Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  ECONOMIA Piacenza  :.  Patto per Piacenza  :. Il nuovo Patto per Piacenza.
sottocategorie di ECONOMIA Piacenza
 :. Patto per Piacenza
 :. Marketing territoriale
 :. Fondazione
 :. Camera Commercio
 :. PcExpo
 :. Industria
 :. Meccanotronica
 :. Tecnopolo
 :. Estero
 :. Polo Logistico
 :. Agricoltura
 :. Authority Alimentare
 :. Artigianato
 :. Commercio
 :. Centro storico
 :. TESA-NewCo-ENIA-IREN
 :. Tempi spa - SETA
 :. Pendolarismo
 :. Polo militare
 :. Cooperazione
 :. Milano Expo 2015




domenica
4
dicembre
2022
San Saba



Il nuovo Patto per Piacenza.

Il Piano Strategico di Piacenza riparte e “chiama” la Fondazione di Piacenza e Vigevano. Lo fa per bocca del sindaco Roberto Reggi, che considera importantissimo avere «il contributo di idee e di risorse» di un'istituzione locale che ha l'utilità sociale come principale fine statutario. «Disponibili, nell'ambito di quella che è la mission della Fondazione» risponde, a margine dell'incontro, il presidente Giacomo Marazzi.
«Non ne abbiamo ancora parlato» aggiunge poi, precisando che la Fondazione «può comunque muoversi soltanto all'interno dei propri ambiti statutari, ad esempio l'istruzione scolastica ed universitaria, l'arte e la cultura, la conservazione e valorizzazione dei beni culturali ed ambientali, oltre alle originarie finalità di assistenza e tutela delle categorie sociali più deboli. Se possiamo collaborare per lo sviluppo della città siamo ben lieti di farlo» conclude Marazzi, che aspetta ora la “chiamata” ufficiale del Comitato Strategico.
La partenza del nuovo Piano è stata ufficializzata ieri mattina nella sala giunta della Provincia (che sarà l'ente coordinatore, attraverso il proprio funzionario Vittorio Silva).
«La domanda a cui si deve rispondere - ha spiegato nell'introduzione il presidente della Provincia, Gian Luigi Boiardi - è come vediamo Piacenza nel 2020»?
Una domanda che ne contiene tante altre. Quali assi di sviluppo? Quale città vogliamo? Quali priorità sul fronte infrastrutturale? Quali le emergenze in tema di coesione sociale? Quali spinte all'innovazione tecnologica e produttiva? Quali le nuove azioni di riqualificazione urbana e territoriale? Quali le priorità in tema di compatibilità ambientale? Quali le alleanze territoriali e istituzionali da stringere?
«Il Piano - è stato spiegato - sarà costituito, più che da un elenco chiuso di progetti, da una visione del futuro di Piacenza (alcune strategie di sviluppo) e da alcune regole: i soggetti che aderiranno al Piano si impegneranno ad operare in coerenza con la visione delineata e a sviluppare progetti per la sua attuazione».
Gli Enti sottoscrittori si impegneranno ad accompagnare i principali progetti e strumenti di programmazione finanziaria e di settore con una valutazione di coerenza con il Piano Strategico.
Sarà istituito il marchio del Piano Strategico per Piacenza: potrà essere utilizzato dai progetti e dalle iniziative validate dal Comitato Strategico secondo modalità di rilascio da definire.
«Nel Comitato Strategico - ha spiegato Reggi - assieme a consiglieri e membri delle due giunte,
comunale e provinciale, saranno invitati i rappresentanti piacentini presso la Regione e il Parlamento. Saranno costituite a cura degli enti una segreteria tecnica-organizzativa a supporto del Comitato Strategico. Ci sarà un fondo annuale per sostenere l'elaborazione di progetti di attuazione del Piano; un advisory board composta da personalità di rilievo nazionale ed internazionale. Sarà elaborato un rapporto annuale, sottoposto agli Stati Generali, sullo stato di attuazione del Piano e realizzato dal Nucleo di valutazione e monitoraggio».
I finanziamenti iniziali saranno garantiti da un fondo di 45mila euro messo a disposizione dai tre enti fondatori: Comune, Provincia e Camera di Commercio (l'Università Cattolica è presente, ma con un ruolo di consulenza scientifica). Durante la riunione di ieri mattina - cui hanno preso parte anche il presidente della Camera di Commercio, Giuseppe Parenti; il professor Enrico Ciciotti (in rappresentanza della “Cattolica”); gli assessori Ernesto Carini (Comune) ed Alberto Borghi (Provincia) - è stata fissata anche una prima agenda dei lavori.
La prima tappa - il 16 maggio alla “Cattolica” - sarà un incontro con i presidi degli Istituti scolastici superiori di Piacenza («il Piano deve partire dai giovani» ha ribadito ieri Reggi); il giorno successivo, in Provincia, riunione congiunta delle Giunte di Comune e Provincia. Il 24 maggio a Palazzo Farnese riunione del Comitato Strategico seguita - il 30 maggio, nelle rispettive sedi - da riunioni del Consiglio Comunale e del Consiglio Provinciale. Entro luglio dovrà essere elaborato un documento-base per il Piano “Piacenza 2020”.
A settembre, alla “Cattolica” un importante appuntamento di “rappresentanza” con un convegno internazionale sulla Pianificazione Strategica seguito, in ottobre/novembre dalla convocazione degli Stati Generali in modo da arrivare prima della fine del 2005 all'approvazione del nuovo Piano e all'avvio dei “cantieri” di attuazione.
Giorgio Lambri
Libertà del 11/5/2005




Il bilancio di quello che si è fatto dal gennaio 2002.
«Tra i risultati l'Agenzia di Marketing Territoriale
il “boom” della logistica e i nuovi centri di ricerca»

Morto un Patto, se ne fa un altro. La nascita di un nuovo Piano Strategico per Piacenza - ci tengono a sottolineare il sindaco Roberto Reggi e il presidente della Provincia, Gian Luigi Boiardi - non significa che il primo “Patto” sia fallito. «Sono passati poco più di tre anni dalla firma del Patto per Piacenza, che strada facendo è stato denominato Piano strategico per Piacenza - affermano all'unisono - il lavoro svolto da allora ha dato buoni frutti. Molti dei progetti sono stati attuati o sono in corso. di attuazione e sono stati raggiunti importanti risultati. Ad esempio, nell'area sviluppo economico: il Piano e l'Agenzia di Marketing Territoriale; gli Insediamenti logistici, la nascita di quattro nuovi centri di ricerca (Itl, Musp, Stil, Innovation Center, Energia); il Progetto Montagna; il Progetto d'area “Po fiume d'Europa” e il rilancio di Piacenza Expo». «Nell'area welfare - sottolineano Reggi e Boiardi - sono partiti i Piani di Zona e la Conferenza sul welfare locale. Nell'area infrastrutture si lavora per la Tangenziale Sud Piacenza e sono stati realizzate numerose piste ciclabili. Inoltre - concludono - per “Agenda 21 Provincia e Comune” è partito l'Osservatorio Provinciale Sostenibilità». Ora si riparte, con l'attenzione rivolta alla Piacenza del 2020 e dunque ai giovani. «Il nuovo Piano Strategico - viene spiegato - punta ad una visione del futuro della città e dell'intera provincia e in tale contesto si ritiene quindi estremamente utile ed importante il contributo che potrebbero dare i giovani e i vari Istituti Scolastici Superiori. Non è un caso che il primo atto del nuovo Piano Strategico, lunedì prossimo, presso la sede piacentina dell'Università, sarà un incontro con i presidi».



«Un progetto che guardi prima di tutto ai giovani»

«Mai come oggi c'è bisogno di rilanciare il Piano Strategico per Piacenza e di presentare al meglio il nostro territorio» spiega Gian Luigi Boiardi, presidente della Provincia, che coordinerà il progetto «mettendo insieme tutte le forze economiche, politiche e sociali». Parlare di un nuovo Piano non significa, secondo Boiardi, ammettere che il vecchio ha fallito o è rimasto incompiuto. «Il Patto per Piacenza ha prodotto, sta producendo e va per la sua strada - afferma il presidente dell'ente provinciale - qui guardiamo più avanti, cercando di disegnare la Piacenza del 2020 e chiamando a progettare con noi tutto il sistema economico, politico (con i nostri parlamentari in prima fila), sociale e culturale piacentino». Le priorità? «Prima di tutto i giovani - afferma il sindaco Roberto Reggi - che sono in una situazione di precarietà per quanto riguarda, ad esempio, il lavoro e la ricerca della prima casa. Siamo già impegnati a dare attuazione a progetti assunti dal precedente Patto per Piacenza e prepariamo intanto quelli di più ampio respiro di questo nuovo Piano Strategico». Reggi “vuole” fortemente che la Fondazione entri in questa partita: «Perchè è un'altra grande realtà del territorio che per contributo di idee e di risorse è giusto che stia attivamente al fianco del Comune capoluogo, di tutti i Comuni, dell'Amministrazione provinciale e della Camera di Commercio per pensare alla Piacenza del futuro». Secondo il professor Enrico Ciciotti, preside della Facoltà di Economia dell'Università Cattolica, «la città ha bisogno prima di tutto di riqualificazione urbana, un'operazione già in atto ma che non è ancora ben individuata con il rischio che Piacenza si “impantani” su piccoli ostacoli perchè non è chiaro il disegno complessivo. Il Piano Strategico è il luogo migliore per rivedere e definire questo disegno perchè esce dalla logica e dalla conflittualità e della competizione interna al Comune e porta il discorso ad un livello superiore, facendo entrare in gioco anche altri attori». Anche il docente universitario, come il sindaco, rivolge il suo sguardo ai giovani: «Io ho portato i miei figli a vivere a Piacenza - scherza, ma non troppo - un giorno potrebbero chiedermi “papà, ma perchè ci hai portati qua?” e a quel punto gli rivolterei la domanda, perchè con il Piano Strategico cercheremo appunto di chiedere ai giovani che vivranno Piacenza da adulti, tra 10/15 anni, che città vorrebbero avere». Dal punto di vista economico - secondo Giuseppe Parenti, presidente della Camera di Commercio - questo Piano Strategico deve prima di tutto «portare avanti le infrastrutture sul nostro territorio, perchè con l'avvio del Polo Logistico saranno grandemente deficitarie. E' necessario poi creare una nuova competitività per quanto riguarda il prezzo delle aree e diffondere sempre più il ruolo dell'impresa che è un sostegno fondamentale delle attività sociali. I fondi? Una volta che ci sono progetti economicamente validi le risorse si trovano».






pubblicazione: 11/05/2005
aggiornamento: 13/05/2005

 5821

Categoria
 :.  ECONOMIA Piacenza
 :..  Patto per Piacenza



visite totali: 2.743
visite oggi: 1
visite ieri: 1
media visite giorno: 0,42
[c]




 
Schede più visitate in Patto per Piacenza

  1. «Più benessere per una elevata qualità della vita»
  2. Sì ai progetti che lasciano un segno
  3. Così il Patto può risolvere i problemi
  4. Piano strategico : 4 leve per Piacenza.
  5. Sì, a Piacenza ci vuole un'altra scossa
  6. E da oggi parte la fase tre: l'attuazione.
  7. Rizzi: non ci sta nessuno a fare l'“inutile” idiota…
  8. Piano strategico, ecco gli otto gruppi di lavoro
  9. Piacenza, laboratorio per vivere bene
  10. Piano strategico, i “distinguo” del centrodestra
  11. Reggi: il “Patto” deve concentrarsi su pochi progetti
  12. Qualità, la parola chiave del 2020.
  13. Giovani, meno sognatori dei padri
  14. Non solo camion e magazzini ma centri direzionali qualificati.
  15. Niente auto in centro e tanto verde
  16. Patto, Augusto Rizzi esce di scena.
  17. Piacenza Holding, decollo faticoso
  18. La Camera di Commercio aderisce al “Patto-bis”
  19. PATTO PER PIACENZA
  20. MORTO UN "PATTO" SE NE FA UN ALTRO
  21. Il Piano strategico si rafforza
  22. Il Piano per Piacenza batte cassa.
  23. Un piano strategico per far crescere Piacenza.
  24. Il Patto per Piacenza riparte di slancio
  25. Coesione sociale per diventare vincenti
  26. Vigileremo sul Patto per Piacenza.
  27. Abbiamo sprecato un'occasione.
  28. Il nuovo Patto per Piacenza.
  29. Piacenza, terra del ferro e del sole
  30. «I talenti investiti nello sviluppo locale»
  31. Combattiamo il declino del territorio.
  32. Patto per Piacenza. Ieri prima riunione del Comitato strategico.
  33. Un centro di ricerca universitario per la sicurezza dei prodotti tipici.
  34. Il Piano strategico adesso ha fretta
  35. Oggi Piacenza firma il suo futuro.

esecuzione in 0,281 sec.