Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  FILIBERTO PUTZU, politica  :.  Politichese  :. Putzu: Pdl in coma, va fatta pulizia
sottocategorie di FILIBERTO PUTZU, politica
 :. Consiglio Comunale
 :. Inquinamento
 :. Traffico
 :. Sanità
 :. Vita cittadina
 :. Politichese




mercoledì
21
aprile
2021
Sant'Anselmo d'Aosta



Putzu: Pdl in coma, va fatta pulizia

Una sconfitta pesante per il centrodestra piacentino, che ha lasciato il segno.
Non si può fare finta di niente, o, sostenere ingannevolmente che più di così non si poteva fare.
E' una severa autocritica quella che serve nel Pdl, un vero e proprio repulisti che mandi a casa i responsabili del negativo risultato elettorale.

E' un fiume in piena Filiberto Putzu.
Rieletto con 400 preferenze in consiglio comunale nelle file di un Popolo della libertà con cui i rapporti sono stati piuttosto tribolati negli ultimi tempi proprio per le divergenze con la dirigenza provinciale sulla gestione del partito e la preparazione dell'appuntamento elettorale, ha deciso di rompere gli indugi a quasi una settimana dall'esito delle urne che hanno visto Paolo Dosi (centrosinistra) battere 57,8 a 42,2% Andrea Paparo, il portacolori del Pdl e delle due liste civiche Piacenza Viva e Sveglia.

«Qui sta passando la teoria che tutto è andato bene, che meglio di così non si poteva fare e che da qui bisogna ripartire perché le colpe della sconfitta sono solo nazionali», inizia il suo ragionamento Putzu alludendo alla linea tenuta dopo il voto sia dall'ex candidato sindaco sia dal segretario del partito Tommaso Foti.
Linea uscita martedì scorso dal direttivo. Nel quale Putzu non ha parlato, spiega, «perché ho visto una situazione di disperazione per un Pdl che sta implodendo».
Se va riconosciuto che il 22% ottenuto a Piacenza dal Pdl è migliore dei crolli verticali registrati in altre città, «non sono però certamente incoraggianti» i punti persi rispetto alle comunali del 2007, alle politiche del 2008, alle regionali del 2010.
Putzu non si riconosce nelle parole d'ordine - «basta polemiche, ripartiamo dal nostro progetto» - lanciate da Paparo dopo la sconfitta.
«Ma il progetto qual è? Nessuno lo conosce», polemicamente domanda: «Forse si intende che bisogna puntare su Internet, sulle nuove tecnologie che hanno ispirato la nascita di Sveglia? Ma quella lista è stata una delusione, doveva avere il 10 per cento invece non è andata oltre il 4,3 per cento».

Putzu ripercorre la genesi della candidatura a sindaco di Paparo che «salta fuori perché viene scelto dall'oligarchia costituita dal segretario provinciale (Foti, ndr), da Trespidi (vicesegretario e presidente della Provincia, ndr) e probabilmente dal consigliere regionale (Pollastri, ndr) ».

Prende piede la soluzione delle primarie di partito: «Primarie di facciata», obietta Putzu, «perché chi doveva vincerle già era stato deciso da pochi, sfruttando la presunzione di uno di loro, dunque le chances degli altri due candidati (Carlo Mazzoni e Daniela Ghinelli, ndr), pur apprezzabili nel mettersi in gioco, erano pari a zero».
Pre-elezioni che «sono servite solo come foglia di fico per far sembrare che Paparo uscisse non dalla nomenklatura, ma dalla base», incalza il pidiellino che spiega così la scelta di non candidarsi nonostante il suo nome - spalleggiato dall'associazione Piacenza che Verrà (v. intervento a pag. 61) - sia circolato a lungo tra i papabili: «L'ostilità dei vertici del partito era evidente, al di là del fatto che il Comune non era il mio principale obiettivo e che i sondaggi pronosticavano la sconfitta del centrodestra e il boom dell'astensionismo».

La critica di Putzu investe in pieno anche Paparo, «politico di professione che ha cercato di accreditarsi come civico nonostante sia stipendiato dalla politica e continui a tenere la poltrona di assessore provinciale senza dimettersi. Io rispetto chi vive di politica, purché sia coerente».

Dito puntato contro il «giovanilismo» esibito da Paparo in campagna elettorale: «Sono il primo a dire che bisogna investire nei giovani, ma tra un 25enne, un 45enne padre di famiglia che perde il lavoro e un pensionato, la mia azione politica la rivolgo di preferenza agli ultimi due».

Il ciclone Putzu non risparmia Trespidi: «Aveva detto a più riprese che l'azione amministrativa della Provincia sarebbe stata il migliore contributo a un bel risultato del centrodestra alle comunali. Dov'è questo contributo? Quale valore aggiunto se non le foto di facciata e le strette di mano con Reggi e Dosi? In campagna elettorale Trespidi è stato impalpabile. Dovrebbe piuttosto far capire meglio ai piacentini quanto di buono ha fatto in questi tre anni, e prendere anche con chiarezza le distanze dal suo ex assessore finito sotto inchiesta (Davide Allegri, ndr) e dai casi giudiziari che toccano il suo leader politico Roberto Formigoni».

Dure critiche, non rotture con il Pdl:
«Il partito è in coma, ma per quanto possibile si cambia stando dentro.
Dopo, però, avere fatto pulizia, si può ripartire solo con una seria autocritica e se chi perde, chi fa le scelte, va a casa»

Gustavo Roccella
LIBERTA' 27/05/2012



Ecco l'intervento dell'Associazione Piacenza che Verrà (Libertà del 27 maggio 2012, pagina 61):

RIFLESSIONI SULLE ELEZIONI
Anche la politica locale è sempre più lontana dai bisogni del popolo

In moltissimi lo avevano previsto e puntualmente è successo, ma forse nessuno si aspettava un risultato numerico come quello dell'ultima tornata elettorale.
Riassumiamo cosa è successo a Piacenza.
Al primo turno Paolo Dosi ha ottenuto quasi 23.000 voti (ma Roberto Reggi nel 2007 ne aveva ottenuti 29.000). Nel centrodestra Andrea Paparo è stato votato da 15.000 persone (ma Dario Squeri nel 2007 ebbe 26.500 preferenze).
Le liste civiche a supporto di Paparo hanno ottenuto complessivamente poco più di 3.000 voti, un deludente 7,5% (mentre la lista civica di Squeri ne ottenne 5.800).
Il Popolo della Libertà ha ottenuto quasi 9.000 voti mentre nel 2007 Alleanza Nazionale e Forza Italia (allora separati) ottennero la somma di oltre 12.000 voti. La Lega con 2.200 votanti prende meno consensi delle liste civiche di Paparo.
L' UDC supera a malapena le 1.000 preferenze, l'Idv non raggiunge le 2.000.
Paolo Dosi ha vinto poi il ballottaggio (l'ha votato però solo il 30% dei piacentini), è diventato Sindaco di Piacenza ma non certo per merito proprio, molto più per demerito degli altri. Il vero vincitore è il malcontento verso questa politica fatta da partiti poco lungimiranti (sia a livello nazionale che locale) ed avidi, in particolar modo nella loro espressione romana. Sono infatti oltre 36.000 i non votanti al secondo turno e comunque ben 34.000 piacentini al primo turno hanno deciso che questa politica non meritasse il loro voto.
Negare l'evidenza della vittoria dell'astensionismo e del Movimento 5 Stelle (4000 voti a Piacenza) vuol dire essere miopi e cercare ancora una volta di affermare i concetti della vecchia politica, che vince sempre anche quando perde palesemente.
E non possiamo non fare una riflessione su quanto accadrebbe oggi, a nemmeno una settimana dal risultato, se dovessimo andare a votare ancora.
Lo sdoganamento del Movimento 5 Stelle con la incredibile vittoria di Parma, potrebbe portare a risultati completamente diversi in molte altre città: Piacenza compresa.
Queste riflessioni, anche se non nella portata numerica del risultato, erano le stesse che qualche mese fa ci avevano convinto a non scendere in campo.
Avevamo compreso il forte malessere nei confronti della politica ed in particolare a Piacenza nei confronti del centrodestra, della sua incapacità di dare risposte convincenti e della sua politica miope (a partire dalla gestione delle segreterie locali, alla impalpabile azione amministrativa della Provincia).
Purtroppo lo scenario dei prossimi mese ed anni è ancora più critico, sia a livello nazionale che locale.
Il Popolo delle Libertà è in stato comatoso.
Il leader storico ha fatto il suo tempo ed un suo ritorno in campo non è auspicabile.
I nuovi possibili leader, più o meno indicati da Berlusconi, hanno dimostrato di non essere all'altezza del compito. La Lega dopo gli ultimi scandali ha perso la propria credibilità e non ha più una guida carismatica. Il PD dichiara di vincere le elezioni, ma perde in casa, schiacciato com'è da SEL e IDV. Infine il cosiddetto "terzo polo" di centro ha dimostrato (ed anche ammesso) di non essere un soggetto in grado di incidere sulla politica nazionale.
Una politica nazionale che è sempre più distaccata dalle reali necessità del popolo e sempre più inadeguata agli occhi degli elettori.
La politica locale non è da meno.
I vecchi stagionati politici impongono candidati e liste, ma non sono in grado di proporre nulla di nuovo ed innovativo sia nei metodi che nelle azioni.
Leggere i programmi dei candidati a sindaco di Piacenza è stato disarmante.....
" Trovate traccia di futuro nei programmi di Dosi e Paparo? Io non ne vedo. Entrambi hanno lo sguardo rivolto al passato ….. Vorrei tornare alle idee, per dire che esse sono fondamentali, perché solo buone idee, che non sono di destra o di sinistra, possono trovare convergenze di capitali privati o pubblici, non solo italiani. Mi rattrista di non vederne traccia in entrambi i programmi dei candidati a sindaco".
Non è la nostra opinione, ma quella di Giacomo Vaciago.... non possiamo proprio dargli torto Programmi generici non propositivi e innovativi, nessuna consistente idea di rilancio e sviluppo. Programmi mirati al piccolo cabotaggio, molte volte tendenti a non modificare lo status quo, privi di numeri ed idee forti, progetti di modesto profilo, validi per qualsiasi stagione e realtà.
Tra un anno, al massimo, torneremo al voto per stabilire chi ci governerà per i successivi 5 anni a livello nazionale, in un contesto di turbolenze economiche e sociali, e scegliere sarà davvero arduo.
E sarà difficile anche per i partiti storici convincerci a votare perché il "popolo bue" ormai ha capito di essere amministrato da tanti inaffidabili, di qualsiasi colore e sponda, che per mantenere i propri privilegi lo affama (esempio eclatante l'escamotage sul finanziamento pubblico dei partiti).
Potrebbero arrivare nuovi soggetti politici, ma i messaggi che arrivano per il momento sono ancora confusi e pieni di "se" e di "ma". Esattamente quello di cui non abbiamo bisogno in questo momento.
E per finire il panorama, alle porte abbiamo anche l'abolizione della nostra Provincia, e noi di Piacenza che Verrà non sottovalutiamo questo aspetto che potrebbe avere effetti deleteri sullo sviluppo della città e dei comuni del nostro territorio.
Di fronte a questi scenari Piacenza che Verrà come intende muoversi?
Lavoreremo su entrambi i fronti: quello locale e quello nazionale.
A livello locale vigileremo e proporremo, come abbiamo fatto sino ad oggi. Denunceremo alla cittadinanza le manchevolezze e gli errori dell'amministrazione, ma ci porremo anche come portatori di idee innovative o di istanze dei cittadini, e lo faremo adottando il metodo dell'assemblea permanente, come conviene ad un movimento "realmente civico".
Più articolata sarà invece la nostra opera sul livello nazionale.
Il nostro pensiero è che sarà necessario mandare ai piu' alti livelli di governo personaggi credibili (onesti e non legati ai dinosauri della politica locale o nazionale), preparati (che abbiano maturato la loro esperienza sul campo e nel mondo del lavoro e quindi non siano politici di professione, per non essere ricattati dalla politica stessa) e soprattutto disposti a farsi veri paladini degli interessi locali.
Pensiamo tuttavia, che al di là di un entrata sul palcoscenico di nuovi soggetti (che andranno valutati sui programmi e sui nomi proposti) siano necessarie azioni sul territorio che permettano la creazione della coscienza e della conoscenza politica nei cittadini di Piacenza.
L'obiettivo è recuperare la fiducia dei piacentini che in tantissimi hanno detto "BASTA" ai principali partiti, allontanandosi da loro con il "non voto" o con il "voto di protesta".
Vogliamo coinvolgere le persone, crescere assieme, aiutare prima a capire e poi a ragionare, per poi segliere con libera cognizione di causa. In altri termini concedere alle persone ed ai nostri giovani la possibilità di non farsi prendere in giro, di non farsi raggirare, di replicare e comprendere cosa sta succedendo.
Vogliamo, inoltre, che le persone che entrano in politica o vogliono fare politica, abbiamo innanzi tutto nel sangue e nella testa, chiaramente, la morale ed i principi fondamentali che detta la nostra Costituzione.
Questo è il contributo che vogliamo dare alla nostra città.
Associazione Piacenza che Verrà




pubblicazione: 27/05/2012

 17848

Categoria
 :.  FILIBERTO PUTZU, politica
 :..  Politichese



visite totali: 1.742
visite oggi: 1
visite ieri: 0
media visite giorno: 0,53
[c]




 
Schede più visitate in Politichese

  1. Il ruolo del Consigliere Comunale
  2. Il lungo cammino dell'uomo verso la convivenza civile.
  3. Roma, 2 dicembre 2006 : io c'ero.
  4. I° Congresso Provinciale del Popolo della Libertà di Piacenza
  5. La politica "etica"
  6. Piacenza tollerante.....
  7. ENTRA CON ME IN COMUNE
  8. IL CANDIDATO DOC ? POTREBBE ESSERE UN PARLAMENTARE
  9. Filiberto Putzu : "Perchè abbandono il PdL"
  10. Propositum mutat sapiens
  11. "Bonus" agli amministratori di Tecnoborgo ?
  12. Piu' farete bene, piu' l'invidia vi colpirà
  13. Metà mandato, propaganda e giuria popolare.
  14. PROVINCIALI : PRIMA SINTETICA ANALISI DEL VOTO
  15. Il "bilancio di metà mandato" è finito nei cassonetti.
  16. Karakiri alla piacentina.
  17. Vasco Errani ed il suo ruolo.
  18. Liste civiche e margherite...
  19. IL 25 APRILE , LA TESSERA DS ED IL SINDACO BOIARDI
  20. Sostengo convinto l'Hospice ma è legittimo vigilare.
  21. Sindaci senza partito ?
  22. Putzu passa nel gruppo di Forza Italia.
  23. Popolo della Libertà. Putzu polemico: «Serve un cambio»
  24. Aree militari : Piacenza Libera vota con Rifondazione Comunista
  25. Annunci e appalti
  26. GOFFA PROPAGANDA
  27. L'assemblea degli iscritti e dei simpatizzanti di Forza Italia Piacenza
  28. Si è concluso finalmente il Festival
  29. La strana coppia
  30. Pdl, Putzu in campo: mi candido
  31. Walter Veltroni e Piacenza
  32. Perchè dimissioni
  33. Comparsata di Penati (con Reggi) a Piacenza sull'argine del fiume Po
  34. Analisi del voto alle Provinciali, un parere
  35. Il centro e Forza Italia

esecuzione in 0,125 sec.