Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  COMUNE di PIACENZA  :.  Programma  :.  AREE MILITARI-BENI DEMANIALI  :. Il Demanio cede il Berzolla ed altre aree residuali
sottocategorie di Programma
 :. AREE MILITARI-BENI DEMANIALI




domenica
25
ottobre
2020
San Gaudenzio



Il Demanio cede il Berzolla ed altre aree residuali

Il Comune ne aveva richiesti 45, il Demanio ha alzato disco verde su 37, otto in meno, otto immobili per i quali comunque Palazzo Mercanti «si riserva di assumere le opportune iniziative per eventualmente reiterare la manifestazione di interesse».

E' scritto nel provvedimento licenziato martedì dalla giunta, una delibera che va approvata dal consiglio comunale e che segna una tappa di deciso avvicinamento al traguardo del federalismo demaniale, vale a dire l'acquisizione da parte del Comune, a titolo gratuito, di quelle 37 unità immobiliari che sono di proprietà dello Stato.

Prevalentemente si tratta di aree dismesse in fregio a ex binari militari, in prossimità di rivi o collegate alla rete viaria, si legge nella delibera.
Altri lotti «sono in uso a privati assoggettati a rapporti contrattuali con riscossione di canoni, anche se di modesta entità».
Mentre di «particolare interesse» vengono definite cinque unità immobiliari: due appartamenti (liberi da locazione) in via De Nicola (zona Farnesiana), un negozio in via Venturini (anch'esso sfitto), un fabbricato in via Cornegliana da tempo in uso al Comune (già sede di Quartiere, oggi di associazioni), la costruzione di legno in mezzo a piazzale Torino utilizzata dalla Caritas per la "Vetrina solidale" (negozio di vestiti e oggetti usati), e anche il cosiddetto "Berzolla", ossia l'ex officina locomotori tra via dei Pisoni e Borgo Faxhall.


I 37 beni rientrano in uno dei tre filoni sul federalismo demaniale delineati dalle normative del 2010 (governo Berlusconi), poi modificate nel 2013 (governo Letta).
Prevede, nella sostanza, che gli immobili (terreni e fabbricati) selezionati passino gratuitamente nella proprietà del Comune che ne assumere l'onere della manutenzione valutandone la migliore destinazione.

Per i beni in uso da tempo all'ente locale «nulla cambia sotto il profilo contabile», si spiega nella delibera: viene meno il canone di utilizzo, comunque di entità modesta.
Per quelli non in uso al Comune, «si delinea la loro redditività sotto il profilo della mera fruizione da parte di privati», nel senso che il corrispettivo va ora versato all'ente locale e non più all'Agenzia del demanio (si parla sempre di cifre non rilevanti).
E' il caso del fabbricato di piazzale Torino, rispetto al quale si prospetta la «possibilità di valorizzarlo/adeguarlo con oneri a carico» dei privati.

Riguardo invece al Berzolla, la delibera parla di «una sua fruizione istituzionale ancora da definire, comunque nel contesto della riqualificazione di Borgo Faxhall».
Da annotare che in consiglio comunale, dove è al vaglio la proposta di recupero dell'area tra la stazione e via dei Pisoni, è stato presentato un ordine del giorno che caldeggia il trasferimento nel "Berzolla" del comando della polizia municipale.

In generale l'obiettivo della messa a reddito degli immobili non in uso al Comune può essere raggiunto anche tramite la vendita. Lo consente la normativa, ma in quel caso una quota dei proventi va girata al demanio.

L'acquisizione delle aree nelle vicinanze della rete viaria, spiega l'assessore all'urbanistica Silvio Bisotti, ha l'obiettivo di «dare maggiore flessibilità alla gestione della viabilità urbana», soprattutto in riferimento alle piste ciclabili.
I terreni in prossimità dell'argine vengono utili in relazione invece al progetto di riqualificazione del Lungo Po.

Per il perfezionamento dell'operazione l'assessore stima 3-4 mesi: il tempo di approvare la pratica in consiglio comunale e poi redigere con l'Agenzia del demanio gli atti del passaggio di proprietà.

Gustavo Roccella
gustavo. roccella@liberta. it
Libertà 30/10/2014


pubblicazione: 30/10/2014
aggiornamento: 31/10/2014

 19075

Categoria
 :.  COMUNE di PIACENZA
 :..  Programma
 :...  AREE MILITARI-BENI DEMANIALI



visite totali: 941
visite oggi: 2
visite ieri: 1
media visite giorno: 0,43
[c]




 
Schede più visitate in AREE MILITARI-BENI DEMANIALI

  1. Con la Nicolai una Pilotta piacentina
  2. Nuovo polo militare, ma quanto costa l'area?
  3. Aree militari, sì alla task force consiliare
  4. D'Amo è "rosso fuoco", il suo ruolo bipartisan non esiste proprio
  5. Vaciago: una commissione di garanzia? È inutile
  6. D'Amo si è dimesso: «Il centrodestra sbaglia»
  7. Aree militari, opportunità e nodo-risorse al vaglio della giunta.
  8. Aree militari, il bando entro la metà del 2008
  9. «Aree militari, l'amministrazione è incoerente»
  10. Un milione di metri quadrati tornerà al Comune
  11. Foti e Polledri: la Pertite non sarà ceduta
  12. Aree Militari, adesso si lavora ad un Masterplan
  13. Nicolai non più off-limits, mappe accessibili
  14. Pertite, il sindaco: c'è irresponsabilità
  15. Aree Militari : "Giunta visionaria, il privato non verrà"
  16. L'Arsenale polo storico-museale, case al Macra, parco alle Pertite
  17. Aree militari, dubbi nella commissione che si interroga sulla sua identità
  18. Caserme restituite alla città
  19. "Aree militari e rapporti politici all'insegna della collegialità"
  20. Polo militare? Meglio dov'è, ma senza castello e ospedale.
  21. Pertite, 8mila sognano coi bimbi della Calvino
  22. Aree militari, Consiglio ostaggio delle faide
  23. Recupero delle aree militari
  24. Commissione Aree Militari : Gianni D'Amo presidente
  25. Padiglione Berzolla o "Bixio" per il museo verdiano
  26. Cessione beni militari, firma tra 40 giorni
  27. Aree militari, 2 anni per far partire il piano
  28. Stato-Comune, primo sì sui beni demaniali
  29. Aree militari: pericoli all'orizzonte
  30. Prima riunione della "Commissione Aree Militari"
  31. Laboratorio militare al bivio
  32. Aree militari, D'Amo a Putzu: Io voluto da Reggi ? Critica ingiusta ed eccessiva.
  33. Polo militare, accordo a primavera
  34. Aree militari, la civica con Reggi: commissione finita
  35. Commissione Aree Militari : D'Amo getta la spugna

esecuzione in 0,078 sec.