Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  ITALIA Politica  :.  Federalismo - Riforma elettorale.  :. Nuovo Sistema Elettorale ?
sottocategorie di ITALIA Politica
 :. Politica nazionale
 :. Federalismo - Riforma elettorale.
 :. Sistema elettorale
 :. Debito pubblico - Legge finanziaria.
 :. Casa delle Libertà
 :. Partito della Libertà
 :. Uniti nell'Ulivo- L'Unione
 :. Partito Democratico
 :. Ppe
 :. Pensiero liberale
 :. Verso le Elezioni 2008
 :. PdL
 :. Verso la Terza Repubblica
 :. Scelta Civica con Monti per l'Italia




domenica
25
ottobre
2020
San Gaudenzio



Nuovo Sistema Elettorale ?

Con lo sbarramento il Carroccio non sarebbe nato

Da sempre, uno dei principali problemi dei paesi liberi è conciliare la rappresentatività ( e cioè la democrazia) con la governabilità ( e cioè l'efficienza).

Lo strumento cardine è il sistema elettorale: quello proporzionale è più democratico, il maggioritario è più efficiente.
Saggio e intelligente è trovare una via che garantisca rappresentatività e governabilità.

Per decenni la Repubblica italiana ha avuto un sistema proporzionale " perfetto", che ha garantito il rispetto della pluralità delle opinioni ma che, in quanto a stabilità, è stato un vero disastro: 50 governi fra il ' 46 e il ' 94, uno ogni 349 giorni.

Dal cosiddetto " Mattarellum" la governabilità ha tratto giovamento ( per trovare governi più duraturi del Berlusconi 2 si deve risalire a Mussolini) ma la rappresentatività e la democrazia lasciano un po' a desiderare.
Una ventina fra segretari e capataz di partito decidono chi potrà o non potrà entrare in Parlamento.
I collegi uninominali e le liste proporzionali chiuse non lasciano scampo: chi non fa parte del giro non ha alcuno spazio.
Non è dato sapere se gli attuali mali di pancia proporzionalisti di casa Udc siano il risultato di afflati democratici ( i dubbi sono forti) o di curiali manovre di potere: di sicuro essi hanno toccato il punto essenziale della democrazia delegata, quello della reale rappresentatività.
La penisola non ha una luminosa tradizione in questo campo: lo Stato italiano è stato costruito da Parlamenti scelti da meno del 2% della popolazione, un numero appena triplicato con le riforme Zanardelli.
Si veniva eletti con pochissimi voti e i prefetti facevano generosamente la loro parte.
Fino al ' 46 le donne non votavano.

Per comprensibile reazione ( e per altrettanto giustificata preoccupazione per il rispetto
dell'opinione popolare) si è passati a un sistema di minuziosa contabilità delle diverse opinioni e formazioni politiche, garantita dalla possibilità di esprimere per la Camera ben cinque preferenze.

Un bengodi che è stato cancellato da un referendum quando si è preso atto - un po' troppo tardi - che veniva usato per controllare i voti: oggi basta un telefonino a fotografare la scheda e non servono più complicate alchimie numeriche.

Come spesso succede nel Belpaese, si è però passati all'eccesso opposto: in nome della stabilità oggi non si sceglie più un bel niente, si ratificano scelte fatte da altri o - al massimo - a esprimere la preferenza per uno dei bei tomi che ci si trova sulla scheda.
Per blindare ancora di più il sistema si vuole conservare anche lo sbarramento del 4%.

Qualcuno si è però accorto - sempre un po' in ritardo - che il maggioritario non ha reso grandi servizi alla qualità del governo, non ha placato la rissosità, nè diminuito il numero di partiti e partitini, e ci ripropone il proporzionale mantenendo però lo sbarramento, quasi che la governabilità sia un feticcio cui sacrificare la libertà di opinione.
Lo sbarramento però puzza tanto di arroccamento, di difesa di " diritti acquisiti" che nell'Italia delle false pensioni e dei condoni sembrano essere i soli a essere garantiti.
Con lo sbarramento si impedisce la nascita di nuove formazioni e quindi di concorrenti indesiderati alla corsa verso i posti a sedere.
Con lo sbarramento le minoranze vengono escluse, le formazioni ( e le istanze) locali sono messe a tacere, con lo sbarramento non sarebbe mai nata la Lega ( con una perdita secca in quoziente di democrazia) o non sarebbero sopravvissuti per decenni partitini come quello repubblicano e liberale ( anch'essi segni - sia pur meno evidenti - di libertà).

Più saggio sembra perciò riconoscere un premio ( è sempre meglio dare che togliere) evitando però di reintrodurre liste chiuse che alla fine riportano il potere alle Segreterie dei partiti.
Insomma, salta fuori che la Legge Truffa del ' 52 non era poi così malaccio e che De Gasperi era un gigante rispetto ai suoi colleghi odierni.
Cosa su cui nessuno ha mai avuto dubbi.

GILBERTO ONETO, Libero del 30 settembre 2005


pubblicazione: 30/09/2005

Vota Antonio.... (Totò in Antonio La Trippa) 7826
Vota Antonio.... (Totò in Antonio La Trippa)

Categoria
 :.  ITALIA Politica
 :..  Federalismo - Riforma elettorale.



visite totali: 2.855
visite oggi: 1
visite ieri: 0
media visite giorno: 0,51
[c]




 
Schede più visitate in Federalismo - Riforma elettorale.

  1. RIFORMA COSTITUZIONALE
  2. Devolution, sì del Senato.
  3. Sì della Camera al Senato federale.
  4. RIFORMA COSTITUZIONALE : novità e punti chiave.
  5. DEVOLUTION
  6. IL FEDERALISMO
  7. LA RIFORMA COSTITUZIONALE.
  8. Lite nella Quercia dopo il voto sulle riforme.
  9. Il proporzionellum aumenterà i partiti
  10. Con il nuovo sistema la Casa delle libertà resta maggioranza.
  11. Sistema elettorale : maggioritario o proporzionale ?
  12. Nuovo Sistema Elettorale ?
  13. Ciampi frena la nuova legge elettorale ?
  14. Il federalismo fiscale è legge
  15. Riforme, via libera della Camera alla devolution
  16. LA DEVOLUTION E' DIVENTATA LEGGE.
  17. L'indebolimento della politica
  18. Proporzionale, l'Udc ritira l'emendamento.
  19. Torna il sistema elettorale proporzionale
  20. Camera, approvata la Devolution
  21. Nuova Legge Elettorale.
  22. Il testo della bozza Bianco di riforma elettorale
  23. LEGGE ELETTORALE : ECCO LA NUOVA BOZZA

esecuzione in 0,078 sec.