Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  VARIE Piacenza  :.  SOCIALE  :.  Scuola  :. Mense self-service per i bambini ???
sottocategorie di SOCIALE
 :. Scuola
 :. Famiglia
 :. Disabilità
 :. Quartieri
 :. Sicurezza
 :. Immigrazione
 :. Animali




sabato
4
dicembre
2021
San Saba



Mense self-service per i bambini ???

La replica dell'assessore alla scuola Giovanna Calciati.

Sul tema delle mense scolastiche “self-service” mi sembra che gli articoli pubblicati ieri da “Libertà” esigano alcune precisazioni. Innanzitutto l'organizzazione e la qualità del servizio refezioni scolastiche del Comune di Piacenza non è mai stata né è in discussione. Nessuno degli addetti al servizio verrà licenziato (il tavolo di confronto con i sindacati verrà convocato al più presto), il numero degli utenti è aumentato (e, quindi, la spesa non è certo diminuita), gli alimenti cucinati saranno quelli previsti dal capitolato d'appalto (75% biologici con pane fresco tutti i giorni), i menu continuano ad essere quelli dettati dalle dietiste dell'Ausl. Il servizio, inoltre continua ad essere soggetto al controllo, oltre che degli enti preposti (Ausl, Arpa e altri), anche degli utenti attraverso le Commissioni mensa (una per ogni plesso scolastico delle quali fanno parte 2 genitori e 2 insegnanti designati dai competenti organi collegiali delle scuole). Grazie al funzionamento di queste Commissioni (istituite lo scorso anno scolastico) sono state apportate ulteriori migliorie al servizio. Inoltre molte Commissioni hanno avanzato al Comune richieste finalizzate ad introdurre modalità di funzionamento del servizio più coinvolgenti e responsabilizzanti per le bambine ed i bambini. Progetti di vera e propria educazione alimentare che consentissero di ridurre gli avanzi e di far apprezzare maggiormente ai piccoli utenti la qualità e la varietà degli alimenti loro offerti. Per ciò che concerne il “serviti da te” ecco i fatti: l'idea del self-service nasce da una visita della responsabile del servizio refezioni scolastiche presso alcune mense di scuole elementari di altri comuni, alla ricerca di esperienze innovative, richieste come prima dicevo dalle stesse Commissioni mensa al fine di migliorare ulteriormente la qualità del servizio. Lo scetticismo conseguente all'idea astratta che il nome “self-service” generalmente evoca si è scontrato con la realtà: in una mensa con più di 300 utenti i bambini hanno tempi di attesa più ridotti rispetto a quelli del servizio al tavolo (la “coda” di ciascuna classe non dura più di 2 minuti) e il refettorio risulta meno rumoroso. Ogni bambino con gli alimenti cotti dalle cuoche e serviti dalle ausiliarie della sua scuola si avvia con il vassoio al proprio posto, mangia conversando con i compagni di tavolo ed alla fine ripone, separandoli, gli avanzi, le stoviglie, il vassoio. L'idea che ne ha ricavato la responsabile del servizio è quella di un'esperienza che, adattata alla nostra realtà, si potrebbe riproporre in via sperimentale in una delle nostre mense: se i diversi protagonisti saranno d'accordo. Viene quindi interpellata la dirigente scolastica della scuola “Vittorino da Feltre” e si delineano i passaggi della condivisione del progetto: il primo punto è che la Commissione mensa della scuola possa rendersi conto direttamente dell'esperienza che si vuole proporre; occorre quindi progettare una visita ad una delle mense che hanno adottato nuove forme di distribuzione degli alimenti (con ogni probabilità il vicino comune di Corsico) assieme alla Commissione. Se il riscontro sarà positivo, si progetterà l'aspetto organizzativo, se ne discuterà con tutti gli interessati e si realizzerà una sperimentazione di alcune settimane. Dopo si valuterà se proseguire o meno. Attualmente il Comune è nella fase della programmazione, congiuntamente alla scuola ed alla sua Commissione mensa, della visita conoscitiva. Nessuno è in grado di dire cosa succederà dopo. Ho letto che altri si sono già scatenati in polemiche, criticando vivacemente ciò che nessuno (a partire dalla responsabile del servizio e dall'assessore) conosce. Una polemica, dunque, nata in attesa di sapere cosa, sulla base di tutti gli elementi a disposizione, il Comune insieme alla scuola interessata ed alla Commissione mensa decideranno di fare. Giovanna Calciati assessore alle politiche scolastiche e dell'infanzia del Comune di Piacenza


26/10/2004


pubblicazione: 26/10/2004

Una sorridente Giovanna Calciati 4486
Una sorridente Giovanna Calciati

Categoria
 :.  VARIE Piacenza
 :..  SOCIALE
 :...  Scuola



visite totali: 3.856
visite oggi: 1
visite ieri: 3
media visite giorno: 0,61
[c]




 
Schede più visitate in Scuola

  1. Il “Gioia” star del Costanzo Show
  2. " Asili nido, più equità negli accessi "
  3. "Taverna, multietnica e discriminata"
  4. Crocefisso in aula, tutti d'accordo
  5. Asili nido, più equità negli accessi
  6. Mense self-service per i bambini ???
  7. «Meno casi difficili nelle nostre classi». E fu polemica
  8. "Una nuova palazzina per il liceo Respighi"
  9. Edilizia scolastica bocciata in ecologia
  10. Salmonellosi, ai carabinieri prime denunce di genitori
  11. Salmonella, sono trenta i bambini contagiati
  12. In aula i figli degli immigrati.
  13. La scuola deve andare nel palazzo Enel
  14. Errore di comunicazione a Legambiente
  15. Trasloco in vista per la media Nicolini
  16. Asili, orario prolungato fino alle 18 garantito dai dipendenti comunali
  17. Il Nicolini? Vada al San Vincenzo.
  18. Scuola elementare Taverna, a rischio la prima classe
  19. Salmonella a Piacenza, ritirati i salumi sotto accusa
  20. Materne, fuori dalla porta 350 bimbi
  21. La scuola di Mucinasso chiede risposte.
  22. «Siamo una scuola con una proposta educativa autentica»
  23. Sgridata dalla maestra minaccia: "Mio padre nell'Isis, fa saltare la scuola"

esecuzione in 0,186 sec.