Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  TRACCE  :. Rebecchi Nordmeccanica Storico tricolore!
categorie
 :. FILIBERTO PUTZU, politica
 :. COMUNE di PIACENZA
 :. POLITICA Piacenza
 :. ECONOMIA Piacenza
 :. AMBIENTE Piacenza
 :. VARIE Piacenza
 :. SANITA' Piacenza
 :. PIACENZA A COLORI
 :. PIACENZA TIPICA
 :. RITRATTI
 :. DIOCESI di PIACENZA
 :. PRIMO PIANO
 :. ITALIA Politica
 :. ITALIA Società
 :. ITALIANI
 :. TRACCE
 :. SALUTE
 :. DR.PUTZU, medicina generale
 :. DR.PUTZU, Estetica Medico-Chirurgica
 :. BEAUTY
 :. ARTE
 :. STORIA
 :. SPORT
 :. MUSICA
 :. Max Altomonte DJ
 :. CINEMA-TV
 :. MODA
 :. TENDENZE
 :. GLAMOUR
 :. GOSSIP & C.
 :. Bacco,Tabacco & Venere
 :. MONDO
 :. UNIVERSO
 :. VIAGGIARE
 :. CUCINA
 :. E-COMMERCE
 :. Les Charlatans
 :. Monitor




lunedì
3
agosto
2020
Santa Lidia



galleria immagini  Rebecchi Nordmeccanica Storico tricolore!
 
Rebecchi-Nordmeccanica-Volley-campioni-d-Italia-2-270x270 (1)  (2)  (3) Guiggi bacia la coppa dello scudetto, foto Cavalli (4)
Rebecchi-Nordmeccanica-Volley-campioni-d-Italia-2-270x270 (pic 1) (pic 2) (pic 3) Guiggi bacia la coppa dello scudetto, foto Cavalli (pic 4)
gli sponsor Rebecchi e Cierciello (5) Manuela Leggeri e Carmen Turla con la coppa (6) Caprara, Secolo, Turlea, Nicolini, Leggeri, Meijners, Guiggi, il vice allenatore Bregoli. Valeriano, Bosetti, Sansonna, Radenkovic, Zilio, Ferretti , foto Rovellini (7) GIOVANNI CAPRARA (8)
gli sponsor Rebecchi e Cierciello (pic 5) Manuela Leggeri e Carmen Turla con la coppa (pic 6) Caprara, Secolo, Turlea, Nicolini, Leggeri, Meijners, Guiggi, il vice allenatore Bregoli. Valeriano, Bosetti, Sansonna, Radenkovic, Zilio, Ferretti , foto Rovellini (pic 7) GIOVANNI CAPRARA (pic 8)
CARMEN TURLEA (9) LAURA NICOLINI (10) MARTINA GUIGGI (11)
CARMEN TURLEA (pic 9) LAURA NICOLINI (pic 10) MARTINA GUIGGI (pic 11)
Le ragazze di Caprara sono super: è il primo scudetto della storia di Rebecchi Nordmeccanica

E’ la fantastica sensazione della prima volta.
Ancor più bello quando all’improvviso scopri di non aver nulla da invidiare agli altri; che è proprio l’umile e laboriosa Piacenza, sempre attenta a “non disturbare troppo” e ad evitar inutili clamori, che non ha rivali in Italia: è gioia irrefrenabile quella di Turlea e compagne, ma anche di un’intera città.
Per Rebecchi Nordmeccanica è il primo scudetto della sua giovane storia.
Le ragazze di Giovanni Caprara non falliscono l’appuntamento tricolore che Imoco Volley Conegliano ha cercato di rovinare nel corso di quattro sfide all’ultimo respiro e sempre sul filo dell’equilibrio.
Un equilibrio che si rompe al quarto round in maniera definitiva.
E’ un successo sofferto, voluto ma soprattutto meritato.
Sono definite “le pantere”, le ragazze di Gaspari: del felino nero, le venete hanno la freschezza e l’agilità di chi ha ben poco da perdere.
Rebecchi Nordmeccanica però ha un’incredibile fame di successi e sbrana le avversarie dopo averle illuse nei primi tre incontri: troppa la superiorità messa in campo dalle neo campionesse d’Italia. Quando Rebecchi Nordmeccanica decide di innestare le marce alte, sono poche le avversarie in grado di contrastarle.
In Italia, nessuno.
E presto, ma siamo già proiettati al futuro di Rebecchi Nordmeccanica, quando arriverà il probante esame della Champions League.
Sarà un’altra prima volta.
Ora però, meglio godersi il bagno di folla.
Altre bandiere, sarà altra invasione tricolore: Rebecchi Nordmeccanica Piacenza, è festa vera!




Rebecchi Nordmeccanica nuova frontiera del volley rosa italiano.
Scudetto e Coppa Italia 2013 in bacheca al termine di una stagione in cui è mancato soltanto il Golden set nella finale della Challenge Cup per celebrare un perfetto triplete.
Piacenza regina d'Italia, capace di vincere tutto in campo nazionale e di ruggire pure su scala internazionale, anche senza riuscire a portare a casa il trofeo.
E' stata una stagione in crescendo, che ha promesso tanto, tantissimo fino dai giorni di una robusta e roboante campagna acquisti.
Ecco Ferretti, Secolo, Bosetti, Meijners, Sansonna: nomi di primissimo piano, da assemblare con Leggeri, Nicolini, Turlea. Col condimento dei valori aggiunti di Zilio, Frigo, Gennari e Radenkovic.
Davide Mazzanti come allenatore: giovane, emergente, già scudettato.
Insomma, sufficientemente collaudato per reggere il peso di questa corazzata.
Piacenza parte subito forte, supera Crema e Pesaro.
Ma tra i petali di rosa, c'è subito qualche spina: ecco Bergamo sbancare il Palabanca, ecco le ucraine del Lutsk eliminare dal primo di Coppa Cev una Rebecchi Nordmeccanica "retrocessa" in Challenge Cup. Autunno più difficile del previsto.
La squadra a tratti è straripante. A Modena, ad esempio, gioca un partitone, ma ogni tanto s'inceppa. Come a Busto Arsizio, dove crolla letteralmente, rimediando quello che sarà l'unico 0-3 della stagione.
Dicembre riporta un po' di sereno con i successi su Bologna, Urbino, Giaveno, Conegliano, oltre alle passeggiate con le cipriote in Challenge Cup. L'unica nota stonata è la serataccia di Castellanza, dove Villa Cortese, con in panchina Caprara, piega Piacenza.
Alti e bassi, senza focalizzare un definitivo e stabile salto di qualità. Il doppio successo su Chieri porta la Rebecchi Nordmeccanica nella Final Four di Coppa Italia. Ma Pesaro sbanca il Palabanca. Ci si mette un pezza espugnando Bergamo, però lo stop di Torino e la stentata vittoria contro le francesi de Le Cannet costano a Mazzanti l'esonero.
«Non mi divertò più» tuona Antonio Cerciello.
Piacenza cambia allenatore, Villa Cortese lo aveva fatto il giorno prima: via Caprara e fiducia a Chiappafreddo. La dirigenza ha un'idea: trattativa velocissima e Caprara, dopo sì e no una giornata da disoccupato, ritorna in pista.
La frustata dell'esonero di Mazzanti è un'autentica scossa per la squadra.
Coach Gianni dimostra grande abilità a muoversi nel contesto già avviato dal collega.

Mazzanti lascia da gran signore: «Me ne vado dopo aver messo la squadra sulla rampa di lancio. Spero che nelle prossime settimane possa decollare».
Mazzanti ebbe la vista lunga.
Perchè la Rebecchi Nordmeccanica era davvero sulla pista di rullaggio, pronta a raggiungere quote altissime. L'esordio di Caprara, che tre anni fa a Piacenza visse la retrocessione in serie A2 al termine di una stagione molto amara, è rassicurante: le scudettate di Busto sono battute al tie break al Palabanca. Un segnale. Comincia la cavalcata trionfale della Rebecchi Nordmeccanica pilotata da coach Gianni: imbattibile in Italia, tra regular season, Final Four di Coppa Italia e play off.
Coppa, a proposito. A Varese le biancoblù ci regalano un doppio capolavoro. In semifinale battono Bergamo, in finale addirittura travolgono Villa Cortese, che il giorno prima aveva buttato fuori Busto Arsizio. Il 17 marzo diventa una data storica per la società del presidente Cerciello, che infila in bacheca il suo primo trofeo.
Piacenza a tratti entusiasma, soprattutto fornisce sempre più prove di spiccata personalità. C'è poi l'avventura europea da portare avanti.
Supera anche Amburgo in semifinale, approdando in finale di Challenge Cup. L'andata a Piacenza è amara. Piacenza scivola sul tie break contro le brave russe del Krasnodar: sarà quella l'unica sconfitta della gestione Caprara, oltre a quella in Gara 3 della finale scudetto.
Il ritorno, quattro giorni dopo, è emozionante al massimo. La Rebecchi Nordmeccanica vince 3-1 la partita regolare e approda al Golden set. Dove, però, il guizzo vincente è della padrone di casa. La Challenge Cup resta in Russia, con una vagonata di rammarico per una Rebecchi Nordmeccanica brava, bravissima ma non certo baciata dalla fortuna.
Piacenza smaltisce la delusione alla velocità della luce, chiudendo al secondo posto la regular season: mai successo prima d'ora, migliorando la quarta piazza di un anno fa.
Poi i play off, storia recente e ancora bollente. Pesaro eliminato in due gare, stesso trattamento per Bergamo, soffrendo maledettamente al Palabanca per poi viaggiare sul velluto in trasferta.
Ecco la finale, con un Conegliano che non t'aspetti. Degno avversario, ma la legge della Rebecchi Nordmeccanica è uguale per tutti. E Piacenza può godersi il suo primo scudetto.
Carlo Danani
LIBERTA' del 12/05/2013


Categoria
 :.  TRACCE




pubblicazione: 12/05/2013



galleria immagini (photo gallery) di TRACCE: "Rebecchi Nordmeccanica Storico tricolore!", fotografie prese in di TRACCE; Soggetto: "Rebecchi Nordmeccanica Storico tricolore!"
visite totali: 8.017
visite oggi: 1
visite ieri: 6
media visite giorno: 3,03
[c]




 
Schede più visitate in TRACCE

  1. “Lettera al figlio” di Rudyard Kipling.
  2. NATALE: la leggenda dell'agrifoglio.
  3. Rebecchi Nordmeccanica Storico tricolore!
  4. Rassegnatevi: più farete bene, più l’invidia vi colpirà.
  5. L'AGRIFOGLIO
  6. QUANTO DICHIARANO AL FISCO GLI ITALIANI ??
  7. Ci ha lasciato Roberto Viganò
  8. Il caro-petrolio e gli effetti sul mercato.
  9. I conti con la realtà
  10. La normalità in pericolo
  11. L’illusione inglese: un mondo senza ayatollah
  12. Missione Onu : a sinistra la carne diventa pesce.
  13. Il piano dell’Unione per la casa: colpire i proprietari
  14. Un patto sulla nuova laicità
  15. Spunterà un nuovo giorno ed io passerò per il camino
  16. La vita è intangibile dal concepimento alla morte naturale
  17. Berlusconi : la sua stagione è chiusa
  18. LA QUASI VERITÀ DI BERLINGUER
  19. Filastrocca di Capodanno
  20. Case popolari, Berlusconi sbaglia .
  21. L’alieno alla prova del nove
  22. L’eterna anomalia italiana
  23. Serve un sistema-Paese e diffondere la cultura aziendalistica
  24. "Chiedo di non vivere in un Paese così".
  25. La revisione del catasto
  26. La Questione Morale
  27. «Non abbiate paura!»
  28. IL DOVERE DEL VOTO E I VALORI NON NEGOZIABILI.
  29. Le «sigille» del San Raffaele e il senso perduto della carità
  30. Boom di divorzi. Una novità : invecchiare e dirsi addio..
  31. A Piacenza conviene stare in Lombardia
  32. La sinistra malata di programmismo.
  33. Ricordo di Giuseppe Bacchi
  34. Assediati dalla crisi globale
  35. La strana coppia

esecuzione in 0,109 sec.