Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  ECONOMIA Piacenza  :.  Patto per Piacenza  :. Piacenza 2020, si apre il cantiere
sottocategorie di ECONOMIA Piacenza
 :. Patto per Piacenza
 :. Marketing territoriale
 :. Fondazione
 :. Camera Commercio
 :. PcExpo
 :. Industria
 :. Meccanotronica
 :. Tecnopolo
 :. Estero
 :. Polo Logistico
 :. Agricoltura
 :. Authority Alimentare
 :. Artigianato
 :. Commercio
 :. Centro storico
 :. TESA-NewCo-ENIA-IREN
 :. Tempi spa - SETA
 :. Pendolarismo
 :. Polo militare
 :. Cooperazione
 :. Milano Expo 2015




martedì
5
luglio
2022
Sant'Antonio Maria Zaccaria



Piacenza 2020, si apre il cantiere

Stati Generali - Reggi, Boiardi e Parenti hanno illustrato la tre-giorni sul futuro della città

Qualcosa che davvero lasci il segno, che disegni una progettualità per la città e il territorio in grado di farne quell'eccellenza del vivere bene a cui tutti aspirano.

Partono con questa impostazione gli "Stati Generali", la tre-giorni - giovedì, venerdì e sabato - dalla quale uscirà la magna charta della Piacenza del 2020, l'individuazione cioè delle realizzazioni, i "Progetti-bandiera", capaci di far scalare alla nostra provincia le classifiche della qualità della vita.

Una decina di iniziative strategiche che da qui a 15 anni portino Piacenza non solo a non perdere colpi nella agguerrita competizione in atto tra i territori, ma, addirittura e essere indicata come realtà da prendere a modello.

Negli auspici di questo si tratta, gli auspici innanzitutto di Roberto Reggi, Gianluigi Boiardi e Giuseppe Parenti.
Così il sindaco di Piacenza, il presidente della Provincia, il presidente della Camera di Commercio, hanno voluto ieri fornire la cornice in cui inquadrare gli "Stati Generali". Lo hanno fatto con una conferenza stampa nel salone di palazzo Gotico che sarà teatro, insieme alla Cavallerizza di stradone Farnese, della tre-giorni.
Un preambolo in cui soprattutto si è voluto porre l'enfasi sulla progettualità come condizione base per ogni possibile percorso di crescita: altrimenti si resta indietro, dalle nostre tare storiche non ci affrancheremo mai, hanno detto a una voce i tre rappresentanti degli enti locali e delle categorie economiche.

Boiardi ha parlato di «un territorio che cerchi nella qualità la sua carta di sviluppo da giocare, un disegno che abbia un respiro sufficientemente lungo per farlo uscire dalle asfittiche dinamiche del quotidiano».

Reggi ha ricordato l'inizio del percorso, il Patto per Piacenza vergato nel 2000e poi il "Piano Strategico" che ha camminato sulle gambe dell'omonimo comitato, la cabina di regìa che al termine della tre-giorni verrà rinnovata nei suoi membri; e se i progetti indicati a suo tempo, come le opere viabilistiche «sono stati in parte realizzati, in parte sono in corso», ora, ha focalizzato il sindaco, si arriverà a stringere su una griglia di priorità di tipo soprattutto «immateriale» che siano impegni «vincolanti» per le pubbliche amministrazioni a venire.

Ma «vincolanti» non perché decisi in modo verticistico e magari con forte impronta politica, bensì perché frutto di un ampio percorso partecipativo, capace di «vedere che cosa vuole la gente».
Questo il tasto che soprattutto ha battuto Parenti:
«I progetti-bandiera devono diventare vincolanti perché li ha scelti la gente di un territorio, al di là delle appartenenze delle amministrazioni pubbliche e delle differenze politiche; è così che si riesce a fare più squadra che è il nostro punto dolente».

Sul punto il sindaco si è detto rassicurato perché sono stati eliminati certi «elementi di debolezza del vecchio "Patto"», ad esempio «il mancato coinvolgimento» dei rappresentanti del corpo elettorale: stavolta «tutti gli amministratori del territorio» hanno preso parte, a partire dai passaggi nel consiglio comunale e provinciale.
Senza dimenticare lo sforzo di per inserire nel percorso i ragazzi delle scuole ai quali per primi, forse, preme dire come vorrebbero la Piacenza del domani.
Un percorso sempre più inclusivo, dunque, lo ha descritto Reggi soffermandosi sia sul "logo" scelto per gli Stati Generali, ossia una ruota di trasmissione che procede, volteggio dopo volteggio, ampliando il proprio raggio d'azione («Il simbolo di una rete che si allarga»), sia sul sottotitolo voluto per "Piacenza 2020", quel "...praticamente domani" che vigorosamente sprona a non cullarsi sugli allori. In fondo, ha annotato il sindaco, sono solo tre mandati amministrativi».
Gustavo Roccella




Sostenibilità, welfare, cultura e comunicazione

Tre i giorni dedicati al territorio: dall'8 al 10 giugno.
I nuovi Stati Generali per Piacenza 2020 partono giovedì all'ex Cavallerizza (dalle 9,15 alle 12) con una sessione tutta dedicata ai giovani.
Coordina il direttore di "Libertà" Gaetano Rizzuto, intervengono gli insegnanti Valeria Volpini (Colombini), Patrizia Pugni (Romagnosi), Pierpaolo Triani (Cattolica).
Presentazione del cortometraggio e del lavoro svolto degli studenti con la docente del Cassinari Anna Cerati e del sito web realizzato dai ragazzi, coordina la giornalista Giovanna Palladini.

Venerdì 9 giugno dalle 9 alle 12.30 nel salone di palazzo Gotico (nella foto) la prima sessione di lavori è dedicata a competitività e sostenibilità, presiede Giuseppe Parenti, presidente della Camera di Commercio: vengono presentati i contenuti del documento da Vittorio Silva, coordinatore segreteria tecnica del Piano, intervengono Leonardo Muraro, presidente della provincia di Treviso, Francesco Bettoni, presidente della Camera di Commercio di Brescia, segue dibattito coordinato dalla giornalista Maria Vittoria Gazzola.
Nel pomeriggio (14.30-17.30) si parla di welfare, presiede Gian Luigi Boiardi, presidente della Provincia di Piacenza, intervengono Paolo Rizzi (segreteria tecnica del Piano), Graziano Delrio (sindaco di Reggio), coordina il giornalista Emanuele Galba.

Al Gotico, sabato 10 (ore 9-13.30) si parla di cultura e comunicazioni, presiede il sindaco Roberto Reggi, parlano Enrico Ciciotti (segreteria tecnica del Piano), Leonardo Domenici (sindaco di Firenze), coordina il giornalista Giorgio Lambri, seguono la presentazione del rapporto di sostenibilità di Piacenza con Antonio Bodini (Università di Parma) e l'insediamento del nuovo comitato strategico.


pubblicazione: 06/06/2006
aggiornamento: 03/07/2006

 10160

Categoria
 :.  ECONOMIA Piacenza
 :..  Patto per Piacenza



visite totali: 2.006
visite oggi: 1
visite ieri: 0
media visite giorno: 0,34
[c]




 
Schede più visitate in Patto per Piacenza

  1. «Più benessere per una elevata qualità della vita»
  2. Sì ai progetti che lasciano un segno
  3. Piano strategico : 4 leve per Piacenza.
  4. Così il Patto può risolvere i problemi
  5. Sì, a Piacenza ci vuole un'altra scossa
  6. E da oggi parte la fase tre: l'attuazione.
  7. Rizzi: non ci sta nessuno a fare l'“inutile” idiota…
  8. Piano strategico, ecco gli otto gruppi di lavoro
  9. Piacenza, laboratorio per vivere bene
  10. Piano strategico, i “distinguo” del centrodestra
  11. Reggi: il “Patto” deve concentrarsi su pochi progetti
  12. Giovani, meno sognatori dei padri
  13. Qualità, la parola chiave del 2020.
  14. Non solo camion e magazzini ma centri direzionali qualificati.
  15. Niente auto in centro e tanto verde
  16. Patto, Augusto Rizzi esce di scena.
  17. Piacenza Holding, decollo faticoso
  18. PATTO PER PIACENZA
  19. La Camera di Commercio aderisce al “Patto-bis”
  20. MORTO UN "PATTO" SE NE FA UN ALTRO
  21. Il Piano strategico si rafforza
  22. Il Piano per Piacenza batte cassa.
  23. Un piano strategico per far crescere Piacenza.
  24. Il Patto per Piacenza riparte di slancio
  25. Coesione sociale per diventare vincenti
  26. Vigileremo sul Patto per Piacenza.
  27. Abbiamo sprecato un'occasione.
  28. Il nuovo Patto per Piacenza.
  29. «I talenti investiti nello sviluppo locale»
  30. Piacenza, terra del ferro e del sole
  31. Combattiamo il declino del territorio.
  32. Patto per Piacenza. Ieri prima riunione del Comitato strategico.
  33. Un centro di ricerca universitario per la sicurezza dei prodotti tipici.
  34. Il Piano strategico adesso ha fretta
  35. Oggi Piacenza firma il suo futuro.

esecuzione in 0,078 sec.