Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  ITALIA Politica  :.  Scelta Civica con Monti per l'Italia  :. Il piano dei centristi per rompere il silenzio: 5 anni di larghe intese
sottocategorie di ITALIA Politica
 :. Politica nazionale
 :. Federalismo - Riforma elettorale.
 :. Sistema elettorale
 :. Debito pubblico - Legge finanziaria.
 :. Casa delle Libertà
 :. Partito della Libertà
 :. Uniti nell'Ulivo- L'Unione
 :. Partito Democratico
 :. Ppe
 :. Pensiero liberale
 :. Verso le Elezioni 2008
 :. PdL
 :. Verso la Terza Repubblica
 :. Scelta Civica con Monti per l'Italia




domenica
25
ottobre
2020
San Gaudenzio



Il piano dei centristi per rompere il silenzio: 5 anni di larghe intese

Si tratta di discrezione, riservatezza?
Della coscienza di non essere determinanti?
È l'effetto della botta elettorale, attorno al dieci per cento quando si pensava di pesare almeno il doppio?

Qualcosa di tutti e tre questi motivi, fatto è che il centro, scopertosi debole nelle urne, è svanito negli ultimi dieci giorni anche dal pubblico dibattito.

Le agende però non sono in bianco.
Sottotraccia, il campo centrista cerca di rimuovere lo choc, riprende a muoversi.

Monti, per dire, ieri mattina è stato dal presidente Napolitano e poi ha pranzato con Pier Ferdinando Casini, uno dei suoi due alleati ridotti all'osso dal voto: Casini conserva un manipolo di una decina di parlamentari (lui compreso, neosenatore), Fini è fuori, con tre soli eletti di Futuro e libertà.

Monti e Casini hanno esaminato ieri la scena del dopo voto.
Monti è l'unico leader centrista ancora pienamente in gioco, quindi Casini ha svolto il ruolo del consigliere esperto.

Fra le tante ipotesi che circolano, la più gradita ai centristi è quella di un nuovo governo Monti, con una maggioranza simile a quella attuale (Pd-Pdl-centro), ma che possa durare cinque anni.
Perché il governo Monti — secondo l'analisi del tavolo Monti-Casini — ha avuto il più grande difetto nella durata: una politica per rimettere in piedi il Paese non poteva essere realizzata in un anno, anzi in un anno sono state solo messe in moto le parti più rigide e «punitive» delle riforme.

Ma è più facile che un «governo del Presidente» sia messo in piedi (anche non presieduto da Monti) per un breve periodo allo scopo di fronteggiare l'emergenza istituzionale e di rassicurare i mercati.
«Un governo tipo Monti, con Monti allenatore», dicono, con un po' di mistero, nelle stanze di Italia Futura, l'associazione di Montezemolo.

Molto più impervia la strada dell'appoggio a un governo Bersani-Grillo.

Ricordava ieri la neosenatrice montiana Linda Lanzillotta che, se questo governo nascesse al Senato con l'uscita dall'Aula di Grillo al momento della fiducia, i voti centristi diventerebbero decisivi.

C'è anche l'ipotesi di un governo Monti prorogato fintanto che non si trovi la soluzione per un nuovo esecutivo, ma questo significherebbe governare a scartamento ridotto.

Per tener fede agli impegni presi prima delle elezioni, si discute anche del gruppo parlamentare unico da costituire alla Camera (al Senato la lista era unica e quindi viene naturale).
Poi, sempre secondo gli accordi pre elettorali, si dovrà costruire una vera e propria formazione politica, che si dovrebbe chiamare Popolari per l'Europa (Ppe, come Partito popolare europeo).
Di questo Monti ha parlato con Montezemolo e la discussione proseguirà mercoledì, quando il presidente del Consiglio ancora in carica riunirà i suoi nuovi parlamentari nella Sala della Minerva, in una delle sedi del Senato.
Andranno sciolti alcuni nodi fra le due componenti principali di Scelta civica, la formazione di Monti: quella che fa capo al ministro Riccardi e alla comunità di Sant'Egidio e Italia Futura.
Ci sono questioni di leadership, e poi, per esempio, i primi sarebbero più favorevoli all'ingresso nel Partito popolare europeo, i secondi — che hanno un'impostazione più laica — meno.

L'Udc di Casini, per quel che ne resta, giovedì, ha convocato un Consiglio nazionale: si parlerà del «superamento» della stessa Udc. Solo macerie, invece, dalle parti di Fini.
La prestigiosa sede di via Poli è stata sgomberata, ma sarà ancora agibile, sempre giovedì, per l'incontro tra Fini e i suoi uomini, quasi tutti fuori dalle Camere.
«Triste è vedere che Scilipoti e Razzi sono dentro e noi no — dice l'ex deputato Fabio Granata —. Gli elettori ci hanno azzerato, ora bisogna azzerare tutti i dirigenti e ricominciare con una nuova destra legalitaria e repubblicana». Con tutta la stima e l'affetto per Fini.

Andrea Garibaldi, Corriere della Sera del 5 marzo 2013


pubblicazione: 05/03/2013

 18382

Categoria
 :.  ITALIA Politica
 :..  Scelta Civica con Monti per l'Italia



visite totali: 1.254
visite oggi: 2
visite ieri: 0
media visite giorno: 0,44
[c]




 
Schede più visitate in Scelta Civica con Monti per l'Italia

  1. Monti: cambierò il nostro Paese
  2. "Sarò capo coalizione, na non mi candido"
  3. Ciò che il Centro non ha capito.
  4. "O il governo fa le riforme o non ci interessa più farne parte. "
  5. Casini : "Con Monti ho fatto la scelta sbagliata"
  6. Monti: «Io, la sfida del Centro e la vera leadership senza demagogie»
  7. Il piano dei centristi per rompere il silenzio: 5 anni di larghe intese
  8. Monti presenta il simbolo "Scelta civica".
  9. Il premier Monti apre a Bergamo la campagna elettorale.
  10. Monti: «No a larghe intese con somma zero»
  11. Monti: prima di me Governo di cialtroni
  12. Monti : «Questa idea da domani diventa una struttura destinata a durare»
  13. La maggioranza si divide, Monti lascia Lista Civica ?

esecuzione in 0,093 sec.