Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  ECONOMIA Piacenza  :.  Estero  :. "La sindrome cinese? Non esiste"
sottocategorie di ECONOMIA Piacenza
 :. Patto per Piacenza
 :. Marketing territoriale
 :. Fondazione
 :. Camera Commercio
 :. PcExpo
 :. Industria
 :. Meccanotronica
 :. Tecnopolo
 :. Estero
 :. Polo Logistico
 :. Agricoltura
 :. Authority Alimentare
 :. Artigianato
 :. Commercio
 :. Centro storico
 :. TESA-NewCo-ENIA-IREN
 :. Tempi spa - SETA
 :. Pendolarismo
 :. Polo militare
 :. Cooperazione
 :. Milano Expo 2015




mercoledì
27
settembre
2023
San Vincenzo de Paoli



"La sindrome cinese? Non esiste"

Betti: la concorrenza di Pechino ci costringerà a migliorare

Ogni volta che si affronta il discorso della crisi produttiva e del calo della competitività sui mercati internazionali per le nostre aziende, immancabile è il riferimento alla Cina e alla sua straordinaria aggressività economica.
Le imprese emiliano romagnole ora lanciano una controffensiva alla sfida orientale fatta di manodopera a basso costo e talvolta anche di clonazione dei nostri manufatti, con una ricetta a base di innovazione tecnologica, tramite lo spostamento verso fasce più alte dei rispettivi mercati, e anche con la delocalizzazione degli stabilimenti produttivi.

Per il direttore di Assindustria Cesare Betti, il gigante asiatico non può essere visto sempre e comunque come una minaccia.
"Certamente la Cina e la sua potenza industriale - sottolinea - sono un problema, ma occorre sforzarsi di cogliere anche i lati positivi e le opportunità di investimento.
Sono convinto che la risposta alla concorrenza di Pechino risiede nell'aumento del contenuto tecnologico dei nostri prodotti, destinando maggiori risorse alla ricerca e all'innovazione".
"Per alcuni comparti produttivi - aggiunge - la scelta della delocalizzazione in loco degli stabilimenti diventa obbligata: penso a tutto il settore dei materiali pesanti, delle costruzioni e dei prefabbricati che comportano elevati costi di trasporto".

L'interscambio fra la Cina e l'Emilia Romagna è pressoché raddoppiato nei cinque compresi tra il 1998 e il 2003, ma il disavanzo commerciale, dopo essere esploso da 60 a 280 milioni di euro fino al 2000, ha poi mostrato una tendenza alla stabilizzazione con un leggero calo.
La dinamica delle esportazioni dalla nostra regione al paese asiatico si è molto accentuata soprattutto l'anno passato.
I settori trainanti dell'export anche per il territorio piacentino sono quelli della meccanica e delle macchine utensili.
Nel 2003 il valore di merci finite sul mercato cinese dall'Emilia Romagna ammonta a oltre 513 milioni di euro.


pubblicazione: 15/04/2004
aggiornamento: 01/09/2004

La Cina 3570
La Cina

Categoria
 :.  ECONOMIA Piacenza
 :..  Estero



visite totali: 2.709
visite oggi: 1
visite ieri: 1
media visite giorno: 0,38
[c]




 
Schede più visitate in Estero

  1. Cepi, Stefano Casalini riconfermato al vertice degli esportatori
  2. «Pronti a sbarcare in Cina»
  3. Macchine utensili, la speranza arriva dai robot
  4. L'export piacentino rialza la testa.
  5. "La sindrome cinese? Non esiste"
  6. Export, dopo buoni risultati si segna il passo

esecuzione in 0,078 sec.