Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  PIACENZA A COLORI  :.  Forum Piacenza  :. Perché serve un nuovo umanesimo a Piacenza
sottocategorie di PIACENZA A COLORI
 :. Colori piacentini.
 :. Eventi.
 :. Forum Piacenza
 :. Ritratti.
 :. Piacenza vista dagli altri




domenica
8
dicembre
2019
Immacolata Concezione



Babele moda - abbigliamento on line
Babele Arte - galleria di artisti da tutto il mondo
BabeleCase - database di annunci immobiliari
itinerari turistici
Babele Info  - motore di ricerca d'arte


Perché serve un nuovo umanesimo a Piacenza

di Dario Squeri

In questi giorni si sono succeduti vari interventi sulle colonne di "Libertà": il dibattito intorno a Piacenza ferve, diversi esponenti di primo piano della vita economica, politica e culturale piacentina hanno auspicato per questa città un futuro più adatto alle esigenze di questo tempo.

Sono convinto che Piacenza stia vivendo un periodo particolarmente difficile della propria storia, e credo a questo proposito che le forze migliori debbano trovare una linea comune per garantirle una guida che possa essere caratterizzata soprattutto da un nuovo umanesimo, fondato sulla condivisione, sulla comprensione dei problemi e delle scelte e sul rapporto con la gente di Piacenza.

Carlo Merli, recentemente, ha auspicato uno sviluppo integrato del territorio, accanto alla necessità di fare sistema; Domenico Ferrari ha definito "angosciante" la dimensione urbana piacentina, sottolineando come lo sviluppo urbano e soprattutto le campagne siano stati oggetto di orribili scempi; Lorenzo Spagnoli ha definito lo sviluppo della città poco adatto alle necessità dei piacentini. Per farla breve, uno sviluppo che non è certamente a misura d'uomo.
Senza dimenticare poi che Mauro Ferrari, in un articolo di particolare interesse, ha manifestato la necessità che Piacenza recuperi linfa e vitalità.

Condivido le posizioni di Spagnoli, Domenico e Mauro Ferrari, perché sono certo che Piacenza debba fare i conti soprattutto con la necessità di recuperare una nuova umanità, venuta meno nel corso di questi anni da scelte politiche e programmatiche che hanno visto prevalere atteggiamenti tecnocratici e poco condivisibili, tali da forzare in modo paradossale l'animus piacentino.

Il modello di sviluppo che è venuto avanti con la Giunta Comunale Reggi, peraltro assecondato da alcuni imprenditori e da alcuni gruppi appartenenti alla classe dirigente, non è certamente in linea con ciò che la città può e dovrebbe esprimere.

Una distanza siderale separa le scelte politiche sul traffico, sullo sviluppo, sulla crescita urbana e sul centro storico dalle necessità reali dei piacentini.

Occorre fare sistema, si è detto più volte, ma che tipo di sistema?
Questo dobbiamo chiederci: un sistema in cui vengano dall'alto posti criteri e modelli per nulla condivisi.
Oppure un sistema che nasce dal confronto, dal dialogo, dalla necessità di capire dal basso le esigenze della gente?

Prendiamo, ad esempio, il centro storico, in una città come la nostra in cui la storia, l'arte, la cultura e il tempo hanno un'importanza a dir poco fondamentale, su un sistema urbano di origine medievale, è stato prodotto a tappe forzate un mutamento obbligato che sta snaturando di per sé il valore del centro, in quanto il piano imposto dalla Giunta Reggi anziché valorizzarne gli aspetti e i contenuti lo relega a vuoto contenitore di uffici, studi e residenze.
Proprio attorno alla natura del centro storico piacentino occorrerebbe fare sistema, nel senso che dovrebbero impegnarsi tutti coloro che vivono e che hanno a cuore le sorti di questo immenso patrimonio storico e culturale.

Allo stesso modo, credo che dovrebbe esservi un coinvolgimento degli attori di questa città per quanto attiene lo sviluppo, il tutto in una prospettiva neo-umanistica, in cui l'aspetto umano e la forza della condivisione prevalgano sugli strappi e sulle lacerazioni, sulla litigiosità e sugli aspetti di frattura che, purtroppo, in questi anni sono prassi comune all'interno della città di Piacenza.

Ben vengano, dunque, interventi come quello di Domenico e Mauro Ferrari e di Lorenzo Spagnoli, i quali auspicano una città più a misura di piacentini, senza uno sviluppo dissennato in cui i piacentini anziché protagonisti sono spettatori passivi.

Non si può, in questi anni 2000, pensare a un modello di sviluppo che non coinvolga la gente, che trovi la propria realizzazione sopra le teste della gente.
Mi chiedo quando mai, in questi anni, c'è stato un confronto serrato su temi importanti quali l'ambiente, il traffico, la cultura, la solidarietà.
Condivido quanto ha scritto il direttore di Libertà nel proprio intervento di fine anno, secondo il quale Piacenza è una città aperta, accogliente, amica e solidale, e perché questi aspetti possano emergere, al di là del coraggio che è elemento indispensabile, occorre dar vita a un nuovo umanesimo, inteso come processo di partecipazione dei cittadini alla vita e alle scelte che vengono effettuate dalla classe dirigente.

A questo proposito, occorre un maggior senso comune, un nuovo senso della città: si tratta di coinvolgere le persone di buona volontà, in particolare le donne e i giovani, ma anche coloro che possono dare una scossa all'attuale governo di Piacenza, una nuova classe dirigente che sia in grado di progettare e di pensare senza mai trascurare l'aspetto umano, la storia, il valore aggiunto che Piacenza può dare in un percorso che veda la partecipazione di tutti, non solo di una élite con forti tendenze tecnocratiche che soffoca e svilisce le potenzialità del territorio e della città di Piacenza.

Basta con lo sviluppo fatto solo di centri commerciali megagalattici, outlet, scatoloni per la logistica: pensiamo invece a uno sviluppo a misura d'uomo, fatto soprattutto di relazioni umane.

Dario Squeri, Presidente Cpe Piacenza Libera


pubblicazione: 17/01/2006

Dario Squeri 8830
Dario Squeri

Categoria
 :.  PIACENZA A COLORI
 :..  Forum Piacenza



visite totali: 2.904
visite oggi: 2
visite ieri: 1
media visite giorno: 0,57
[c]




 
Schede più visitate in Forum Piacenza

  1. Gaetano Rizzuto e Libertà.
  2. Fabbriche della Felicità : Piacenza città futura : quali le scelte ?
  3. Il FUTURO di Piacenza
  4. Il "dream team" per far decollare Piacenza
  5. Intervista a GIACOMO VACIAGO.
  6. Fabbriche della Felicità : Discussione a piu' voci e affondo di Vaciago
  7. Buon 2006.
  8. Cambiamo pelle, ma restano certe debolezze storiche
  9. Le nostre libertà dipendono dalle tasse.
  10. Una società sempre più coi capelli bianchi
  11. Buon 2003 : parla Giorgio Lambri
  12. Un piano per valorizzare la Marca Piacentina
  13. La popolazione di Piacenza al 31/12/2004.
  14. Piacenza e la Via Francigena
  15. Banca d'Italia Piacenza : commento alla relazione di Fazio
  16. I ragazzi chiedono più verde
  17. Ecco i piacentini, contenti ma scortesi
  18. Qualità della vita e ambiente «Ecco dove siamo peggiorati»
  19. La meccanica avanzata traino per l'economia piacentina.
  20. “Comunicare” Piacenza
  21. Montezemolo presidente di Confindustria
  22. Ecco i segni del risveglio di Piacenza
  23. Una scossa per Piacenza per evitare il declino
  24. Riqualificare Piacenza per svilupparla.
  25. Perché serve un nuovo umanesimo a Piacenza
  26. C'è chi sparge storielle.
  27. Buon 2003 : parla Gaetano Rizzuto
  28. Quale città costruiamo per i nostri figli?
  29. Il benessere per Piacenza : prima bisogna costruirlo.
  30. Buon 2007 : Per Piacenza più idee e progetti innovativi.
  31. PIACENTINITA'
  32. Tre regole per guardare avanti
  33. Il gioco di squadra a Piacenza secondo Mazzocchi
  34. Piacenza e la "squadra" per il salto di qualità.
  35. Buon 2005 dal Presidente della Regione Emilia-Romagna Vasco Errani

An error occurred on the server when processing the URL. Please contact the system administrator.

If you are the system administrator please click here to find out more about this error.