Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  ITALIA Politica  :.  Casa delle Libertà  :. Il premio di maggioranza e il Partito della Libertà
sottocategorie di ITALIA Politica
 :. Politica nazionale
 :. Federalismo - Riforma elettorale.
 :. Sistema elettorale
 :. Debito pubblico - Legge finanziaria.
 :. Casa delle Libertà
 :. Partito della Libertà
 :. Uniti nell'Ulivo- L'Unione
 :. Partito Democratico
 :. Ppe
 :. Pensiero liberale
 :. Verso le Elezioni 2008
 :. PdL
 :. Verso la Terza Repubblica
 :. Scelta Civica con Monti per l'Italia




mercoledì
21
ottobre
2020
Sant'Orsola e compagne martiri



Il premio di maggioranza e il Partito della Libertà

da Il Giornale del 23 agosto 2007

La babele di dichiarazioni dentro e fuori il centrodestra sul Partito della Libertà è davvero bizzarra perché - in larghissima parte - non tiene conto dei dati istituzionali.

Sembrerà un paradosso ma, alla fine della fiera, proprio Berlusconi - ma Bossi non è da meno - sembra l'unico a tener presente quel che può accadere nei prossimi mesi.

Alle finestre dei partiti giunge il ticchettìo di una bomba a orologeria: il referendum sulla legge elettorale.
E proprio questo sinistro rumore agita il sonno dei piccoli partiti, mentre alimenta le aspettative di quelli grandi.
Entro il 10 febbraio la Corte Costituzionale deve pronunciarsi sull'ammissibilità di un referendum che alza la soglia di sbarramento e riconosce il premio di maggioranza non più alla coalizione vincente ma al partito che prende più voti.

Risultato: riduzione della frammentazione, fine del potere di veto dei piccoli partiti, governabilità.
Ai cespugli - di destra e di sinistra - questo meccanismo ovviamente non piace, perché per non venir cancellati si troverebbero costretti a confluire in una formazione unitaria.
Il problema è che né a destra né a sinistra si trova un accordo per riformare la legge elettorale e sventare il referendum, poiché i partiti minori esigono una legge che li metta al riparo dall'estinzione e quelli più grandi non vogliono trascorrere altre legislature a barattare qualsiasi provvedimento.
Stallo totale.

La situazione è ancor più spinosa a sinistra.
I soci di minoranza del governo hanno in mano l'arma della crisi: è una pistola puntata alla tempia dei fondatori del Partito Democratico affinché non s’azzardino a votare leggi spazza-cespugli; e rappresenterà il napalm nell'imminenza del referendum per farlo sospendere.
La consultazione popolare, infatti, dovrà tenersi fra il 15 aprile e il 15 giugno, ma verrebbe sospesa e rinviata quantomeno di un anno in caso di scioglimento anticipato delle Camere.
Eccola, la doppietta nascosta dietro i cespugli dell’Unione.

Che c'entra tutto questo con il Partito della Libertà?
C’entra, c’entra.
Prima Bossi, poi Berlusconi ieri parlando del Pdl hanno rilanciato ambedue, guardacaso, il dibattito sulla riforma elettorale.
E qui il «Berlusconi movimentista» diventa il «Cavaliere politico».
Gli interessi di Bossi e Berlusconi sul tema non sono coincidenti, tuttavia avanzano in tandem, sono un po’ come le «convergenze parallele» di un tempo.
Bossi come un rabdomante fiuta la vena e cerca il vantaggio dal marasma del centrosinistra e dai disegni di Berlusconi.
Il quale, a sua volta, vede che l’autunno di Prodi s’annuncia al calor bianco: legge finanziaria, riforma del lavoro, intercettazioni, primarie del Partito Democratico e, dulcis in fundo , riforma della legge elettorale.

Troppa carne al fuoco, ma in verità è l’ultimo punto, il sistema di voto e il referendum, a rappresentare lo scoglio più pericoloso per il governo.
Nonostante le pulsioni suicide non manchino, un conto per i partiti è battersi fino alla morte per gli «ammortizzatori sociali», un altro è far di conto con il pallottoliere sui seggi che si possono conquistare, o perdere, con una legge elettorale alla spagnola, alla tedesca o all’amatriciana.

Il referendum è una spada di Damocle per tutti.
Gli esperti direbbero che la faccenda è ormai «incardinata» nell’agenda politica: ci sono le scadenze, gli effetti sono noti, ma le contromisure sono tutte ancora di là da venire.

Berlusconi dice di pensare al Partito della Libertà «per il futuro».
Ma il futuro comincia il 10 febbraio...
Perché dovesse essere il referendum a partorire il nuovo sistema elettorale, a sinistra son già quasi pronti con l’ombrello del Partito Democratico, ma nel centrodestra sono ancora in piena crisi della Casa delle Libertà.
Con «quel» premio di maggioranza, a quel punto, nessuno potrà dire di no a un Partito della Libertà.

Mario Sechi , Il Giornale del 23 agosto 2007


pubblicazione: 23/08/2007

 12997

Categoria
 :.  ITALIA Politica
 :..  Casa delle Libertà



visite totali: 2.381
visite oggi: 1
visite ieri: 1
media visite giorno: 0,49
[c]




 
Schede più visitate in Casa delle Libertà

  1. SILVIO BERLUSCONI COLTO DA MALORE.
  2. Processo SME, Berlusconi assolto.
  3. La rottura nella Cdl è ormai cosa certa.
  4. Berlusconi si è dimesso.
  5. BERLUSCONI-BIS : è il 59esimo governo della Repubblica.
  6. I “tifosi” di Follini restano dietro le quinte
  7. Il Senatùr
  8. MITICO
  9. UN GESTO ESTREMO, MA LUCIDO
  10. Per fare, per crescere, per essere liberi.
  11. Il premier: ora Follini non potrà mettersi fuori dal Polo
  12. ALLEANZA PER LA LIBERTA'.
  13. Vicenza : Berlusconi incontra a sorpresa gli industriali.
  14. "Il 2005 potrà essere l'anno della svolta"
  15. Follini ricompatta l'Udc: «Non siamo anomalia»
  16. ADORNATO: ORIZZONTE PIÙ VICINO PER IL PARTITO DELLA LIBERTÀ.
  17. Lettera al Corriere della Sera di Roberto Formigoni.
  18. Berlusconi brevetta il Partito della Libertà
  19. Berlusoni, MVB e la mezza verità del Partito della Libertà
  20. Il «celeste» Roberto studia da premier.
  21. An deve scegliere o lo statalismo o l’innovazione
  22. Intervista a Marco Follini
  23. Centrodestra italiano al bivio
  24. Casini, i moderati, il bipolarismo.
  25. www.scendoinpiazza.it
  26. BERLUSCONI A "PORTA A PORTA"
  27. Gianfranco Fini : non sono una pecora.
  28. Berlusconi: "Prodi cadrà a novembre"
  29. GOVERNO DEBOLE PREMIER FORTE
  30. Berlusconi accelera, in Europa va Buttiglione
  31. Documento del Comitato di Todi
  32. L'Unità, Stalin e Berlusconi
  33. Dal 13 maggio 2001 al 20 aprile 2005.
  34. Berlusconi ad An : "Riflettiamo sulla devolution".
  35. Intervista a Rocco Buttiglione.

esecuzione in 0,078 sec.