Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  RITRATTI  :. PAPA GIOVANNI PAOLO II.
categorie
 :. FILIBERTO PUTZU, politica
 :. COMUNE di PIACENZA
 :. POLITICA Piacenza
 :. ECONOMIA Piacenza
 :. AMBIENTE Piacenza
 :. VARIE Piacenza
 :. SANITA' Piacenza
 :. PIACENZA A COLORI
 :. PIACENZA TIPICA
 :. RITRATTI
 :. DIOCESI di PIACENZA
 :. PRIMO PIANO
 :. ITALIA Politica
 :. ITALIA Società
 :. ITALIANI
 :. TRACCE
 :. SALUTE
 :. DR.PUTZU, medicina generale
 :. DR.PUTZU, Estetica Medico-Chirurgica
 :. BEAUTY
 :. ARTE
 :. STORIA
 :. SPORT
 :. MUSICA
 :. Max Altomonte DJ
 :. CINEMA-TV
 :. MODA
 :. TENDENZE
 :. GLAMOUR
 :. GOSSIP & C.
 :. Bacco,Tabacco & Venere
 :. MONDO
 :. UNIVERSO
 :. VIAGGIARE
 :. CUCINA
 :. E-COMMERCE
 :. Les Charlatans
 :. Monitor




martedì
25
giugno
2019
San Guglielmo da Vercelli



viaggi vvs
Babele moda - abbigliamento on line
tropicana viaggi
Babele Arte - galleria di artisti da tutto il mondo
BabeleCase - database di annunci immobiliari
itinerari turistici
Babele Info  - motore di ricerca d'arte
jdt gioelli - negozio on line di Valeria Civardi
Babele Web - testi letterari liberi da diritti
tutto piacenza


galleria immagini  PAPA GIOVANNI PAOLO II.
 
16 ottobre 1978 (1) 1981: con Lech Walesa (2) 13 maggio 1981 : l'attentato di Mehmet Alì Agca. (3) Anno Santo 1983 (4)
16 ottobre 1978 (pic 1) 1981: con Lech Walesa (pic 2) 13 maggio 1981 : l'attentato di Mehmet Alì Agca. (pic 3) Anno Santo 1983 (pic 4)
1984 : sull' Adamello (5) 1986: con Madre Teresa di Calcutta. (6) 1987 : con il presidente americano Reagan (7) 1995 : con Jasser Arafat (8)
1984 : sull' Adamello (pic 5) 1986: con Madre Teresa di Calcutta. (pic 6) 1987 : con il presidente americano Reagan (pic 7) 1995 : con Jasser Arafat (pic 8)
1995 : al Central Park di New York. (9) 1995 : a Baltimora (10) Roma, Colosseo, Pasqua 1996 (11) 1998 : in visita a Cuba. (12)
1995 : al Central Park di New York. (pic 9) 1995 : a Baltimora (pic 10) Roma, Colosseo, Pasqua 1996 (pic 11) 1998 : in visita a Cuba. (pic 12)
26 marzo 2000 : a Gerusalemme. (13) 2001 (14) 2001 : con il presidente Azeglio Ciampi (15) 01 gennaio 2002 (16)
26 marzo 2000 : a Gerusalemme. (pic 13) 2001 (pic 14) 2001 : con il presidente Azeglio Ciampi (pic 15) 01 gennaio 2002 (pic 16)
2003 (17) 2004 : con Vladimir Putin (18) 2004 : in preghiera nella Grotta di Lourdes (19) 22 dicembre 2004 (20)
2003 (pic 17) 2004 : con Vladimir Putin (pic 18) 2004 : in preghiera nella Grotta di Lourdes (pic 19) 22 dicembre 2004 (pic 20)
20 marzo 2005 Domenica delle Palme (21) Pasqua 2005 (22) 01 aprile 2005 : Vede e tocca il Signore (23) 02 aprile 2005, ore 21.37 (24)
20 marzo 2005 Domenica delle Palme (pic 21) Pasqua 2005 (pic 22) 01 aprile 2005 : Vede e tocca il Signore (pic 23) 02 aprile 2005, ore 21.37 (pic 24)
03 aprile 2005 (25)  (26)
03 aprile 2005 (pic 25) (pic 26)
da www.corriere.it del 3 aprile 2005


NELLA STORIA
di Paolo Mieli.
Karol Wojtyla passa adesso alla storia, storia che d’ora in poi lo annovererà tra le due o tre più grandi figure religiose, politiche, culturali e morali del Novecento.
Innanzitutto perché egli è l’uomo che ha saldato ogni conto con i due totalitarismi del secolo nei quali s’era personalmente imbattuto nella sua Polonia — quello nazifascista e quello comunista—dando così un contributo fondamentale alla costruzione di un mondo in cui né il primo né il secondo (si spera) possano mai più riaffacciarsi.
In secondo luogo per aver saputo guidare la Chiesa fin dentro il terzo millennio senza quelle indulgenze postconciliari nei confronti dei tempi nuovi, libero da ogni spirito subalterno alla modernità e anzi dedito in ogni modo alla riaffermazione e in qualche caso alla riscoperta dei valori originari della Chiesa stessa.
Quella del Papa polacco è stata una Chiesa che ha dato un apporto fondamentale al processo da cui è uscito in frantumi l’impero sovietico ma ad un tempo non si è poi messa in alcun modo «al servizio» o più semplicemente al traino dei vincitori della guerra fredda, gli Stati Uniti d’America.
E con quale vigore è stata condotta questa seconda operazione di scissione delle responsabilità dalla guida del mondo libero lo si è potuto costatare nei primi mesi del 2003, quelli che precedettero il conflitto in Iraq.
Un atteggiamento di irriducibile opposizione alla guerra, quello di Giovanni Paolo II, reso possibile e plausibile non solo per il fatto che il Pontefice, a differenza di altri rappresentanti del mondo pacifista, aveva le carte in regola per la strenua lotta di cui si è detto contro tutti i totalitarismi, ma anche per la straordinaria iniziativa attraverso la quale il Pontefice in persona aveva chiesto perdono all’umanità per errori e malefatte della Chiesa.
È questo, almeno ai nostri occhi, un punto fondamentale: Wojtyla è stato il Papa del dialogo interreligioso, della mano tesa al modo ebraico e musulmano, del riconoscimento dei torti della propria parte.
Qualcosa a ben pensarci di davvero atipico, unico nella Storia universale.
Che forse ha provocato incomprensioni nel suo mondo ma che gli ha conquistato un enorme rispetto da parte di chi professa religioni diverse da quella cattolica e anche nel mondo dei non credenti.
E pure a non voler tenere nel dovuto conto ciò che questi suoi ventisette anni sul soglio di Pietro hanno contato sotto il profilo ecumenico, va riconosciuto che al cospetto di Karol Wojtyla persino il mondo dei non cattolici è stato obbligato, eccezion fatta per qualche residuo, a mettere in soffitta toni, argomenti e stilemi del tradizionale anticlericalismo e anzi ad emendarsi non senza qualche fatica e sofferenza da essi.
Anche nei campi come quelli inerenti al tema della vita in cui le posizioni di molti laici non si sono ricongiunte a quelle della Chiesa, ha costretto tutti a guardare ad esse come ad intuizioni di fede dalle quali non si può prescindere e che per giunta prima o poi possono rivelarsi «vere» anche sotto il profilo scientifico. Talché oggi ci parrebbe un errore da parte della Chiesa cercare, come è accaduto in molti precedenti conclavi, un successore a Wojtyla all’insegna di una voluta discontinuità.

KAROL E I SUOI RAGAZZI.
di Vittorio Messori.
«Ci ha lasciati» non è, per un cristiano, espressione adeguata.
Per la fede, il passaggio all’altra vita di chi ci è caro significa, al contrario, una presenza, una vicinanza assai più vive.
È in questa consapevolezza che, della così ricca personalità del Pontefice defunto ma - stando alla fede - non «scomparso», scegliamo un aspetto tra i molti.
Quello del suo rapporto con le nuove generazioni.
Ho grande rispetto, naturalmente, per l'attendibilità professionale dell’amico «Gioachino», come lo chiamava — con ironia affettuosa — quel nostro compagno comune che era Leonardo Mondadori. So, dunque, che Joaquìn Navarro Valls non parla certo a caso, so che c'è molto in lui della coriacea, austera Spagna visigota che fa di molti iberici i «tedeschi del Sud».
Questo confermato, potrebbe darsi che ci sia qualcosa del «fioretto» edificante nell’interpretazione da lui riferita dei deboli, faticosi suoni proferiti da Giovanni Paolo II sul suo letto di agonizzante e che sarebbero stati rivolti ai giovani: «Vi ho cercati, siete venuti da me, per questo vi ringrazio ». In ogni caso, alla leggenda devota appartiene certamente il biglietto che il Papa sarebbe riuscito a vergare, sempre per i suoi ragazzi, per i suoi Papaboys.
Ma, in fondo, che importa?
Non c'è bisogno di questi estremi episodi per avere conferma di uno degli aspetti che più hanno caratterizzato il pontificato: il rapporto di simpatia, di fiducia, si direbbe quasi di «alleanza» tra lui e i giovani.
In questi giorni, gli accampamenti notturni in piazza San Pietro, il clima di attesa dolorosa e al contempo di gioia sotto il palazzo vaticano, le preghiere fervorose e i canti di speranza sono stati l'ultimo segno di un simile rapporto.
La cosa è ancor più singolare se si riflette sul fatto che, sin da quando non era che un parroco della provincia polacca, don Karol ha attratto i giovani a sé, ne è sempre stato circondato, ma senza cedere in nulla a certo giovanilismo.
Quello del «diamoci tutti del tu», quello delle pacche sulla spalla, quello di un «cattolicesimo alla chitarra» pronto a transigere, a chiudere uno, se non entrambi gli occhi sulle esigenze dell'etica evangelica.
Tutto è stato don Karol, dall'ordinazione sacerdotale sino al supremo pontificato, tutto, tranne che uno di quei preti che, in blue jeans sdruciti e in magliette stazzonate, vogliono essere «come gli altri» e si accontentano che i ragazzi loro affidati seguano la vulgata lassista dominante.
Eppure, proprio qui sta il segreto di un'attrazione altrimenti inesplicabile: i giovani ne sono stati avvinti proprio perché non ha fatto sconti, perché ha annunciato il Vangelo nella sua radicalità, perché ha proposto un ideale arduo sino all'eroismo.
Non un cristianesimo ridotto a innocuo umanesimo, a insipido moralismo politicamente e teologicamente corretto, ma una prospettiva ideale e un sistema di valori in contrasto radicale e militante, se necessario, con quello attuale.
Questa sua pedagogia di accoglienza e insieme di rigore, me la confermò egli stesso, con parole decise, rispondendo a una domanda sulle nuove generazioni in Varcare la soglia della Speranza.
Poche pagine ma intense, dove sembrano risuonare le intuizioni e lo stile di un santo di cui è stato sempre devoto ammiratore.
Di quel don Bosco, cioè, i cui Salesiani hanno avuto subito in Polonia una straordinaria accoglienza e la cui rete di istituti e di oratori ha coperto buona parte del Paese.
Nessuno più del prete di Valdocco sapeva come ottenere l'affetto, la fiducia, la fedeltà dei ragazzi; ma pochi erano, come lui, maestri, confessori, predicatori così inflessibili quando erano in gioco le colonne portanti della morale cattolica.
Allegria e penitenza, spensieratezza e impegno, confidenza e rispetto, canti e, insieme, salmodiare di preghiere.
Una lezione che Wojtyla (che, per un momento, pensò di farsi proprio salesiano) ha colto e ha saputo tradurre in pratica con i risultati che abbiamo potuto constatare sino all'ultimo.
Invece che essere respinti da quel sentore di Vangelo nella sua radicalità, i giovani sono accorsi in massa.
E in modo spontaneo.
È importante sottolineare proprio questa spontaneità, perché è all'origine di un fenomeno sorprendente, che ha assunto dimensioni grandiose e che è stato sinora trascurato dalla sociologia, pur attenta a segni molto minori.
Parlo delle Giornate Mondiali della Gioventù:
«Nessuno le ha inventate, sono stati essi stessi a inventarsele», mi disse il Papa nell'intervista. Aggiungendo:
«Il più delle volte sono state una grande sorpresa per gli educatori, per i sacerdoti, persino per i vescovi. Hanno superato quanto essi si aspettavano».
In effetti, dietro a questi raduni non c'è stato alcun «piano pastorale», nessuna organizzazione dall'alto, neppure la traccia di qualche burocrazia clericale.
Semplicemente, un milione di appartenenti alle nuove generazioni (due milioni, a Roma), di tutti i Paesi e le classi sociali, hanno avvertito il desiderio di mettersi uno zaino in spalla, di montare su un treno o di affidarsi all'azzardo dell'autostop per radunarsi attorno a un uomo anziano secondo l'anagrafe ma che sentivano coetaneo secondo il cuore.
Non è un caso se, nella sua agenda di viaggiatore, cancellati tutti gli spostamenti a causa della malattia che progrediva, era rimasto un solo impegno: la Giornata, ad agosto, di Colonia. Rinuncia a tutto, dunque.
Ma non a questo appuntamento in cui, sino all'ultimo, il suo carisma ha mostrato una forza enigmatica.
Io stesso, lo confesso, ho dovuto ricredermi su questi raduni.
Diffidente verso ogni adunata, soprattutto se «oceanica»; per niente attratto da quel «giovanilismo» di cui dicevo; scettico sulla sempre rinnovata — e sempre delusa—speranza che le nuove generazioni siano diverse e migliori delle precedenti: c'erano tutte le premesse per non entusiasmarmi alla notizia delle prime Gmg, come erano chiamate.
Temevo che fossero poco più che un aspetto di un certo folklore cattolico.
Ho compreso che non era così, che, anzi, si era di fronte all’emergere di un importante fatto religioso quando proprio dei giovani, conoscendo la mia diffidenza, mi mostrarono un documentario girato da essi stessi durante la Giornata che sembrava più a rischio, quella nella scettica Parigi.
Vidi dunque che c'erano sì le chitarre, le tende, i girotondi, le bandiere multicolori; ma c'erano anche le lunghe code — sotto il sole estivo o nel buio della notte—davanti alle sedie dove stavano confessori con la stola violacea, c'era la compunzione evidente con cui quelle masse enormi ricevevano l'eucaristia, c'erano i rosari intonati senza ombra di ipocrisia, almeno per quanto all’uomo è dato di giudicare.
E tutto questo, provocato da un vecchio vestito in modo anacronistico, negli ultimi tempi curvo e appoggiato a un bastone, con la voce intaccata dalla malattia.
Un vecchio che, in quegli spazi enormi, non era che un puntino bianco, quasi indistinguibile, su un palco lontano.
Eppure proprio da lui, da quanto diceva— e che non blandiva affatto ciò che molti giovani vogliono sentire, se si sta a certi miopi pedagoghi — emanava un fascino, una forza che aveva portato lì, spontaneamente, quelle masse.
Seduzione del Vangelo, certo: ma seduzione anche del testimone e interprete di quelle antiche parole.




Categoria
 :.  RITRATTI




pubblicazione: 03/04/2005
aggiornamento: 27/11/2005



galleria immagini (photo gallery) di RITRATTI: "PAPA GIOVANNI PAOLO II.", fotografie prese in di RITRATTI; Soggetto: "PAPA GIOVANNI PAOLO II."
visite totali: 95.102
visite oggi: 1
visite ieri: 7
media visite giorno: 18,29
[c]




 
Schede più visitate in RITRATTI

  1. PAPA GIOVANNI PAOLO II.
  2. Christian Barnard
  3. Ambrogio Fogar
  4. Brigitte Bardot
  5. Frank Sinatra
  6. Raquel Welch
  7. Naomi Campbell
  8. Marilyn Monroe
  9. JOHN FITZGERALD KENNEDY
  10. Silvio Berlusconi
  11. Richard Avedon
  12. Sharon Stone
  13. Addio al maestro della chirurgia plastica.
  14. Giulio Andreotti
  15. Alberto Sordi , l'anima dell'Italia in duecento film.
  16. Addio Luciano
  17. Enzo Biagi : addio al cronista del secolo
  18. Jasser Arafat.
  19. E' morta Oriana Fallaci.
  20. E' morto Francesco Cossiga.

An error occurred on the server when processing the URL. Please contact the system administrator.

If you are the system administrator please click here to find out more about this error.