Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  AMBIENTE Piacenza  :.  Inceneritore  :. Inceneritore nel mirino dell'Arpa
sottocategorie di AMBIENTE Piacenza
 :. PM10
 :. SMOG
 :. Elettrosmog
 :. Viabilità
 :. Urbanistica
 :. Inceneritore
 :. Rifiuti
 :. Teleriscaldamento
 :. Acqua
 :. Fiume PO
 :. Amianto




lunedì
29
novembre
2021
San Saturnino



Inceneritore nel mirino dell'Arpa

Allo studio l'impatto sulla salute dei residenti e sull'ambiente

L'inceneritore piacentino di Tecnoborgo - tra gli 8 di tutta l'Emilia Romagna - nel mirino di studio e di monitoraggio dell'Arpa regionale: il doppio studio sarà mirato sia ad analizzare l'impatto ambientale dei termovalorizzatori sia a conteggiare per la prima volta gli eventuali effetti delle emissioni sulla salute dei piacentini residenti nelle aree più a ridosso dell'inceneritore e dei "colleghi" di tutta l'Emilia Romagna.

E' il primo studio del genere in Italia e tra i più innovativi anche a livello europeo, e per il suo compimento - avrà durata triennale - la Regione ha messo sul piatto 2,5 milioni di euro, essendo coinvolta con i due assessorati di Ambiente e di Sanità.

I lavori di monitoraggio a Piacenza con la produzione dell'area di studio irradiata da Borgoforte da parte di Arpa partiranno entro il 2007.
Tutta la partita si concluderà entro il 2009.

«Il livello tecnico-scientifico del lavoro - afferma Sandro Fabbri, direttore dell'Arpa di Piacenza - è molto elevato non contando su esperienze analoghe in Italia, e per il progetto sono state messe in campo cospicue risorse. Il comitato scientifico che segue il progetto vede la presenza di 5 università e dei più noti epidemiologi italiani. A livello piacentino Arpa partirà realizzando la simulazione del modello sulle emissioni che consentirà l'elaborazione delle mappe di ricaduta delle nanoparticelle e degli altri inquinanti». Dopo il lavoro dell'Arpa emiliano-romagnola - il cui direttore generale Alessandro Bratti è intervenuto ieri a Piacenza - il testimone passerà alla parte sanitaria - le Ausl locali - i cui responsabili di salute pubblica metteranno sotto la lente i residenti delle aree di ricaduta delle emissioni così come descritte da Arpa, con l'obiettivo di verificare eventuali correlazioni tra sostanze inquinanti e malattie denunciate dai cittadini, puntando l'attenzione ad indicatori diversi.

Negli anni trascorsi gli inceneritori - anche quello di Piacenza - hanno destato apprensione per una serie di inquinanti potenzialmente pericolosi per la popolazione, con l'attuale attenzione puntata sulle nanoparticelle.
«Gli obiettivi generali del progetto - afferma Giuseppe Biasini, responsabile per Arpa dei Sistemi ambientali e a Bologna per la presentazione ufficiale dei lavori - intende organizzare un sistema di monitoraggio che consenta di valutare la tendenza dell'inquinamento ambientale nelle aree circostanti gli inceneritori: anche a Piacenza, quindi, disporremo controlli della qualità dell'aria e del terreno per le aree ad anello circostanti l'impianto di Tecnoborgo, per un'ampiezza di circa 4-5 chilometri, onde misurare l'impatto delle emissioni sull'ambiente, in particolare quelle di polveri sottili e degli ossidi di azoto. Ovviamente terremo conto anche della presenza delle altre fonti di possibili inquinamento in loco, vale a dire industrie e autostrada. Seconda tranche di lavoro - prosegue Biasini - di competenza delle autorità sanitarie sarà l'osservazione degli eventuali effetti avversi sulla salute delle persone per una valutazione epidemiologica».

«Su un impianto in particolare tra gli 8 emiliano-romagnoli, quello del Frullo di Bologna - completa Biasini - verrà compiuta anche una caratterizzazione delle emissioni più la tipizzazione delle polveri sottili, ovvero la loro suddivisione per classi di appartenenza in base alle dimensioni». I risultati di tale studio-pilota compiuto sull'impianto bolognese saranno ovviamente portati a riferimento anche a tutti gli altri inceneritori.
Nel comitato scientifico, coordinato da Benedetto Terracini, siedono esperti di fama nazionale, tra cui Pietro Comba, dirigente di ricerca all'Istituto superiore di sanità, e Pier Franco Conte, direttore del Dipartimento di Oncologia Aosp di Modena.
Simona Segalini


pubblicazione: 30/05/2007
aggiornamento: 31/05/2007

 12442

Categoria
 :.  AMBIENTE Piacenza
 :..  Inceneritore



visite totali: 2.170
visite oggi: 1
visite ieri: 0
media visite giorno: 0,40
[c]




 
Schede più visitate in Inceneritore

  1. Cosa sono gli ossidi di azoto (NOx).
  2. Più rifiuti inceneriti
  3. Inceneritore, nuova squadra al timone
  4. A Piacenza andrà un'indennità-inceneritore.
  5. L'inceneritore lavorerà di piu'.
  6. L'inceneritore di Borgoforte:potenzialità e "filtri"
  7. Inceneritore, sotto controllo i valori delle diossine
  8. I Ds sull'inceneritore: «Va potenziato, così cala la tariffa».
  9. Inceneritore, rischio-emissioni
  10. Enìa, per Ramonda l'ora degli addii
  11. Medaglia "verde" per l'energia rinnovabile all'inceneritore
  12. Reggi: «Ma in città si dovrà pagare meno»
  13. Dibattito sul termovalorizzatore di Borgoforte.
  14. Enìa, nuovo impianto per trattare le scorie
  15. «Bruciamo già i rifiuti dei "cugini"»
  16. Un comitato per l'Inceneritore
  17. Tecnoborgo : emissioni in regola.
  18. Rifiuti e costo di smaltimento.
  19. Miserotti: «L'incremento è pericoloso»
  20. Inaugurato l'inceneritore di Piacenza.
  21. Ramonda : Le tariffe per i cittadini verranno calmierate.
  22. Esiste un legame tra inceneritori e tumori
  23. Il giallo dei rifiuti "di passaggio"
  24. Diossina, sorvegliata speciale.
  25. L'impegno di Reggi : nel 2004 giu' la tariffa!
  26. Inceneritore, rischio diossina
  27. Inceneritore potenziato, coro di no.
  28. Ampliamento inceneritore:quali regole da seguire ?
  29. Inceneritore, "risarcimento" milionario
  30. Piacenza: l'inceneritore mai stato fuori norma.
  31. Inceneritore nel mirino dell'Arpa
  32. Nanoparticelle sotto la lente
  33. Tecnoborgo: termovalorizzatore all'avanguardia.
  34. Massima trasparenza su ogni chilogrammo
  35. Potenziare l'impianto sarebbe un vero fallimento

esecuzione in 0,140 sec.