Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  TRACCE  :. IL DOVERE DEL VOTO E I VALORI NON NEGOZIABILI.
categorie
 :. FILIBERTO PUTZU, politica
 :. COMUNE di PIACENZA
 :. POLITICA Piacenza
 :. ECONOMIA Piacenza
 :. AMBIENTE Piacenza
 :. VARIE Piacenza
 :. SANITA' Piacenza
 :. PIACENZA A COLORI
 :. PIACENZA TIPICA
 :. RITRATTI
 :. DIOCESI di PIACENZA
 :. PRIMO PIANO
 :. ITALIA Politica
 :. ITALIA Società
 :. ITALIANI
 :. TRACCE
 :. SALUTE
 :. DR.PUTZU, medicina generale
 :. DR.PUTZU, Estetica Medico-Chirurgica
 :. BEAUTY
 :. ARTE
 :. STORIA
 :. SPORT
 :. MUSICA
 :. Max Altomonte DJ
 :. CINEMA-TV
 :. MODA
 :. TENDENZE
 :. GLAMOUR
 :. GOSSIP & C.
 :. Bacco,Tabacco & Venere
 :. MONDO
 :. UNIVERSO
 :. VIAGGIARE
 :. CUCINA
 :. E-COMMERCE
 :. Les Charlatans
 :. Monitor




sabato
31
ottobre
2020
Sant' Alfonso Rodriguez



IL DOVERE DEL VOTO E I VALORI NON NEGOZIABILI.

«L’importante è partecipare».
In vista delle elezioni politiche di domenica 9 e lunedì 10 aprile, non a caso, apriamo il nostro commento con il noto aforisma.

Siamo convinti, infatti, che di fronte a una scadenza decisiva per il futuro del nostro popolo il primo vero nemico da sconfiggere sia l’astensionismo.

Certo, sappiamo bene che anche la democrazia italiana è stata attaccata dal virus americano del disinteresse di molti nei onfronti della politica che trasforma le tornate elettorali in un affare di pochi.

Ma in questa occasione crediamo sia importante, e qui azzardiamo contro ogni previsione, che, come ai vecchi tempi della prima repubblica, almeno l’80% dei cittadini vada a votare.

Quello che è in gioco, infatti, non è una semplice e legittima alternanza tra questa o quella coalizione.

Come elettori ci troveremo tra le mani la possibilità di decidere quale idea di persona e di società debba prevalere nel governo del nostro Paese, quale peso debba avere la questione cruciale della libertà (dei singoli, delle famiglie, dei corpi intermedi) nelle scelte che nei prossimi mesi l’esecutivo che uscirà dalle urne sarà chiamato a compiere.

Votare dunque, più che mai in questa circostanza, non solo è una scelta autenticamente politica alla portata di tutti ma è anche un dovere civico irrinunciabile.

Con quali criteri scegliere?
La prima bussola è rappresentata certamente dal documento del cardinale Ratzinger relativo all’impegno politico dei cattolici secondo il quale una coscienza cristiana ben formata non permette a nessuno di favorire con il proprio voto l’attuazione di un programma politico o di una singola legge in cui i contenuti fondamentali della fede e della morale siano sovvertiti dalla presentazione di proposte alternative o contrarie a tali contenuti.

La conseguenza è che, come cristiani, il nostro voto non potrà essere in contrasto con il dovere di tutelare il diritto alla vita (dal concepimento al termine naturale), di proteggere i diritti dell’embrione; di salvaguardare la famiglia fondata sul matrimonio, di non imboccare l’inquietante via di fuga dell’equiparazione tra la famiglia costituzionale e le unioni di fatto.
E ancora: il nostro voto dovrà essere a favore della causa della libertà di educazione (che è un diritto inalienabile dei genitori e non, come si è sentito dire in qualche dibattito una gentile concessione dello Stato); di un progetto orientato a perseguire solidarietà e giustizia sociale.
E infine, ultimo ma non meno importante, a promuovere una reale sussidiarietà orizzontale, strumento di governo moderno e insostituibile, prima ancora che principio caro alla dottrina sociale cristiana.


Principi riconfermati da Benedetto XVI che ricevendo in udienza il Ppe ha indicato come valori «non negoziabili» - vale a dire non assoggettabili ai mercanteggiamenti e ai compromessi della politica - la vita, la famiglia e l’educazione dei figli.

Alla luce di questi autorevoli interventi occorre dunque certamente scegliere il partito (in questo la legge elettorale ci obbliga) ma senza perdere di vista, anzi mettendolo in primo piano come criterio di verifica, anche il programma della coalizione di cui il partito è componente".

(da Bologna Sette, allegato ad Avvenire del 2 aprile 2006)


pubblicazione: 07/04/2006

 9870

Categoria
 :.  TRACCE



visite totali: 3.193
visite oggi: 1
visite ieri: 1
media visite giorno: 0,59
[c]




 
Schede più visitate in TRACCE

  1. “Lettera al figlio” di Rudyard Kipling.
  2. NATALE: la leggenda dell'agrifoglio.
  3. Rebecchi Nordmeccanica Storico tricolore!
  4. Rassegnatevi: più farete bene, più l’invidia vi colpirà.
  5. L'AGRIFOGLIO
  6. QUANTO DICHIARANO AL FISCO GLI ITALIANI ??
  7. Ci ha lasciato Roberto Viganò
  8. Il caro-petrolio e gli effetti sul mercato.
  9. I conti con la realtà
  10. La normalità in pericolo
  11. Missione Onu : a sinistra la carne diventa pesce.
  12. L’illusione inglese: un mondo senza ayatollah
  13. Il piano dell’Unione per la casa: colpire i proprietari
  14. Un patto sulla nuova laicità
  15. Spunterà un nuovo giorno ed io passerò per il camino
  16. La vita è intangibile dal concepimento alla morte naturale
  17. Berlusconi : la sua stagione è chiusa
  18. LA QUASI VERITÀ DI BERLINGUER
  19. Filastrocca di Capodanno
  20. L’alieno alla prova del nove
  21. Case popolari, Berlusconi sbaglia .
  22. L’eterna anomalia italiana
  23. "Chiedo di non vivere in un Paese così".
  24. Serve un sistema-Paese e diffondere la cultura aziendalistica
  25. La Questione Morale
  26. La revisione del catasto
  27. «Non abbiate paura!»
  28. Le «sigille» del San Raffaele e il senso perduto della carità
  29. IL DOVERE DEL VOTO E I VALORI NON NEGOZIABILI.
  30. Boom di divorzi. Una novità : invecchiare e dirsi addio..
  31. A Piacenza conviene stare in Lombardia
  32. La sinistra malata di programmismo.
  33. Ricordo di Giuseppe Bacchi
  34. Assediati dalla crisi globale
  35. La strana coppia

esecuzione in 0,171 sec.