Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  PIACENZA A COLORI  :.  Forum Piacenza  :. Piacenza rischia il declino : l'amaro quadro camerale
sottocategorie di PIACENZA A COLORI
 :. Colori piacentini.
 :. Eventi.
 :. Forum Piacenza
 :. Ritratti.
 :. Piacenza vista dagli altri




mercoledì
29
gennaio
2020
San Valerio



Piacenza rischia il declino : l'amaro quadro camerale

Rapporto Prometeia: dati positivi, ma guai all'orizzonte

Le cose a Piacenza non andrebbero neppure troppo male, considerando il funesto quadro economico internazionale.
E' bravo chi perde di meno, ma a quanto pare la «scivolata» è finita.
L'occupazione tiene, l'export cede ma non così tanto come in altre province. Però il rapporto periodico di Prometeia e Union Camere Emilia Romagna presentato ieri in Camera di Commercio dall'esperto Massimo Guagnini contiene un segnale di pericolo per noi proiettato sui prossimi due anni.
Il nostro valore aggiunto per occupato scende più velocemente rispetto al resto della Regione Emilia Romagna.
Cosa significa?
Che il lavoro a Piacenza "varrà" meno che altrove nella produzione di ricchezza.
«Sul Pil pro capite ci dà un colpo duro la logistica - commenta il presidente camerale Giuseppe Parenti - dove si fa solo facchinaggio o quasi. Le sedi legali delle società sono altrove, qui non c'è valore aggiunto e continuiamo ad assistere al fenomeno del pendolarismo, con sei, settemila pendolari».
Dai numeri, dai diagrammi presentati, emerge che in generale i tassi di crescita sono «da tempo di guerra», ovunque in forte riduzione e la ripresa nei prossimi anni sarà per «piccoli punti».

Le variazioni del valore aggiunto per settore a Piacenza colpiscono negativamente le costruzioni (-4,7 nel 2010, -2.9 nel 2011), mentre tiene l'agricoltura (+ 2.5), sempre giù il commercio, i ristoranti e le comunicazioni (0,7), l'unica inversione di tendenza significativa è quella dei servizi che passa da un segno negativo ad un +1,7 per l'anno nuovo.

Lo scenario delle esportazioni è invece penalizzante, Piacenza nel 2009 crolla insieme ad Emilia Romagna e Italia tutta, si viaggia sui 19 punti in meno, ma nei due anni a venire Piacenza resta sotto (-6,3 nel 2010 e -1,3 l'anno successivo), mentre in Italia e nel resto della regione c'è una risalita in positivo.

Il commercio con l'estero è un po' in ribasso rispetto al resto della regione, con le importazioni siamo in pari.

L'occupazione?
Bene rispetto al contesto, abbiamo perso quest'anno lo 0,3 ma l'Emilia Romagna il 2,2 e l'Italia il 2,7. Bene anche la ripresa occupazionale proiettata sull'anno prossimo.
A soffrire di più, per forza lavoro, quest'anno è l'industria (-4,6), mentre le costruzioni tengono (0.1), scende il commercio (-2.5), resta ben salda l'agricoltura, che però ha numeri piccoli (15,3 per cento).

Uno dei risvolti giudicati più gravi è la caduta generale in due anni di un quarto del commercio estero.
Abbiamo, come tessuto regionale, dieci punti in meno sull'import e sette sull'export, in un solo anno, mentre prima della crisi occorreva un decennio per valutare simili variazioni.
E' la misura di uno tsunami che non ha ancora cessato i suoi effetti.
Patrizia Soffientini
Libertà del 03/10/2009


Parenti: «Servono aziende a maggior valore aggiunto»
E intanto si osserva un saldo negativo di 200 imprese


Si raccolgono i cocci della crisi.
E si guarda all'orizzonte che non brilla in quanto a capacità del nostro tessuto produttivo di generare valore («colpa anche delle scelte fatte, per esempio sulla logistica» insiste Giuseppe Parenti, presidente camerale).
Alla voce "crisi" «ci ridimensioniamo su questa situazione presente, per fortuna la caduta sul piano inclinato è finita, se no sarebbe stato il disastro» commenta Parenti a margine della presentazione del rapporto Prometeia-Unioncamere Emilia Romagna.
Resta il fatto che manca liquidità alle imprese, che le nostre aziende sono sottocapitalizzate e che sulle spalle del mondo produttivo continuano a gravare tanti oneri impropri.
«Ma se l'impresa non produce ricchezza non ci sono risorse per il sociale».
Piacenza, entrata più tardi di altri nella crisi globale, ha sofferto meno per certi aspetti.
«Ma siamo sotto di duecento imprese nel saldo di apertura e di chiusura di attività» informa Parenti.
Il presidente però, incalzato dalle domande dei giornalisti, prova ad analizzare il vero punto dolente del tessuto piacentino: il buio dei prossimi anni, fra un andamento negativo contingente - ma è così per tutti - e un'occupazione che nell'immediato riprende eppure sembra destinata a generare minor ricchezza.
Allora tornano temi sempre verdi, come la carenza infrastrutturale del territorio.
C'è l'esigenza di selezionare meglio le imprese che si insediano nel Piacentino.
«Bisogna considerare bene le realtà che arrivano, ci sono imprese che portano ricchezza, un metro da applicare potrebbe essere l'assunzione del cinquanta per cento di laureati, ma se invece si assume un solo laureato e il resto è forza lavoro non qualificata, le cose non vanno».
Insomma, par di capire che Piacenza dovrà inventarsi una nuova vocazione.
Magari, aggiungiamo noi, si potrebbe prendere spunto dalla obamiana "green economy".
Meno movimento di merci e più intelligenza applicata all'ambiente.




pubblicazione: 03/10/2009
aggiornamento: 10/01/2010

 15426

Categoria
 :.  PIACENZA A COLORI
 :..  Forum Piacenza



visite totali: 1.592
visite oggi: 1
visite ieri: 0
media visite giorno: 0,42
[c]




 
Schede più visitate in Forum Piacenza

  1. Gaetano Rizzuto e Libertà.
  2. Fabbriche della Felicità : Piacenza città futura : quali le scelte ?
  3. Il FUTURO di Piacenza
  4. Il "dream team" per far decollare Piacenza
  5. Intervista a GIACOMO VACIAGO.
  6. Fabbriche della Felicità : Discussione a piu' voci e affondo di Vaciago
  7. Buon 2006.
  8. Cambiamo pelle, ma restano certe debolezze storiche
  9. Le nostre libertà dipendono dalle tasse.
  10. Una società sempre più coi capelli bianchi
  11. Buon 2003 : parla Giorgio Lambri
  12. Un piano per valorizzare la Marca Piacentina
  13. La popolazione di Piacenza al 31/12/2004.
  14. Piacenza e la Via Francigena
  15. I ragazzi chiedono più verde
  16. Banca d'Italia Piacenza : commento alla relazione di Fazio
  17. Ecco i piacentini, contenti ma scortesi
  18. Qualità della vita e ambiente «Ecco dove siamo peggiorati»
  19. “Comunicare” Piacenza
  20. La meccanica avanzata traino per l'economia piacentina.
  21. Montezemolo presidente di Confindustria
  22. Ecco i segni del risveglio di Piacenza
  23. Una scossa per Piacenza per evitare il declino
  24. Perché serve un nuovo umanesimo a Piacenza
  25. Riqualificare Piacenza per svilupparla.
  26. C'è chi sparge storielle.
  27. Quale città costruiamo per i nostri figli?
  28. Buon 2003 : parla Gaetano Rizzuto
  29. Buon 2007 : Per Piacenza più idee e progetti innovativi.
  30. Il benessere per Piacenza : prima bisogna costruirlo.
  31. PIACENTINITA'
  32. Il gioco di squadra a Piacenza secondo Mazzocchi
  33. Tre regole per guardare avanti
  34. Piacenza e la "squadra" per il salto di qualità.
  35. Giglio: oltre la notte, più forti

esecuzione in 0,171 sec.