Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  COMUNE di PIACENZA  :.  Consiglio Comunale  :. Reggi torna e perdona la Bruschini.
sottocategorie di COMUNE di PIACENZA
 :. Comune di Piacenza
 :. Consiglio Comunale
 :. Sindaco
 :. Rimpasto 2004
 :. Programma
 :. Bilancio
 :. Tasse e balzelli




martedì
9
agosto
2022
San Edith Stein



Reggi torna e perdona la Bruschini.

Un accenno anche ai temi d'autunno.

Il caso "Soarza" -
Lo "scandalo" di fine estate è stato quello che ha coinvolto l'assessore alle Politiche Giovanili Manuela Bruschini, "rea" di aver preso a parte al party blasfemo tenutosi nella località della bassa. Il sindaco fino ad oggi si era astenuto da qualunque commento. Ora ritorna sui fatti con una presa di posizione netta. «Direi che la partecipazione di Manuela Bruschini a quella festa - ammette senza sconti - è stata improvvida: anche la vita privata di un assessore ha una rilevanza pubblica e occorre consapevolezza nello scegliere quali posti frequentare. Ha commesso un errore, ma successivamente le è stata tesa una trappola, con un'azione di sciacallaggio politico gestita in maniera vergognosa, appoggiata da un quotidiano locale. Mi sono sentito offeso - sostiene - da quelle foto, ma ritengo pure che l'evidenza assunta dalle immagini abbia contribuito ad arrecare offesa a tutta la comunità cristiana».
Lo sbaglio commesso, tuttavia, non costerà il posto in giunta all'assessore dei Comunisti Italiani.
«Credo nel perdono - afferma il sindaco - e la Bruschini ha riconosciuto l'errore compiuto.
Il fatto potrà incidere sull'analisi che sto mettendo a punto per definire una redistribuzione delle deleghe agli assessori; questi due anni di amministrazione sono stati travagliati per la Bruschini, si è data molto da fare e qualcosa ha sbagliato: non ci sono le condizioni per estrometterla dall'esecutivo, ma per introdurre aggiustamenti nelle sue prerogative, sì».

La verifica e il "caso Tansini".
Domani è in programma l'incontro con le forze della coalizione per tirare le somme della verifica politica. «La proposta che farò ai segretari - afferma Reggi - terrà conto del confronto bilaterale di queste settimane e cercherà di mettere a sintesi le indicazioni ricevute. Certamente ci sarà un riassetto delle deleghe, anche sulla base di considerazioni maturate nel corso di questi due anni di lavoro, e la sostituzione di Pietro Tansini.
L'obiettivo è duplice: mantenere unito lo schieramento di governo e rilanciare l'azione amministrativa». Quanto alle richieste dell'Italia dei Valori, che rivendica rappresentanza immutata in giunta dopo l'abbandono di Tansini (approdato nell'esecutivo provinciale), Reggi è chiaro.
«Dipenderà da loro: se la loro proposta - sostiene - sarà all'altezza dell'assessorato da attribuire, che è differente da quello detenuto da Tansini.
Di certo pretendo rose di nomi con persone di valore e non indicazioni secche». il “centro”


Altro tema caldo è quello del riequilibrio al centro della rappresentanza politica all'interno della giunta.
«Il mio intento è quello - precisa il primo cittadino - di rafforzare la squadra sulla base della consistenza delle forze politiche in consiglio comunale.
Le elezioni provinciali e il loro esito non debbono interferire con gli equilibri del Comune: ciò che conta sono i numeri dell'assemblea di Palazzo Mercanti, che rispetto a due anni fa sono in parte mutati. Ora la Margherita ha 5 consiglieri e nessun assessore: per preservare l'unità della coalizione devo adeguare la squadra ai cambiamenti intervenuti».

I temi d'autunno.
Fra gli argomenti all'ordine del giorno nelle prossime settimane ci sarà sicuramente il nuovo Piano Urbano del Traffico.
«E' un piano ambizioso - lo definisce Reggi - e ci impegneremo a fondo per farlo applicare a dovere. Tutte le battaglie per respingere l'estensione della zona a traffico limitato sono di retroguardia».
In primo pure piano il Palazzo unico degli uffici e i rigori finanziari.
«In base all'offerta che ci è stata fatta - ribadisce Reggi - non è possibile realizzarlo all'ex Unicem,
con la giunta esamineremo nuove proposte, dato che il progetto resta valido».
«Saremo impegnati - conclude - a difendere coi denti l'incremento dei servizi sociali garantito in questi anni, nonostante i tagli economici: servirà senso di responsabilità ed una resa migliore delle aziende partecipate, l'unico modo per ricavare risorse».



pubblicazione: 01/09/2004

Perdono.... 3562
Perdono....

Categoria
 :.  COMUNE di PIACENZA
 :..  Consiglio Comunale



visite totali: 3.070
visite oggi: 1
visite ieri: 0
media visite giorno: 0,46
[c]




 
Schede più visitate in Consiglio Comunale

  1. Diavolesse, Bruschini, bruscolini e bruschette.
  2. Assessorati, ecco la nuova "mappa"
  3. Compensi ai consiglieri, l'onorevole Foti è per l'austerity, ma i suoi lo bacchettano
  4. Giacomo Vaciago si dimette.
  5. Cisini, Silva, Boiocchi e Bulla sostituiscono i “colleghi” nominati in Giunta
  6. Indennità o gettone, facoltà di scelta a palazzo Mercanti
  7. Consiglio, già nove cambi di "maglia"
  8. Tutti i 40 eletti a Palazzo dei Mercanti: 24 alla maggioranza e 16 alla minoranza
  9. Il Consiglio si aumenta lo stipendio.
  10. Crocefisso nelle aule scolastiche
  11. Ostruzionismo, tattica sbagliata e inutile ?
  12. Incarichi esterni, è muro contro muro.
  13. Timpano e Polledri i "paperoni" del Consiglio Comunale
  14. Consiglio Comunale del 17/1/2005
  15. «Reggi? Cerca la rissa, è lui a dividere il Pd"
  16. PIACENZA NOSTRA - UDC
  17. Stipendi alleggeriti in Comune
  18. E' NATO IL REGGI BIS 2007
  19. Caso Ricciardi, il Polo non dà tregua.
  20. Alberto Squeri si è dimesso da Assessore
  21. Edoardo "Edo" Piazza capogruppo di Per Piacenza con Reggi
  22. «Non si sprechi suolo per l'Acna»
  23. Giugno 2002/dicembre 2004: il sindaco a metà mandato.
  24. CONSIGLIO COMUNALE
  25. «Muti quanto vuole per venire qui?»
  26. Nuova giunta alla firma, Timpano vicesindaco
  27. Difendiamo i crocefissi in aula.
  28. Reggi contro Marazzi
  29. Un consiglio che costa e perde tempo.
  30. Il parere di Luigi Salice
  31. Che amarezza, la lista civica è senza peso
  32. Bruschini: «Non ho fatto nulla che richieda perdono»
  33. Gianni D'Amo
  34. Acqua & Società Mista
  35. Maggioranza spaccata sulle linee urbanistiche.

esecuzione in 0,093 sec.