Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  UNIVERSO  :. Meteore
categorie
 :. FILIBERTO PUTZU, politica
 :. COMUNE di PIACENZA
 :. POLITICA Piacenza
 :. ECONOMIA Piacenza
 :. AMBIENTE Piacenza
 :. VARIE Piacenza
 :. SANITA' Piacenza
 :. PIACENZA A COLORI
 :. PIACENZA TIPICA
 :. RITRATTI
 :. DIOCESI di PIACENZA
 :. PRIMO PIANO
 :. ITALIA Politica
 :. ITALIA Società
 :. ITALIANI
 :. TRACCE
 :. SALUTE
 :. DR.PUTZU, medicina generale
 :. DR.PUTZU, Estetica Medico-Chirurgica
 :. BEAUTY
 :. ARTE
 :. STORIA
 :. SPORT
 :. MUSICA
 :. Max Altomonte DJ
 :. CINEMA-TV
 :. MODA
 :. TENDENZE
 :. GLAMOUR
 :. GOSSIP & C.
 :. Bacco,Tabacco & Venere
 :. MONDO
 :. UNIVERSO
 :. VIAGGIARE
 :. CUCINA
 :. E-COMMERCE
 :. Les Charlatans
 :. Monitor




domenica
23
gennaio
2022
Beato Enrico Susone



Meteore


Le stelle cadenti sono l'effetto visivo dell'entrata a grande velocità (alcune decine di km/sec) negli strati più esterni dell'atmosfera di piccoli meteoroidi, che la Terra incontra nel suo orbitare attorno al Sole.

A 90-120 km di altezza questi corpuscoli si surriscaldano per attrito con l'aria e ne ionizzano i gas, fino a diventare meteore luminose.

Le particelle in questione sono quasi tutte residui della disintegrazione progressiva di comete.
Su mille meteore, solamente 2-3 hanno invece origine asteroidale.

I corpuscoli, staccatisi dal corpo-madre, si disperdono nelle sue vicinanze, e col passare del tempo si distribuiscono lungo tutta l'orbita di questo, mantenendo parametri orbitali molto simili, che lentamente vengono influenzati dalla radiazione solare e dalle perturbazioni planetarie.

Solamente una corrente di detriti cometari che passi sufficientemente vicina all'orbita terrestre crea al suo contatto con l'atmosfera i presupposti per uno sciame più o meno ricco di stelle cadenti.

Questo è un fenomeno che dura un certo intervallo di tempo e la cui intensità dipende dalla densità della nube meteorica incontrata.
Lo sciame può essere più o meno largo e avere un'orbita più o meno inclinata sul piano orbitale terrestre, per cui il tempo impiegato dalla Terra per attraversarlo varierà da poche ore (o addirittura minuti) a molti giorni.

Osservare meteore significa perciò stabilire la densità spaziale dei meteoroidi e stabilire il momento in cui la Terra ne incontra il numero maggiore.

La luminosità delle meteore dipende dalla velocità di ingresso nell’atmosfera , e dalla massa delle particelle cometarie, per cui la distribuzione delle luminosità osservate è indicativa della reale consistenza dello sciame.

Le particelle sono molto piccole, come "teste di spillo", di dimensioni di pochi millimetri. Una corrente meteorica tende nel tempo a distribuirsi lungo l'orbita in maniera sempre più omogenea, staccandosi dal corpo d'origine. Ci sono sciami che si ripresentano ogni anno e altri solo occasionalmente o con una quantità di meteore variabile.


QUANDO OSSERVARE


Le comete sono presenti in ogni momento dell'anno, a caso nel tempo, per cui è ovvio che le correnti meteoriche possono essere incontrate dalla Terra durante tutto l'anno. Per di più esistono meteoroidi casuali, non associati a sciami, che contribuiscono all'effetto di "sporadic pollution" (1-2 meteore/ora) presente tutto l'anno.

Il periodo estivo è certo più comodo, non a caso le piogge meteoriche estive sono meglio studiate, ma d'altro canto nei periodi invernali il numero delle ore di oscurità è maggiore.

Il disturbo lunare rappresenta una variabile fortemente condizionante, dato che influisce drasticamente sulla luminosità limite visibile.
La Luna Piena riduce il numero delle meteore osservabili di quasi 10 volte.
Poco senso avrà osservare con cieli chiari dove non siano osservabili stelle di almeno la 5a magnitudine, dato che così saranno percepite solamente le meteore più brillanti.


COME OSSERVARE

Nel caso delle meteore, osservazione visuale significa a occhio nudo.
L'occhio umano dilata nell'oscurità la sua pupilla a diametri di circa 7-8 mm e permette di osservare nel miglior caso stelle di 6a-7a magnitudine.

Ciò avviene ovviamente se il sito è lontano dalle luci cittadine e comunque privo di inquinamento luminoso.

I meteoroidi più consistenti nella massa producono le stelle cadenti che vediamo, ma quelli più esigui producono meteore che possono essere viste solamente con un telescopio o rivelate via radio.

Per cogliere le stelle cadenti più deboli si richiedono attenzione, una buona percezione e riflessi.

Non è un problema solamente di magnitudine limite del sito osservativo, ma anche di percezione nel campo di vista. Se l'occhio osserva giusto in un punto fisso percepisce stelle, e quindi meteore, di luminosità più debole. Se si muove, aumentando il campo di visione, percepisce solamente quelle più luminose.

Il campo di vista deve essere il più libero possibile, sufficientemente alto sull'orizzonte (50-70 gradi) e non ostacolato da alberi o case in vicinanza, né tanto più da cumuli nuvolosi passeggeri.
Esso comunque non è a tutto cielo ma, ad occhio fermo, è all'interno di un cerchio di poco superiore ai 50 gradi di raggio.
L'osservatore percepisce all'interno di quest'area quasi il 99% delle meteore visibili.

Chi osserva deve operare da solo, in maniera indipendente, e non in gruppo con altri.






pubblicazione: 13/08/2004
aggiornamento: 16/08/2004

Cometa Neat 3338
Cometa Neat
Cometa Tabur 3339
Cometa Tabur

Categoria
 :.  UNIVERSO



visite totali: 5.142
visite oggi: 3
visite ieri: 0
media visite giorno: 0,80
[c]




 
Schede più visitate in UNIVERSO

  1. 1969 : lo sbarco sulla luna.
  2. Titano
  3. La sonda Cassini invia nuove foto da Saturno
  4. Saturno
  5. Scoperto il primo pianeta fuori dal sistema solare.
  6. Phobos, la luna di Marte
  7. Su Marte possibili forme di vita.
  8. Meteore
  9. Annuncio Nasa: caccia agli asteroidi da Erice
  10. Pianeta? Asteroide? Per ora «2003 UB313»
  11. Captato segnale spaziale, forse di origine aliena
  12. Una Terra nella costellazione del Cancro
  13. Plutone non è più un pianeta
  14. La Terra parla e la sua voce nasce dagli oceani.
  15. Scoperto un «sistema solare» simile a quello della terra
  16. La Nasa cerca astronauta-salvamondo
  17. Usa: si accende il telescopio per captare gli alieni
  18. Cina: partito il razzo diretto alla Luna
  19. La Terra rischia lo scontro con un asteroide nel 2036, pronta missione russa
  20. 10 agosto : la notte di San Lorenzo
  21. Le tempeste solari e i violini di Stradivari
  22. "Top ten" della scienza 2009 ed i goals dell'astronomia.
  23. I russi pronti a lanciare l'operazione per evitare lo scontro Apophis -Terra

esecuzione in 0,125 sec.