Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  VARIE Piacenza  :.  SOCIALE  :.  Immigrazione  :. Immigrati, le seconde generazioni crescono
sottocategorie di SOCIALE
 :. Scuola
 :. Famiglia
 :. Disabilità
 :. Quartieri
 :. Sicurezza
 :. Immigrazione
 :. Animali




domenica
5
dicembre
2021
San Giovanni Damasceno



Immigrati, le seconde generazioni crescono

Dei 1060 bimbi che frequentano le scuole l'84% è nato in Italia.

Straniero a chi?
Le seconde generazioni di immigrati, detti anche "italiani col trattino", crescono, figli di quei 20mila lavoratori che si trovano al momento nel territorio piacentino, stando al rapporto annuale della Caritas formulato alla fine del 2010: 1060 bambini stranieri frequentano tutti i giorni le scuole d'infanzia piacentine.
Tra questi, l'84% è nato in Italia. Bambini ancora piccolissimi, che non chiedono ancora la cittadinanza.
Ma a casa, raccontano alcune mamme, preferiscono senza dubbio mangiare la pizza e la pasta col pomodoro. I genitori gli portano pasta e moussaka, in alcuni casi, o pizza con ciorba.

L'integrazione passa anche da qui, dalla tavola.
E alla faccia delle tradizioni culinarie, tra i più grandi, resta gettonato il fast food del cibo globalizzato, per accontentare tutti e accogliere anche quei ragazzi, tra i 14 e i 18 anni, che, stando a una ricerca del 2007 condotta dallo Svep piacentino, alla domanda "Chi sei?
«Per il 96,7% risponde di non sentirsi italiano o piacentino.

Tutt'altra risposta cominciano a dare i bambini a scuola.
Loro chiedono lo stesso zainetto delle compagne italiane, le invitano a casa per preparare il the alle bambole.

La scuola d'infanzia piacentina è frequentata da una percentuale di stranieri pari al 24,30%, la scuola primaria conta il 18,96% (dato fornito dall'Ufficio scolastico regionale).
I Paesi di provenienza sono soprattutto Albania, Marocco, Romania, Macedonia, Ecuador e India.

«Le seconde generazioni stanno arrivando, parliamo al momento ancora di bambini - commenta Massimo Magnaschi, responsabile dell'area promozione Caritas - Ora abbiamo più che altro giovani immigrati nelle scuole medie e superiori. Prima di tutto sono ragazzi; vediamo che organizzano feste nelle loro case, cercano di riunirsi tra loro».

Ne esce una sorta di terza dimensione, tratteggiata da questa "generazione involontaria": creare qualcosa di nuovo dall'unione delle due identità. Un meltin pot gastronomico ma anche legato al vestiario (in alcuni casi, velo sì ma con una gonna alla moda per la sera).

«In generale ogni caso a sé - spiega Jamal Ouzine, coordinatore del forum per l'immigrazione - Certo, c'è ancora da lavorare molto sull'integrazione, le istituzioni devono fare la propria parte e favorire momenti di dialogo, con la società civile, la scuola, le associazioni. Invece, spesso si tende a lasciare al singolo l'iniziativa. Se l'insegnante è preparato ci sono ottimi percorsi e risultati, ma non possiamo dire di vedere una politica coordinata di iniziative».

Il forum per l'immigrazione si riunirà in Provincia il 19. Burocrazia più snella, crisi e lavoro e voglia di protagonismo anche civico. Sono queste le linee guida che Ouzine intende sottoporre all'attenzione dei presenti. Ma anche, perché no, qualche cartello stradale poliglotta, con indicazioni per tutti.
Non a caso, ancora oggi, nella stragrande maggioranza dei musei cittadini e provinciali sono del tutto assenti le didascalie alle opere anche solo in inglese.
Un biglietto da visita non proprio accogliente.
Il problema più grande dei piccoli è legato alla crisi che sentono sulla propria pelle i genitori. Senza lavoro si perde anche il permesso di soggiorno. «Da un giorno all'altro si passa dall'essere regolari a clandestini - continua Ouzine - A Piacenza e provincia, si verifica che, soprattutto nel settore della logistica, gli immigrati arrivino a lavorare in condizioni non proprio adeguate. L'immigrato è costretto ad accettare per lavorare, "prende su" qualunque tipo di attività, in qualsiasi condizioni».
Elisa Malacalza
LIBERTA' del 07/03/2011


Black school.
Si chiamano così le scuole per stranieri, separate da quelle per italiani.
Il rischio c'è anche a Piacenza.
Se gli studenti italiani, infatti, scelgono i licei per il 48,3%, i tecnici per il 31%, gli istituti professionali per il 15,4%, e il liceo artistico nel 5% dei casi, gli studenti stranieri si iscrivono rispettivamente nel 44,4% dei casi agli istituti professionali, per il 38% agli istituti tecnici e solo per il 16% ai licei.
Uno studente su cinque nel territorio, inoltre, è immigrato, o figlio di persone immigrate.

Federica Lugani, studentessa piacentina della facoltà di psicologia dello sviluppo e dei processi educativi all'università di Milano Bicocca, ha distribuito 670 questionari negli istituti Casali, Romagnosi, Ipsia, Itis e Colombini, in vista della preparazione della sua tesi.
«La scelta della scuola superiore - spiega Federica - pare soggetta ad alcune variabili di contesto anche nel territorio piacentino. Il rischio quindi di "un'assimilazione verso il basso" appare tangibile anche nella realtà piacentina e, con esso, il fenomeno delle cosiddette black schools, ovvero delle scuole a componente straniera superiore al 50%, con il rischio di realizzare gravi squilibri nell' integrazione scolastica e nella possibilità di socializzazione».
Un esempio di squilibrio sarebbe ad esempio quello del cortile in comune tra istituto Leonardo da Vinci, frequentato in particolare da stranieri, e Tramello.
«Pochi giorni fa - spiega il preside del secondo, Luigi Fogliazza - alcuni ragazzi del Leonardo albanesi hanno preso di mira un giovane studente ecuadoregno. Assistiamo a episodi di bullismo al limite della delinquenza. Cominciano col chiedere cinquanta centesimi come "pedaggio" e poi si finisce con le botte. Noi teniamo alta la guardia e cerchiamo di monitorare la situazione ma la convivenza con i ragazzi del Leonardo non è sempre facile e prevedibile in quel cortile». Per quanto riguarda, invece, le scuole di Bettola, per i più piccoli, «non posso invece che esprimere un giudizio positivo sui piccoli che sono arrivati da tempo in Italia» conclude Fogliazza.
Rita Parenti, insegnante di Podenzano e rappresentante di "Mondo Aperto", sottolinea che è impossibile stabilire un identikit univoco di questi ragazzi. «Sono più elastici e duttili dei nostri italiani, hanno più esperienza. Sono abituati a fare sacrifici, a fare fatica. Il livello culturale di alcune famiglie piacentine resta molto basso nei confronti di questi piccoli. Li vedono sempre come i "poveri stranieri, tutti marocchini". Siamo pieni di stereotipi, la scuola può fare tantissimo in questa direzione.
Gli insegnanti, spesso, sono i primi ad essere ignoranti: fra poco partirà un corso di formazione distoria e geografia interculturale gratis, è necessario partecipare. Il razzismo esiste, galoppa. Il fatto che molti ragazzi, anche usciti dalle medie con ottimi voti, vadano nelle professionali perché la famiglia non può mantenerli in studi lunghi deve far riflettere».
Malac.



pubblicazione: 07/03/2011

 17055

Categoria
 :.  VARIE Piacenza
 :..  SOCIALE
 :...  Immigrazione



visite totali: 1.965
visite oggi: 3
visite ieri: 1
media visite giorno: 0,50
[c]




 
Schede più visitate in Immigrazione

  1. Il chador
  2. «Non è con i divieti che si costruisce l'integrazione»
  3. Alunni stranieri, Piacenza è terza in Italia
  4. Sulla Caorsana nascerà la "cittadella" islamica
  5. «In piscina col chador? Una legge imbecille»
  6. Sorgente piacentina
  7. "Stranieri: parole chiare"
  8. Diplomi irregolari ? Ombre sulla paladina degli immigrati.
  9. A Piacenza quasi 1.500 i potenziali elettori stranieri
  10. Studenti stranieri, Piacenza terza in Italia
  11. Sul voto gli immigrati non si scaldano
  12. Case popolari, la meno etnica in regione
  13. Immigrati raddoppiati in cinque anni
  14. Forum immigrati, primo vagito
  15. «Mi faccio la "moschea"», il Comune dice no
  16. Piacenza, 5.000 clandestini
  17. Pugno di ferro della Polizia in via Roma
  18. Immigrati, le seconde generazioni crescono
  19. Il flop della scuola media
  20. Via Roma, idee per una rinascita
  21. Vivono qui sognando il loro Paese
  22. Alunni stranieri a scuola, Piacenza al primo posto.
  23. Profughi, accoglienza per (i primi) cento
  24. Dietrofront degli stranieri, sono in calo dopo 22 anni
  25. Profughi a Piacenza, sistema d'accoglienza in crisi
  26. Lavoratori stranieri, Piacenza in testa
  27. "Corsi di arabo, ma paga il Comune ?"
  28. Profughi, Piacenza alza le barricate
  29. Immigrazione, Piacenza ha il record nazionale di alunni stranieri nelle scuole
  30. A Piacenza nel 2010 versati 121 assegni ad immigrati.
  31. Caos minori stranieri non accompagnati
  32. Sui banchi da 95 Paesi: sono 6500 gli studenti stranieri
  33. Nel 2013 la popolazione straniera raggiungerà l'11% in Emilia Romagna
  34. Profughi, l'ultimatum del Comune di Piacenza

esecuzione in 0,093 sec.