Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  ITALIA Politica  :.  Politica nazionale  :. Marini e Bertinotti presidenti di Senato e Camera.
sottocategorie di ITALIA Politica
 :. Politica nazionale
 :. Federalismo - Riforma elettorale.
 :. Sistema elettorale
 :. Debito pubblico - Legge finanziaria.
 :. Casa delle Libertà
 :. Partito della Libertà
 :. Uniti nell'Ulivo- L'Unione
 :. Partito Democratico
 :. Ppe
 :. Pensiero liberale
 :. Verso le Elezioni 2008
 :. PdL
 :. Verso la Terza Repubblica
 :. Scelta Civica con Monti per l'Italia




martedì
12
novembre
2019
San Giosafat



Babele moda - abbigliamento on line
Babele Arte - galleria di artisti da tutto il mondo
BabeleCase - database di annunci immobiliari
itinerari turistici
Babele Info  - motore di ricerca d'arte


Marini e Bertinotti presidenti di Senato e Camera.

Senato, Marini eletto presidente

Il senatore del centrosinistra Franco Marini è stato eletto presidente del Senato.
Alla terza votazione ha ottenuto 165 voti, contro i 156 di Giulio Andreotti.
Una sola scheda bianca.
La maggioranza necessaria per essere eletto, dato che avevano votato tutti i senatori, era sempre di 162 voti anche se in teoria, se i voti espressi fossero stati meno, ne poteva bastare un numero inferiore.
Marini, una volta insediato, ha pronunciato il consueto discorso di inizio mandato:
«Permettetemi un ricordo commosso per le vittime di Nassiriya. Voglio ringraziare tutti coloro che mi hanno dato il loro consenso, ma anche quanti hanno votato per il presidente Andreotti.
Guardando ai fatti, sono stato eletto dalla maggioranza politica che ha vinto le elezioni, ma sarò il presidente di tutto il Senato, con grande attenzione e rispetto per le prerogative della maggioranza e dell'opposizione nel rispetto della democrazia popolare. Il 9 e 10 aprile oltre 38 milioni di italiani hanno votato con una partecipazione eccezionale.
La nostra è una democrazia forte e salda come tali sono le nostre istituzioni. Le stesse forze politiche sono oggi chiamate a svolgere il loro compito con impegno.
Le sfide che ci troveremo ad afrontare chiedono grande efficienza al nostro lavoro.
La forza di una democrazia matura come la nostra chiede a tutti di saper convergere nelle grandi scelte che coinvolgono il Paese.
Non voglio evocare intese che non ci sono, ma richiamare una grande senso di responsabilità e la ricerca di un impegno comune alla risoluzione dei problemi.
Dobbiamo operare insieme per il bene comune della nostra Patria.
La nostra ferma collocazione nelle alleanze atlantiche non ci deve impedire di muoverci liberamente nelle nuove regioni del mondo.
Dobbiamo stabilire una nuova e forte coesione sociale.
Più sviluppo e più coesione sociale è la sfida difficile che dobbiamo affrontare e vincere».
Poi Marini ha aggiunto rivolto ai senatori eletti all'estero «Finalmente benvenuti tra noi».


Camera, Bertinotti eletto presidente

Fausto Bertinotti è stato eletto alla presidenza della Camera alla quarta votazione.
Bertinotti è diventato presidente con 337 voti.
Ben 144 le schede bianche, mentre curiosamente 100 voti sono andati ancora al presidente dei Ds Massimo D'Alema, che aveva raccolto voti anche nelle prime tre votazioni di venerdì.
Dai banchi del centrosinistra il risultato della votazione è stato sottolineato da un lungo applauso.
«Grazie. Dedico l'elezione alla presidenza della Camera alle operaie e agli operai»: così Fausto Bertinotti poco prima di entrare in aula per il discorso d'investitura.
Subito dopo Bertinotti ha pronunciato il suo discorso d'insediamento.
«Ringrazio il presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi il mio predecessore Pier Ferdinando Casini e le altre cariche isttuzionali.
Credo che il prima compito che tocca a tutti noi sia di valorizzare il ruolo del Parlamento.
Necessità storica in questi tempi difficili per la democrazia in Italia e in Europa.
Bisogna lavorare con attenzione ai corpi e alle amministrazioni da cui dipende la vita dello Stato e cercare di valorizzare le loro autonomie che sono una ricchezza per il paese, dalla magistratura all'informazione per farci sentire cittadini di uno stato di diritto».
«Il popolo deve investire - ha affermato Bertinotti - tutta la sua fiducia sulle istituzioni democratiche per essere libero da tutti i gioghi che esistono, a partire dalla mafia perchè sicurezza deve essere intesa nel senso di diritto all'accesso al futuro».
«C'è infatti - ha continuato Bertinotti - il rischio di separazione della quotidianità dalla politica. Bisogna ricreare un rapporto positivo tra il paese reale e le istituzioni. Bisogna creare una nuova frontiera di giustizia sociale per i cittadini, dar loro una sicurezza per il loro futuro. Le istituzioni sono vitali se cresce con essa la società civile».
«Piangiamo tutti insieme i soldati italiani uccisi a Nassiriya» ha poi detto il neo presidente della Camera e subito i deputati sono scattati in piedi con un lungo applauso.
Poi Bertinotti ha affrontato il passaggio più delicato del suo discorso.
«Il 25 aprile è una data all'origine della nostra Repubblica.
Vorrei che questa assemblea potesse idealmente svolgersi a Marzabotto e quella collina annegata nel verde in cui si ricorda l'orrore: anche lì è nata la nostra Costituzione a la nostra irriducibile scelta di pace, la nostra irriducibile scelta di lotta contro la guerra e il terrorismo.
Vorrei che facessimo insieme un pellegrinaggio nei luoghi dove sono morti i partigiani, quello che Calamendrei indicava ai giovani.
In quei luoghi c'è l'origine della nostra Repubblica, e dobbiamo trovare nelle radici la forza per progettare il futuro dell'Italia, dell'Europa e del mondo», passaggio che ha visto forti asppalusi del centrosinistra e silenzio da parte del centrodestra.



pubblicazione: 30/04/2006

Oscar Luigi Scalfaro 9960
Oscar Luigi Scalfaro
Franco Marini 9959
Franco Marini
Fausto Bertinotti 9957
Fausto Bertinotti
Prodi applaude 9958
Prodi applaude

Categoria
 :.  ITALIA Politica
 :..  Politica nazionale



visite totali: 5.042
visite oggi: 1
visite ieri: 0
media visite giorno: 1,01
[c]




 
Schede più visitate in Politica nazionale

  1. CAPOLINEA PER ROMANO PRODI
  2. Marini e Bertinotti presidenti di Senato e Camera.
  3. L'Unione si conferma a Roma, Napoli e Torino. Sicilia e Milano alla Cdl
  4. Liberalizzazioni, via libera al decreto Bersani
  5. Brunetta: visita fiscale anche dopo un solo giorno di malattia
  6. Bossi: «Tornano i vecchi Dc. Bisogna prenderli a legnate»
  7. Nasce il governo Prodi
  8. STANGATA BOLLI AUTO
  9. Piero Fassino al telefono con Giovanni Consorte.
  10. Bufera Lega Nord , Umberto Bossi si è dimesso.
  11. PRODI IN SENATO
  12. Bankitalia boccia l'Opa di Unipol verso Bnl.
  13. Nasce "Futuro e libertà per l'Italia"
  14. I Ds recuperino libertà di giudizio.
  15. La dichiarazione dei redditi dei politici italiani
  16. Il Cav. pensa al voto in primavera ma teme l’effetto Prodi al Senato
  17. Con il pari, sì alla Grande Coalizione
  18. Berlusconi: «Inesistente mia scalata su Rcs»
  19. Ciampi boccia la legge sull'inappellabilità
  20. La manovra dell’Unione falcia il ceto medio
  21. Bollo sui Suv: non è chiaro chi lo pagherà
  22. «Elettori scippati al Pd che non si è rinnovato»
  23. Uno su quattro non vota più il Pdl
  24. Napolitano affida l’incarico a Enrico Letta
  25. Con l'indulto 12mila carcerati in libertà
  26. Bossi: «Molto difficile andare avanti così»
  27. "Così è una stangata iniqua invotabile"
  28. BERLUSCONI : ABOLIREMO L'ICI SULLA PRIMA CASA.
  29. IL CORRIERE DELLA SERA SI SCHIERA CON PRODI.
  30. Il governo incassa la fiducia: 342 sì
  31. PARMA : L'inaugurazione ufficiale della sede dell'Authority alimentare
  32. Duello in tv Berlusconi-Rutelli.
  33. Nuovo Psi, scissione e 2 segretari.
  34. Governo, sì della Camera alla fiducia
  35. Alitalia, via libera al salvataggio

esecuzione in 0,421 sec.