Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  TENDENZE  :.  TREND  :. I trenta gradi dell'eleganza
sottocategorie di TENDENZE
 :. TREND
 :. CLASSICO




martedì
30
novembre
2021
Sant'Andrea apostolo



I trenta gradi dell'eleganza

Decide lei come vestirle per vincere.
Sul red carpet, come nella vita.
Ad Annabel Tollman - stangona bionda e curvosa con l'occhio di lince puntato sul glamour internazionale - si rivolgono star come Scarlett Johansson, Mariah Carey e le gemelle Olsen, ma anche molti stilisti per assemblare in modo grintoso gli abiti in passerella o realizzare campagne pubblicitarie. Tollman è la stylist più in voga al momento.
Capace di fare accostamenti perfetti che paiono casuali e invece sono studiati al millimetro.
Abile a nascondere le imperfezioni fisiche delle sue clienti usando colori e tagli strategici.
Un'arte che ha maturato studiando, prima alla St. Martin School di Londra e poi lavorando come fashion editor da Wallpaper e Interview Magazine. Nata a Bruxelles e cresciuta fra Londra e New York dove ora abita, in questi giorni ha offerto consulenze d'immagine nelle boutique milanesi di Alberta Ferretti e Moschino, dove la incontriamo mentre dispensa consigli alle donne facendole sentire star per un giorno.

Un lavoro divertente ma difficile...
«Le dive vanno seguite passo dopo passo. In occasione dei Golden Globes 2006 Scarlett Johansson aveva scelto un abito da sera molto importante. Io ero a Milano per seguire le sfilate maschili e non mi fu possibile controllare che quel capo era stato stretto più del dovuto. Il giorno dell’evento, alle 3 di notte, Scarlett mi chiamò agitatissima perché non riusciva a chiuderlo. Ho dovuto trovare al volo una sarta che andasse da lei ad allargarlo. Ecco, fare questo mestiere significa anche avere in agenda i numeri di telefono di tutte le sarte del mondo, o quasi».

Come ci si deve vestire nei giorni in cui si è pallide o gonfie, insomma quando non si è in forma?
«Essere pallidi non è un difetto: l’health look, quel colorito semi-abbronzato che fa sembrare tutte in ottima salute, è una mania Anni Ottanta. Se invece il pallore è dato dal fatto che non ci si sente bene, bisogna evitare i colori acidi o smorti che aumentano l'effetto malaticcio. Il gonfiore è facilissimo da eliminare: bere molta acqua naturale, sempre! Anche in situazioni di emergenza, un litro d’acqua può fare miracoli. Alla fine, comunque, c’è sempre la soluzione delle tinte scure. Con il nero e il blu non si sbaglia».

Quali sono le tenute da ufficio più appropriate in questo periodo di gran caldo?
«Cominciamo con le cose da evitare: non trascurare i particolari; mai truccarsi in modo pesante; non scegliere tessuti sintetici; non adottare capi troppo scoperti; non mettere mai flip-flop, scarpe da tennis o T-shirt informi».

Le regole vincenti?
«Adottare indumenti in materiali leggeri e naturali. Scegliere capi semplici, ma curatissimi. Per esempio: top e camicia su una gonna dritta o anche sui pantaloni a sigaretta vanno benissimo, eliminano l'effetto sciatto e costruiscono un look adeguato. Sì agli abiti leggeri di cotone o di chiffon. Fondamentale truccarsi poco e con i prodotti water proof che le case cosmetiche realizzano per i climi più caldi (esistono fondotinta adatti anche alle temperature equatoriali). Ricordarsi che una giacca o un golfino possono riparare dal caldo eccessivo. E proteggono dall'aria condizionata che è nemica della pelle scoperta».

Che cosa è veramente trendy quest’estate al mare?
«Sandali piatti, «bonjour tristesse», short da spiaggia tipici degli Anni ’60, top vintage con drappeggi, abiti con stampe floreali vagamente ’50».

Tacchi sì o no?
«I tacchi alti sono un elemento essenziale. No alla mezza altezza, colpevole di un’andatura da soldatessa. I tacchi giusti partono da un minimo di sei centimetri e arrivano oggi, con l’aiuto delle platform, anche a 16. Certo, una non sceglie trampoli iperbolici se deve stare tutto il giorno in piedi per esigenze di lavoro, ma può e deve sceglierli per una serata elegante. Occorre fare esercizio... serve a sopportare altezze insospettabili. E il portamento ne guadagna».

Come vestirsi al primo appuntamento con lui?
«Bisogna dare un’impressione ottimale di sé che deve essere conservata anche negli incontri successivi. Se è di pomeriggio in un bar, evitare un look troppo leccato modello "mi sono apparecchiata per l’occasione". Nell’incertezza: gonna scura, camicetta bianca e golfino legato sulle spalle. Per una cena è più facile: un abito da sera corto, elegante, va benissimo. Magari non rosso semaforo. Niente calze, in questo periodo, tacchi minimo di otto centimetri. Un solo gioiello, ma importante. Guai passare direttamente dall’ufficio al ristorante (alla peggio, cambiarsi sul posto di lavoro in toilette dandosi una rinfrescata). Consiglio di non mettere un abito che non si è mai indossato prima: costringe a comportamenti e gesti impacciati. La disinvoltura è fondamentale. I capelli devono essere pulitissimi, lavati il giorno prima però, così hanno un’aria meno finta».

CHI È ANNABEL
Le origini
Annabel Tollman è nata Bruxelles ed è cresciuta fra Londra e New York, dove abita. E’ la stylist più in voga del momento.
La scuola
Ha maturato la sua arte studiando, prima alla St. Martin School di Londra e poi lavorando come fashion editor da Wallpaper e Interview Magazine. E’ abile nel fare accostamenti perfetti che paiono casuali e invece sono studiati al millimetro.
I suoi miti
Ha detto: «Elizabeth Taylor e Brigitte Bardot sono le icone che influenzano il mio stile».
In Italia
In questi giorni ha offerto consulenze d'immagine nelle boutique milanesi di Alberta Ferretti e Moschino.


ANTONELLA AMAPANE
MILANO
(da www.corriere.it)


pubblicazione: 30/05/2009

Annabel Tollman 15224
Annabel Tollman

Categoria
 :.  TENDENZE
 :..  TREND



visite totali: 1.925
visite oggi: 1
visite ieri: 0
media visite giorno: 0,42
[c]




 
Schede più visitate in TREND

  1. Accessori d'autunno 2004, dalla testa ai piedi.
  2. Irrinunciabili d'autunno 2006
  3. Georg Gaenswein
  4. Jimmy Choo
  5. La rivincita della cellulite sul polimero
  6. 2008 : Pronti al sole, dagli accessori agli zoccoli.
  7. Borsa trendy
  8. Shoes woman spring/summer 2005.
  9. Gli «urletti» della Sharapova sul cellulare
  10. Stivali GLAM
  11. Le gambe si riprendono la fantasia.
  12. Must have.
  13. Galosce di gomma, nuovo mito autunnale
  14. Riga bianconera.
  15. Toglietemi tutto ma non le mie Spanx
  16. L'estate dei beach bar
  17. L'orologio Junghans.
  18. Pneumatici riciclati per borse regalo ecocompatibili
  19. In vendita nei negozi il jeans che fa dimagrire
  20. E' sempre più febbre vuvuzela
  21. La guerra delle altezze
  22. Dieci MUST per una primavera da star
  23. Se lo stipendio più basso tocca alle donne obese
  24. Ecco il nuovo passaparola per vendere la moda giovane.
  25. Il barefooting
  26. Fendi e il mito della Baguette
  27. Tendenze . Consumi, ora la sfida è sui single.
  28. I vip migrano in Salento
  29. L'abbuffata al buffet
  30. Tod's, grazie Silvio per la pubblicità
  31. Moda SUDOKU
  32. L'insostenibile leggerezza della rata
  33. Coperta anticefalea e Omega 3, la valigia delle vacanze vip.
  34. La "rivoluzione" dei Loftcube.
  35. Le tendenze beachwear.

esecuzione in 0,343 sec.