Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  ECONOMIA Piacenza  :.  Polo Logistico  :. Logistica e occupati, una sfida aperta
sottocategorie di ECONOMIA Piacenza
 :. Patto per Piacenza
 :. Marketing territoriale
 :. Fondazione
 :. Camera Commercio
 :. PcExpo
 :. Industria
 :. Meccanotronica
 :. Tecnopolo
 :. Estero
 :. Polo Logistico
 :. Agricoltura
 :. Authority Alimentare
 :. Artigianato
 :. Commercio
 :. Centro storico
 :. TESA-NewCo-ENIA-IREN
 :. Tempi spa - SETA
 :. Pendolarismo
 :. Polo militare
 :. Cooperazione
 :. Milano Expo 2015




mercoledì
2
dicembre
2020
Santa Bibiana



Logistica e occupati, una sfida aperta

Della logistica piacentina si conoscono con chiarezza i numeri dei metri quadrati, non altrettanto bene quelli degli occupati.
Il dato più attendibile è di 1.900 addetti (di cui l'80 per cento impegnati in magazzinaggio), sui tre poli di Piacenza, Castelsangiovanni e Monticelli-Cortemaggiore, per ben 6milioni di metri quadrati di terreno occupato.

Fortissimo l'apporto delle cooperative esterne su un parco di poche centinaia di lavoratori assunti in forze negli stabilimenti.
E anche questa penuria occupazionale fa riflettere sulla crescita del polo piacentino come è emerso l'altro giorno all'incontro in Provincia sull'economia locale.
Nessuna ostilità verso un settore sul quale Piacenza ha puntato tanto - sostengono sindacati e forze imprenditoriali - solo un desiderio di vedere i frutti di questo imponente investimento collettivo.
Lo spirito giusto deve essere quello di «governare» al meglio un settore a cui Piacenza «non vuole rinunciare», spiega Cesare Betti, direttore dell'Associazione Industriali.
Non a caso è stata istituita la nuova sezione-logistica in seno all'organizzazione di via IV Novembre, la guida Angelo Mazzoni, che accenna al “libro bianco” sulla logistica in affidamento all'Itl, come a uno strumento necessario per fotografare la situazione.
Per Mazzoni va evitato di «demonizzare o enfatizzare la logistica che è una ricchezza enorme che altre province ci invidiano, essendo Piacenza tra i primi poli in Italia».
Si tratta di passare dal ruolo di «spettatori» ad un intervento più operativo.

I dipendenti sono pochi?
«Va valutato l'indotto, i servizi, l'artigianato che si può coinvolgere».
Il punto-chiave è anche integrare di più queste grandi aziende oggi un po' isolate nel contesto produttivo, facendo in modo che gli operatori piacentini siano più presenti.

E anche Gianni Copelli, segretario provinciale della Cgil, ritiene che da certe debolezze di oggi si possa tuttavia passare ad una logistica trainante: «ma la forza occupazionale è scarsa, va fatto uno sforzo per introdurre servizi avanzati e, vista che l'enorme capacità produttiva asiatica che passerà attraverso il Mediterrano e Genova, dobbiamo essere pronti a giocare un nostro ruolo».

Per Francesco Milza, presidente di Confcooperative, la logistica presenta una buona parte di attività affidata a cooperative.
A Piacenza? «Un numero realistico per il distretto è di 1.700 - 1.800 addetti tra cooperative e aziende presenti sul territorio - conferma - dove 4 lavoratori su 5 appartengono alle cooperative». E in generale il 50 per cento sono extracomunitari.
Ma non si pensi al facchino di vecchia generazione, nei magazzini giganti tutto si movimenta con l'aiuto di carrelli e di computer.
In quanto al forte apporto delle coop, va detto che non tutte applicano la legge 193, ovvero contratti collettivi di lavoro non peggiorativi rispetto all'assunzione in azienda.
C'è anche chi arriva da fuori, dal Milanese, importando una sorta di pendolarismo di basso profilo.
Per Milza la logistica «genera sviluppo» se ben riordinata.
«Oggi sembra che manchi un motore di gestione per darle plusvalore, magari una società mista per coordinare tutta l'asse logistica provinciale».

Secondo Gianni Salerno, segretario aggiunto della Cisl, la missione della logistica c'è e va tenuta stretta, avrà «ritorni importanti» nel tempo, ove Piacenza è già tra i primi siti in Italia. Le criticità? «Non aver raccordato dall'inizio le tre aree provinciali, anche con sistemi di trasporti, servizi avanzati, a questo punto si deve recuperare».

E Sandro Busca, segretario Cisl, aggiunge che si è «venduto bene» il territorio agli operatori del settore, ma senza saper offrire a suo tempo servizi di qualità, ma anche mense, laboratori di ricerca e ponendo condizioni precise.
«Chi sorveglia oggi il processo occupazionale? Sul polo piacentino la previsione regionale parla di una fascia tra 1 e 5 dipendenti ogni mille metri quadrati di capannone, ma averne uno solo vuol dire che si fa appena movimentazione e stoccaggio, se invece li portiamo almeno a 3,5 o a 4 vuol dire che avremo lavorazioni terminali dei prodotti e assemblaggio, logistica di qualità».
Un vincolo virtuoso che andrebbe posto come condizione alle imprese.

E per Loredana Riva, che segue il settore per la Cgil, appare importante puntare anche sulla intermodalità per far crescere il lavoro: «Abbiamo il Po e i tre poli vicini alle ferrovie, il trasporto su ferro dovrà aumentare anche in Italia. E poi, per sostenere la logistica piacentina, serve una fattiva collaborazione pubblico-privato».
Patrizia Soffientini, Libertà del 28 settembre 2005




La consistenza.
Sono 1.900 i lavoratori del comparto distribuiti tra città, Monticelli e Castello


Qual è la consistenza dei poli logistici piacentini, che arriveranno ad occupare circa 6 milioni complessivi di metri quadrati d'area? Si parla di 1900 addetti.
Misura un po' flessibile, ma anche attendibile.
Ecco alcune cifre ottenute dal sindacato.
A Piacenza, intorno al comparto di Le Mose, operano 1.000-1.200 persone, di cui 130 ad Ikea - che ha integrato anche spostando qui gli uffici di Carugate - a cui si aggiungono circa 200 addetti di cooperative.
La farmaceutica Di Farco conta circa 20 addetti, più 120 esterni, Prologis è una realtà ancora da implementare, mentre Tnt Traco vede 50 addetti.
A Castelsangiovanni troviamo: Giochi Preziosi, Spycers (100 addetti) e Yamaha, in tutto 450 persone circa, con forte apporto di cooperative.
Tra Monticelli e Cormaggiore, dove spicca Lyreco, si contano 250-300 addetti.
In tutti casi è l'attività di magazzinaggio a prevalere, anche se non va intesa come il facchinaggio di un tempo. Ma la spinta in futuro sarà quella di portare a Piacenza anche lavorazioni di merci, assemblaggi di prodotti, insomma attività che mettano in moto maggiori esigenze occupazionali.
Le previsioni? Eccole.
Quando fu presentato, a fine 2003, il quadro del polo logistico piacentino che andava ampliandosi, si parlò di un'immissione di 2.280 assunzioni entro il 2008.
A breve, l'opinione pubblica piacentina guarda con attenzione di verificare cosa accadrà in novembre, con l'atteso raddoppio di Ikea la cui piattaforma passa da 100mila e 200mila metri quadrati.
Fu annunciato infatti anche il raddoppio del personale: da 300 a 600 persone.




pubblicazione: 28/09/2005
aggiornamento: 02/10/2005

 7864

Schede correlate
«Capitale europea di logistica»
Ecco la città che la giunta Reggi ha in mente
Il FUTURO di Piacenza
Il polo logistico con l'espansione sarà il 2°in Italia
La logistica non entusiasma Giglio
Non solo camion e magazzini ma centri direzionali qualificati.
Piacenza sarà pioniera nella logistica
Polo logistico, sì senza entusiasmo
Trasporti, Piacenza polo della logistica .

Categoria
 :.  ECONOMIA Piacenza
 :..  Polo Logistico



visite totali: 3.996
visite oggi: 1
visite ieri: 0
media visite giorno: 0,72
[c]




 
Schede più visitate in Polo Logistico

  1. Unieuro sbarca al polo logistico
  2. Apre a Piacenza il più grande centro di smistamento merci Tnt d'Italia
  3. Il Polo logistico paga “dazio“.
  4. Ikea, sviluppo ma senza assunzioni
  5. "Piacenza più vicina al porto di Genova"
  6. È un Polo Logistico da record
  7. Tnt: a Piacenza un centro-merci internazionale
  8. Piacenza sarà pioniera nella logistica
  9. Logistica e occupati, una sfida aperta
  10. Il polo logistico con l'espansione sarà il 2°in Italia
  11. Città della moda, "sfila" il progetto
  12. "Regia più attenta in maggioranza"
  13. Polo logistico, sì senza entusiasmo
  14. Per la logistica più verde e servizi
  15. "Il polo logistico decolla con una firma"
  16. Trasporti, Piacenza polo della logistica .
  17. Dossier MEROPE
  18. Piacenza snodo ferroviario per la Romania
  19. Centro moda, chiarimento fallito
  20. «Capitale europea di logistica»
  21. Riprende quota l'aeroporto merci
  22. Ritchie Bros presenti un progetto
  23. Insediamenti produttivi. Le Mose, in vendita 70mila metri.
  24. Dal polo logistico alla Tour Eiffel
  25. Il Polo di Protezione civile a Piacenza ?
  26. Polo logistico pronto a decollare
  27. Unioncamere sostiene la logistica
  28. La logistica non entusiasma Giglio
  29. Piacenza scalo-merci? Si fa fatica
  30. Piacenza più vicina al porto di Genova
  31. Logistica, subito un'authority
  32. Centro-moda, spunta Vuitton
  33. Piacenza scommette sul ferro
  34. Ma pensiamoci bene prima di approvarlo
  35. Centro-moda, scatta la polemica

esecuzione in 9,472 sec.