Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  PIACENZA A COLORI  :.  Forum Piacenza  :. Piacenza, Cenerentola del benessere
sottocategorie di PIACENZA A COLORI
 :. Colori piacentini.
 :. Eventi.
 :. Forum Piacenza
 :. Ritratti.
 :. Piacenza vista dagli altri




venerdì
30
ottobre
2020
San Gerardo



Piacenza, Cenerentola del benessere

Il rapporto della Camera di commercio: siamo ultimi in Emilia Romagna

In poche cose primeggiamo in Emilia Romagna: strade, vicinanza agli aeroporti, impianti e reti energetico ambientali, eredità di un glorioso polo elettrico.

Per tutto il resto Piacenza è sconsolatamente ultima.
Ultima per creazione di valore aggiunto, nei ritmi di crescita del manifatturiero, nelle infrastrutture economiche e nelle reti telematiche, e sfogliando il capitolo sociale, ultima nella ricchezza per abitante e nel reddito delle famiglie, nella spesa media pro capite e nei servizi alla cultura e alla persona.

Drammatico il gap sanitario rispetto alle altre città.
Una "Caporetto" in piena regola per questa nostra provincia.

Ma i dati forniti ieri in Camera di commercio sulla base di studi camerali e di un approfondimento dell'Istituto Tagliacarne, relativi al 2004, oggi presentano un'evoluzione positiva, incoraggia il presidente camerale Giuseppe Parenti.
Però ci dicono anche, aggiunge, «che se non si lavora per costruire un sistema economico forte, quello in cui le imprese si muovono, difficilmente si potrà determinare un innalzamento complessivo del livello di benessere cui tutti aspiriamo».

E' un'idea che il mondo industriale locale va ripentendo da tempo:
«Se la realtà provinciale non potrà contare su una più elevata ricchezza diffusa - sintetizza Parenti - sarà difficile fare in modo che aumentino gli investimenti in campo sociale, culturale e assistenziale».

Per fortuna, le cose stanno già cambiando, a fine 2005 e inizia 2006 si registra una forte ripresa manifatturiera, crescono le esportazioni e gli ordinativi, anche nel mondo artigiano, il piano strategico 2020 dovrebbe consentire di migliorare gli assist del territorio.

«Ma bisogna rimboccarsi le maniche» avverte il presidente camerale, sapendo che anche gli altri territori si danno da fare e che il nostro non è «ricettivo» verso l'impresa, la quale investe meno rispetto alle proprie quote di ammortamento («ci stiamo mangiando pezzi di fabbrica»).

Creare ricchezza
Ma torniamo al rapporto camerale.
Piacenza con i suoi 6,3 miliardi di euro in ricchezza prodotta nel 2004 è ultima in regione (contribuiamo alle casse generali per il 5,8 per cento) in creazione di valore aggiunto.
E se costruzioni e servizi sono le leve più rilevanti, il comparto manifatturiero ed estrattivo è stagnante, mostra una fragilità superiore ad altre aree, solo l'agricoltura rappresenta una fonte di ricchezza più dinamica.
Tra il 1995 e il 2004, Piacenza mostra una crescita pari a 1,26 punti percentuali contro l'1,5 dell'Emilia Romagna (siamo all'80° posto in Italia).
L'indagine conferma che la più forte battuta d'arresto è nel manifatturiero.

Piccolo non sempre è bello
Le nostre piccole e medie imprese contribuiscono, a fine 2003, a creare il 77,4 per cento del valore aggiunto, più della media regionale (71) e nazionale (70).
Ma questo modello basato solo sulla piccola industria segna forti battute d'arresto.
Piccolo funziona solo se si hanno anche grandi aziende.

Tenore di vita
Piacenza a fine 2004 ha un livello medio di ricchezza per abitante pari a 22,2 mila euro, ma la media regionale è di 25,5 mila euro (la media italiana è di 20mila euro).
In quanto al reddito disponibile pro capite per famiglie (il reddito effettivamente a disposizione al netto delle imposte), siamo su 18.275 euro, meglio del resto del Paese e persino del Nord Est, non della regione però.
Se guardiamo alle spese medie pro capite, da noi si attestano a 15mila euro, meno della media regionale e dove la metà dei soldi se ne va per i servizi, solo il 15 per cento per generi alimentari.
Si assiste ad uno spostamento dei consumi delle famiglie dai beni di prima necessità ai servizi alle persona (inclusi affitti e tempo libero).

Sanità in coda
Non andiamo forte sulle infrastrutture economiche, il divario non è superato con le altre realtà regionali. E' vero che siamo ben piazzati sulle reti stradali, ricomprendono le autostrade, meno bene su tutte le altre voci, fatta eccezione per la vicinanza con aeroporti, che gioca a favore.
Per il resto siamo "sotto" su istruzione, strutture culturali e ricreative, reti bancarie e strutture sanitarie, punto più doloroso: «Abbiamo meno posti letto e meno attrezzature sofisticate».

Patrizia Soffientini, Libertà del 13 maggio 2006


pubblicazione: 13/05/2006
aggiornamento: 17/08/2006

 10003

Categoria
 :.  PIACENZA A COLORI
 :..  Forum Piacenza



visite totali: 1.308
visite oggi: 1
visite ieri: 0
media visite giorno: 0,24
[c]




 
Schede più visitate in Forum Piacenza

  1. Gaetano Rizzuto e Libertà.
  2. Fabbriche della Felicità : Piacenza città futura : quali le scelte ?
  3. Il FUTURO di Piacenza
  4. Il "dream team" per far decollare Piacenza
  5. Intervista a GIACOMO VACIAGO.
  6. Fabbriche della Felicità : Discussione a piu' voci e affondo di Vaciago
  7. Buon 2006.
  8. Cambiamo pelle, ma restano certe debolezze storiche
  9. Una società sempre più coi capelli bianchi
  10. Le nostre libertà dipendono dalle tasse.
  11. Ecco i piacentini, contenti ma scortesi
  12. Buon 2003 : parla Giorgio Lambri
  13. I ragazzi chiedono più verde
  14. Un piano per valorizzare la Marca Piacentina
  15. La popolazione di Piacenza al 31/12/2004.
  16. Piacenza e la Via Francigena
  17. Banca d'Italia Piacenza : commento alla relazione di Fazio
  18. Qualità della vita e ambiente «Ecco dove siamo peggiorati»
  19. “Comunicare” Piacenza
  20. La meccanica avanzata traino per l'economia piacentina.
  21. Montezemolo presidente di Confindustria
  22. Ecco i segni del risveglio di Piacenza
  23. Una scossa per Piacenza per evitare il declino
  24. Perché serve un nuovo umanesimo a Piacenza
  25. C'è chi sparge storielle.
  26. Quale città costruiamo per i nostri figli?
  27. Riqualificare Piacenza per svilupparla.
  28. Buon 2003 : parla Gaetano Rizzuto
  29. Buon 2007 : Per Piacenza più idee e progetti innovativi.
  30. Il benessere per Piacenza : prima bisogna costruirlo.
  31. Piacenza e la "squadra" per il salto di qualità.
  32. Il gioco di squadra a Piacenza secondo Mazzocchi
  33. Giglio: oltre la notte, più forti
  34. PIACENTINITA'
  35. Tre regole per guardare avanti

esecuzione in 0,093 sec.