Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  ECONOMIA Piacenza  :.  Polo Logistico  :. La logistica non entusiasma Giglio
sottocategorie di ECONOMIA Piacenza
 :. Patto per Piacenza
 :. Marketing territoriale
 :. Fondazione
 :. Camera Commercio
 :. PcExpo
 :. Industria
 :. Meccanotronica
 :. Tecnopolo
 :. Estero
 :. Polo Logistico
 :. Agricoltura
 :. Authority Alimentare
 :. Artigianato
 :. Commercio
 :. Centro storico
 :. TESA-NewCo-ENIA-IREN
 :. Tempi spa - SETA
 :. Pendolarismo
 :. Polo militare
 :. Cooperazione
 :. Milano Expo 2015




mercoledì
23
settembre
2020
San Lino, papa



La logistica non entusiasma Giglio

Capacità di “governare” il processo di insediamento delle attività di logistica sul territorio piacentino, e creare quei presupposti, legati ai servizi e alle infrastrutture di trasporto, perché sia realmente conveniente portare non solo magazzini, ma anche “pezzi” di produzione, nel comparto di Le Mose.

Industriali e parti sociali dicono la loro sulle prospettive di sviluppo economico che potranno recare con sé gli almeno 500mila metri quadrati di capannoni, previsti all'interno del polo logistico.

E i nuovi posti di lavoro, in quantità significativa anche per invertire un trend di perdita occupazionale ormai consolidato in provincia, non appaiono per nulla scontati.

Che fino ad oggi le aziende di logistica abbiano “mangiato” più spazi, piuttosto che far attecchire nuove possibilità di impiego, lo rammenta il presidente dell'Associazione Industriali Sergio Giglio.
«I dati attuali dei dipendenti delle imprese di logistica nostre associate - spiega - non si possono dire certo entusiasmanti».
Secondo Assindustria, si aggirano intorno ai 200 gli addetti del settore (60-70 impiegati alla sola Ikea che ha promesso nuove assunzioni a breve), ai quali vanno aggiunti lavoratori interinali e di aziende subappaltatrici, utilizzati saltuariamente.
«Finora abbiamo visto soltanto - prosegue il presidente Giglio - grandi investimenti edili, mentre non si hanno ancora riscontri occupazionali rilevanti.
E' evidente che se resta questo tipo di logistica, non dobbiamo attenderci nuove grandi opportunità».

«Dobbiamo rendere il nostro territorio - aggiunge - più attrattivo per gli operatori e soprattutto dotarlo delle infrastrutture ancora mancanti, soprattutto sul versante ferroviario.
Dal trasporto su gomma siamo già assediati abbastanza, per questo occorre puntare sulle rotaie, altrimenti il rischio è che tutto finisca in un grande ingorgo».

Gli studi di settore sulla logistica suggeriscono una quota di possibili neoassunti che varia da uno a 5 per ogni mille metri quadrati di capannoni: ma anche secondo il segretario provinciale della Cgil Gianni Copelli non ci sono ancora elementi sufficienti per quantificare con attendibilità i potenziali nuovi posti di lavoro.
«Come sindacato abbiamo chiesto fin dall'inizio - afferma - che fossero dati dagli enti locali indirizzi chiari all'arrivo dei nuovi insediamenti produttivi.
Il rischio è che spuntino capannoni come funghi, mentre ciò di cui abbiamo bisogno è una logistica integrata con altri territori, rivolta al sud dell'Europa.
In questo senso occorre guardare al modello offerto dall'Ikea.
L'altro aspetto da considerare con attenzione è quello che investe l'impatto ambientale di queste attività e la loro sostenibilità.
Per questo diciamo che non basta far regolare solo al mercato l'insediamento degli operatori, mentre è utile la ricerca da parte delle istituzioni di forme di partenariato con le aziende».
Insomma, la Cgil “richiama” gli amministratori locali a un ruolo di maggior peso in una partita che si preannuncia decisiva per il futuro economico di Piacenza.
«Non possiamo offrire solo i terreni alla logistica - fa notare - ma anche un contesto adeguato, con risorse formative che consentano ai nostri lavoratori espulsi dai processi produttivi di trovare possibilità concrete di ricollocazione nel polo di Le Mose».

(Libertà del 29 agosto 2005)



Ernesto Carini è certo: una svolta per l'occupazione

«Non solo migliaia di metri quadrati di magazzini dove stoccare merci, ma anche filiere produttive in grado di creare nuovi posti di lavoro».
L'assessore comunale allo sviluppo economico Ernesto Carini, ripete quello che è stato un adagio ricorrente durante la discussione in consiglio comunale relativa al nuovo polo logistico.
Che i nuovi insediamenti di Le Mose saranno in grado di portare occupazione, l'esponente dell'esecutivo comunale, lo ribadisce anche oggi.
«Il valore aggiunto attribuito alla logistica e le conseguenti nuove opportunità di lavoro - afferma Carini - sono cardini fissati all'interno della convenzione, che il Comune ha siglato con il consorzio impegnato nella realizzazione del comparto.
Ma sarà soprattutto il mercato a fare selezione degli operatori, privilegiando quelli più qualificati e più solidi economicamente: il nostro polo infatti avrà affitti più elevati rispetto alla media, perché attrezzato con servizi all'avanguardia e perfettamente collegato al sistema infrastrutturale dei trasporti.
Siamo in una fase in cui gli utilizzatori finali delle strutture non sono ancora definiti, ma possiamo dire che puntiamo ad avere anche qualche centro direzionale di rilievo, non solo stabilimenti di movimentazione merci».

Anche l'assessore all'urbanistica Pierangelo Carbone sostiene che i requisiti tecnologici e funzionali del comparto determineranno prezzi di locazione più alti:
«Il risultato è che - afferma - aumenterà la qualità degli operatori in lizza per acquisire gli spazi, e più qualità significa più possibilità di creare nuovo impiego».
L'accordo per la costruzione del polo logistico è stato sottoscritto dai due grandi soggetti investitori, Ikea e il gruppo immobiliare Generali Properties: il primo ha a disposizione circa 200mila metri quadrati (metà dei quali già edificati), il secondo addirittura 500mila.
Nel consorzio di gestione delle aree attrezzate, che presto si andrà a costituire, entreranno anche le ditte locali raccolte in Piacenza Intermodale: il suo direttore, Carlo Merli, conferma che i fattori di eccellenza del polo di Le Mose saranno i servizi.
«Tutti i capannoni - fa notare - saranno tutti raccordati al sistema ferroviario della linea Piacenza-Cremona, con appositi binari.
Nei prossimi 18 mesi verrà realizzato un fascio di rotaie di presa e consegna, ovvero destinate al parcheggio dei convogli, nell'area compresa tra la tangenziale e la strada dell'Anselma.
Inoltre investiremo nel raddoppio del terminal esistente».
Ma saranno fondamentali anche collegamenti di altra natura, quelli telematici associati a sistemi avanzati di telecontrollo e telesorveglianza.
«Alle aziende - precisa - saranno offerti tutta una serie di servizi software con tecnologie a banda larga: si tratta di quel valore aggiunto tante volte evocato, che può qualificare i semplici magazzini. A strutture di qualità, non possono che ambire operatori di qualità.
Puntiamo a compiere un deciso passo avanti rispetto alla logistica vista finora».
(Libertà del 27 agosto 2005)


pubblicazione: 29/08/2005

 7151

Categoria
 :.  ECONOMIA Piacenza
 :..  Polo Logistico



visite totali: 2.385
visite oggi: 1
visite ieri: 0
media visite giorno: 0,43
[c]




 
Schede più visitate in Polo Logistico

  1. Unieuro sbarca al polo logistico
  2. Apre a Piacenza il più grande centro di smistamento merci Tnt d'Italia
  3. Il Polo logistico paga “dazio“.
  4. Ikea, sviluppo ma senza assunzioni
  5. "Piacenza più vicina al porto di Genova"
  6. È un Polo Logistico da record
  7. Tnt: a Piacenza un centro-merci internazionale
  8. Piacenza sarà pioniera nella logistica
  9. Logistica e occupati, una sfida aperta
  10. Il polo logistico con l'espansione sarà il 2°in Italia
  11. Città della moda, "sfila" il progetto
  12. "Regia più attenta in maggioranza"
  13. Polo logistico, sì senza entusiasmo
  14. Per la logistica più verde e servizi
  15. "Il polo logistico decolla con una firma"
  16. Trasporti, Piacenza polo della logistica .
  17. Dossier MEROPE
  18. Piacenza snodo ferroviario per la Romania
  19. Centro moda, chiarimento fallito
  20. «Capitale europea di logistica»
  21. Riprende quota l'aeroporto merci
  22. Ritchie Bros presenti un progetto
  23. Insediamenti produttivi. Le Mose, in vendita 70mila metri.
  24. Dal polo logistico alla Tour Eiffel
  25. Il Polo di Protezione civile a Piacenza ?
  26. Polo logistico pronto a decollare
  27. Unioncamere sostiene la logistica
  28. La logistica non entusiasma Giglio
  29. Piacenza scalo-merci? Si fa fatica
  30. Piacenza più vicina al porto di Genova
  31. Logistica, subito un'authority
  32. Centro-moda, spunta Vuitton
  33. Piacenza scommette sul ferro
  34. Centro-moda, scatta la polemica
  35. Ma pensiamoci bene prima di approvarlo

esecuzione in 0,078 sec.