Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  ITALIA Politica  :.  Debito pubblico - Legge finanziaria.  :. L'Fmi rivede le previsioni per l'Italia.
sottocategorie di ITALIA Politica
 :. Politica nazionale
 :. Federalismo - Riforma elettorale.
 :. Sistema elettorale
 :. Debito pubblico - Legge finanziaria.
 :. Casa delle Libertà
 :. Partito della Libertà
 :. Uniti nell'Ulivo- L'Unione
 :. Partito Democratico
 :. Ppe
 :. Pensiero liberale
 :. Verso le Elezioni 2008
 :. PdL
 :. Verso la Terza Repubblica
 :. Scelta Civica con Monti per l'Italia




sabato
19
ottobre
2019
San Paolo della Croce, sacerdote



Babele moda - abbigliamento on line
Babele Arte - galleria di artisti da tutto il mondo
BabeleCase - database di annunci immobiliari
itinerari turistici
Babele Info  - motore di ricerca d'arte


L'Fmi rivede le previsioni per l'Italia.

Pil +0,2% e deficit al 4,3% nel 2005

L'economia italiana mostra segni di ripresa e il Fondo Monetario Internazionale ne prende atto, rivedendo al rialzo le proprie previsioni.
"I segnali di ripresa sono positivi - ha detto stamane il capo delegazione dell'Fmi Alessandro Leipold, durante la conferenza stampa di fine missione in Italia tenuta con il ministro dell'Economia Giulio Tremonti - e ci portano a prevedere un +0,2% nel 2005 e +1,6% nel 2006".

Il miglior andamento dell'economia rende a questo punto possibile centrare un altro obiettivo annunciato del governo: il rapporto deficit-pil al 4,3% quest'anno, ha assicurato Leipold, "è possibile da raggiungere".

Il giudizio positivo dell'Fmi è stato accolto con grande soddisfazione da Tremonti, che ha detto: "Il rapporto del Fmi è positivo, sia nel merito, che nel metodo", e poi ha aggiunto: "La prima reazione la voglio esprimere in inglese: We welcome".

Tuttavia l'Fmi non ritiene che tutti i problemi dei conti italiani siano risolti.
"Nel breve - ha ricordato Leipold - è necessario mantenere gli impegni sulla finanza pubblica e sulle riforme e usare bene il periodo legislativo che resta".

La revisione al rialzo delle previsioni sull'economia italiana è stata anche favorita dalla finanziaria per il 2006, che viene giudicata dall'Fmi "responsabile", anche se "vi è una dinamica sottostante della spesa che può mettere a repentaglio gli obiettivi".
E pertanto, ha ammonito Leipold, "deve uscire dal Parlamento più forte di come vi è entrata".

"Ci preoccupiamo perché c'è la dinamica sottostante alla spesa che può mettere a repentaglio il 3,8%" nel rapporto deficit/Pil 2006, ha spiegato ancora il capo delegazione Fmi, aggiungendo che lo slittamento "probabile degli oneri di alcuni contratti pubblici al 2006 può appesantire per lo 0,15% del Pil" il deficit.

Leipold ha anche detto che l'Fmi si augura che l'Italia proceda nel programma di riforme.
"Speriamo che la riforma della previdenza complementare vada avanti", ha detto.

Stessa considerazione sul Ddl sul risparmio: "Sarebbe importante che passasse la riforma sul risparmio, anche se sono stati approvati vari emendamenti non tutti positivi; comunque ci auguriamo che passi complessivamente, inclusa la parte su Bankitalia e su questo auspichiamo che venga integrata con le opinioni della Bce".

Sui conti pubblici "lamentiamo problemi di trasparenza che sono di vecchia data", ha infine aggiunto Leipold, suggerendo: "Auspichiamo che sia la Corte dei Conti o un altro organismo, che ci siano comunque esperti indipendenti sui conti pubblici".


pubblicazione: 03/11/2005

 8383

Categoria
 :.  ITALIA Politica
 :..  Debito pubblico - Legge finanziaria.



visite totali: 1.633
visite oggi: 1
visite ieri: 0
media visite giorno: 0,32
[c]




 
Schede più visitate in Debito pubblico - Legge finanziaria.

  1. Tasse, trovata l'intesa.
  2. Il Dpef per gli anni dal 2005 al 2008
  3. LA MANOVRA ECONOMICA
  4. DL 168/2004 (TAGLIASPESE)
  5. «Subito più rigore e una scossa per lo sviluppo»
  6. Berlusconi: riforma fiscale sarà legge in 50 giorni
  7. Finanziaria: limiti alle spese. E più tasse
  8. La situazione è grave, vera recessione.
  9. Ancora Montezemolo...
  10. Tremonti: il Dpef è un testo da seminario
  11. Il premier : "Se le tasse sono alte, l'evasione è un fatto morale".
  12. Sì definitivo del Senato alla Finanziaria.
  13. Finanziaria più leggera per Comuni ?
  14. Meno tasse per tutti: il piano del governo per la riduzione fiscale.
  15. Siniscalco: taglio delle tasse, perché siamo partiti dall' Irap.
  16. Siniscalco si è dimesso.
  17. Fiducia del Senato alla Finanziaria
  18. Manovra, dalla Camera l'ultimo sì
  19. LA MANOVRA DEL GOVERNO (Schema dl Cdm 9.7.2004).
  20. La missione impossibile di un economista di valore
  21. Berlusconi: «Niente addizionali sull'Irpef».
  22. Meno tasse.
  23. Siniscalco: «Una manovra semplice e solida»
  24. Finanziaria, si va verso la fiducia. Pronto il maxi-emendamento.
  25. Perdono tributario a tutto campo
  26. Berlusconi: "Sulle tasse indisponibile a voltafaccia.
  27. Allarme di Fazio: conti pubblici, situazione grave.
  28. La Consulta boccia il Decreto Legge 2004 sui tagli a regioni e comuni.
  29. La Ue: rischio deficit. Siniscalco: ce la faremo.
  30. Il Dpef 2005-2008
  31. LA SOLUZIONE «2 PER CENTO»
  32. La nuova Finanziaria
  33. Finanziaria : ulteriore correzione da 6 miliardi di euro.
  34. Taglio tasse: Berlusconi, «Vado avanti»
  35. Testo provvisorio della legge finanziaria.

esecuzione in 0,312 sec.