Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  ECONOMIA Piacenza  :.  Milano Expo 2015  :. Litigi e ritardi, l'Expo di Milano rischia il flop
sottocategorie di ECONOMIA Piacenza
 :. Patto per Piacenza
 :. Marketing territoriale
 :. Fondazione
 :. Camera Commercio
 :. PcExpo
 :. Industria
 :. Meccanotronica
 :. Tecnopolo
 :. Estero
 :. Polo Logistico
 :. Agricoltura
 :. Authority Alimentare
 :. Artigianato
 :. Commercio
 :. Centro storico
 :. TESA-NewCo-ENIA-IREN
 :. Tempi spa - SETA
 :. Pendolarismo
 :. Polo militare
 :. Cooperazione
 :. Milano Expo 2015




domenica
7
marzo
2021
Sante Perpetua e Felicita



Litigi e ritardi, l'Expo di Milano rischia il flop

È abbastanza clamoroso quel che sta accadendo a Milano per l’Expo 2015.
Ciò che doveva essere una formidabile occasione per la città finora è stato un susseguirsi di passi falsi, l’ultimo dei quali dovrebbe essere certificato domani con le dimissioni di Lucio Stanca da ad della società che gestisce l’evento.

Tutto appare fermo, al palo. Vediamo di spiegare in parole semplici, e comprensibili anche ai non addetti ai lavori, perché Milano sta paradossalmente rovinandosi la sua immagine di capitale dell’efficienza.
L’Expo, la grande esposizione universale nata alla fine dell’Ottocento e simbolo stesso della modernità (celeberrime quelle di Parigi del 1889 - quando fu costruita la Torre Eiffel - e quella del 1900, che superò i 50 milioni di visitatori e che vide l’inaugurazione della metropolitana) nella primavera del 2008 è stata assegnata a Milano. Un grande successo per il sindaco Letizia Moratti, che si era molto impegnata personalmente, e un momento di speranza di rilancio per tutta la città.

Si diceva che sarebbero arrivati venti miliardi di euro di investimenti fra quartiere fieristico e infrastrutture; che si sarebbero creati 70.000 posti di lavoro; che nei sei mesi dell’esposizione sarebbero arrivati a Milano 29 milioni di turisti; che il fatturato del mondo imprenditoriale milanese sarebbe aumentato di 44 miliardi di euro; che alla città sarebbero poi rimaste opere importanti, fra le quali 11 chilometri quadrati di verde.
Tutto bene, dunque. In teoria.
In pratica dopo due anni la «macchina Expo» non è ancora partita. È successo che sul business è scoppiata una guerra fra i vari potentati locali, e questa guerra è in gran parte la responsabile della paralisi.

S’è cominciato quando il sindaco Moratti ha indicato nel suo fedele consigliere Paolo Glisenti il factotum dell’esposizione.
Glisenti, secondo le intenzioni della Moratti, doveva diventare amministratore unico della società Expo. Alla proposta si sono però opposti tutti.
Il governatore della Lombardia, Formigoni, con tutta la sua rete. Il mondo ex An, vale a dire La Russa e imprenditori a lui vicini. Lo stesso Berlusconi, gli industriali, la Camera di Commercio: tutti convinti che Glisenti amministratore unico avrebbe voluto dire troppo potere alla Moratti.
Così, nell’agosto del 2008 Palazzo Chigi - e Tremonti in particolare - ha di fatto imposto alla Moratti un passo indietro e la scelta non più di un amministratore unico, ma di una gestione collegiale. Nella primavera del 2009 viene finalmente costituita la società Expo: il 40 per cento è del ministero del Tesoro, il 20 della Regione Lombardia, un altro 20 del Comune di Milano, un 10 la Provincia, un altro 10 la Camera di Commercio. Amministratore delegato (in quota Comune) viene nominato Lucio Stanca, ex ministro. Presidente (in quota Camera di Commercio) l’imprenditrice Diana Bracco. Alleluia.
Intanto, però, si è buttato via un anno solo per costituire la società e nominare un vertice. Ma i guai non sono ancora finiti qui.
Ci si mette il terremoto dell’Aquila, ci si mette soprattutto la crisi mondiale. Morale: il finanziamento statale viene ridotto da 4 a 1,4 miliardi di euro, già stanziati e da spalmare sui cinque anni.

Arriviamo ai giorni nostri e i terreni dello spazio espositivo, ad esempio, non sono ancora stati comperati.
Sono di proprietà della Fondazione Fiera e del Gruppo Cabassi, e pare che entro luglio sarà costituita una new company (per un terzo della Regione, un terzo della Provincia e un terzo del Comune) che per dicembre sarà pronta ad acquistarli.
Ma il Bie (il Bureau International des Expositions, l’organismo che sovrintende alle esposizioni) ha già detto che dicembre sarebbe troppo tardi, e chiede di accelerare perlomeno per ottobre.
Manca ancora, poi, un vero e proprio progetto: il tema proposto è «Nutrire il pianeta. Energia per la vita», ma anche anche negli ambienti finanziari sono forti le perplessità per la sua genericità: non è chiaro - dicono in molti - quale prodotto verrà proposto ai visitatori.

Intanto la guerra interna continua.
Dopo Glisenti, bocciato prima ancora di cominciare, è caduto in disgrazia anche Stanca.
È sotto accusa per il doppio incarico: oltre al ruolo di amministratore delegato dell’Expo, che gli vale uno stipendio di 450 mila euro all’anno, è infatti anche deputato.
Da più parti si chiedono le sue dimissioni, ed è probabile appunto che Stanca le darà domani, giovedì, giorno in cui è previsto un consiglio di amministrazione.
Al suo posto dovrebbe andare Giuseppe Sala, city manager del Comune. Il quale non sarebbe comunque un vero plenipotenziario. Gli osservatori della politica milanese dicono che ormai il pallino è nelle mani di Formigoni.

Ma la strada è ancora lunga e difficile. L’Expo non avrà introiti fino alla fine del 2014, e i soldi in cassa sono sempre meno. Bene che vada, sarà un’Expo molto ridimensionata.
E nel Palazzo, anche romano, sempre più insistente sta addirittura girando una voce inquietante: e cioè che alla fine tutto potrebbe saltare, e Milano dovrà rinunciare.
Sarebbe troppo, e non succederà. Ma quel che è già successo è comunque un brutto colpo per Milano.

Michele Brambilla, La Stampa del 23 giugno 2010


pubblicazione: 23/06/2010

 16188

Categoria
 :.  ECONOMIA Piacenza
 :..  Milano Expo 2015



visite totali: 1.604
visite oggi: 1
visite ieri: 0
media visite giorno: 0,41
[c]




 
Schede più visitate in Milano Expo 2015

  1. Piacenza si gusterà alla Cavallerizza
  2. Expo 2015, c'è il tavolo di comando
  3. Expo 2015: ruolo centrale per l'Università
  4. Trenord: Piacenza salirà sui binari di Expo ?
  5. Riflessioni sull’Expo 2015 a Milano
  6. Milano Expo, Piacenza partner privilegiato
  7. Expo 2015, è ultimatum sulle risorse
  8. Squinzi sull'Expo: Piacenza dovrà essere in prima linea
  9. Expo, intesa Lombardia-Emilia
  10. Expo 2015, Piacenza nel salotto buono
  11. Expo 2015, c'è il gestore (e 2 milioni di euro)
  12. Piacenza al tavolo di Expo 2015: lunedì la firma
  13. "Treni per Expo? Serviva alta velocità, ma non ci hanno ascoltato" -
  14. Expo, sigla bis tra Reggi e Moratti
  15. Litigi e ritardi, l'Expo di Milano rischia il flop
  16. Sconti Ici alle nuove imprese
  17. Dalla Faggiola la "calamita" per l'Expo
  18. Piacenza a Milano Expo 2015
  19. A Piacenza il "timone" turistico per l'Expo
  20. Nasce la cordata piacentina per Expo 2015
  21. A Expo 2015 "Welcome Piacenza"
  22. Piazzetta a Milano Expo, vince la grande zolla
  23. Ricci Oddi e la sfida Expo
  24. Putzu (FI): il personale comunale sarà presente in Piazzetta Piacenza a Mi Expo ?
  25. Ecco i progetti di Piacenza per Milano Expo 2015
  26. Piacenza Expo in vista di Milano Expo 2015
  27. Parte ufficialmente per Piacenza "Expo 2015": inaugurata la zolla.
  28. Piazzetta Piacenza a Milano Expo 2015
  29. Piacenza "compra" Padiglione Italia
  30. Scarso ritorno finora per Piacenza da Milano Expo 2015
  31. Effetto MIExpo a Piacenza. Alberghi ancora vuoti....
  32. Milano Expo 2015, il parere di Oscar Farinetti
  33. Milano Expo 2015 : Diana Bracco a Piacenzza
  34. Treni per Expo, risposte entro settembre ?
  35. «Expo, qui la "casa" del Giappone»

esecuzione in 0,109 sec.