Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  POLITICA Piacenza  :.  Elezioni Comunali 2012  :. Paparo: con il centrodestra in crisi il ballottaggio era già un miracolo.
sottocategorie di POLITICA Piacenza
 :. Politica piacentina
 :. Elezioni Provinciali 2004
 :. Elezioni Regionali 2005
 :. Elezioni Politiche 2006
 :. Elezioni Comunali 2007
 :. Elezioni Politiche 2008
 :. EmiliaRomagna
 :. Elezioni Provinciali 2009
 :. Provincia di Piacenza
 :. Elezioni Regionali 2010
 :. Elezioni Comunali 2011
 :. Elezioni Comunali 2012
 :. ELEZIONI NAZIONALI 2013




martedì
30
novembre
2021
Sant'Andrea apostolo



Paparo: con il centrodestra in crisi il ballottaggio era già un miracolo.

Mi dispiace solo di una cosa: di non essere partito prima con la campagna elettorale, perché con qualche settimana in più si poteva fare meglio. Ma altri rimpianti non ne ho».

È sereno Andrea Paparo, nel giorno che lo vede sconfitto al ballottaggio.

La vittoria ha molti padri, ma la sconfitta è sempre orfana: e allora il candidato del centrodestra risale il Corso a piedi in bella solitudine, accompagnato solo dall'addetto stampa.

Non si può non pensare che - avesse portato a termine la sua "missione impossibile" - quella stessa camminata sotto la pioggia si sarebbe svolta tra due ali di folla plaudente, con pioggia sì, ma di petali di rosa. E magari con parata di politici del centrodestra e della Lega che invece adesso faticano a materializzarsi mentre Paparo si avvicina a Palazzo Mercanti. Lo aspettano telecamere, taccuini e in municipio un sindaco neo-eletto cui stringere la mano, come fair play comanda e ha comandato per tutta la campagna elettorale.

Programma rispettato: accettazione del risultato del voto, stretta di mano con l'avversario davanti ai flash, un "in bocca al lupo" per chi amministrerà la città.

E adesso?
«Adesso sono stanco
- spiega Paparo - perché ho veramente fatto tutto quello che c'era da fare, senza tirarmi indietro. È stata una campagna anomala, difficile, corsa tutta all'inseguimento, con una macchina organizzativa più "leggera" rispetto a quella del mio avversario».

Ha perso con il maggiore distacco registrato a Piacenza da quando ci sono i ballottaggi. Sconfitta o supersconfitta?
«Il risultato mi pare molto influenzato dall'astensionismo che ha riguardato più l'elettorato di centrodestra che quello del centrosinistra. Alla fine credo che il fattore decisivo sia stata proprio la capacità delle minoranze organizzate di mobilitare gli elettori rispetto a un'area più "fluida" come la mia. Il centrodestra in tutta Italia ha preso botte tremende: considero un risultato miracoloso già aver raggiunto il ballottaggio, almeno tenendo la partita aperta fino alla fine».

Ha cercato di accentuare il profilo di candidato civico, cercando di "sfumare" l'appartenenza al Pdl, evitando con cura che qualche big del partito nazionale venisse qui a sostenerla. Ma la soddisfano i risultati delle liste civiche che la appoggiavano?
«Se si sommano i voti di quelle liste si arriva all'8 per cento, che insieme al 2 per cento raccolto da me in prima persona dà un 10 per cento: la considero un'ottima base da cui partire per il futuro. Poi penso a quella enorme zona grigia di chi non è andato a votare: il nostro obiettivo da domani è convincere gli astenuti a tornare alle urne e a votare per il nostro progetto».

Già, il futuro. Che cosa vuole fare da grande? Il leader del centrodestra a Piacenza? Non mi dia la solita risposta da calciatore: "deciderà il mister"...
«È chiaro che il centrodestra italiano sta cercando una nuova identità: è una galassia, come accade anche a sinistra, che si sta scomponendo e si ricomporrà con un nuovo disegno. Tutti si stanno chiedendo come sarà domani: non lo sa nessuno, nemmeno io. Però credo di avere le caratteristiche per poter guidare una futura coalizione moderata a Piacenza».

Rimane in Provincia e dovrebbe fare il capogruppo del centrodestra in Comune: due poltrone non sono troppe?
«No, è il mio modo di onorare il voto degli elettori che mi hanno chiamato a coprire questo doppio ruolo. Diciamo che mi dimetterei dalla Provincia se tutti quelli che hanno doppi incarichi facessero lo stesso».

Da domani inizia il lavoro di opposizione. Anche qui evitiamo le frasi fatte sulla opposizione che sarà sempre "intransigente e rigorosa"...
«No, faremo un'opposizione di controllo e costruttiva. Nel senso che non guarderò all'appartenenza delle proposte: se un'idea è buona, mi basterà per votarla».

È stata una campagna elettorale all'insegna del fair play, senza strepiti né schizzi di fango.
Ma lei, che partiva da sfidante, non è pentito di non essere andato di più all'arrembaggio?
«Credo che in politica non ci si debba snaturare: io sono fatto così. Preferisco non strillare.
È stata una campagna elettorale corretta, fatta sui contenuti e pensando al futuro della nostra bellissima città. Mi sta bene così».

Maurizio Pilotti
maurizio. pilotti@liberta. it
LIBERTA' 22/05/2012


pubblicazione: 22/05/2012

 17837

Categoria
 :.  POLITICA Piacenza
 :..  Elezioni Comunali 2012



visite totali: 2.801
visite oggi: 2
visite ieri: 0
media visite giorno: 0,80
[c]




 
Schede più visitate in Elezioni Comunali 2012

  1. SI E' VOTATO PER IL NUOVO SINDACO DI PIACENZA
  2. Sorteggiate le posizioni sulla scheda elettorale.
  3. Centrosinistra, l'Idv mette in campo Raggi
  4. Foti : Mi aspettavo più candidati, primarie occasione importante.
  5. Presentati i 32 candidati del Popolo della Libertà.
  6. I "senatori" che abbandonano il Consiglio
  7. Centrosinistra a Piacenza : Paolo Dosi è il candidato sindaco
  8. Dosi: arriverò in fondo, senza alzare la voce
  9. Il silenzio pre elettorale (Legge 212 del 4 aprile 1956)
  10. Elezioni Comunali 2012 : Popolo della Libertà
  11. Dosi-Paparo, è ballottaggio
  12. Bersani a Piacenza: a guidare le città siamo i più bravi
  13. Pd: Reggi non c'è, Cacciatore capolista
  14. Elezioni Comunali : a Telelibertà l'approfondimento di Tempo Reale
  15. Dosi al Pd: sarà inclusivo il mio approccio di lavoro
  16. Cacciatore : "Correrò con testa e passione"
  17. Piacenza che Verrà lancia un sondaggio su nomi e coalizioni
  18. L'Udc presenta lista e candidato sindaco
  19. Comunicato Stampa della Segreteria del Popolo della Libertá
  20. In campo in quattro, Rifondazione però ci sta pensando. Incognita Idv.
  21. Pizzelli: Mazzoni non è stato sostenuto dal partito
  22. Piacenza andrà al voto il 6 maggio 2012
  23. E Reggi ribadisce:"Oggi si è deciso, Paolo Dosi sarà il mio successore"
  24. Paolo Dosi è il nuovo Sindaco di Piacenza
  25. Nasce la lista Sveglia
  26. Pisani: «Nostro il candidato sindaco per Piacenza, c'è un patto d'onore»
  27. Rosa Pdl: Paparo, Mazzoni, Salice
  28. Paparo: con il centrodestra in crisi il ballottaggio era già un miracolo.
  29. Lista civica Moderati e Piacentini con Dosi
  30. Bossi : ” Alleanze col Pdl ? Qualche deroga ci sarà “
  31. Foti: sì alle primarie, Lega e Udc dicano se ci stanno
  32. Si presenta "Piacenza Viva"
  33. Paparo: "Al ballottaggio si sfidano due modelli di città".
  34. Entra con me in Comune
  35. Sorpresa, anche Stefano Frontini (Pdl) tra i votanti

esecuzione in 0,109 sec.