un modo particolare, come se dovessero esserci sempre, come se non dovesse succedere mai niente.
Di solito sono le persone della nostra famiglia.
Giuseppe Bacchi era il mio dottore, lo era da quasi trent'anni, ed io lo percepivo così.
Perché per me è come se fosse uno della mia famiglia e credo fosse così per tante altre persone.
Entravi nel suo studio, sempre affollato, e capivi subito come era fatto.
Non si prendeva troppo sul serio: i suoi quadri erano vignette ironiche su pazienti e malati, ma era un modo anche per accorciare le distanze che di solito ci sono tra pazienti e dottori.
Non era superficiale però, perché c'erano anche i temi in difesa della figura del medico di famiglia, cosa che sentiva molto.
Quando arrivava il tuo turno, ti accoglieva sempre con un sorriso e - dopo averti ascoltato - rimaneva lì un po' a riflettere, spostava un po' di carte e libri dalla scrivania sempre piena, scriveva un po' e poi non ti diceva mai prova, vedi, fai.
Ti diceva proviamo, vediamo, facciamo.
Era un modo di condividere: più o meno grave che fosse, era al plurale e ti sentivi meno solo.
Non è mai stato invadente però ti sapeva ascoltare e sapeva tante cose di te, anche senza parole.
Forse ti conosceva così bene da non averne bisogno.
Ed alla fine, ti accompagnava all'uscita e ti salutava, con una pacca sulla spalla.
Ed è così che l'ho visto l'ultima volta, credo una settimana prima che stesse male.

In questi mesi mi sono sempre chiesta cosa potesse provare l'uomo.
Quanta gente aveva convinto direttamente o indirettamente che dal cancro si può guarire, compreso me.
Ma chi avrebbe convinto lui?
Chi avrebbe potuto o saputo aiutarlo come ha fatto lui con tante persone?
Credo che un medico sia difficile da aiutare in questi casi, perché sa tutto e sa cosa gli succederà.
Io non so che disegno il destino avesse per lui, ma aveva ancora tanto da fare e da dare ed avrebbe meritato indietro anche solo un po' di quello che lui ha fatto per gli altri.
Con vigliaccheria mascherata da discrezione non ho mai provato a contattarlo, ho sempre solo chiesto a chi sapevo gli era vicino e così non ho potuto neanche dirgli grazie.
Lo faccio ora, nella maniera più lontana dal mio essere, e credo - e spero - che anche chi amministra il nostro paese sappia trovare un luogo ed un modo appropriato per poterlo onorare e ringraziare.
Lo merita lui e lo merita la sua famiglia, che lo ha sempre condiviso con tutti noi.
Orietta

-----------------Breve commento di Filiberto Putzu :

Giuseppe era una brava persona, gentile, riservata, cordiale.
Non ti dimenticherò Beppe...


pubblicazione: 30/04/2011
aggiornamento: 02/05/2011

dott Giuseppe Bacchi 17180
dott Giuseppe Bacchi

Categoria
 :.  TRACCE



visite totali: 3.325
visite oggi: 1
visite ieri: 0
media visite giorno: 0,81
[c]




 
Schede più visitate in TRACCE

  1. “Lettera al figlio” di Rudyard Kipling.
  2. NATALE: la leggenda dell'agrifoglio.
  3. Rebecchi Nordmeccanica Storico tricolore!
  4. Rassegnatevi: più farete bene, più l’invidia vi colpirà.
  5. I conti con la realtà
  6. L'AGRIFOGLIO
  7. Ci ha lasciato Roberto Viganò
  8. QUANTO DICHIARANO AL FISCO GLI ITALIANI ??
  9. Il caro-petrolio e gli effetti sul mercato.
  10. Missione Onu : a sinistra la carne diventa pesce.
  11. La normalità in pericolo
  12. L’illusione inglese: un mondo senza ayatollah
  13. Il piano dell’Unione per la casa: colpire i proprietari
  14. Spunterà un nuovo giorno ed io passerò per il camino
  15. Un patto sulla nuova laicità
  16. La vita è intangibile dal concepimento alla morte naturale
  17. Berlusconi : la sua stagione è chiusa
  18. LA QUASI VERITÀ DI BERLINGUER
  19. L’alieno alla prova del nove
  20. L’eterna anomalia italiana
  21. Filastrocca di Capodanno
  22. Case popolari, Berlusconi sbaglia .
  23. "Chiedo di non vivere in un Paese così".
  24. Le «sigille» del San Raffaele e il senso perduto della carità
  25. Serve un sistema-Paese e diffondere la cultura aziendalistica
  26. La revisione del catasto
  27. Boom di divorzi. Una novità : invecchiare e dirsi addio..
  28. La Questione Morale
  29. «Non abbiate paura!»
  30. IL DOVERE DEL VOTO E I VALORI NON NEGOZIABILI.
  31. A Piacenza conviene stare in Lombardia
  32. Ricordo di Giuseppe Bacchi
  33. La sinistra malata di programmismo.
  34. La strana coppia
  35. Assediati dalla crisi globale

esecuzione in 0,125 sec.