Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  ECONOMIA Piacenza  :.  Patto per Piacenza  :. Patto per Piacenza, inizia la grande sfida.
sottocategorie di ECONOMIA Piacenza
 :. Patto per Piacenza
 :. Marketing territoriale
 :. Fondazione
 :. Camera Commercio
 :. PcExpo
 :. Industria
 :. Meccanotronica
 :. Tecnopolo
 :. Estero
 :. Polo Logistico
 :. Agricoltura
 :. Authority Alimentare
 :. Artigianato
 :. Commercio
 :. Centro storico
 :. TESA-NewCo-ENIA-IREN
 :. Tempi spa - SETA
 :. Pendolarismo
 :. Polo militare
 :. Cooperazione
 :. Milano Expo 2015




mercoledì
2
dicembre
2020
Santa Bibiana



Patto per Piacenza, inizia la grande sfida.

Errani: «Questa è l'unica vera interpretazione del federalismo»

LIBERTA' del 13/01/2002
:
E' stato il presidente della Regione, come si diceva, a concludere ieri mattina a Palazzo Farnese la serie di interventi che, a distanza di un anno dalla convocazione degli Stati Generali e dopo 12 mesi di lavoro svolto (con rara tempestività) all'interno dei vari gruppi tematici, sono serviti ad illustrare nelle linee generali i progetti contenuti nel documento conclusivo.

La sequenza della mattinata è stata scandita dal direttore di Libertà Gaetano Rizzuto, il cui ruolo era quello di “voce narrante”, che ha condotto i presenti attraverso gli interventi e le relazioni (nell'ordine quelli del vescovo Luciano Monari, del prof. Enrico Ciciotti, di Stefano Borotti, Augusto Rizzi, Emilio Bertuzzi, Carlo Merli, Margherita Margaroli e infine del sindaco Guidotti, del presidente della Provincia Squeri e del presidente della Camera di commercio Luigi Gatti).

«Un anno fa - ha ricordato Errani - ci siamo assunti degli impegni e oggi posso dire che già una serie di obiettivi concreti hanno preso avvio».
Il riferimento è ai progetti di una nuova conca ad Isola Serafini e del Parco fluviale, al piano triennale della viabilità, alla messa in sicurezza del territorio e alla questione energetica.
Il grande valore del patto - ha sottolineato il presidente - è l'idea di lavorare insieme, di costruire relazioni che mettano al centro la persona ed i problemi della comunità.
«Nessuno - ha insistito, replicando alle polemiche degli ultimi giorni sulle spinte secessioniste e isolazioniste che anche a Piacenza si fanno sentire - può fare da solo.
Se si fa da sè alcuni ce la fanno, ma molti rimangono indietro».
E se il valore del Patto per Piacenza è il lavoro svolto insieme e gli obiettivi condivisi («che non vogliono comunque dire annullamento delle differenze»), il valore aggiunto di questo accordo è la qualità sociale.
«Non si compete più solo con la qualità tecnica o produttiva, ma bensì con la qualità globale e sociale. Piacenza, così come l'intera regione Emilia Romagna, non è e non sarà mai Seul, e il terreno di sfida con i mercati del lavoro a basso costo è quello dell'eccellenza e della tipicità dei nostri prodotti. Il futuro sta nella cooperazione e nella relazione - ha concluso Errani - e non nell'isolamento. Guai se Piacenza accettase l'idea che l'autogoverno è chiusura. L'autogoverno è essere protagonisti di governi più grandi. E la Regione, lungi dall'essere un ente superiore che comanda o ha l'arroganza di dettare ordini al territorio, è invece una grande rete per stare nel mondo, un sistema che valorizza le eccellenze, come quella piacentina, appunto, che davanti alla standardizzazione può giocare la carta vincente della specificità».

Che cosa farà la Regione per Piacenza?
In concreto - ha elencato il presidente - si impegnerà per dare vita all'istituto della logistica e ad un programma d'area della logistica e poi per sostenere i progetti per il turismo, la navigabilità del Po (anche per questo è previsto un programma d'area) e la messa in sicurezza del territorio, in una strategia di sviluppo compatibile e sostenibile dal punto di vista ambientale.

Alla fine si sono alzati tutti, uno per uno (ad eccezione di Fabrizio Binelli per le associazioni ambientaliste, che non ha sottoscritto il documento) i 33 componenti del Comitato strategico che rappresentano l'intera società piacentina (istituzioni, categorie economiche e produttive e società civile) e hanno ufficialmente posto la loro firma sotto il Patto per Piacenza.
Un patto che il presidente della Regione Emilia Romagna Vasco Errani, a cui è toccata l'ultima parola, ha definito «l'unica vera interpretazione del federalismo».



pubblicazione: 13/01/2002
aggiornamento: 29/05/2005

 6105

Categoria
 :.  ECONOMIA Piacenza
 :..  Patto per Piacenza



visite totali: 1.831
visite oggi: 1
visite ieri: 0
media visite giorno: 0,26
[c]




 
Schede più visitate in Patto per Piacenza

  1. «Più benessere per una elevata qualità della vita»
  2. Sì ai progetti che lasciano un segno
  3. Piano strategico : 4 leve per Piacenza.
  4. Così il Patto può risolvere i problemi
  5. Sì, a Piacenza ci vuole un'altra scossa
  6. E da oggi parte la fase tre: l'attuazione.
  7. Piano strategico, ecco gli otto gruppi di lavoro
  8. Rizzi: non ci sta nessuno a fare l'“inutile” idiota…
  9. Piacenza, laboratorio per vivere bene
  10. Giovani, meno sognatori dei padri
  11. Non solo camion e magazzini ma centri direzionali qualificati.
  12. Piano strategico, i “distinguo” del centrodestra
  13. Niente auto in centro e tanto verde
  14. Reggi: il “Patto” deve concentrarsi su pochi progetti
  15. Qualità, la parola chiave del 2020.
  16. Patto, Augusto Rizzi esce di scena.
  17. PATTO PER PIACENZA
  18. Piacenza Holding, decollo faticoso
  19. MORTO UN "PATTO" SE NE FA UN ALTRO
  20. Il Piano strategico si rafforza
  21. Il Piano per Piacenza batte cassa.
  22. Un piano strategico per far crescere Piacenza.
  23. Il Patto per Piacenza riparte di slancio
  24. Coesione sociale per diventare vincenti
  25. La Camera di Commercio aderisce al “Patto-bis”
  26. Abbiamo sprecato un'occasione.
  27. Vigileremo sul Patto per Piacenza.
  28. Piacenza, terra del ferro e del sole
  29. Patto per Piacenza. Ieri prima riunione del Comitato strategico.
  30. «I talenti investiti nello sviluppo locale»
  31. Il nuovo Patto per Piacenza.
  32. Combattiamo il declino del territorio.
  33. Un centro di ricerca universitario per la sicurezza dei prodotti tipici.
  34. Il Piano strategico adesso ha fretta
  35. Oggi Piacenza firma il suo futuro.

esecuzione in 0,187 sec.