Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  ITALIA Politica  :.  Politica nazionale  :. LO SCHIAFFO
sottocategorie di ITALIA Politica
 :. Politica nazionale
 :. Federalismo - Riforma elettorale.
 :. Sistema elettorale
 :. Debito pubblico - Legge finanziaria.
 :. Casa delle Libertà
 :. Partito della Libertà
 :. Uniti nell'Ulivo- L'Unione
 :. Partito Democratico
 :. Ppe
 :. Pensiero liberale
 :. Verso le Elezioni 2008
 :. PdL
 :. Verso la Terza Repubblica
 :. Scelta Civica con Monti per l'Italia




martedì
12
novembre
2019
San Giosafat



Babele moda - abbigliamento on line
Babele Arte - galleria di artisti da tutto il mondo
BabeleCase - database di annunci immobiliari
itinerari turistici
Babele Info  - motore di ricerca d'arte


LO SCHIAFFO

di MASSIMO FRANCO

L’«asse del Nord» mostra una sofferenza e una precarietà inaspettate: almeno, se con il termine si intende l’alleanza protagonista di una campagna incline all’estremismo, che si è manifestata nel voto amministrativo di ieri e l’altro ieri.

Il ballottaggio a Milano umilia non tanto il sindaco uscente, Letizia Moratti, ma Silvio Berlusconi, che chiedeva un referendum su se stesso e sul governo e riceve uno schiaffo personale e politico; e in parallelo ridimensiona le ambizioni di sfondamento della Lega.

Il silenzio di Umberto Bossi è più rumoroso di qualunque commento.
Trasmette l’immagine di un Carroccio che fatica a saltare il recinto delle città medie e piccole; ed è costretto a farsi molte domande sul futuro.

Ma l’effetto va oltre il capoluogo lombardo, che pure è destinato a diventare l’epicentro delle tensioni nel centrodestra.

Un’opposizione rinfrancata dai risultati che si delineavano ieri notte già sogna la rottura fra Pdl e lumbard, una crisi di governo e l’archiviazione in tempi rapidi del berlusconismo.
La situazione, in realtà, rimane aperta.
Fra due settimane, i ballottaggi potrebbero restituire la vittoria alla maggioranza, che ieri a Milano e Napoli l’ha mancata anche per eccesso di sicurezza e di aggressività.
E la silhouette delle opposizioni si tinge di un rosso forte, radicale, col «Polo dei moderati» allo stato embrionale.

Insomma, il responso di ieri è netto nell’indicazione degli sconfitti; non altrettanto univoco nel presentare un’alternativa di governo: a meno che, in prospettiva, si ritenga davvero che l’Italia possa essere guidata da una sinistra dominata dagli eredi di Rifondazione comunista, dall’Idv e dai «grillini», oggi in grado di imporre candidati al Pd.
In attesa dei risultati definitivi, per il partito di Pier Luigi Bersani le uniche eccezioni, importanti, sono Torino e Bologna.

Per il resto, la soddisfazione e il sollievo degli avversari sono un rimbalzo della battuta d’arresto berlusconiana.

Anche nella sconfitta, il presidente del Consiglio disegna il territorio circostante e lo condiziona: nel proprio campo e in quello avverso.
Ma con un rovesciamento della percezione del suo ruolo che fa prevedere un periodo di instabilità e di altre rese dei conti nel centrodestra.
In fondo, se ne può intravedere un assaggio nei voti mancati alla Moratti: consensi che sarebbe ingeneroso attribuire solo ai suoi errori.

Le frasi fatte filtrare dal «cerchio magico» di Bossi, secondo le quali con Berlusconi la Lega perde, sono un indizio.

Trasformano il tocco berlusconiano, che ancora nel 2010 faceva vincere la quasi sconosciuta Renata Polverini nel Lazio, in un handicap da «re Mida alla rovescia».

Probabilmente era forzata la visione precedente, ed è eccessiva l’attuale.

Ieri è cominciato il ridimensionamento di un leader che dopo essersi presentato ed essere stato considerato da militanti e alleati come un demiurgo ora rischia di diventarne il capro espiatorio.

Massimo Franco
17 maggio 2011
da www.corriere.it


pubblicazione: 17/05/2011

 17230

Categoria
 :.  ITALIA Politica
 :..  Politica nazionale



visite totali: 1.259
visite oggi: 1
visite ieri: 1
media visite giorno: 0,40
[c]




 
Schede più visitate in Politica nazionale

  1. CAPOLINEA PER ROMANO PRODI
  2. Marini e Bertinotti presidenti di Senato e Camera.
  3. L'Unione si conferma a Roma, Napoli e Torino. Sicilia e Milano alla Cdl
  4. Liberalizzazioni, via libera al decreto Bersani
  5. Brunetta: visita fiscale anche dopo un solo giorno di malattia
  6. Bossi: «Tornano i vecchi Dc. Bisogna prenderli a legnate»
  7. Nasce il governo Prodi
  8. STANGATA BOLLI AUTO
  9. Piero Fassino al telefono con Giovanni Consorte.
  10. Bufera Lega Nord , Umberto Bossi si è dimesso.
  11. PRODI IN SENATO
  12. Bankitalia boccia l'Opa di Unipol verso Bnl.
  13. Nasce "Futuro e libertà per l'Italia"
  14. I Ds recuperino libertà di giudizio.
  15. La dichiarazione dei redditi dei politici italiani
  16. Il Cav. pensa al voto in primavera ma teme l’effetto Prodi al Senato
  17. Con il pari, sì alla Grande Coalizione
  18. Berlusconi: «Inesistente mia scalata su Rcs»
  19. Ciampi boccia la legge sull'inappellabilità
  20. La manovra dell’Unione falcia il ceto medio
  21. Bollo sui Suv: non è chiaro chi lo pagherà
  22. «Elettori scippati al Pd che non si è rinnovato»
  23. Uno su quattro non vota più il Pdl
  24. Napolitano affida l’incarico a Enrico Letta
  25. Con l'indulto 12mila carcerati in libertà
  26. Bossi: «Molto difficile andare avanti così»
  27. "Così è una stangata iniqua invotabile"
  28. BERLUSCONI : ABOLIREMO L'ICI SULLA PRIMA CASA.
  29. IL CORRIERE DELLA SERA SI SCHIERA CON PRODI.
  30. Il governo incassa la fiducia: 342 sì
  31. PARMA : L'inaugurazione ufficiale della sede dell'Authority alimentare
  32. Duello in tv Berlusconi-Rutelli.
  33. Nuovo Psi, scissione e 2 segretari.
  34. Governo, sì della Camera alla fiducia
  35. Alitalia, via libera al salvataggio

esecuzione in 0,421 sec.