Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  VIAGGIARE  :.  Bel paese  :. MARMOLADA
sottocategorie di VIAGGIARE
 :. Bel paese




sabato
21
settembre
2019
San Matteo, Apostolo ed Evangelista



Babele moda - abbigliamento on line
Babele Arte - galleria di artisti da tutto il mondo
BabeleCase - database di annunci immobiliari
itinerari turistici
Babele Info  - motore di ricerca d'arte


galleria immagini  MARMOLADA
  Grande Guerra in Marmolada, La "Città di Ghiaccio"
La Marmolada (1) Sass Dodici (2) Il fronte del ghiacciaio tra Sass Undici e Sass Dodici (3) Il fronte del ghiacciaio (4)
La Marmolada (pic 1) Sass Dodici (pic 2) Il fronte del ghiacciaio tra Sass Undici e Sass Dodici (pic 3) Il fronte del ghiacciaio (pic 4)
Resti affioranti di baracche austriache (5) Marmolada, agosto 2003 (6) La Città di Ghiaccio (7) Il tenente Leo Handl (8)
Resti affioranti di baracche austriache (pic 5) Marmolada, agosto 2003 (pic 6) La Città di Ghiaccio (pic 7) Il tenente Leo Handl (pic 8)
Battaglione d'assalto dei Kaiserschutzen tirolesi (9) Cecchino austriaco, 1917 (10) Alpini italiani su cresta Serauta, 1916 (11) Maschera antigas austriaca (12)
Battaglione d'assalto dei Kaiserschutzen tirolesi (pic 9) Cecchino austriaco, 1917 (pic 10) Alpini italiani su cresta Serauta, 1916 (pic 11) Maschera antigas austriaca (pic 12)
Piastrino di riconoscimento con Karltruppenkreuz e Bronzene Tapferkeitsmedaille. (13)
Piastrino di riconoscimento con Karltruppenkreuz e Bronzene Tapferkeitsmedaille. (pic 13)
La guerra combattuta sulla Marmolada è un esempio assolutamente particolare di "guerra bianca".

Infatti l'alta quota, la presenza del ghiacciaio, e la sostanziale staticità delle linee dei due schieramenti contrapposti portarono da parte austriaca a realizzare una vera e propria città sotto e dentro il ghiacciaio, e da parte italiana nella roccia viva.

Il confine pre-guerra attraversava il ghiacciaio e manteneva le principali cime (Penìa, Rocca, Sass delle Undici e Sass delle Dodici) in mano austriaca, poi attraversava la valle all'altezza del Passo Fedaia e risaliva verso Passo Padòn.
Le truppe italiane occuparono e si attestarono sulla Cresta Seràuta, facendo di Forcella Seràuta un munitissimo caposaldo in roccia.

La conca ghiacciata tra la cresta Seràuta, la Marmolada di Ombretta e il Sass delle Undici, fu terreno di combattimenti e prima linea del fronte dal maggio del 1915 al novembre del 1917.
Una rete di gallerie scavate nella profondità del ghiacciaio dagli Austriaci ( la "Città di Ghiaccio") collegava la stazione di arrivo della grande teleferica stesa tra Col de Bous, con tutte le posizioni avanzate dei Sass Dodici e Undici e di Forcella a V.

La lotta vide ripetuti tentativi delle truppe italiane di occupare la cresta di vetta.
Solo nell'estate del 1917 con la costruzione di gallerie, gli italiani riuscirono a conquistare in parte le postazioni di Forcella V.
Al momento della ritirata conseguente ai fatti di Caporetto, le posizioni italiane comprendevano , oltre a Cresta Seràuta, le quote 3065 e 3135, dominanti la Forcella Seràuta e il fondo della Forcella a V, mentre un caposaldo austriaco resisteva sulla spalla della forcella verso l'Ombretta.
Nei pressi di quest'ultima posizione, avvennero diversi fatti di guerra di mine e in uno di questi episodi perse la vita, assieme a 15 commilitoni del 51° Reggimento Fanteria, sepolto in una galleria franata, il Tenente Flavio Rosso, medaglia d'argento al valor militare.
A Novembre 1917, le posizioni così duramente conquistate, dovettero essere abbandonate.


La "Città di Ghiaccio" era un complesso di gallerie con depositi, cucine, dormitori per uno sviluppo complessivo di 12 Km .
Fu progettata dal tenente e ingegnere Leo Handl con lo scopo di riparare i soldati austro-ungarici sia dal fuoco nemico che dal freddo, dalla neve e dalle valanghe.
Aveva gallerie e sale dormitorio capaci di contenere fino a 70 uomini, illuminate dalla corrente elettrica proveniente da Canazei e fornita da una centrale a vapore.
La vita sotto il ghiaccio permetteva di evitare le rigidissime temperature esterne (fino -30° gradi C).
Infatti nelle gallerie la temperatura poteva variare dai +3°ai +5° d'inverno, scendendo a 0° durante l'estate.
Tuttavia l'aria era spesso resa irrespirabile dal fumo delle stufe (nonostante un ingegnoso sistema di ventilazione il fumo ,raffreddandosi, spesso ritornava indietro nei camini) e forte era l'umidità specie in estate.
Inoltre i baraccamenti e le stanze dovevano essere continuamente modificati a causa del movimento lento ma incessante del ghiacciaio che le stritolava come in una potentissima morsa. Complessivamente però la costruzione della "Città di ghiaccio" rappresentò una geniale soluzione che consentì la sopravvivenza a molti kaiserschutzen.

Abbandonata nel novembre del 1917, probabilmente già nei primi anni '20 non esisteva più.
A causa del costante ritiro del ghiacciaio, la Marmolada dopo aver gelosamente conservato praticamente intatto per decenni il materiale lasciato dai militari , permette ora il rinvenimento di vari cimeli, molti dei quali sono esposti nei due Musei della Marmolada: al Passo Fedaia e alla Punta Serauta.




Trovate ossa umane in Marmolada
03/09/2002
Marmolada, spuntano le ossa di fanti italiani. Lo scioglimento del ghiacciaio porta alla luce nuovi resti umani.

E' stata forse individuata nella Città di ghiaccio austro-ungarica, sulla Marmolada, a 3000 metri di quota, la tomba dei 15 fanti italiani fatti saltare in una galleria da una mina austriaca il 26 settembre 1917.
La scoperta è stata fatta durante un sopralluogo sotto Forcella a"Vu", dove esisteva la galleria italiana. In un profondo crepaccio e' stato individuato un cumulo di ossa presumibilmente umane: potrebbero essere di uno dei 15 fanti morti lassù, nella ormai lontana azione di guerra di mine italo-austriache.
Poco distante emergono i resti di 4 baracche austriache della mitica Città di ghiaccio. E' probabile che nello stesso lungo crepaccio, o nelle immediate vicinanze, siano sepolti i corpi o i resti degli altri fanti travolti dall'esplosione della mina e poi sommersi dalla neve per 85 anni. Il ritiro del ghiacciaio ha portato alla luce nuove trincee e crepacci che furono teatro di battaglie in guerra.
Il crepaccio dal quale sono affiorate le ossa, corre parallelo alla pista da sci "La Bellunese" nel tratto più elevato e puo' essere agevolmente raggiunto con l'intervento di un gatto delle nevi. Solo la stagione ormai avanzata potrebbe costituire un ostacolo per il tentativo di recupero delle ossa: in questo periodo una nevicata non e' insolita a 3000 metri di quota.


UN GIRO SUL GHIACCIAIO
Procuratevi imbragatura, piccozza, ramponi e corda di sicurezza con moschettoni.
Se non possedete i ramponi, potete affittarli da "Amplatz" a Canazei.
A Passo Fedaia (2074 mt) prendete la bidonvia che vi porterà a Pian dei Fiacconi (2626 mt) con l'omonimo Rifugio.
Con un breve sentiero a scalini si raggiunge Capanna al Ghiacciaio (2700 mt).
A questo punto dirigetevi a sinistra verso la prima cresta di roccia (Sass Dodici).
Noterete alla sua base sfasciume e resti di baraccamenti. Sono i resti di posizioni austriache.
Superatelo e dirigetevi verso la seconda cresta rocciosa, Sass Undici.
Ora siete davanti al fronte del ghiacciaio.
Guardando verso l'alto in cresta riconoscerete la Forcella a V.
La "città di ghiaccio" era compresa grosso modo nel triangolo compreso tra tra la linea immaginaria che unisce Sass Undici a Forcella V, e da questa va a Sass Dodici.
Calzate i ramponi, assicuratevi e buona ricerca.....





link esterni al sito
La città di ghiaccio
La Grande Guerra 1915-18

Categoria
 :.  VIAGGIARE  :..  Bel paese




pubblicazione: 31/08/2004
aggiornamento: 07/02/2010



galleria immagini (photo gallery) di VIAGGIARE Bel paese: "MARMOLADA", fotografie prese in di VIAGGIARE Bel paese; Soggetto: "MARMOLADA"
visite totali: 92.714
visite oggi: 6
visite ieri: 2
media visite giorno: 16,85
[c]




 
Schede più visitate in Bel paese

  1. MARMOLADA
  2. Estate a Passo San Pellegrino
  3. Ferragosto in giro
  4. Pasta e fagioli alla veneta
  5. VIAREGGIO
  6. Ostuni
  7. POSITANO
  8. Pesca alla trota , Provincia di Cuneo, Alpi Marittime
  9. Villa San Michele ad Anacapri.
  10. Napoli, riapre dopo 25 anni il cimitero delle Fontanelle
  11. La Notte della Taranta
  12. A caccia di tartufo in Piemonte .
  13. Pantelleria festeggia il passito
  14. A Capri in settembre
  15. Palermo in 48 ore : toccata e fuga.

esecuzione in 0,265 sec.