Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  AMBIENTE Piacenza  :.  Urbanistica  :. Palazzo ex Enel, Italia Nostra torna alla carica e scrive alle Belle Arti
sottocategorie di AMBIENTE Piacenza
 :. PM10
 :. SMOG
 :. Elettrosmog
 :. Viabilità
 :. Urbanistica
 :. Inceneritore
 :. Rifiuti
 :. Teleriscaldamento
 :. Acqua
 :. Fiume PO
 :. Amianto




venerdì
12
agosto
2022
S. Euplo



Palazzo ex Enel, Italia Nostra torna alla carica e scrive alle Belle Arti

Maledetta crisi.
I resti romani sotto palazzo ex Enel valgono almeno 3 milioni di euro.
E l'immobiliare "Campo della Fiera", che non vuol lasciare monco il suo cantiere come troppo spesso accade e intende portare a termine il nuovo palazzo di fronte al Farnese, quei soldi non ce li ha.
I costruttori si sono «guardati in tasca» e arrivano solo a finanziare il progetto del nuovo edificio che vale una decina di milioni.

Hanno dovuto rinunciare invece all'idea originaria di portare alla luce i resti, si è sacrificato un piano e parte dei parcheggi.
Gli scavi, la valorizzazione delle mura romane, le indagini stratigrafiche supplementari costano troppo.

Ecco, in sintesi, quanto riferisce Marco Tirelli, legale rappresentante dell'immobiliare.

Ed è chiaro che, tolti gli scavi, la Soprintendenza ai Beni Archeologici dell'Emilia non avrebbe più competenza sul progetto, che è unico ma ridimensionato nel tempo.

Intanto, dopo le esternazioni della Soprintendenza stessa sul fatto di non essere stata informata che il progetto su cui aveva espresso un parere era mutato, si esprime Italia Nostra per chiedere a gran voce un sopralluogo sul cantiere e verificare come stanno le cose.

Il presidente della sezione piacentina di Italia Nostra, Stefano Antonio Marchesi, ha inviato al Soprintendente di Parma (che inoltrerà la lettera a Bologna) la sua richiesta, richiamando la mobilitazione del fronte ambientalista, insieme a Fai e associazioni varie.
Marchesi contesta le dichiarazioni rilasciate a Libertà da Tirelli là dove dice di essersi attenuto alle valutazioni della Soprintendenza, la quale dichiara di essere all'oscuro delle ultime modifiche progettuali.
La contraddittorietà delle dichiarazioni e il cambio del progetto rendono «necessario, doveroso e improcrastinabile» un sopralluogo e «l'acquisizione di tutta la documentazione amministrativa al fine di valutare la natura - è scritto - e compatibilità degli interventi in fase di realizzazione con la conservazione e valorizzazione del sito archeologico».


A questo sopralluogo Italia Nostra vorrebbe partecipare, come portatrice di un pubblico interesse legittimo. Sarebbe utile. Si attende risposta.
Piacenza, ci spiega a parte Marchesi, «reclama l'interesse alle proprie esigenze di tutela del patrimonio storico-culturale, che troppe volte, nel corso degli anni, è stato disatteso come avvenne negli eclatanti casi della distruzione del Chiostro San Michele e della rimozione del mosaico romano con intombamento dei resti della Chiesa di San Gregorio».
Non solo, Italia Nostra respinge il rilievo economico fatto dall'impresa circa l'apporto di lavoro a favore della comunità, «ben si potrebbe coniugare i diversi interessi, la tutela e valorizzazione del sito archeologico non comporterebbe certo minori opere da realizzarsi».
Patrizia Soffientini
LIBERTA' del 06/08/2014


pubblicazione: 06/08/2014

 18993

Categoria
 :.  AMBIENTE Piacenza
 :..  Urbanistica



visite totali: 1.583
visite oggi: 1
visite ieri: 1
media visite giorno: 0,54
[c]




 
Schede più visitate in Urbanistica

  1. Coop Piacenza 74 : Settanta architetti ridisegnano la città
  2. Porta San Lazzaro, inaugurato il nuovo centro commerciale.
  3. "Dietro la Besurica spunta un quartiere"
  4. Parla la proprietà : "Sull' ex-Acna non ci sono speculazioni".
  5. Un grande parco nell'area dell'ex-Pertite
  6. Beni militari da cedere, l'elenco c'è
  7. Federalismo demaniale, ecco il tesoro dei piacentini
  8. Ex Acna, è ancora alta tensione
  9. Ance (Confindustria) assegna il 1° premio d'architettura
  10. In Via Roma è sempre emergenza.
  11. Ex Acna, intervento urbano.
  12. Ex Unicem, quartiere modello.
  13. Il Comune: in vendita Palazzo Chiapponi e Cà Buschi
  14. Una città zeppa di edifici statali
  15. Un prato in piazza Sant'Antonino
  16. Besurica-bis, la città larga fa discutere
  17. Negozi, palestre e musica nell'ex ospedale militare.
  18. La Procura su palazzo ex Enel: è tutto ok
  19. La fontana gigante di piazzale Torino.
  20. «Frenare la colata di cemento»
  21. Acna, delocalizzazione tramontata
  22. San Sisto, una baia sul Po per far rinascere l'amore tra la città e il suo fiume.
  23. Prg amaro, scosse in maggioranza
  24. Ca' Buschi, il desiderio "proibito"
  25. Berra: «Va rivisto il piano regolatore»
  26. Cà Buschi : Vertice tra Reggi e gli ambientalisti
  27. Ex Acna : la Giunta dà l'ok al piano edilizio di via Tramello.
  28. Reggi e Garilli, pace senza Gelmini.
  29. "La Giunta Reggi si vergogni !! "
  30. Ex macello, esplode la lite di carte bollate
  31. Giù le mani dalla piazzetta dei tigli !!
  32. «Il supermercato in via Cella ci soffocherebbe»
  33. Caso via Manfredi 120.
  34. Come cambia la città, idee a confronto
  35. Villa Serena, il ministero prende tempo

esecuzione in 0,296 sec.