Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  ECONOMIA Piacenza  :.  Marketing territoriale  :. Il marchio dell'Unicef sui cartelli stradali di Piacenza
sottocategorie di ECONOMIA Piacenza
 :. Patto per Piacenza
 :. Marketing territoriale
 :. Fondazione
 :. Camera Commercio
 :. PcExpo
 :. Industria
 :. Meccanotronica
 :. Tecnopolo
 :. Estero
 :. Polo Logistico
 :. Agricoltura
 :. Authority Alimentare
 :. Artigianato
 :. Commercio
 :. Centro storico
 :. TESA-NewCo-ENIA-IREN
 :. Tempi spa - SETA
 :. Pendolarismo
 :. Polo militare
 :. Cooperazione
 :. Milano Expo 2015




sabato
13
agosto
2022
Santi Ponziano e Ippolito



Il marchio dell'Unicef sui cartelli stradali di Piacenza

Da ieri chiunque entrerà a Piacenza, saprà che la nostra città è amica dei bambini. Nel dilagare degli ultimi anni di targhe di località denuclearizzate, gemellaggi e luoghi d'arte arriva anche la “città a sostegno dei bambini”. E' la prima volta in Italia che una città ha la possibilità di fregiarsi del marchio Unicef, e da ieri l'inconfondibile logo blu e la nuova dicitura campeggiano su tutte le porte della città. «E' una grande gratificazione per i piacentini ma anche un incentivo a fare sempre di più per i bambini del mondo» ricorda Giovanni Cuminetti, presidente provinciale Unicef durante la cerimonia di svelatura della nuova targa. «I cittadini potranno da oggi prendere coscienza che Piacenza è una città speciale. Abitata da persone che sanno fare grandi cose per i bambini» aggiunge ancora Cuminetti prima di ricordare i grandi impegni che Piacenza ha messo in campo negli ultimi anni. Un accenno va al “Centro città di Piacenza” inaugurato lo scorso settembre a Kinshasa in Congo e realizzato grazie all'impegno tutto piacentino degli abitanti e del Piacenza Calcio. Ricorda poi “Le strade del cuore”, “Marathon for Unicef”, e l'importante sostegno offerto dal Piacenza Calcio a Unicef negli anni . «Sono tutte iniziative che hanno permesso alla nostra città il privilegio di riportare accanto al proprio nome quello dell'Unicef. Questa targa è anche l'attestato ufficiale dell'attenzione che Piacenza rivolge da sempre ai bambini». La targa che accompagna tutti i cartelli recanti l'indicazione dell'ingresso della nostra città, da ieri è stata collocata su tutti i punti d'accesso: via Emilia Pavese, strada Agazzana (all'altezza della Besurica), strada Bobbiese, strada Val Nure, via Farnesiana, Montale, Caorsana e anche sul fiume Po. «E' un onore aver avuto la possibilità di ottenere a un riconoscimento che va a sottolineare il legame dei piacentini con l'Unicef e la viva attenzione che la nostra città dedica ai bambini» ricorda infine il sindaco Roberto Reggi.


Piacenza con l'Unicef: città amica dei bambini
di Giovanni Cuminetti


Molti nostri cittadini già lo sanno. Presto lo saprà anche la gente che, arrivando da fuori, troverà sotto ai cartelli indicatori della città una segnalazione singolare (accompagnata da marchio e logo Unicef) : “Città a sostegno dei bambini”. È uno straordinario marchio di qualità che la nostra città si è guadagnato sul campo e che il Comitato Italiano per l'Unicef ha voluto attribuire a Piacenza (unica città in Italia ) per i meriti eccezionali che ha saputo conquistarsi negli anni. Se questo è stato possibile larga parte del merito va al cuore generoso della gente piacentina che sempre ha risposto con slancio alle sollecitazioni ricevute.
Non posso non ricordare, subito dopo, i miei collaboratori più diretti (Bruno Busconi in testa che da oltre un decennio è per il locale Comitato molto più di un semplice segretario, anima autentica con la moglie Lina del Punto di incontro in via Pozzo oltre che “padre spirituale” delle Pigotte) e il piccolo esercito di volontari che rendono ogni anno possibile la realizzazione di tutte le iniziative che servono a raccogliere fondi (basti citare la “Placentia Marathon for Unicef” e le “Strade del Cuore”). Un grazie tutto speciale va poi a Fabrizio Garilli.Senza il gemellaggio Piacenza Calcio - Unicef non sarebbe stato possibile per il locale comitato fare il salto di qualità che gli ha consentito di ottenere (ancora una volta unica città in Italia) l'autorizzazione a realizzare un progetto Unicef utilizzando esclusivamente le risorse raccolte sul suo territorio.
Ciò che ha fatto sensazione è stato non solo il fatto di mettere a disposizione dell'Unicef il 7,50 per cento netto di tutto ciò che gli spettatori (abbonati compresi) pagano per assistere alle gare ufficiali nell'arco di un intero campionato, ma anche (se non soprattutto) la decisione di rinunciare allo sponsor principale (quello che in gergo si chiama lo sponsor - maglia) per far portare sul petto dei calciatori marchio e logo Unicef (in pratica, è il Piacenza Calcio che sponsorizza i bambini del mondo). Si è trattato di un fatto straordinario (che non ha precedenti a livello mondiale in tutte le discipline sportive). Il Piacenza Calcio ha fatto scuola nella nostra città (altro fatto eccezionale) ed oggi l'Unicef ha stretto altri gemellaggi ideali nel mondo dello sport locale : ha cominciato il volley femminile (Rebecchi) seguito dal rugby (Termoraggi) dal volley maschile (Copra) e dal baseball (Piacenza Baseball) ed il discorso è avviato con riferimento anche al ciclismo (Sei giorni delle rose). Non possiamo non citare un altro fatto unico nel suo genere nel panorama nazionale : l'alleanza fra lavoratori e datori di lavoro piacentini nel donare annualmente all'Unicef il corrispettivo di un'ora di lavoro (con importo raddoppiato dai titolari d'azienda) resa possibile da un accordo siglato fra le tre principali centrali sindacali e l'associazione degli industriali.
Ma le citazioni potrebbero continuare. Basti pensare allo sbalorditivo successo della “lotteria del cuore” abbinata alla Placentia Marathon for Unicef (più di 11.000 biglietti venduti l'anno scorso), maratona e lotteria che possono contare, da sempre, sul sostegno dell'unica vera banca locale rimasta a Piacenza e su quello, fondamentale, della Fondazione di Piacenza e Vigevano. Ultimo gemellaggio in ordine di tempo è quello con la Famiglia Piasinteina che rappresenta ed incarna idealmente l'intera nostra comunità. Esiste oggi un piccolo lembo di terra piacentina trapiantato nel cuore dell'Africa nera (il centro Unicef di accoglienza per bambine di strada “Città di Piacenza” inaugurato a Kinshasa - Congo nel settembre dell'anno scorso) che è nato e vive in virtù unicamente di quanto la gente piacentina fa per l'Unicef. Non meno di cinquecento bambine all'anno sono letteralmente strappate dai pericoli della strada ed avviate ad una vita normale grazie ai fondi che si raccolgono sul territorio piacentino.È il nostro orgoglio, la nostra scommessa. Chi ha localmente responsabilità di governo lo ha capito da tempo ed appoggia concretamente le nostre fatiche quotidiane. Serve, peraltro, l'impegno e l'aiuto di tutti (che fino ad oggi non è mancato) perché questa bella favola, come tutte le favole, possa continuare a vivere nella mente e nel cuore di tutti.
Giovanni Cuminetti
presidente Unicef Piacenza



pubblicazione: 08/08/2004

Il simbolo dell'Unicef 3160
Il simbolo dell'Unicef

Categoria
 :.  ECONOMIA Piacenza
 :..  Marketing territoriale



visite totali: 53.713
visite oggi: 1
visite ieri: 2
media visite giorno: 8,16
[c]




 
Schede più visitate in Marketing territoriale

  1. Il marchio dell'Unicef sui cartelli stradali di Piacenza
  2. Si punta su logistica, turismo biotecnologie e meccanica
  3. CariParma e Piacenza diventa CARIPARMA
  4. Fa centro il turismo in metrò
  5. L'Azienda Sperimentale Tadini
  6. Ecco come vogliamo vendere Piacenza
  7. Agenzia di Marketing Territoriale.
  8. A Osaka piace lo stile di vita “made in Piacenza”
  9. Marketing, primo sì per l'agenzia
  10. «Con Osaka “business” possibile»
  11. «Un'agenzia per vendere il sistema-Piacenza ad investitori esterni»
  12. «Ecco come venderemo Piacenza»
  13. Piacenza sarà "l'incubatrice" dei progetti della nascente Fondazione Nord Ovest
  14. «Treno veloce e Piacenza può offrire la Food Valley da vivere»
  15. Piacenza Turismi: è finita
  16. Marketing territoriale
  17. Un'agenzia per il marketing territoriale a Piacenza
  18. Promozione prodotti tipici: si può fare meglio
  19. Agenzia di marketing, passi avanti
  20. Piacenza Turismi, cda azzerato
  21. Piacenza Turismi, rivoluzione in quattro anni
  22. Nasce l'agenzia di marketing.
  23. Putzu (FI): "Info point negli autogrill e alle porte della città"
  24. Da scoprire e da gustare: Piacenza si "vende"
  25. Palazzo Farnese motore per Piacenza
  26. Eataly, anche a Piacenza un tempio alimentare
  27. La coppa di Parma chiede all'Europa la denominazione IGP.
  28. Sosta in Autogrill per i prodotti piacentini
  29. Quel treno "S1" che Piacenza vorrebbe.
  30. Cibi piacentini, buoni e sconosciuti
  31. L'Alberghiero mette a tavola i corsisti di Slow Food
  32. Piacenza conquista il tavolo di Expo 2015
  33. Prodotti tipici, Piacenza guarda al modello Eataly
  34. Piacenza turismi vara il nuovo corso
  35. Expo del cibo, due ipotesi di sede

esecuzione in 0,156 sec.