Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  AMBIENTE Piacenza  :.  Urbanistica  :. La "ribellione" dei Verdi.
sottocategorie di AMBIENTE Piacenza
 :. PM10
 :. SMOG
 :. Elettrosmog
 :. Viabilitā
 :. Urbanistica
 :. Inceneritore
 :. Rifiuti
 :. Teleriscaldamento
 :. Acqua
 :. Fiume PO
 :. Amianto




domenica
18
aprile
2021
San Galdino



La "ribellione" dei Verdi.

«Politiche ambientali finite nella palude»

La protesta della componente ambientalista della maggioranza consiliare è tornata ieri a farsi sentire con la performance della piantumazione degli alberi là dove sorgeranno tre palazzi di sei e quattro piani, osteggiati dagli abitanti, ma accolti alla fine nel controverso disegno urbanistico approvato dal consiglio comunale.

La manifestazione è però legata ad una ragione più contingente, il recente taglio di 35 grandi (e sani) platani in via Ercole e Morselli, per ragioni di “sicurezza”, che ha destato un certo sconcerto tra i residenti.

Insomma, c'è un senso di insoddisfazione diffusa sulle politiche ambientali.

«Adesso aspettiamo una risposta dal sindaco Roberto Reggi, non ci interessa che la dia Rifondazione comunista» esordisce pungente Daniele Novara (Verdi) alludendo allo sbarramento difensivo che il partito ha subito levato intorno al suo assessore ai Lavori Pubblici, Ignazio Brambati, sotto la cui iniziativa cadono i lavori in corso in via Ercole e Morselli.

Ieri infatti in un comunicato firmato da Stefano Rattotti e Luigi Baggi (Rifondazione Comunista) si diceva (vedi Libertà del 26/3/2005):
«L'assessore Brambati ha svolto bene e responsabilmente il proprio ruolo istituzionale...»
«Se si vuole rafforzare il confronto già in corso sulle politiche ambientali, urbanistiche e territoriali all'interno della coalizione - dice Rifondazione - noi siamo assolutamente disponibili, anche perché ci siamo trovati spesso isolati in questi anni su questi temi».
«Se si chiedono ulteriori approfondimenti crediamo che non manchi né a Reggi né a Brambati la disponibilità per un confronto».
Se vi sono motivazioni di carattere elettoralistico o finalizzate, da parte dei Verdi, ad avere l'assessorato all'ambiente (attualmente gestito da Pierangelo Carbone), l'invito è a parlar chiaro.
«Per quanto ci riguarda, riteniamo che la coalizione non debba avventurarsi in un ulteriore rimpasto - concludono - ma assumere sempre più come prassi il dialogo con i cittadini, il senso di responsabilità nell'amministrare, il rispetto degli impegni politico-programmatici».

«I danni ambientali, in senso più generale, sono sotto gli occhi di tutti, ecco perché come Verdi ripetiamo di essere disponibili ad assumere la responsabilità di un assessorato all'ambiente - sottolinea Novara - non ha senso che l'assessore ai Lavori Pubblici gestisca anche operazioni legate agli alberi, mentre l'attuale assessore all'ambiente ha invece tre deleghe, è impensabile occuparsi di tutto».

«E che fine hanno fatto il parco fluviale, il parco delle Mura? - rincara la dose il presidente Stefano Forlini - secondo noi domina un immobilismo assoluto».

C'è in gioco il taglio degli alberi in una stagione di smog galoppante e “fuori legge”: «Vorremmo uno Sportello alberi, dove almeno la gente venga informata di cosa si sta facendo invece di ottenere risposte vaghe».
Non va giù il taglio dei 35 platani decennali ad alto fusto di via Ercole.
«Da quando in qua gli alberi belli e sani sono pericolosi, non è più pericoloso lo smog?
E cosa c'è di vero nel fatto che dessero fastidio ai disabili?
Non si possono mettere in contrasto alberi e portatori di handicap».

Alberi a parte, si vuole una verifica a 360 gradi anche sui piani urbani che aprono la via alla cementificazione.

«Chiediamo ai nostri alleati: ma questa politica li soddisfa?!».

«Piantare qui gli alberi è un messaggio simbolico per dire che Piacenza ha bisogno di verde e non di aree da cementificare» sintetizza anche Marco Natali (Legambiente).


pubblicazione: 27/03/2005

 5425

Schede correlate
«Pianteremo un albero per ogni voto ricevuto»
RIMPASTO in giunta, la rivoluzione di Reggi
Salvagente verde per far respirare la città

Categoria
 :.  AMBIENTE Piacenza
 :..  Urbanistica



visite totali: 2.770
visite oggi: 1
visite ieri: 0
media visite giorno: 0,47
[c]




 
Schede pių visitate in Urbanistica

  1. Coop Piacenza 74 : Settanta architetti ridisegnano la cittā
  2. Porta San Lazzaro, inaugurato il nuovo centro commerciale.
  3. "Dietro la Besurica spunta un quartiere"
  4. Parla la proprietā : "Sull' ex-Acna non ci sono speculazioni".
  5. Un grande parco nell'area dell'ex-Pertite
  6. Beni militari da cedere, l'elenco c'č
  7. Ex Acna, intervento urbano.
  8. Ex Acna, č ancora alta tensione
  9. In Via Roma č sempre emergenza.
  10. Federalismo demaniale, ecco il tesoro dei piacentini
  11. Ex Unicem, quartiere modello.
  12. Ance (Confindustria) assegna il 1° premio d'architettura
  13. Un prato in piazza Sant'Antonino
  14. Il Comune: in vendita Palazzo Chiapponi e Cā Buschi
  15. Besurica-bis, la cittā larga fa discutere
  16. Una cittā zeppa di edifici statali
  17. Negozi, palestre e musica nell'ex ospedale militare.
  18. La Procura su palazzo ex Enel: č tutto ok
  19. ĢFrenare la colata di cementoģ
  20. Acna, delocalizzazione tramontata
  21. Berra: ĢVa rivisto il piano regolatoreģ
  22. Prg amaro, scosse in maggioranza
  23. La fontana gigante di piazzale Torino.
  24. Ca' Buschi, il desiderio "proibito"
  25. Reggi e Garilli, pace senza Gelmini.
  26. San Sisto, una baia sul Po per far rinascere l'amore tra la cittā e il suo fiume.
  27. "La Giunta Reggi si vergogni !! "
  28. Ex macello, esplode la lite di carte bollate
  29. Cā Buschi : Vertice tra Reggi e gli ambientalisti
  30. Ex Acna : la Giunta dā l'ok al piano edilizio di via Tramello.
  31. ĢIl supermercato in via Cella ci soffocherebbeģ
  32. Caso via Manfredi 120.
  33. Villa Serena, il ministero prende tempo
  34. La "ribellione" dei Verdi.
  35. Area ex-Acna, decolla il recupero

esecuzione in 0,156 sec.