Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  PIACENZA A COLORI  :.  Forum Piacenza  :. Piacenza è peggiorata e la logistica è un bluff.
sottocategorie di PIACENZA A COLORI
 :. Colori piacentini.
 :. Eventi.
 :. Forum Piacenza
 :. Ritratti.
 :. Piacenza vista dagli altri




domenica
25
ottobre
2020
San Gaudenzio



Piacenza è peggiorata e la logistica è un bluff.

C'è poco da stare allegri.
Se il rapporto tra presente e futuro è quello che è emerso ieri sera dalle affermazioni di Giuseppe Parenti, presidente della Camera di Commercio, Giacomo Marazzi, presidente della Fondazione di Piacenza e Vigevano e del giornalista e opinionista Pierluigi Magnaschi, Piacenza si colora a tinte fosche.

Stando a quanto è stato detto ieri sera nell'ambito della serata organizzata dal Rotare Club Piacenza Farnese dal titolo "Piacenza oggi e domani", viene voglia di andarsene, di cambiare aria, perché i numerosi "j'accuse" a un immobilismo cronico, alla scarsa attenzione al nuovo dei nostri amministratori, al bluff della logistica e alla carenza di infrastrutture, giunge da esponenti di primo piano, da persone che hanno un peso specifico assai elevato nel contesto provinciale.

Ergo, ne consegue che "la crisi che ci attende (perché il domani è già crisi, almeno stando ai relatori) potrebbe addirittura essere un toccasana per salvare il salvabile", per rimediare a un futuro che non ha futuro.

Parole dure, una lama che arriva dritta al cuore dei problemi:
"Questa città è peggiorata - ha affermato Giacomo Marazzi - prendiamo il polo logistico: sei milioni e mezzo di metri quadrati di capannoni costruiti senza strategia alcuna, frutto della speculazione più che della lungimiranza.
Solo uno sprovveduto avrebbe potuto pensare che Ikea s'insediasse a Piacenza per farne un polo commerciale e avanzato.
In questi anni si è cementificato, inquinato l'ambiente.
Perché a Piacenza non si vive bene.
Lo dico da uomo libero, contesto le istituzioni, certe loro scelte.
Da parte mia, come presidente della Fondazione, sostengo che il patrimonio culturale piacentino appartiene, per il 60 per cento alla Curia, e allora, visto che da parte dell'istituzione religiosa c'è sensibilità verso il bene culturale, trovo giusto assegnare contributi e fondi alla Chiesa che gestisce un grande patrimonio artistico con metodo e con sensibilità.
Paradossalmente, nel Piacentino esistono oltre 400 associazioni che - più o meno - organizzano concerti e iniziative di carattere sociale che spesso si sovrappongono.
Anziché contribuire alla crescita di progetti si rischia di disperdere energie.
Bene sarebbe tutelare e migliorare le istituzioni culturali che già esistono, quali la Galleria Ricci Oddi".

Anche Parenti ha picchiato duro, quasi uno sfogo il suo:
"Abbiamo un buon reddito pro capite perché gli ottomila pendolari che gravitano su Milano, sono contribuenti di Piacenza, ma il nostro Pil è il penultimo della regione.

Esportiamo di più (15%) e importiamo di meno (5%).
Piacenza non riesce a farsi valere, stenta a valorizzare se stessa.
In un secolo la centrale energetica è stata realizzata tre volte all'interno della città, una città in cui si è amministrato con miopia, dove mancano parcheggi e infrastrutture; mi chiedo: Expo 2015 è davvero un'opportunità, oppure sarà una bolla di sapone come è stata l'Authority alimentare?
Dobbiamo prendere esempio dai bresciani: andate in Franciacorta e capirete cosa significa fare sistema e fare squadra, in breve, fare impresa.
Perché a Piacenza spesso si esegue ciò che la Regione ordina.
Ma questo non può bastare.
Da anni mi batto per la realizzazione della pedemontana.
A parole tutti mi dicono che ho ragione, ma nei fatti?".

"Apprezzo questi interventi - ha aggiunto Pierluigi Magnaschi - che sono parole in libertà da due imprenditori.
Il nodo-Piacenza parte da lontano, quando il Partito Comunista ingabbiò la città in Emilia Romagna, per un modello che oggi ci appartiene ben poco.
Ma la nostra è una realtà che gravita su Milano.

Molti dei problemi che sono stati tirati fuori da Parenti e Marazzi, erano gli stessi di quarant'anni fa: carenza di infrastrutture, aree militari inutilizzate, necessità di infrastrutture.
Il modello è la Lombardia, la seconda regione, in fatto di incremento economico, in Europa".

E infine:
"Solo la presenza di imprenditori può favorire la crescita, ma perché ciò avvenga occorre che chi fa impresa sia incentivato a insediarsi a Piacenza che, in quanto a localizzazione, non è seconda a nessuno".
Mauro Molinaroli
LIBERTA' 12/11/2008


pubblicazione: 12/11/2008
aggiornamento: 05/01/2009

 14860

Categoria
 :.  PIACENZA A COLORI
 :..  Forum Piacenza



visite totali: 2.288
visite oggi: 2
visite ieri: 0
media visite giorno: 0,52
[c]




 
Schede più visitate in Forum Piacenza

  1. Gaetano Rizzuto e Libertà.
  2. Fabbriche della Felicità : Piacenza città futura : quali le scelte ?
  3. Il FUTURO di Piacenza
  4. Il "dream team" per far decollare Piacenza
  5. Intervista a GIACOMO VACIAGO.
  6. Fabbriche della Felicità : Discussione a piu' voci e affondo di Vaciago
  7. Buon 2006.
  8. Cambiamo pelle, ma restano certe debolezze storiche
  9. Le nostre libertà dipendono dalle tasse.
  10. Una società sempre più coi capelli bianchi
  11. Ecco i piacentini, contenti ma scortesi
  12. Buon 2003 : parla Giorgio Lambri
  13. I ragazzi chiedono più verde
  14. Un piano per valorizzare la Marca Piacentina
  15. La popolazione di Piacenza al 31/12/2004.
  16. Piacenza e la Via Francigena
  17. Banca d'Italia Piacenza : commento alla relazione di Fazio
  18. Qualità della vita e ambiente «Ecco dove siamo peggiorati»
  19. “Comunicare” Piacenza
  20. La meccanica avanzata traino per l'economia piacentina.
  21. Montezemolo presidente di Confindustria
  22. Ecco i segni del risveglio di Piacenza
  23. Una scossa per Piacenza per evitare il declino
  24. Perché serve un nuovo umanesimo a Piacenza
  25. C'è chi sparge storielle.
  26. Quale città costruiamo per i nostri figli?
  27. Riqualificare Piacenza per svilupparla.
  28. Buon 2003 : parla Gaetano Rizzuto
  29. Buon 2007 : Per Piacenza più idee e progetti innovativi.
  30. Il benessere per Piacenza : prima bisogna costruirlo.
  31. Piacenza e la "squadra" per il salto di qualità.
  32. Il gioco di squadra a Piacenza secondo Mazzocchi
  33. Giglio: oltre la notte, più forti
  34. PIACENTINITA'
  35. Tre regole per guardare avanti

esecuzione in 0,093 sec.