Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  AMBIENTE Piacenza  :.  Urbanistica  :. L'abbraccio di 2mila cuori per tenersi stretto il sogno
sottocategorie di AMBIENTE Piacenza
 :. PM10
 :. SMOG
 :. Elettrosmog
 :. Viabilità
 :. Urbanistica
 :. Inceneritore
 :. Rifiuti
 :. Teleriscaldamento
 :. Acqua
 :. Fiume PO
 :. Amianto




mercoledì
2
dicembre
2020
Santa Bibiana



L'abbraccio di 2mila cuori per tenersi stretto il sogno

"Serpentone" di piacentini perchè l'area diventi un parco della città

di SIMONA SEGALINI
C'erano una volta gli studenti della scuola media Calvino di via Stradella che sognavano un parco alla Pertite.
Qualcuno provò a crederci, venne una squadra di adulti che scommise su quel sogno.
E ieri, quel sogno, quella scommessa, sono diventati incredibilmente realtà: o meglio, il parco per la città ancora non c'è, ma Piacenza - con i suoi 2mila cittadini, grandi e piccini, 2mila cuori, 4mila mani che alla fine si sono sollevate verso il cielo in segno di vittoria - ha detto che sì, questo sogno è adulto, e ha tutte le carte in regola perchè i potenti vi rivolgano attenzione.
Ieri mattina l'ampio polmone di verde stretto tra via Primo Maggio e via Emilia Pavese, circa 270mila metri quadrati in uso alla Difesa, è stato letteralmente abbracciato da tutti i partecipanti alla grandissima manifestazione promossa da un articolato puzzle di realtà territoriali.
Un enorme serpente di persone, bambini, studenti, adulti, intere famiglie, ma anche pensionati, ma anche rappresentanti delle istituzioni, che a partire dalle 10, con la partenza urlata via radio dai ragazzi della Calvino, si è lanciato nella sfida, altrettanto enorme: cingere nell'abbraccio quei 2,5 chilometri di perimetro che delimita i fianchi di questa ex fabbrica di proiettili, a cui Piacenza, nel ‘28 e poi nel 40, diede il suo pesante, pesantissimo contributo di sangue.
«A queste 61 vittime - dice Bruno Galvani, presidente Anmil, in carrozzina nel parco verdissimo - va intitolato questo parco, perchè le autorità militari hanno il dovere di offrire quest'area alla città». Arrivano in tanti, tantissimi all'appello, dopo che per la causa il comitato ha messo insieme 10mila firme, e dopo che già di buon ora ieri mattina Radio Sound, con Rita e la sua incalzante diretta radiofonica, non ha smesso un secondo di ricordare ai piacentini dell'appuntamento che vuole, da oggi in poi vorrà sempre di più, far sì che quest'area ritorni alla città e ai piacentini.
Facce anonime, ma pure volti della vita pubblica, Domenico Ferrari del Fai, Stefano Forlini (Verdi, «vorremmo essere più rappresentati in consiglio, per seguire in maniera puntuale la vicenda»), diversi esponenti del Partito Democratico in Consiglio comunale e provinciale (tra gli altri Carlo Berra, Giulia Piroli, Cristian Fiazza:
«E' un sogno ma lo era anche quella della Galleana», vari assessori di palazzo Mercanti, dal consiglio provinciale, tra gli altri, Paolo Sckokai, e i due concorrenti alla segreteria, Vittorio Silva e Pier Angelo Romersi), Gian Luigi Boiardi («La Pertite si inserisce in un disegno nuovo, in questi anni si è perso tempo»), l'assessore regionale dell'Idv Sabrina Freda, Gianni D'Amo, il suo ruvido, implacabile realismo:
«Il mio emendamento al Psc per salvaguardare l'esistente sul tema del bosco in città l'avremo votato in due o tre. Ora siamo tutti qui, bene: speriamo che tutti abbiano capito. Ricordiamo che l'area pone fra l'altro un problema di bonifica».
Alle 11 e 10 il pallone è quasi messo in porta: il cordone di mani sta arrivando a ricongiungersi, mentre i generosi volontari dell'organizzazione cominciano a tirare lunghi respiri per una tensione che è andata scemando.
L'inizio, con il via lanciato dalla Calvino, era stato benedetto dal parroco di Borgotrebbia don Pietro Cesena per il vescovo Gianni («qui c'è il futuro della città - dice il prete - ma a patto che si lascino da parte divisioni come accade a volte a Piacenza»), per il finale arriva insieme all'assessore regionale all'Ambiente Paola Gazzolo il sindaco Roberto Reggi, che alla fine allungherà in un lungo abbraccio con Marco Natali («siamo oltre 2mila persone, è bellissimo», urla), mentre sempre da Legambiente Laura Chiappa lancia al microfono il suo grazie a Piacenza.
C'è Reggi ma non c'è il vice sindaco Francesco Cacciatore, che martedì in Giunta avanzerà sul tavolo la proposta per la Difesa.
Ovvero «una proposta - chiosa Reggi dopo che l'impresa, la strabiliante, sognata, dibattuta impresa sta tirando i remi in barca - che contemperi il desiderio di dare alla città quest'area verde, la maggior parte possibile, e l'esigenza di mantenere qui un polo produttivo per la Difesa.
Sono d'accordo nel tenere fuori da qui nuove residenze: ci opporremo. Ma dobbiamo anche salvaguardare 1000 famiglie, un cui componente lavora all'ex Arsenale».
Insomma, Artale e un pezzo della Pertite per il polo, il resto della Pertite per l'agognato bosco urbano.

Il sole ormai è alto, e su tutti vola altissimo un aquilone.

da LIBERTA' del 06/06/2010


pubblicazione: 06/06/2010

 16148

Categoria
 :.  AMBIENTE Piacenza
 :..  Urbanistica



visite totali: 1.371
visite oggi: 2
visite ieri: 0
media visite giorno: 0,35
[c]




 
Schede più visitate in Urbanistica

  1. Coop Piacenza 74 : Settanta architetti ridisegnano la città
  2. Porta San Lazzaro, inaugurato il nuovo centro commerciale.
  3. "Dietro la Besurica spunta un quartiere"
  4. Parla la proprietà : "Sull' ex-Acna non ci sono speculazioni".
  5. Un grande parco nell'area dell'ex-Pertite
  6. Beni militari da cedere, l'elenco c'è
  7. Ex Acna, intervento urbano.
  8. Ex Acna, è ancora alta tensione
  9. Ex Unicem, quartiere modello.
  10. In Via Roma è sempre emergenza.
  11. Federalismo demaniale, ecco il tesoro dei piacentini
  12. Ance (Confindustria) assegna il 1° premio d'architettura
  13. Un prato in piazza Sant'Antonino
  14. Besurica-bis, la città larga fa discutere
  15. Il Comune: in vendita Palazzo Chiapponi e Cà Buschi
  16. Negozi, palestre e musica nell'ex ospedale militare.
  17. Una città zeppa di edifici statali
  18. «Frenare la colata di cemento»
  19. La Procura su palazzo ex Enel: è tutto ok
  20. Acna, delocalizzazione tramontata
  21. Berra: «Va rivisto il piano regolatore»
  22. Prg amaro, scosse in maggioranza
  23. La fontana gigante di piazzale Torino.
  24. Reggi e Garilli, pace senza Gelmini.
  25. Ca' Buschi, il desiderio "proibito"
  26. "La Giunta Reggi si vergogni !! "
  27. San Sisto, una baia sul Po per far rinascere l'amore tra la città e il suo fiume.
  28. Ex macello, esplode la lite di carte bollate
  29. Cà Buschi : Vertice tra Reggi e gli ambientalisti
  30. Ex Acna : la Giunta dà l'ok al piano edilizio di via Tramello.
  31. «Il supermercato in via Cella ci soffocherebbe»
  32. Caso via Manfredi 120.
  33. Villa Serena, il ministero prende tempo
  34. La "ribellione" dei Verdi.
  35. Area ex-Acna, decolla il recupero

esecuzione in 0,171 sec.