Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  ECONOMIA Piacenza  :.  Pendolarismo  :. Reggi e Boiardi: cancellare il nuovo orario
sottocategorie di ECONOMIA Piacenza
 :. Patto per Piacenza
 :. Marketing territoriale
 :. Fondazione
 :. Camera Commercio
 :. PcExpo
 :. Industria
 :. Meccanotronica
 :. Tecnopolo
 :. Estero
 :. Polo Logistico
 :. Agricoltura
 :. Authority Alimentare
 :. Artigianato
 :. Commercio
 :. Centro storico
 :. TESA-NewCo-ENIA-IREN
 :. Tempi spa - SETA
 :. Pendolarismo
 :. Polo militare
 :. Cooperazione
 :. Milano Expo 2015




lunedì
21
settembre
2020
San Matteo, Apostolo ed Evangelista



Reggi e Boiardi: cancellare il nuovo orario

«Sperimentazione fallimentare»: Comune e Provincia si schierano coi pendolari

Il sindaco di Piacenza Roberto Reggi e il presidente della Provincia Gianluigi Boiardi chiedono all'assessore regionale Alfredo Peri di ripristinare il vecchio orario ferroviario.

«Si ritiene necessario chiedere di avviare al più presto le procedure per l'annullamento immediato del sistema attuale ed il ritorno al vecchio orario, apportando a questo migliorie che siano compatibili con l'attuale realtà - scrivono i due amministratori in una lettera consegnata ieri pomeriggio dall'assessore Provinciale Patrizia Calza e dalla dirigente comunale Renza Malchiodi, tra le partecipanti al vertice tenutosi in Regione e dedicato proprio al trasporto ferroviario - .
A circa un mese dall'applicazione del nuovo orario ferroviario riteniamo vi siano numerosi e sufficienti elementi per prendere atto del fallimento della sperimentazione: alle amministrazioni piacentine sono pervenute circa 180 e-mail di pendolari che chiedono al sindaco e al presidente della Provincia di adoperarsi per respingere il nuovo orario e circa 40 e-mail che segnalano quanto accaduto dopo l'applicazione dell'11 dicembre».

Le missive, sottolineano Reggi e Boiardi, riferiscono di «pesanti ritardi, coincidenze mancate (con particolari disagi per i pendolari di Fiorenzuola) numero di carrozze diminuite su alcuni convogli con impossibilità di trovare posto a sedere, anche su treni intercity, riscaldamento non funzionante, sporcizia, gabinetti in pessime condizioni o guasti».

«Si percepisce in modo netto - affermano - che l'attuale sistema si basa su calcoli puramente teorici che non tengono conto della realtà determinata dalla quantità dei mezzi a disposizione, del loro livello di efficienza, dello stato delle infrastrutture, del personale in servizio.
In particolare emerge in primo piano il tema della manutenzione.
Già nel tempo c'è stato un progressivo impoverimento qualitativo e quantitativo su questo punto, e con il nuovo orario e il conseguente maggior sfruttamento dei materiali il problema è destinato ad aumentare. Occorre come condizione preliminare che il tema della manutenzione venga affrontato con modalità radicalmente diverse da quelle attuali».

Peri, da parte sua, ha confermato che la sperimentazione procederà per almeno altri 15 giorni.
Già fissato, intanto, l'incontro del 26 gennaio alle 10, a palazzo Mercanti, del Comitato di monitoraggio al quale prenderanno parte i sindaci di Piacenza, Castelsangiovanni, e Fiorenzuola, Boiardi e l'assessore regionale Peri insieme ai rappresentanti della Regione Emilia Romagna.
L'incontro è aperto alle associazioni dei pendolari, al Crufer, ai rappresentanti dei consumatori, ai sindacati che sono invitati a partecipare.


La guerra legale a Trenitalia
Arriva il via libera al ricorso

L'associazione dei pendolari di Piacenza rompe ogni indugio sul ricorso contro l'accordo tra Trenitalia e Regione Emilia Romagna: l'azione legale si farà.
Ieri sera, presso la sede dell'associazione, si è ricomposta la frattura interna dei pendolari, e la decisione di intraprendere le vie legali è stata votata all'unanimità.
La presidente in carica dell'associazione, Marinella Chiodaroli, ha riferito di aver scelto di sostenere il ricorso dopo essersi confrontata con il "collega" Fabio Turci, a capo dell'associazione dei pendolari di Fiorenzuola.
«Le sue perplessità erano le mie - ha spiegato la Chiodaroli -, ma una volta ottenuto l'appoggio ad adiuvandum di Acu (associazione consumatori utenti), ed essendoci stato garantito, almeno a livello territoriale, il supporto di Adiconsum per le consulenze, ed essendo stato assicurato il contributo del Comune di Fiorenzuola, ho cambiato idea. Faremo causa insieme ai pendolari fiorenzuolani».

Per stemperare maggiormente i rischi personali - lo statuto dell'associazione prevede che spettino al presidente - la delega per far partire la causa è stata firmata dai componenti del consiglio dei pendolari, che proseguirà quindi la raccolta dei contributi per sostenere le spese nella prossima settimana, dal lunedì al venerdì, dalle 18 alle 20 presso la sede in stazione.

La riunione di ieri ha visto arrivare anche una vera e propria doccia fredda: il segretario nazionale Acu, Gianni Cavinato, ha fatto sapere alla presidente che l'annunciato incontro tra Trenitalia ed associazioni consumatori dell'Emilia Romagna si terrà il 20 gennaio a Bologna, e non più a Piacenza come previsto. La presidente ha affermato che chiederà a Trenitalia di tornare sui propri passi, mentre Franco Trespidi ha suggerito di inviare un comunicato ufficiale a nome dell'associazione.
Con ogni probabilità invece il presidente del Crufer - comitato regionale utenti ferrovie - Gino Luigi Acerbi, di ritorno da un'animata riunione a livello regionale, potrebbe prendervi parte, su invito delle stesse associazioni dei pendolari.

Il fine settimana si preannuncia quindi denso di incontri: i capigruppo dell'opposizione di palazzo Mercanti hanno invitato i componenti dell'associazione venerdì pomeriggio alle 17 e 30, per discutere delle problematiche dei pendolari in vista di un possibile consiglio comunale - provinciale aperto sul tema in programma il 30 gennaio


pubblicazione: 18/01/2006
aggiornamento: 21/01/2006

Franco Trespidi e Marinella Chiodaroli 8843
Franco Trespidi e Marinella Chiodaroli

Categoria
 :.  ECONOMIA Piacenza
 :..  Pendolarismo



visite totali: 2.635
visite oggi: 1
visite ieri: 0
media visite giorno: 0,49
[c]




 
Schede più visitate in Pendolarismo

  1. Orario treni : siglato l'accordo Trenitalia-Regione Emilia Romagna.
  2. «Il Comune sosterrà le denunce dei pendolari»
  3. Torino-Milano, signori si cambia
  4. La Regione è coi nostri pendolari.
  5. Pendolari, il ricorso al Tar può partire
  6. La Lombardia si è schierata con i pendolari.
  7. Sui pendolari è scontro in consiglio
  8. Tariffe agevolate per Milano : merito della Regione Emilia Romagna ?
  9. "I parcheggi per auto utilizzabili dai pendolari"
  10. Cento denunce contro Trenitalia
  11. Reggi e Boiardi: cancellare il nuovo orario
  12. Gino Luigi Acerbi presidente del Comitato regionale pendolari.
  13. Pendolari, "no" del Comune al ricorso contro l'accordo Trenitalia-Regione
  14. Per il Frecciarossa gioie e dolori
  15. Il peggior orario ferroviario a memoria di pendolare.
  16. E' nata la “consulta” dei pendolari.
  17. La collera dei pendolari: alta velocità un inganno.
  18. Nuovo orario, pendolari sul piede di guerra
  19. Ecco che cosa chiedono i pendolari alla Regione
  20. Pendolari, Reggi boccia Trenitalia
  21. Trenitalia, 15 giorni per cambiare
  22. Pendolari a Piacenza
  23. Nuovo orario, l'ira dei pendolari piacentini.
  24. Treni: Piacenza-Milano in "soli" 66 minuti.
  25. E alla fine Piacenza resta sola.
  26. Ogni giorno cambia idea....
  27. I pendolari piacentini: agitazione permanente.
  28. Treni: nuovo orario, vecchi problemi
  29. Pendolari infuriati con l'assessore regionale Peri
  30. Comune e Trenitalia : presa di posizione ?
  31. Treni, una commissione sul nuovo orario.
  32. Il convegno dei pendolari
  33. Regione, ultimatum a Trenitalia
  34. Pendolari, se il nuovo sistema non funziona va rivisto subito.
  35. Nemmeno il ministro placa la rabbia dei pendolari

esecuzione in 0,141 sec.