Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  ITALIA Politica  :.  Uniti nell'Ulivo- L'Unione  :. Governo in crisi, Prodi chiede fiducia
sottocategorie di ITALIA Politica
 :. Politica nazionale
 :. Federalismo - Riforma elettorale.
 :. Sistema elettorale
 :. Debito pubblico - Legge finanziaria.
 :. Casa delle Libertà
 :. Partito della Libertà
 :. Uniti nell'Ulivo- L'Unione
 :. Partito Democratico
 :. Ppe
 :. Pensiero liberale
 :. Verso le Elezioni 2008
 :. PdL
 :. Verso la Terza Repubblica
 :. Scelta Civica con Monti per l'Italia




mercoledì
21
ottobre
2020
Sant'Orsola e compagne martiri



Governo in crisi, Prodi chiede fiducia

Ma l'Udeur non arretra: voteremo no

Romano Prodi non va al Quirinale, si presenta in Parlamento e chiede la fiducia delle Camere.
I numeri a Montecitorio sono dalla sua parte, al Senato, salvo sorprese, no.
Prodi è ottimista e pensa di farcela.

Il niet dell'Udeur
L’Udeur conferma voto contrario, ma il senatore del Campanile Tommaso Barbato annuncia che a Palazzo Madama Mastella «per le vicende che lo hanno investito non parteciperà al voto».
Il portavoce di Mastella annuncia, invece, il voto contrario dell’ex Guardasigilli.
L’Udeur al Senato conta tre seggi, compreso quello di Mastella.
Decisivi, come spesso accade, saranno il voto dei senatori a vita, le eventuali assenze, la posizione di diniani, Ud, Turigliatto e Rossi.

«Mastella non è stato lasciato solo»
Prodi, nel suo intervento in aula, ha elogiato Mastella:
«La sua relazione sulla giustizia è la posizione del Governo. Sulla scelta dell’Udeur ha influito la vicenda giudiziaria che ha investito Mastella sul piano personale e politico. Tutti i partiti della coalizione gli hanno espresso solidarietà e non lo hanno lasciato solo nè come politico nè come ministro nè come uomo».
Lo stesso Prodi ricorda a Mastella che l’Udeur firmò «per una alleanza destinata a durare per l’intero arco della legislatura».
Infine l’apertura:
«Se ci sono preoccupazioni di riforma elettorale, è bene che tutto ciò venga alla luce in Parlamento».
La prima conseguenza pratica è che tutte le riunioni di questa settimana della Commissione Affari costituzionali del Senato sono state sconvocate.

L'affondo del premier
Prodi non ha poi nascosto la sua amarezza per le modalità dell'annuncio di Mastella:
«In un Paese legato allo stato di diritto non sono le agenzie di stampa e neppure i dibattiti televisivi - ha sottolineato il premier tra gli applausi della maggioranza - che determinano le sorti di un governo. Siete voi, colleghi deputati, che dovrete decidere e assumervi pubblicamente e limpidamente le responsabilità per cui siete stati eletti. È nel Parlamento e solo nel Parlamento che si può decidere la sorte di un governo».
Il premier ha ppi rivendicato i meriti del suo operato:
«Questo Governo ha saputo far riacquistare credibilità all’estero. Abbiamo cominciato a fare pagare le tasse a chi non lo faceva. Il governo ha combattuto la precarietà. Ha saputo fare le liberalizzazioni e ha rimesso la casa al primo posto».

L'Udeur: «Voteremo no alla fiducia»
Intanto l'Udeur conferma la sua intenzione di abbandonare la maggioranza.
Il capogruppo dell’Udeur, Mauro Fabris, rispondendo ai giornalisti in Transatlantico che gli chiedevano se il suo partito proseguirà con la linea decisa ieri, è stato netto:
«Voteremo no alla fiducia», sia alla Camera che al Senato, «non vedo perchè dovremmo differenziare il voto tra oggi e domani».
Si andrà ad elezioni?
«Tocca al Capo dello Stato decidere», ma una cosa è sicura per l’Udeur non ci sono possibilità di dare vita a governi istituzionali: «Per fare cosa? - chiede ironicamente Fabris - Non c’è uno straccio di intesa per fare nulla, nemmeno la legge elettorale».
E intanto Di Pietro attacca frontalmente il partito di Mastella:
«Mastella, Fabris e altri esponenti dell’Udeur stanno facendo a gara nello spargere fango su di me e sull’Italia dei Valori».
«Io -assicura Di Pietro- mi impegno a non lasciare cadere nessuna calunnia da parte di questi signori e nei prossimi giorni preparerò la prima causa nei loro confronti. Nelle aule di tribunale i signori Mastella e Fabris dovranno provare le loro accuse».

Il voto alla Camera e in Senato
Anche Silvio Berlusconi accarezza l’Udeur:
«Probabilmente Casini e Mastella torneranno a stare insieme».
Divergono però i piani di Fi e Udc.
Berlusconi chiede le elezioni, chiude la porta a Veltroni ed annuncia che la lista del Popolo della Libertà correrà insieme «agli alleati che non vorranno confluire».
Pier Ferdinando Casini la pensa diversamente:
«Il tema del Governo di responsabilità nazionale è ineludibile»
.
Gianfranco Fini la pensa all’opposto di Casini:
«Non ci sono i margini per un Governo di responsabilità nazionale».

Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano segue costantemente l’evolversi della situazione politica e si è tenuto in contatto telefonico con palazzo Chigi.
Domani pomeriggio l’aula della Camera si esprimerà sulla fiducia.
Giovedì pomeriggio Prodi illustrerà la sua relazione nell’aula del Senato.


pubblicazione: 22/01/2008
aggiornamento: 23/01/2008

 14006

Categoria
 :.  ITALIA Politica
 :..  Uniti nell'Ulivo- L'Unione



visite totali: 1.641
visite oggi: 1
visite ieri: 2
media visite giorno: 0,35
[c]




 
Schede più visitate in Uniti nell'Ulivo- L'Unione

  1. Clemente Mastella : L'Ulivo ha scelto il suicidio.
  2. Prodi: "Io cerco di calmare il clima, ma Berlusconi parla di terrore".
  3. Prodi guadagna più di Sarkozy
  4. Bersani, l’ex chierichetto che ha fatto finta di privatizzare il Paese
  5. Tanta gente e ministri in piazza per i Dico
  6. Polemiche sulla leadership del Pd
  7. ROMANO PRODI
  8. Clemente Mastella dice addio all'Ulivo ?
  9. PRODI HA RASSEGNATO LE DIMISSIONI
  10. Rutelli: «Ulivo più al centro per vincere»
  11. La liberalizzazione di Bersani
  12. FED
  13. Prodi lancia l'Unione.
  14. Il professore e nu bello guaglione.
  15. La macchina della verità.
  16. Il martedì nero di Romano
  17. Intervista a Francesco Rutelli
  18. Nella Margherita il rischio scissione
  19. Barbera: De Rita centra il tema, i Ds parlino alla base
  20. La barca di D’Alema pagata a uno sportello della Lodi
  21. A chi parla la Quercia
  22. LA RETE OLTRE I PARTITI
  23. L’abbaglio democratico.
  24. Rutelli: sono addolorato.
  25. Fassino a che Italia si rivolge?
  26. La Margherita e Prodi. Strategia dei distinguo.
  27. Rosy Bindi: «Sono naturale, non brutta»
  28. PANE E CICORIA.
  29. Prodi: «Io duro perché faccio»
  30. Ruffolo: il blocco sociale? Nasce con il programma
  31. I leader evitino l' ego politico e parlino di speranza e sviluppo
  32. Chiamparino:«È ora di punire chi si droga»
  33. Professor Ottovolante
  34. Ricucire la sinistra.
  35. Rutelli accusa Prodi: dividi l' Ulivo

esecuzione in 0,093 sec.