Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  ITALIA Politica  :.  Politica nazionale  :. Nasce "Futuro e libertà per l'Italia"
sottocategorie di ITALIA Politica
 :. Politica nazionale
 :. Federalismo - Riforma elettorale.
 :. Sistema elettorale
 :. Debito pubblico - Legge finanziaria.
 :. Casa delle Libertà
 :. Partito della Libertà
 :. Uniti nell'Ulivo- L'Unione
 :. Partito Democratico
 :. Ppe
 :. Pensiero liberale
 :. Verso le Elezioni 2008
 :. PdL
 :. Verso la Terza Repubblica
 :. Scelta Civica con Monti per l'Italia




mercoledì
20
novembre
2019
Sant'Ottavio solutore ed avventore



Babele moda - abbigliamento on line
Babele Arte - galleria di artisti da tutto il mondo
BabeleCase - database di annunci immobiliari
itinerari turistici
Babele Info  - motore di ricerca d'arte


Nasce "Futuro e libertà per l'Italia"

L'esercito di Fini: 33 deputati e 10 senatori

Il giorno dopo la formalizzazione della rottura con Pdl è il momento della conta.

Sarebbero 33 deputati, oltre allo stesso Gianfranco Fini, e 10 senatori il primo embrione di «Futuro e libertà per l'Italia», il nuovo gruppo parlamentare in cui sono confluiti i finiani di fatto epurati o autonomamente fuoriusciti dalle fila del Pdl.

I numeri sono ancora da confermare (i senatori, ad esempio, potrebbero arrivare addirittura a 14), ma ci sarebbero le condizioni per formare gruppi autonomi in entrambi i rami del Parlamento.
Anche al Senato, dopo l'annunciata adesione di Adriana Poli Bortone e Giovanni Pistorio, sarebbe infatti stato raggiunto il numero minimo di membri richiesto dai regolamenti per la costituzione di una entità indipendente.

Quello della Camera è stato costituito già in giornata.
Per il Senato, invece, ci sarà tempo ancora una settimana.

Ma chi sono i parlamentari finiani?
Molti di loro hanno voluto mostrarsi alla stampa nel corso della dichiarazione fatta alla stampa da Fini all'Hotel Minerva.
Tra i deputati e senatori c'erano, in prima fila, Carmelo Briguglio, Italo Bocchino e Fabio Granata, i tre deputati deferiti ieri dall'ufficio di presidenza del Pdl e il cui ingresso nel nuovo gruppo era scontato.
Accanto a loro l'ex radicale Benedetto Della Vedova, Adolfo Urso, Roberto Menia, Ida Germontani, Maria Grazia Siliquini, l'ex direttrice del Secolo Flavia Perino, l'ex presidente della provincia di Roma Silvano Moffa, e altri ancora nelle seconde e terze file.

Questa in ogni caso la composizione iniziale del gruppo a Montecitorio, secondo quanto annunciato in aula dal presidente di turno Maurizio Lupi:
Italo Bocchino,
Carmelo Briguglio,
Fabio Granata,
Enzo Raisi,
Luca Barbareschi,
Francesco Proietti Cosimi,
Francesco Divella,
Antonio Buonfiglio,
Claudio Barbaro,
Maria Grazia Siliquini,
Flavia Perina,
Angela Napoli,
Luca Bellotti,
Aldo Di Biagio,
Antonino Lo Presti,
Giuseppe Scalia,
Giorgio Conte,
Benedetto Della Vedova,
Adolfo Urso,
Mirko Tremaglia,
Alessandro Ruben,
Andrea Ronchi,
Donato Lamorte,
Giulia Bongiorno,
Catia Polidori,
Carmine Santo Patarino,
Giulia Cosenza,
Silvano Moffa,
Roberto Menia,
Gianfranco Paglia,
Giuseppe Angeli,
Giuseppe Consolo,
Souad Sbai.

Al Senato, con Fini potrebbero schierarsi oltre a Pistorio anche altri due esponenti dell’Mpa e almeno un ex azzurro per ora tenuto ’coperto’.
I membri del partito di Raffaele Lombardo che potrebbero partecipare all’esperienza finiana a Palazzo Madama sarebbero dunque Giovanni Pistorio, Vincenzo Oliva e Sebastiano Burgaretta.
La pattuglia finiana dovrebbe poi contare su Franco Pontone, Maurizio Saia, Giuseppe Valditara, Mario Baldassarri, Maria Ida Germontani, Egidio Digilio, Giuseppe Menardi e Pasquale Viespoli. Ancora in bilico sarebbero invece Andrea Augello (in queste ore in stretto contatto con Gianni Alemanno e orientato a non prendere parte all’esperienza) Laura Allegrini e Oreste Tofani.
Verso il no, invece, Cesare Cursi, Antonio Paravia e Candido De Angelis.

Il Pdl contava fino ad oggi su 271 deputati, secondo quanto riportato dal sito Internet della Camera , che scenderebbero a circa 240 se si confermasse la diaspora di una trentina di finiani. Considerato che gli alleati della Lega Nord contano 59 deputati, il rimanente Pdl più la sola Lega Nord non riuscirebbe a raggiungere la maggioranza assoluta a Montecitorio, che è di 316 deputati.

Di vitale importanza per il governo, se volesse fare a meno dei finiani, diventerebbe quindi confermare ed eventualmente ottenere nuovi consensi nel gruppo Misto, che comprende 31 deputati.
Di questi otto sono del partito di Francesco Rutelli, Alleanza per l'Italia; sei del Partito liberale italiano, tre dei Repubblicani regionalisti, 4 dei Liberal democratici, 5 del Movimento per le Autonomia e 3 delle minoranze linguistiche.
Ci sono infine due deputati non iscritti ad alcuna componente.
L'Mpa ed altri 5 deputati del misto hanno finora sostenuto il governo.

Al Senato attualmente il Pdl conta 145 aderenti. La maggioranza può contare anche su 26 leghisti e su 3 aderenti all'Mpa per un totale di 171 senatori su una maggioranza assoluta, al netto dei senatori a vita, di 158 voti.
I finiani qui dovrebbero essere tra i 10 e i 14.


Proprio i numeri della nuova maggioranza che si creerebbe con l'uscita dei finiani dal Pdl, avrebbe spinto il premier a tentare la carta Udc.
A quanto si apprende, Berlusconi avrebbe preso visione di una lista di deputati e senatori centristi con note a margine per valutare chi di loro sia più «suscettibile» di un addio al gruppo di Pier Ferdinando Casini.
Tra i parlamentari contattati dal premier ci sarebbero Renzo Lusetti, già transfugo in questa legislatura dal Pd all’Udc, e la senatrice Dorina Bianchi, anche lei eletta con il Pd e poi tornata in questa legislatura con i centristi.
Il tentativo di Berlusconi tuttavia, riferiscono fonti centriste, non avrebbe avuto successo.
Attraverso il portavoce Udc Antonio De Poli denuncia l'«indecente campagna acquisti» in corso un queste ore in Parlamento.


pubblicazione: 30/07/2010

 16349

Categoria
 :.  ITALIA Politica
 :..  Politica nazionale



visite totali: 3.036
visite oggi: 2
visite ieri: 1
media visite giorno: 0,89
[c]




 
Schede più visitate in Politica nazionale

  1. CAPOLINEA PER ROMANO PRODI
  2. Marini e Bertinotti presidenti di Senato e Camera.
  3. L'Unione si conferma a Roma, Napoli e Torino. Sicilia e Milano alla Cdl
  4. Liberalizzazioni, via libera al decreto Bersani
  5. Brunetta: visita fiscale anche dopo un solo giorno di malattia
  6. Bossi: «Tornano i vecchi Dc. Bisogna prenderli a legnate»
  7. Nasce il governo Prodi
  8. STANGATA BOLLI AUTO
  9. Piero Fassino al telefono con Giovanni Consorte.
  10. Bufera Lega Nord , Umberto Bossi si è dimesso.
  11. PRODI IN SENATO
  12. Bankitalia boccia l'Opa di Unipol verso Bnl.
  13. Nasce "Futuro e libertà per l'Italia"
  14. I Ds recuperino libertà di giudizio.
  15. La dichiarazione dei redditi dei politici italiani
  16. Il Cav. pensa al voto in primavera ma teme l’effetto Prodi al Senato
  17. Con il pari, sì alla Grande Coalizione
  18. Berlusconi: «Inesistente mia scalata su Rcs»
  19. Ciampi boccia la legge sull'inappellabilità
  20. La manovra dell’Unione falcia il ceto medio
  21. Bollo sui Suv: non è chiaro chi lo pagherà
  22. «Elettori scippati al Pd che non si è rinnovato»
  23. Uno su quattro non vota più il Pdl
  24. Napolitano affida l’incarico a Enrico Letta
  25. Con l'indulto 12mila carcerati in libertà
  26. Bossi: «Molto difficile andare avanti così»
  27. "Così è una stangata iniqua invotabile"
  28. BERLUSCONI : ABOLIREMO L'ICI SULLA PRIMA CASA.
  29. IL CORRIERE DELLA SERA SI SCHIERA CON PRODI.
  30. Il governo incassa la fiducia: 342 sì
  31. PARMA : L'inaugurazione ufficiale della sede dell'Authority alimentare
  32. Duello in tv Berlusconi-Rutelli.
  33. Nuovo Psi, scissione e 2 segretari.
  34. Governo, sì della Camera alla fiducia
  35. Alitalia, via libera al salvataggio

esecuzione in 0,265 sec.