Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  POLITICA Piacenza  :.  Provincia di Piacenza  :. La diga entra nel Ptcp, è giallo sul voto
sottocategorie di POLITICA Piacenza
 :. Politica piacentina
 :. Elezioni Provinciali 2004
 :. Elezioni Regionali 2005
 :. Elezioni Politiche 2006
 :. Elezioni Comunali 2007
 :. Elezioni Politiche 2008
 :. EmiliaRomagna
 :. Elezioni Provinciali 2009
 :. Provincia di Piacenza
 :. Elezioni Regionali 2010
 :. Elezioni Comunali 2011
 :. Elezioni Comunali 2012
 :. ELEZIONI NAZIONALI 2013




domenica
22
maggio
2022
Santa Rita da Cascia



La diga entra nel Ptcp, è giallo sul voto

Ma il consiglio provinciale si è reso conto di aver votato una diga?
Pare di no ed è "giallo" sulla votazione.

Mentre la misteriosa amnesia contagia un po' tutti il contenuto di quanto approvato non cambia: questa volta non c'entrano gli ordini del giorno perché l'invaso è stato inequivocabilmente scritto nero su bianco nel Ptcp.
Il che è fatto di tutt'altra portata rispetto al piano di un odg, documento sì scritto ma sicuramente meno autorevole: qui c'è di mezzo tutto il peso burocratico di un piano elefantiaco.

Ora non ci si può più nascondere dietro a un pezzo di carta, a voce il presidente Massimo Trespidi cita addirittura il Trebbia.
Sotto il naso di tutti, l'osservazione di Tommaso Foti del Pdl ha tagliato il suo traguardo.
Zitto zitto l'onorevole non ha creato dibattito e così, nel mezzo di quella che il capogruppo del Pd Marco Bergonzi aveva definito "bulimia da votazione", i consiglieri si sono persi la fatidica osservazione 36.6, accolta dagli uffici, che chiedeva «di indicare la realizzazione di invasi, con studi già in corso (riferimento al progetto Annibale di Confagricoltura, ndc) tra le misure di tutela quantitativa delle acque».
L'osservazione era slittata nel secondo turno di votazione per poter dare al consigliere Gianluigi Boiardi (Nuovo ulivo) la possibilità di trovare un emendamento "perduto" negli uffici o mai presentato, dove si chiedeva che nel termine invaso fosse esclusa la possibilità di una diga. Dato per perso il documento, il presidente del consiglio provinciale Roberto Pasquali ha aperto il consiglio senza tante introduzioni al tema.
Morale: alla votazione si sono dedicati una manciata di secondi.

Ma a distanza di un giorno si spulciano le osservazioni.
E salta fuori che la diga è passata.
I consiglieri non si ricordano del tutto come hanno votato, gli uffici della Provincia al sabato non rispondono e il presidente del consiglio Pasquali ammette che c'era un po' di confusione in quel momento.
Trespidi è sicuro nel ricordare un verdetto di unanimità. Ma la convinzione è lontana anni luce dall'ex presidente Gianluigi Boiardi che replica:
«Impossibile che io abbia votato una simile porcheria».
Perché allora non ha detto niente?
«Ma tanto - risponde - qui ragionano a colpi di maggioranza. Faranno uno studio, lo pagheranno. La nostra diga più grande è il Po, con lo sbarramento di Isola Serafini».
Un sì del Pd suonerebbe meno strano:
«Noi non abbiamo mai detto - spiega Bergonzi - di essere contrari alla diga, la metteremmo in fondo alle possibilità ma in questa circostanza sono sicuro al 99 per cento che come Pd ci siamo astenuti». Secondo Massiliano Dosi (Lega Nord) «la minoranza ha votato tutta contro e la maggioranza tutta a favore» ma precisa di non esserne sicuro al cento per cento.

Ma come mai Trespidi non ha fatto notare che lo studio sulla diga fosse passato né durante i "titoli di coda" del consiglio né quando il consigliere Bergonzi gli ha donato una margherita per chiedergli le sue intenzioni?
«Non mi sembrano atteggiamenti in contraddizione - risponde - quell'osservazione fa seguito all'odg. L'amministrazione precedente con una delibera di giunta del 2008 recepiva uno studio del Consorzio di bonifica per un invaso di montagna sul fiume Trebbia. Adesso si stracciano le vesti».

Le intenzioni comunque sono chiarissime, entro la fine dell'anno si saprà cosa ne pensa la Regione.

«Lo studio che vorremmo fosse fatto - prosegue Trespidi - non è di competenza della Provincia.
L'ente predisposto a costruire dighe è il Consorzio. La Regione dà il via libera, poi ci sono due ministeri coinvolti: quello dell'Agricoltura e quello dei Lavori pubblici. Credo si saprà qualcosa entro la fine dell'anno. Mi hanno detto che la portata di acqua più grossa è quella del Trebbia ma dobbiamo muoverci insieme, liberi dai pregiudizi ideologici».

Resta un'ultima domanda: nella miriade di "puntelli" regionali votati in extremis a pochi minuti dalle 22 cosa ci sarà stato dentro? Forse che non si può fare una diga? Sarebbe il colmo.
Elisa Malacalza
Piacenza 04/07/2010


Parenti deluso: «Poco coraggio sulla pedemontana»
Il presidente della Camera di Commercio: Piacenza ha strade obsolete, la crisi ci dovrebbe far ragionare.
(malac.) Si possono destinare sei milioni di metri quadrati alla logistica con tutti i camion annessi e dire no alla pedemontana? Mentre i nipotini di Giuseppe Parenti vanno al mare perché l'aria piacentina soprattutto in estate si fa irrespirabile, il presidente della Camera di commercio pensa decisamente di no e invita la Provincia a maggior coraggio. Ma non è l'unica incoerenza sottolineata dal vertice della categoria. L'autostrada a quattro corsie tra Castelsangiovanni e Fiorenzuola era un po' il "sogno di una vita" per il gruppo di Parenti. Tuttavia l'osservazione presentata resta accolta parzialmente dal consiglio e si riduce a un proposito ideale per decongestionare la via Emilia pavese e parmense.
Facciamo un passo indietro.
Alla fine del mandato di Boiardi, la giunta era stata definita "poco coraggiosa".
Il boom di osservazioni al Ptcp arrivate in massa in Provincia con il cambio di "timoniere" era suonato quasi come un assalto alla diligenza.
Inutile dire che associazioni, categorie, sindaci, cittadini ci speravano molto.
Qualcosa è stato accolto, qualcos'altro no.
Ma il Ptcp si è rivelato uno strumento non poi così flessibile (studio della diga a parte).
Chi incassa il colpo torna a vedere lo stesso poco coraggio che era stato additato all'ex presidente.

Tra questi anche Giuseppe Parenti, primo sostenitore di quel "sogno di una vita".
Deluso?
«Penso che l'approvazione parziale sia stata una scelta poco lungimirante - risponde - sono rimasto molto perplesso. Il consiglio ha approvato all'unanimità l'ipotesi di una bretella che passerebbe al di là del Po. Andiamo sempre a scaricare sul territorio degli altri il nostro traffico? Per forza c'è stato voto unanime. A Piacenza abbiamo strade obsolete, la pedemontana sarebbe l'ipotenusa di un triangolo e soprattutto c'è già chi la farebbe in project financing. In Provincia si sta pensando a ipotesi senza avere i piedi piantati per terra, la crisi ci dovrebbe far ragionare. La pedemontana succhierebbe un po' di traffico da tutte le strade. La città non può più reggere, il traffico è destinato ad aumentare e non ci sono risorse pubbliche. L'amministrazione ci ripensi».

Sulla questione del coraggio e della politica del "fare" interviene Foti:
«In tutti i processi decisionali se la Provincia è compartecipe finisce col fare niente. Bisogna lasciar fare ai commercianti i commercianti, agli artigiani gli artigiani e così via. Al tempo stesso le Società autostradali devono fare le società autostradali. Allora sì che i risultati saranno diversi.
Una fase è finita e se ne apre una nuova. La sfida è sul percorso. Quando si dice che abbiamo votato il piano per stravolgerlo - precisa in conclusione l'onorevole - non intendiamo sotto il profilo dello spot politico: vogliamo portare la Provincia ad attrarre quei centri direzionali che fatalmente ha perso».




pubblicazione: 04/07/2010

Tommaso Foti 16240
Tommaso Foti

Categoria
 :.  POLITICA Piacenza
 :..  Provincia di Piacenza



visite totali: 3.377
visite oggi: 3
visite ieri: 1
media visite giorno: 0,77
[c]




 
Schede più visitate in Provincia di Piacenza

  1. «Impegno in Comune e saprò mettermi in gioco»
  2. Udc: in Provincia ci sono criticità
  3. La Provincia non costruirà dighe
  4. Regione: nel mirino i rimborsi kilometrici
  5. “A campagna elettorale finita, occorre tornare con i piedi per terra"
  6. Consiglio provinciale: sì alla vendita delle quote Centro Padane.
  7. Davide Allegri : "Ho sempre operato con correttezza e onestà".
  8. Una cava sul Trebbia davanti al Castello di Rivalta ?
  9. La diga entra nel Ptcp, è giallo sul voto
  10. Bersani : «Provincia, conserveremo l'identità»
  11. Otto le parole chiave nella "regìa" di Trespidi
  12. «Continuerò ad occuparmi dell'agroalimentare»
  13. "Continuo a fare l'avvocato e avrò la domenica libera"
  14. Province, Piacenza è finita
  15. Resteremo finché potremo garantire il pieno governo
  16. Referendum del quotidiano Libertà : Bocciata l'unione con Parma
  17. Errani: "Piacenza avrà il ruolo che le spetta"
  18. Referendum, sì al dietrofront.
  19. Trespidi: «Province, è il caos istituzionale»
  20. Province, sul nome abbiamo già perso
  21. Trespidi: «Giustizia è fatta». E pensa al bis
  22. Dosi: da Piacenza a Modena, sì alla Provincia del gusto
  23. Provincia, è ufficiale: no al referendum pro Lombardia
  24. Solo il referendum può salvare Piacenza
  25. Quale Provincia: il dibattito su Telelibertà
  26. Allegri e fotovoltaico, indagini
  27. Francesco Rolleri è il nuovo Presidente della Provincia di Piacenza
  28. L'ex assessore provinciale Allegri indagato ?
  29. Caso Allegri, fiducia nella magistratura
  30. Non rinunceremo al "ponte bis" sul Po
  31. Boom del fotovoltaico: indagano i carabinieri.
  32. Cabina di regia su Expo, Metro avanti con le idee.
  33. Fotovoltaico. Allegri : «Sempre agito in trasparenza»
  34. Migliori Province, Piacenza resta fuori
  35. Ecco una "Provincia di favole"

esecuzione in 0,062 sec.