Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  ITALIA Politica  :.  Ppe  :. La proposta del partito unico del Polo.
sottocategorie di ITALIA Politica
 :. Politica nazionale
 :. Federalismo - Riforma elettorale.
 :. Sistema elettorale
 :. Debito pubblico - Legge finanziaria.
 :. Casa delle Libertà
 :. Partito della Libertà
 :. Uniti nell'Ulivo- L'Unione
 :. Partito Democratico
 :. Ppe
 :. Pensiero liberale
 :. Verso le Elezioni 2008
 :. PdL
 :. Verso la Terza Repubblica
 :. Scelta Civica con Monti per l'Italia




lunedì
26
ottobre
2020
Sant'Evaristo, papa



La proposta del partito unico del Polo.

Il «partito unico», come è stata battezzata la proposta di Berlusconi alla Camera, può ricordare i regimi autoritari e le democrazie popolari: sistemi in cui la funzione di una forza politica è semplicemente quella di organizzare il consenso a profitto di un leader e di stroncare qualsiasi opposizione.
Ma tali riflessioni sarebbero, in questo caso, fuori luogo.
Se Berlusconi riuscisse a realizzare il suo progetto, la democrazia italiana diventerebbe più matura ed efficace.
Come nel 1994, quando convinse Romano Prodi a scendere in campo e a creare una coalizione di centrosinistra, il premier avrebbe il merito di suscitare nell'opposizione un progetto analogo e di rafforzare coloro che lavorano da tempo con lo stesso scopo.
Continuerebbe a esistere, come nelle grandi democrazie bipartitiche, qualche forza minore, desiderosa di conquistare l'attenzione della società.
Ma la battaglia per il governo si organizzerebbe intorno a due grandi partiti alternativi.

Assisteremmo a una salutare semplificazione del sistema.
Uscirebbero di scena, finalmente, molti partiti "identitari", regionali o corporativi che hanno condizionato per decenni la vita politica.
Scomparirebbero le forze del 3 o del 5% che hanno esercitato, e continuano a esercitare, un potere irragionevolmente superiore alle loro dimensioni.
E ci verrebbe risparmiato lo spettacolo dei piccoli leader e delle piccole nomenklature che vivono, come è accaduto anche nelle ultime regionali, di mercanteggiamenti e ricatti.

Saremmo forse una democrazia più povera?
Non credo.
Le grandi ideologie si sono appannate e le sovranità nazionali si sono progressivamente rimpicciolite. Chi conquista il potere scopre rapidamente che le scelte, quale che sia il suo programma, sono drasticamente limitate dall'Unione Europea, dall'Organizzazione mondiale del commercio, dalle agenzie dell' Onu, dalle convenzioni internazionali, dalle corti di giustizia supernazionali e dalla interdipendenza dell'economia globale.
Quando un nodo arriva al pettine le soluzioni sono generalmente due: una più sensibile ai professionisti del mercato, l'altra più attenta alle esigenze dei lavoratori dipendenti e dei ceti sociali meno favoriti. Certi programmi sbandierati nelle campagne elettorali sono una perdita di tempo o, peggio, una bugia.

Resta da capire se il progetto di Berlusconi abbia qualche possibilità di vedere la luce.
Le grandi unificazioni o federazioni vincono la resistenza delle nomenklature concorrenti quando hanno almeno due caratteristiche.
In primo luogo debbono essere fatte da un leader vincente nel momento in cui il suo prestigio offre a tutti una ragionevole speranza di successi futuri.
In secondo luogo il federatore deve dimostrare che la nuova casa sarà accogliente e che i partiti minori non saranno alloggiati in solaio o in cantina.

La prima condizione, purtroppo, non esiste.
Se Berlusconi si fosse messo al lavoro subito dopo la vittoria del 2001, l'annuncio di avant'ieri sarebbe più credibile.
Oggi, dopo una sconfitta e alla fine della legislatura, il suo «partito unico» può sembrare una manifestazione di amarezza e disappunto per i compagni di governo che lo hanno costretto a dimettersi.
Se sono concepite all'ultimo atto le buone idee suscitano generalmente diffidenza.
Accadde a Napoleone quando commissionò a Benjamin Constant una costituzione liberale durante i «cento giorni».
Accadde a suo nipote quando cercò di creare, verso la fine del Secondo impero, uno Stato liberale.
E accadde a Mussolini quando si ricordò, alla fine della sua vita, di essere repubblicano e socialista.
Mi affretto ad aggiungere che nessuno di questi tre personaggi, beninteso, gli assomiglia.
28 aprile 2005
Sergio Romano
Corriere della Sera del 28/4/2005


pubblicazione: 28/04/2005

Occhio... 5668
Occhio...

Categoria
 :.  ITALIA Politica
 :..  Ppe



visite totali: 2.328
visite oggi: 1
visite ieri: 2
media visite giorno: 0,41
[c]




 
Schede più visitate in Ppe

  1. Adornato: il futuro è nel Ppe italiano. Sgarbi: no, è nella casa dei liberali.
  2. Bondi, Scajola, Pisanu
  3. Il GRANDE CENTRO.
  4. «Formigoni pensi a una sua lista per la Regione»
  5. Formigoni: ora federiamo i partiti italiani del Ppe. Forza Italia va ringiovanita
  6. Un Centro tra i due poli. Scarso il mercato dei voti
  7. La proposta del partito unico del Polo.
  8. Per Casini, un futuro da Segretario del Partito unitario ?

esecuzione in 0,328 sec.