Buona Mmusica BWA Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica Buona Mmusica
Filiberto Putzu :. Home :.  ECONOMIA Piacenza  :.  Patto per Piacenza  :. Entro l'anno dieci progetti-bandiera
sottocategorie di ECONOMIA Piacenza
 :. Patto per Piacenza
 :. Marketing territoriale
 :. Fondazione
 :. Camera Commercio
 :. PcExpo
 :. Industria
 :. Meccanotronica
 :. Tecnopolo
 :. Estero
 :. Polo Logistico
 :. Agricoltura
 :. Authority Alimentare
 :. Artigianato
 :. Commercio
 :. Centro storico
 :. TESA-NewCo-ENIA-IREN
 :. Tempi spa - SETA
 :. Pendolarismo
 :. Polo militare
 :. Cooperazione
 :. Milano Expo 2015




martedì
5
luglio
2022
Sant'Antonio Maria Zaccaria



Entro l'anno dieci progetti-bandiera

Ieri a Palazzo Gotico la prima riunione del Comitato Strategico rinnovato dopo gli Stati Generali

Competitività e sostenibilità sono state le parole chiave che hanno accompagnato i lavori degli Stati generali di giugno.

Le stesse parole sono state ribadite ieri pomeriggio dal presidente della Provincia, Gianluigi Boiardi, che a Palazzo Gotico ha aperto il primo incontro del Comitato strategico del nuovo "Patto per Piacenza".

Quella "cabina di regia", insediatosi ufficialmente ieri, che da qui a dicembre selezionerà dieci progetti bandiera da realizzare entro il 2020 e caratterizzanti il nostro territorio.
Nel frattempo verranno definiti indicatori e criteri di scelta.
Accanto a Boiardi, al sindaco Roberto Reggi e al presidente della Camera di Commercio, Giuseppe Parenti (gli enti promotori) erano presenti 25 componenti del Comitato in rappresentanza delle forze sociali ed economiche locali.
«Il Comitato - ha detto Boiardi - utilizzerà un metodo progressivo e interattivo per mantenere una stabilità di lavoro anche negli anni a venire».

Per il sindaco i progetti «rispondono a due condizioni: l'ambizione ma anche la possibilità di essere realizzati in tempi brevi».

E, intanto, ci sono buone notizie per l'hospice, progetto individuato con il primo Patto per Piacenza «scelto il terreno, la prossima settimana verrà siglato il protocollo d'intesa».

Deve avere «gambe e forza», secondo il presidente della Provincia, il Comitato strategico.
«Bisogna individuare percorsi e traiettorie condivise per mantenere stabilità al lavoro svolto fino a ora anche in futuro» e individuare progetti all'insegna «della competitività e della sostenibilità».

«Veniamo dagli Stati Generali - ha sostenuto il sindaco Reggi - che hanno visto una grande partecipazione anche dei giovani: le loro critiche hanno dato il via a una discussione molto stimolante. Le proposte, nell'ambito dei sette assi strategici, - ha continuato - dovevano essere sì ambiziose ma anche realistiche in vista della loro realizzazione in tempi brevi. Ora i progetti sono arrivati e dipenderà da noi, dal Comitato strategico, individuare i progetti bandiera che potranno disegnare lo sviluppo del nostro territorio nei prossimi anni.
Il nostro primo impegno - ha continuato Reggi - sarà quello di verificare che i progetti rispondano alle caratteristiche richieste ma anche individuare indicatori di riferimento per valutarli al meglio rendendoli più facilmente "misurabili".
E per evitare di disperdere energie dovremo concentrarci su un numero limitato di progetti. Molti, del resto, potranno essere accorpati secondo filoni comuni».

Una tabella di marcia che porterà entro il prossimo mese di dicembre a individuare una decina di progetti bandiera.

Quale ruolo debba avere il Comitato strategico, in special modo nel rapporto con le istituzioni, è la domanda che si è posto nel corso dell'incontro, Sandro Busca, segretario cittadino della Cisl.
«Non un super governo - ha detto - ma nemmeno un luogo del filosofeggiare. Fatico a comprendere come le cose che discutiamo qua possano in qualche modo essere patrimonio e vincolo per le istituzioni locali e per le loro realtà. Occorre - ha sostenuto Busca - un sistema di regole chiaro, una cabina di regia politica ma anche una struttura permanente che si preoccupi dei rapporti esterni, per avere la capacità di durare nonostante il cambio delle istituzioni».
Altro aspetto cruciale del Piano, per Busca «è capire se banche e fondazioni possono accompagnare il percorso con il sostegno delle risorse».

Per Giovanni Ambroggi, segretario Cna, «è difficile poter pensare a una struttura più incisiva rispetto a quella attuale. L'importante da parte nostra è avere priorità condivise. Altro nodo, più che le istituzioni, potrebbero per esempio essere i soggetti privati».

Anche per Fabrizio Binelli, Legambiente «il punto forte del Comitato deve essere la condivisione di una visione del territorio. Individuata questa, i progetti bandiera altro non servono che a rendere concreta quella visione. Non credo che si possa imporre niente a nessuno, tanto meno alle istituzioni elette in base a un preciso programma. Il problema semmai è che fatico a vedere una condivisione totale nel documento sia nel rapporto ambiente-economia che solidarietà-economia».

Per Gianni Coppelli, segretario della Cgil di Piacenza sarebbe invece opportuno «che le selezioni fossero affidate a esperti esterni e non collegabili al Comitato strategico, per evitare le polemiche che seguirono le scelte del 2000».

E per Angela Cordani, Federconsumatori «sarebbe stato meglio individuare criteri e parametri prima della presentazione dei progetti». Non una risposta agli interventi ma una riflessione di Reggi ha concluso il primo incontro del Comitato strategico: «Non credo ci sia la possibilità di obbligare gli enti in maniera assoluta - ha detto - certo questa è un'importante base di riferimento. Non riesco a immaginare un percorso diverso, sono però convinto che questo tavolo sia largo e rappresentativo a garanzia che quanto deciso possa trovare applicazione».

Anche per Giuseppe Parenti «bisogna puntare su progetti che siano largamente condivisi. Questo ne rende più facile l'adozione».
Il Comitato strategico è pronto a partire.


pubblicazione: 08/07/2006
aggiornamento: 12/07/2006

 10324

Categoria
 :.  ECONOMIA Piacenza
 :..  Patto per Piacenza



visite totali: 1.925
visite oggi: 1
visite ieri: 1
media visite giorno: 0,32
[c]




 
Schede più visitate in Patto per Piacenza

  1. «Più benessere per una elevata qualità della vita»
  2. Sì ai progetti che lasciano un segno
  3. Piano strategico : 4 leve per Piacenza.
  4. Così il Patto può risolvere i problemi
  5. Sì, a Piacenza ci vuole un'altra scossa
  6. E da oggi parte la fase tre: l'attuazione.
  7. Rizzi: non ci sta nessuno a fare l'“inutile” idiota…
  8. Piano strategico, ecco gli otto gruppi di lavoro
  9. Piacenza, laboratorio per vivere bene
  10. Piano strategico, i “distinguo” del centrodestra
  11. Reggi: il “Patto” deve concentrarsi su pochi progetti
  12. Giovani, meno sognatori dei padri
  13. Qualità, la parola chiave del 2020.
  14. Non solo camion e magazzini ma centri direzionali qualificati.
  15. Niente auto in centro e tanto verde
  16. Patto, Augusto Rizzi esce di scena.
  17. Piacenza Holding, decollo faticoso
  18. PATTO PER PIACENZA
  19. La Camera di Commercio aderisce al “Patto-bis”
  20. MORTO UN "PATTO" SE NE FA UN ALTRO
  21. Il Piano strategico si rafforza
  22. Il Piano per Piacenza batte cassa.
  23. Un piano strategico per far crescere Piacenza.
  24. Il Patto per Piacenza riparte di slancio
  25. Coesione sociale per diventare vincenti
  26. Vigileremo sul Patto per Piacenza.
  27. Abbiamo sprecato un'occasione.
  28. Il nuovo Patto per Piacenza.
  29. «I talenti investiti nello sviluppo locale»
  30. Piacenza, terra del ferro e del sole
  31. Combattiamo il declino del territorio.
  32. Patto per Piacenza. Ieri prima riunione del Comitato strategico.
  33. Un centro di ricerca universitario per la sicurezza dei prodotti tipici.
  34. Il Piano strategico adesso ha fretta
  35. Oggi Piacenza firma il suo futuro.

esecuzione in 0,093 sec.