Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  ECONOMIA Piacenza  :.  Milano Expo 2015  :. Expo Milano 2015, giorni decisivi per Piacenza
sottocategorie di ECONOMIA Piacenza
 :. Patto per Piacenza
 :. Marketing territoriale
 :. Fondazione
 :. Camera Commercio
 :. PcExpo
 :. Industria
 :. Meccanotronica
 :. Tecnopolo
 :. Estero
 :. Polo Logistico
 :. Agricoltura
 :. Authority Alimentare
 :. Artigianato
 :. Commercio
 :. Centro storico
 :. TESA-NewCo-ENIA-IREN
 :. Tempi spa - SETA
 :. Pendolarismo
 :. Polo militare
 :. Cooperazione
 :. Milano Expo 2015




giovedì
25
febbraio
2021
San Tarasio



Expo Milano 2015, giorni decisivi per Piacenza

L'occasione da "una volta al secolo" è qui.
A poco più di cento giorni di distanza temporale.

Piacenza si prepara al rush finale verso Expo 2015, sono momenti decisivi per la realizzazione della Piazzetta e per la scelta definitiva dei progetti turistici sulla base di una prima cernita già effettuata.

Insieme a Silvio Ferrari, manager di Cargill e dall'ottobre 2013 grande timoniere dell'Ats (associazione temporanea di scopo) di Piacenza per Expo 2015, facciamo il punto sull'avventura milanese.

Presidente Ferrari, come vanno i preparativi piacentini?
«Siamo in una fase molto delicata, molto critica, a febbraio si deve partire con la costruzione della nostra Piazzetta. La metafora della "Grande Zolla" è piaciuta molto, nessuno ha sollevato obiezioni, esprime un concetto di laboriosità. Ho voluto una Piazzetta non solo attrattiva, ma un po' esclusiva in mezzo alle altre. Siamo gli unici ad aver concepito un luogo per le aziende, per chi opera, produce, crea ricchezza e dà impiego, per i veri protagonisti. Bella la cultura, bella l'arte, ma al centro c'è la produttività, l'innovazione e la tradizione di Piacenza. Il concetto del "fare". Poi c'è la carta dei valori, otto, che si ripeteranno tre volte nei sei mesi. Il tutto è molto più impegnativo di un'esposizione fieristica».

Le aziende disposte a venire aumentano? E come staranno lì dentro?
«Siamo a quarantadue aziende e tre interessate. Ne avremo certamente altre per le cinquantaquattro settimane. Ogni settimana due aziende ci accompagneranno, una presenza operosa. Avranno due postazioni, un desk di ricevimento, dietro c'è la saletta chiusa per incontri, affari, per esporre i prodotti, salumi e vini, un ambiente di intrattenimento anche visivo. C'è la dimensione istituzionale come in tutte le Expo e c'è il racconto del valore di una certa azienda. Se poi si vuole assaggiare il prodotto, si fa nell'area privata, in una logica più commerciale».

E' stato accolto il progetto definitivo della Piazzetta con ascensore e giardinetto in sommità?
«L'ascensore ci porterebbe alla terrazza, al "mirador", per offrire una visione dall'alto, per prendere un aperitivo e intrattenere il cliente. La commissione di valutazione di Milano non ha posto veti, ma ci sono scavi da fare, si valutano i limiti tecnici. Lunedì incontrerò una serie di potenziali fornitori. E' come costruire una casa, qualcuno deve dirigere i lavori, occorre l'elettricista, l'idraulico. I fornitori saranno sette o otto. Siamo abbastanza avanti, ma tutti gli accordi si devono chiudere nel giro di dieci giorni. Restano febbraio e marzo per costruire, poi si dovrà montare la Piazzetta a Milano entro aprile. I fornitori cercheranno di aiutarci in un'ottica non di lucro, ma per poter dire di aver contribuito. Far partire il cantiere "Piazzetta" permetterà di concentrarci poi sulla città e sui progetti di valorizzazione da mettere nel palinsesto».

Il costo di 200 mila euro come si copre?
«Abbiamo fondi dell'Ats e la copertura dovuta agli spazi acquistati dalle aziende. Non si fa tutto solo per i sei mesi di Expo da maggio a ottobre. Costruire la Piazzetta in un certo modo significa essere lungimiranti, poterla rimontare. Si potrebbe lanciare un referendum fra i cittadini sul posto dove ricollocarla in città. Oggi è Casa Piacenza, domani sarà il monumento a ricordo di un Expo che farà storia».

C'è chi ha fatto notare che esiste però una Piazzetta Emilia Romagna dove si può accedere gratuitamente.
«E' molto diversa. La Piazzetta Emilia Romagna c'è per gli ultimi tre mesi, da agosto, e lì andranno associazioni e non singole imprese. Noi abbiamo fatto la scelta di mettere al centro l'impresa. Comunque siamo in contatto da sempre con la Regione Emilia Romagna e in piena sintonia, faremo iniziative insieme. Ma da noi si potrà vendere, là no».

Il budget generale sui progetti fuori-Expo si è asciugato per effetto della crisi.
«Riusciamo a mantenere una massa critica sui progetti di 600/700 mila euro, non è male. Si cerca di distribuire le risorse valorizzando prima la Piazzetta, nostra vetrina, dopo il fuori-Expo. Abbiamo quattro mesi di fuoco, ci sono questioni aperte, ad esempio i trasporti, ma, come diceva Orazio Coclite, uno alla volta».

Mancano certezze sul treno veloce.
«Ci proveremo fino all'ultimo, ci sono interessi diversi tra due regioni gestite anche politicamente in modo diverso. Non dispero e per un piccolo miglioramento non ci vuole poi molto. Aspettiamo ad alzare bandiera bianca, ora c'è una nuova governance più attenta in Regione Emilia Romagna».
Patrizia Soffientini
LIBERTA' 11/01/2015


Una pietra miliare è la piattaforma web Experience Piacenza, che verrà presentata giovedì 15 gennaio (ore 11) alla Fondazione di Piacenza e Vigevano di via Sant'Eufemia 12/13.
La piattaforma riunisce l'offerta turistica e business della provincia in vista di Expo 2015.
Servirà a stranieri e a italiani per connettersi e conoscere le opportunità locali.
Dopo i saluti di benvenuto di Massimo Toscani, presidente della Fondazione, il direttore di Libertà, Gaetano Rizzuto modererà l'incontro con Silvio Ferrari, presidente Ats, Ruben Sacerdoti, responsabile dell'internazionalizzazione delle imprese della Regione Emilia Romagna ed Elisabetta Virtuani (Bloomet).
Ecco come la vede Ferrari.
A chi esprime apprensione su Expo, cosa obietta presidente? Per esempio gli albergatori non vedono ancora prenotazioni.
«Pensiamo a che punto stiamo: in una situazione estremamente debole come meta turistica. Non abbiamo brillato. Con il nuovo portale Experience Piacenza copriamo un gap che vale non solo per sei mesi ma molto più a lungo. Experience rimane e farà promozione turistica, offrirà "pacchetti" sul nostro territorio. Carenze e debolezze non vengono risolte con un colpo di spugna. Bisogna avere una visione».
Ci sono progetti che hanno affascinato, ma non c'è stato modo di dar loro corpo, come il film sulle acque della Valtrebbia da affidare a Marco Bellocchio.
«Sul film ho cercato più volte di trovare le risorse necessarie per sostenere un cortometraggio d'autore. Uno sponsor c'era ma non poteva assorbire tutto. La possibilità resta ma è molto difficile, a meno che non si trovi una fonte che possa crederci, chi ha già manifestato interesse non si tirerebbe indietro».
Il compito di Ats prosegue o è arrivato al suo compimento e ora devono agire le istituzioni?
«Non è concluso, saremo coinvolti sino a ottobre. Il cantiere resta aperto e attivo».
Piacenza è un po' un unicum o altri territori hanno fatto come noi?
«Abbiamo un vantaggio competitivo, territori intorno a noi non hanno sviluppato altrettanto e al di là dell'area naturale di Milano non ci sono grandi movimenti. L'effetto-Expo doveva farsi sentire molto di più nel Paese. Non è facile operare e gestire pubblico e privato. Ma sono soddisfatto, vista la complessità da affrontare, se non avessimo agito non saremmo andati da nessuna parte e se tutte le province del Paese avessero fatto altrettanto, oggi Expo sarebbe più espressivo del territorio. Non avendo creato questo feeling, è chiaro che un albergatore si chieda che beneficio ne avrà. Ci si deve abituare non solo a chiedere però, ma anche a chiedersi quale contributo si sta dando. E mettersi in una posizione positiva è già un contributo, se no si genera un ambiente depressivo, senza stimoli. Non tornerà l'Expo nei prossimi cento anni. Di questo processo culturale, di questa sfida credo che qualcosa rimarrà. A Piacenza abbiamo dimostrato, nonostante le difficoltà, che si può fare sistema. E poi in tanti si stanno impegnando, cercano di portare le loro passioni e i loro valori per un'opportunità che non si replicherà».




pubblicazione: 11/01/2015
aggiornamento: 13/01/2015

Categoria
 :.  ECONOMIA Piacenza
 :..  Milano Expo 2015



visite totali: 710
visite oggi: 1
visite ieri: 0
media visite giorno: 0,31
[c]




 
Schede più visitate in Milano Expo 2015

  1. Piacenza si gusterà alla Cavallerizza
  2. Expo 2015, c'è il tavolo di comando
  3. Expo 2015: ruolo centrale per l'Università
  4. Trenord: Piacenza salirà sui binari di Expo ?
  5. Riflessioni sull’Expo 2015 a Milano
  6. Milano Expo, Piacenza partner privilegiato
  7. Expo 2015, è ultimatum sulle risorse
  8. Squinzi sull'Expo: Piacenza dovrà essere in prima linea
  9. Expo, intesa Lombardia-Emilia
  10. Expo 2015, Piacenza nel salotto buono
  11. Expo 2015, c'è il gestore (e 2 milioni di euro)
  12. Piacenza al tavolo di Expo 2015: lunedì la firma
  13. "Treni per Expo? Serviva alta velocità, ma non ci hanno ascoltato" -
  14. Expo, sigla bis tra Reggi e Moratti
  15. Litigi e ritardi, l'Expo di Milano rischia il flop
  16. Sconti Ici alle nuove imprese
  17. Dalla Faggiola la "calamita" per l'Expo
  18. Piacenza a Milano Expo 2015
  19. A Piacenza il "timone" turistico per l'Expo
  20. Nasce la cordata piacentina per Expo 2015
  21. A Expo 2015 "Welcome Piacenza"
  22. Piazzetta a Milano Expo, vince la grande zolla
  23. Ricci Oddi e la sfida Expo
  24. Putzu (FI): il personale comunale sarà presente in Piazzetta Piacenza a Mi Expo ?
  25. Ecco i progetti di Piacenza per Milano Expo 2015
  26. Piacenza Expo in vista di Milano Expo 2015
  27. Parte ufficialmente per Piacenza "Expo 2015": inaugurata la zolla.
  28. Piazzetta Piacenza a Milano Expo 2015
  29. Piacenza "compra" Padiglione Italia
  30. Scarso ritorno finora per Piacenza da Milano Expo 2015
  31. Effetto MIExpo a Piacenza. Alberghi ancora vuoti....
  32. Milano Expo 2015, il parere di Oscar Farinetti
  33. Milano Expo 2015 : Diana Bracco a Piacenzza
  34. Treni per Expo, risposte entro settembre ?
  35. «Expo, qui la "casa" del Giappone»

esecuzione in 0,101 sec.