Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  VARIE Piacenza  :.  CULTURA  :. Galleria Ricci Oddi : Vittorio Anelli al timone
sottocategorie di CULTURA
 :. Teatro




martedì
30
novembre
2021
Sant'Andrea apostolo



Galleria Ricci Oddi : Vittorio Anelli al timone

Volare alto, certo, perché la fase che si apre rappresenta un'opportunità per molti versi irripetibile. Nella consapevolezza, tuttavia, che nell'immediato tengono banco problemi molto contingenti, il fatto ad esempio che il servizio di pulizia lascia a desiderare e c'è da mettere mano alle modalità di gestione, che due dei tre custodi in organico andranno in pensione, che la perdurante assenza (per seri motivi personali) del direttore Stefano Fugazza non è priva di contraccolpi.

È con questi pensieri che Vittorio Anelli prende il timone della Ricci Oddi.

All'unanimità ieri mattina il consiglio di amministrazione della galleria d'arte moderna di via San Siro lo ha eletto presidente.
Su indicazione del Comune, da cui è stato designato così come Eugenio Gazzola, l'altro rappresentante di palazzo Mercanti insediatosi ieri nel cda.

«Abbiamo di fronte tutta una serie di normali problemi di gestione enfatizzati dall'assenza del direttore, ed è di questo che abbiamo parlato, rinviando alla prossima seduta le questioni di più ampio respiro sulla programmazione dell'attività».
Così Anelli subito dopo il cda.

Un'elezione preceduta da polemiche politiche nelle quali il neo presidente non intende più di tanto entrare, preferendo ragionare - seppur con riserva di approfondire meglio la situazione - del futuro della Ricci Oddi e di un rilancio dell'attività da tempo unanimemente auspicato ma rimasto sin qui lettera morta.

Che ora possa essere la volta buona è lecito pensarlo, secondo l'ex assessore alla cultura prima in Comune (giunta Vaciago: '94-98), poi in Provincia (2ª giunta Squeri: '99-2004):
«Il dato interessante è la volontà del Comune - che è scritta negli atti, non enunciata solo a parole - di intervenire a sostegno della Ricci Oddi» su un duplice fronte che consiste, da un lato, nel piano triennale di mostre che l'amministrazione intende come primo volano della galleria in grado di farle intercettare, insieme a un maggior numero di visitatori, un più robusto flusso di risorse soprattutto private; e, dall'altro lato, nel potenziamento della dotazione strutturale grazie all'ampliamento nell'adiacente palazzo ex Enel di via Santa Franca che la Fondazione di Piacenza e Vigevano metterà a disposizione (l'obiettivo è dal 2011) in comodato d'uso.

È l'aspetto strutturale che al presidente preme sottolineare:
«Quando si dice Ricci Oddi, si tende a pensare alle mostre, ma non dimentico che la galleria ha anzitutto bisogno di spazi. Per metterci servizi che mancano, quali biblioteche o i depositi che sono fondamentali». Fa degli esempi Anelli, come i molti stagisti che in questi anni il direttore Fugazza ha, «meritoriamente», fatto venire da Parma e che poi si sono trovati a lavorare in cinque sopra un unico tavolo; o come anche la mancanza di un ufficio per il presidente, «e per me che conto di essere un presidente presente stabilmente in galleria sarà bene forse rimediarne uno».
Ecco, allora, che il mai risolto dibattito se la Ricci Oddi sia una galleria solo di arte moderna o non anche di contemporanea merita di essere sviluppato, così come «la bellissima idea» di un grande spazio di documentazione sull'800, a patto però, osserva Anelli, che «prima si ponga la questione concreta degli spazi e delle risorse necessarie».

Priorità dunque sui problemi concreti, e tra questi c'è la pianta organica, oggi deficitaria.
Occorrono risorse però.
Il presidente conta che il Comune mantenga fede agli impegni presi.
A tale proposito anche la questione dello statuto e della natura giuridica della galleria non è ininfluente: stabilire che la fisionomia dell'ente è pubblica può garantire maggiore facilità di afflusso di fondi pubblici.
Anelli promette che non chiederà ulteriori pareri legali («Bastano quelli prodotti sin qui»); quanto a una modifica statutaria si dice disposto a ragionare, anche se «non mi sembra il problema decisivo».

Sono semmai le risorse un problema decisivo, si diceva.
Dei soggetti rappresentati in cda solo il Comune è chiamato a finanziare la galleria, gli altri no, «ma allo stesso tempo nemmeno chi sta fuori è impedito di dare». L'importante, ribadisce il presidente, è riuscire a «creare le condizioni» di rilancio che la Fondazione chiede per ristrutturare e metterci a disposizione il palazzo ex Enel, così da non perdere le «opportunità» di sviluppo che in questa fase per la prima volta la Ricci Oddi ha davanti.
Gustavo Roccella, Libertà del 14 dicembre 2008


«Nomina politica? Ho le carte in regola»
Replica al centrodestra. «Sarò in galleria stabilmente. Gratis va bene, ma è morale?»

(gu.ro.) Vittorio Anelli presidente, Eugenio Gazzola consigliere.
I due rappresentanti del Comune si sono insediati ieri nel cda della galleria Ricci Oddi subentrando ai dimissionari Carlo Brunetti (presidente) e Davide Gasparotto.
Insediamento ieri anche per Alessandro Casali che va a ricoprire il seggio spettante alla famiglia del fondatore, lasciato vuoto da Francesco Ricci Oddi, di recente scomparso, mentre Leonardo Bragalini, espresso dalla Fondazione, è stato eletto vicepresidente.
Si è così ricostituito il plenum dell'organo di vertice di via San Siro di cui fanno parte anche Giuseppe Molinari (nominato dalla prefettura), Corrado Sforza Fogliani (Accademia di San Luca), Luigi Rizzi (Amici dell'arte).
Questi ultimi - con Brunetti, Gasparotto e Bragalini - si erano insediati nel 2005 e, avendo l'incarico durata quinquennale (fa eccezione il mandato dell'esponente della famiglia Ricci Oddi che è a vita), scadono nel 2010.
Così dice lo statuto della galleria, anche se nella nomina di Anelli e Gazzola a cui ieri si è dato corso si parla di decadenza dell'incarico alla scadenza dell'amministrazione comunale (2012).
L'iter di avvicendamento è stata oggetto di polemica.
Il centrodestra ha parlato di illegittimità giuridiche, ma ha anche attaccato nomine definite di natura tutta politica (sia Anelli sia Gazzola sono del Pd).
L'assessore alla cultura Paolo Dosi ha replicato sottolineando la qualità dei curriculum individuati e la rispondenza alle aspettative della giunta per la Ricci Oddi.
«Un'amministrazione ha diritto di fare le nomine come crede», ha osservato ieri Anelli sulla critica politica («Quella di legittimità non mi interessa, dico solo che se la galleria potrà semplificare le procedure di nomina sarà un bene»): «Penso di essere stato scelto sulla base del curriculum dove ho documentato la mia attività amministrativa da assessore alla cultura in Comune e in Provincia. È stato detto che Piacenza poteva mettere in campo qualcosa di meglio: non ho obiezioni di principio, il giorno in cui Giorgio Armani si facesse avanti sarei pronto a farmi da parte, ma sin qui non è avvenuto».
Altro tema di cui si è discusso sono i compensi del consiglio.
Oggi le cariche, presidenza compresa, sono gratuite.
Sarà ancora così?
«Non credo sia difficile trovare soggetti disponibili a fare gratuitamente parte di un cda e a me va bene», annota Anelli.
Tuttavia «dovrò essere un presidente presente e l'esistenza di cariche non remunerate credo che non sia morale», specie se ciò capitasse solo alla Ricci Oddi («Non vedo perché debba costituire l'unica eccezione»).
«Non è comunque un problema che si porrà con questo consiglio che ha altri compiti davanti a sé».






pubblicazione: 14/12/2008
aggiornamento: 03/01/2009

anelli vittorio 14948
anelli vittorio

Categoria
 :.  VARIE Piacenza
 :..  CULTURA



visite totali: 3.519
visite oggi: 1
visite ieri: 0
media visite giorno: 0,74
[c]




 
Schede più visitate in CULTURA

  1. Piacenza sede dell'Orchestra Giovanile "Cherubini"
  2. Baratta: che rimanevo a fare?
  3. La "Cherubini" con Muti trionfa in Senato
  4. «Piacenza è la collocazione ideale»
  5. «Ecco perché ho fatto l'esposto»
  6. CAROVANE 2005. Le città invisibili .
  7. La Toscanini arricchirà Piacenza
  8. Al Municipale Verdi è sempre più re.
  9. Comune-Toscanini, legami più forti
  10. Prosa, la stagione “spopola” in commissione
  11. Carovane ha dato nuovo respiro alla città
  12. E' nata la Fondazione Cherubini.
  13. Fondazione Toscanini, cambia la musica
  14. Gara per la prosa, blitz dell'Unione europea
  15. Gaspare Landi
  16. Caso Manu Chao, il rumeno caduto chiederà i danni?
  17. Teatro, pronto il bando di gara europeo
  18. Alla Cavallerizza un teatro per la prosa
  19. Reggi ottimista: «Muti entusiasta di Piacenza»
  20. Galleria Ricci Oddi : Vittorio Anelli al timone
  21. Fondazione Toscanini, la Filarmonica si stacca
  22. Il bando nel mirino Ue, il patron di Teatro Gioco Vita valuta la proposta del Comune
  23. Mostra conclusa “Inquiete Stelle”, affluenza bassa
  24. Teatro, Roi promette: la Toscanini sarà più presente in città
  25. Nominato il Cda della Fondazione Cherubini.
  26. «Municipale, una stagione d'oro»
  27. Massimo Gambardella nel Cda della Toscanini.
  28. Teatro, via ai cartelloni anche se a credito.
  29. Nuovo Cda per la Galleria Ricci Oddi.
  30. Riccardo Muti stregato da Piacenza.
  31. Arriva Muti, scettica Rifondazione
  32. Una fondazione per il Municipale.
  33. Teatro Municipale - Parte la nuova stagione musicale.
  34. Ecco i contributi della Fondazione all'Orchestra Toscanini dal 2001 ad oggi
  35. Lirica: Baratta cerca fondi, Calciati ottimista.

esecuzione in 0,109 sec.